L’ultimo posto di lavoro sulla Terra

Pubblicato il 1 marzo 2016

Nell’acceso dibattito tra detrattori e sostenitori dell’impatto dell’automazione sul lavoro giunge un interessante contributo dal quotidiano The Guardian che ha recentemente commissionato “The Last Job On Earth”. Si tratta di un cortometraggio di animazione ambientato in un futuro distopico che ha per protagonista Alice, l’ultimo essere umano ad aver conservato un’occupazione.
La tesi del giornale inglese è che l’automazione può significare una società senza l’ossessione del lavoro, a patto però di porre seriamente al centro del dibattito i temi della ridistribuzione della ricchezza, della gestione del tempo libero e di un nuovo modello di sviluppo.

Lo scenario apocalittico del mini-film muove da teorie come quelle di Moshe Vardi, professore alla Rice University di Houston, che arriva a sostenere che entro il 2045 la disoccupazione globale supererà la soglia del 50% della forza lavoro, con macchine, androidi e intelligenza artificiale che avranno sostituito l’uomo nella maggior parte delle attività lavorative.
Anche recenti stime dell’Economist e dalla società di consulenza McKinsey ritengono che le nuove tecnologie nei prossimi anni ridurranno il peso della tradizionale occupazione manifatturiera.

Il tema non è nuovo. Fin degli inizi della rivoluzione industriale molti hanno profetizzato la fine del lavoro. In realtà se le tecnologie hanno cancellato alcuni lavori (in alcune zone del mondo), dall’altro hanno determinato nuovi equilibri e interazioni con gli esseri umani.
I robot industriali e i bancomat, ad esempio, hanno sostituito l’uomo nelle attività più faticose, ripetitive e a basso valore aggiunto, ma non hanno eliminato il lavoro nelle fabbriche e negli uffici. L’hanno semmai reimpostato e riqualificato, generando altri tipi di competenze professionali maggiormente creative e complesse.

“The Last Job on Earth” (qui sotto il link per vederlo su youtube) ha comunque il merito di sottolineare ancora una volta i rischi di un mondo in cui la tecnologia potrebbe generare schiere di disoccupati che affollano le strade. Un futuro dove l’angoscia e la solitudine sono i segni inquietanti di una società regressiva dominata dall’apparente perfezione dalle macchine.
La tecnologia però, come tutti i fenomeni umani, può essere governata e indirizzata in modo etico e nell’interesse comune. Senza contare il fatto che le nuove tecnologie stanno generando forme inedite di comunicazione, consapevolezza e istruzione. Insomma, uno scenario ben diverso da quello di “The Last Job on Earth” è possibile.

@armando_martin

Dialogando

il blog di Armando Martin

Dialogando è il blog che Armando Martin cura per Automazione Plus. In questo spazio l'autore proporrà interviste, dialoghi, riflessioni e scambi di opinioni con i protagonisti del mondo dell'industria, dell'innovazione e della ricerca. Se qualcuno di questi post vi ha incuriosito e volete parlarne con l'autore o con altre persone, potete farlo sul Gruppo di Discussione di Automazione e Strumentazione su LinkedIn e a breve sulla pagina facebook dedicata a queste conversazioni.

Per commentare devi autenticarti:



Contenuti correlati

  • Il modo in cui la trasformazione digitale porta alla riduzione dei costi

    Di tutti i settori colpiti dagli eventi dell’ultimo anno, pochi hanno dovuto affrontare gli effetti a catena che hanno colpito il settore Oil & Gas. Mentre il mondo si riprende lentamente dal lockdown di massa, il settore...

  • Vedrai e Motive insieme per portare la manutenzione predittiva alle PMI: nasce Fermai

    Portare l’AI e le soluzioni di manutenzione predittiva nel settore manifatturiero italiano: con questo obiettivo nasce Fermai, la nuova società fondata da Vedrai, il gruppo guidato dal 26enne Michele Grazioli e specializzato nello sviluppo di piattaforme basate su Intelligenza...

  • Motus Operandi

    L’occhio attento della nostra rubrica punta stavolta su Motus Operandi (http://motusoperandi.com), un’azienda innovativa, nata nel 2017, che opera nel settore della robotica industriale impiegando tecnologie di intelligenza artificiale e Cloud Computing… Leggi l’articolo

  • Dietro le quinte dell’e-commerce

    Oggi è naturale acquistare beni e servizi online e aspettarsi di riceverli in brevissimo tempo. Una volta non era così. Come sarà in futuro? Leggi l’articolo

  • I Competence Center in primo piano a Mecspe

    Manca poco alla 19ᵃ edizione di Mecspe, l’evento dedicato all’industria manifatturiera italiana, in programma dal 23 al 