Uno sguardo al futuro del settore dell’automotive

Pubblicato il 23 novembre 2023

Le auto connesse (connected car) possono essere definite come delle vetture in grado di comunicare con altri oggetti e di permettere al proprietario di controllare e gestire da remoto alcune funzioni. Oltre a consentire agli automobilisti di accedere, generalmente tramite il proprio smartphone, a informazioni relative allo stato dell’auto, alla sua localizzazione e ai dati tecnici, sono anche capaci di avvertire i servizi di emergenza in caso di incidente, contattare l’officina per un guasto o avvertire il gommista se si fora una gomma.

Le tre aree d’azione dell’ecosistema delle connected car

La prima è la guida automatizzata, all’interno della quale esistono sei livelli:

  • vanno dallo 0 (L0), che descrive un veicolo interamente controllato manualmente,
  • fino a L5, che ne raffigura uno completamente automatizzato che non richiede alcun impegno da parte del conducente.
  • Invece, L4-L5 esistono ma sono utilizzati in maniera controllata e non sono disponibili all’acquisto da parte degli utenti della strada.
  • Robotaxi e camion robot sono esempi di veicoli L4-L5, che richiedono sistemi informatici estremamente affidabili, a prestazioni edefficienza energetica elevate.
  • Diverse innovazioni sono in corso in L2-L3, ossia veicoli che richiedono che il conducente mantenga sempre il controllo, ma che al loro interno integrano funzioni automatizzate come il rilevamento dei punti ciechi (BSD), controllo adattivo della velocità di crociera (ACC) e il mantenimento della corsia (LKA).

Secondo step: gli ADAS

Quest’ultimo aspetto ci conduce alla seconda area d’azione delle auto connesse, ovvero i sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADAS).

Sempre più veicoli sono dotati di ADAS per aumentare la sicurezza dei conducenti e degli altri utenti della strada, utilizzando le informazioni raccolte dai sensori presenti sul veicolo per avvisare i guidatori di potenziali pericoli, aiutare nel parcheggio e negli ingorghi e perfino sostituire il conducente per evitare collisioni. Tutto ciò è possibile grazie a tecnologie come quelle presenti nelle telecamere più evolute, sensori di immagine basati su radar e i sensori LiDAR (Light Detection and Ranging).

Le auto connesse influenzano anche l’esperienza a bordo

L’aumento della connettività determina miglioramenti nell’infotainment, nei sistemi di monitoraggio del conducente (DMS), in quelli di monitoraggio in cabina (ICMS) per i passeggeri e nelle informazioni per il conducente. Chi guida può incorrere in molte distrazioni sulla strada, stancarsi o perdere la concentrazione, per cui alcune funzioni sono davvero in grado di salvare vite umane.

Inoltre, la condivisione di informazioni come navigazione, manutenzione del veicolo e aggiornamenti sul traffico in tempo reale in modo intuitivo e continuo può migliorare l’esperienza del guidatore e aumentare la sicurezza. Inoltre, i sistemi di intrattenimento più sofisticati sono sempre più richiesti, sia che si tratti di film in streaming ed eventi dal vivo che di giochi online.

Le sfide per l’ADAS

L’aspetto più importante e la sfida più grande del settore è l’implementazione di funzioni di guida automatizzata e ADAS, garantendo allo stesso tempo la sicurezza di conducente e passeggeri.

Tutte le parti interessate, dai produttori ai fornitori, nonché gli utenti dei veicoli stradali e commerciali, si aspettano il massimo livello di sicurezza e affidabilità nelle vetture con sistemi autonomi.

Le sfide tecniche da considerare sono molte, come la disponibilità di banda, efficienza energetica, prestazioni dei sensori e affidabilità. I test e le certificazioni di sicurezza devono essere rigorosi per garantire che i sistemi non si guastino, abbiano una connettività e un’alimentazione adeguate in ogni momento e siano sicuri contro gli eventuali attacchi informatici.

L’elaborazione adattiva è una componente critica della progettazione automobilistica e della sicurezza delle funzioni di guida automatizzata e degli ADAS, con la rapida evoluzione degli standard.

L’hardware adattivo, basato su Field Programmable Gate Array (FPGA), è così chiamato per la sua natura programmabile sul campo. Mentre le CPU e le GPU non possono essere riprogrammate o modificate a livello hardware dopo l’installazione, gli FPGA possono farlo.

Ciò significa che i dispositivi basati su di esso sono altamente flessibili in termini di funzioni e possono essere programmati e riprogrammati ripetutamente per evolvere con l’ambiente circostante. Come le GPU, anche le FPGA supportano l’elaborazione in parallelo, ovvero calcolano i compiti simultaneamente anziché in sequenza come fa una CPU. Il vantaggio dell’elaborazione in parallelo non è solo quello di essere più veloce, ma anche di consumare meno energia.

Data Aggregation through Processing and Distribution (DAPD)

I veicoli con capacità di automazione evolute richiedono un silicio adattivo a bassa latenza, basso consumo e alta affidabilità per elaborare, distribuire e aggregare i dati dei sensori. Chiamiamo questo concetto Data Aggregation through Processing and Distribution (DAPD).

In altre parole, esso descrive il processo con cui i sensori raccolgono informazioni, come ad esempio un pericolo in arrivo, e le comunicano alla sede centrale informatica del veicolo, che decide quale azione intraprendere e informa la funzione di guida pertinente, ad esempio un sistema di frenata di emergenza. Ogni ingranaggio di questa macchina deve essere completamente reattivo e deve elaborare e distribuire le informazioni in millisecondi per garantire la massima sicurezza.

Ciò significa che la tecnologia all’interno dei sistemi automobilistici deve essere conforme ai requisiti di sicurezza funzionale, come le specifiche di test AEC-Q100 e le certificazioni ISO262262 ASIL.

Test AEC-Q100 e certificazioni ISO262262 ASIL

Il primo è uno standard industriale che definisce i requisiti per i prodotti elettronici destinati alle applicazioni automobilistiche.

Il secondo è uno standard internazionale di sicurezza funzionale per i veicoli stradali definito dall’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO).

Esistono quattro livelli di certificazione ISO262262 ASIL, con ASIL A che rappresenta il grado più basso e ASIL D quello più alto di pericolosità per il settore automobilistico. AMD ha sviluppato una gamma di prodotti di livello automobilistico, la serie AMD XA che sono qualificati secondo le specifiche di test AEC-Q100 con certificazione completa ISO262262 ASIL di livello C, rendendoli conformi agli standard di sicurezza funzionale appropriati per supportare gli ADAS.

Dati i diversi requisiti dei veicoli automatizzati e degli ADAS, gli OEM del settore automobilistico e i fornitori di T1 hanno bisogno di soluzioni di elaborazione che coprano l’intero spettro di silicio: CPU, GPU, FPGA, SoC adattivi e SmartNIC. AMD copre tutte le basi con le sue architetture di prodotto multi-generazione, in una posizione unica per offrire intelligenza e funzionalità adattive nelle applicazioni automobilistiche. Questa architettura offre sottosistemi di calcolo scalari, grafici, AI e logici programmabili dedicati, consentendo di progettare sistemi flessibili e adattabili che si aggiornano per tutta la durata del veicolo.

L’utilizzo dell’AI

Con l’evoluzione del mercato automobilistico verso una guida altamente automatizzata e completamente autonoma, i veicoli faranno sempre più affidamento su sensori avanzati e controllori di dominio dotati di Machine Learning per introdurre l’AI.

Le prestazioni di elaborazione e le architetture di calcolo eterogenee saranno fondamentali per il processo decisionale in tempo reale guidato dall’intelligenza artificiale e per una maggiore autonomia del veicolo.

I dispositivi logici programmabili (PLC) come gli FPGA svolgeranno un ruolo centrale per l’elaborazione adattiva e l’intelligenza a bordo dei veicoli. La domanda complessiva di elaborazione, grafica e calcolo adattivo ad alte prestazioni per l’infotainment e gli ADAS di prossima generazione è destinata a salire alle stelle nei prossimi anni.

Cosa ci attende

Nell’immediato futuro, le previsioni vedono un aumento delle prestazioni di 2 volte ogni due o tre anni per il solo infotainment, tra CPU, GPU e display grafici. Per soddisfare questi crescenti requisiti sarà necessario ampliare lo spazio di elaborazione disponibile per accogliere i carichi di lavoro aggiuntivi distribuiti al veicolo durante il suo ciclo di vita, utilizzando concetti di aggiornamento over-the-air (OTA).

L’aggiornamento OTA è il processo di aggiornamento, patch o upgrade dei sistemi embedded tramite una rete wireless. I servizi OTA devono permettere di aggiornare il software e l’hardware sul campo, consentendo l’implementazione di funzionalità e algoritmi nuovi e innovativi in modo remoto e sicuro per progetti pronti al futuro. Al centro di queste sfide di progettazione embedded in continua evoluzione, dall’infotainment all’ADAS, le prestazioni elevate e l’adattabilità sono le chiavi per sbloccare l’innovazione automobilistica del futuro.

Infine, l’uso sempre più frequente dell’intelligenza artificiale a livello “Edge”, ad esempio nel sensore in cui vengono raccolti i dati, può ridurre la quantità di dati distribuiti all’interno dell’auto e oltre. La serie AMD Versal™ AI Edge combina l’elaborazione adattiva con gli acceleratori AI per offrire una nuova generazione di sensori avanzati per le applicazioni ADAS.

Fonte foto Pixabay_blambasa

A cura di Wayne Lyons, Marketing Director, Automotive, AMD



Contenuti correlati

  • Sono ufficialmente aperte le candidature per l’Altair Enlighten Award 2024

    Altair, attivo a livello mondiale nella computational intelligence, ha ufficialmente aperto le candidature per l’Altair Enlighten Award 2024. Presentato ogni anno in collaborazione con il Center for Automotive Research (CAR), il contest premia i più importanti progressi...

  • Digitalizzazione e sostenibilità

    Parliamo di fonderie di alluminio che operano nel settore automobilistico producendo parti per il motore endotermico. La start up innovativa di questo mese è High Performance Die Casting, e sua fondatrice e CEO è Tiziana Tronci, membro...

  • Reti per il mondo dei trasporti

    Sistemi e dispositivi dotati di tecnologie ‘smart’ hanno di fatto soppiantato l’utilizzo di sistemi e reti tradizionali nel settore dei trasporti. Vediamo il caso dei tre ambiti automotive, ferroviario e aerospace La rapida evoluzione della tecnologia, unitamente...

  • TSN ridefinisce la connettività industriale

    Le soluzioni CC-Link IE RSN, implementate in svariati settori industriali in tutto il mondo, migliorano la produttività e competitività degli impianti Nel panorama dinamico di Industria 4.0 una nuova interconnettività sta investendo e trasformando il mondo produttivo:...

  • MadeInAdd offre all’automotive competenze e servizi con una marcia in più

    L’automotive è tra i settori più esigenti del manifatturiero, poiché implica grandi lotti, alta qualità e aggiornamento costante dei prodotti, in particolare con l’elettrificazione dei veicoli. In questo contesto l’additive manufacturing si pone come soluzione a molteplici...

  • Landi Renzo lancia il nuovo regolatore di pressione meccatronico per idrogeno

    Landi Renzo, noto a livello globale nel settore della mobilità con natural gas, biometano e idrogeno ha avviato lo sviluppo di regolatori elettronici di pressione per veicoli commerciali medi e pesanti con motori a combustione interna alimentati...

  • Sabrina_Curti Marketing Manager ESET Italia dati
    Automobili connesse e tracciamento dei dati, la questione della privacy

    Di Sabrina Curti, Marketing Manager di ESET Italia Il tracciamento è diventato di recente un grande spauracchio. La quantità di dati che un’applicazione o un sistema operativo può utilizzare per riconoscerci è enorme, a seconda del metodo...

  • Lectra presenta l’Osservatorio dell’innovazione e della trasformazione nei settori fashion, arredamento e automotive

    Lectra, all’avanguardia nel campo delle soluzioni tecnologiche che accelerano la transizione verso l’Industria 4.0 in ambito fashion, arredamento e automotive, presenta il suo Osservatorio, lanciato in occasione del cinquantenario della sua fondazione. L’Osservatorio si concentrerà sull’innovazione e...

  • Fornitori del settore automotive: partner chiave della sostenibilità

    Con un utilizzo ottimizzato dei dati di produzione, gli OEM possono migliorare l’efficienza dei processi produttivi e ridurre il consumo di risorse. Supportando gli OEM nel rispondere alle istanze del mercato, i fornitori assumono un ruolo strategico...

  • Cybersecurity per V2X e ricarica intelligente: falsi miti e verità

    La tecnologia V2X (Vehicle-to-Everything) e la ricarica intelligente stanno rapidamente diventando realtà. Queste tecnologie offrono il potenziale per migliorare la sicurezza stradale, ridurre l’inquinamento e migliorare l’efficienza energetica. Tuttavia, queste tecnologie sono anche esposte a una serie...

Scopri le novità scelte per te x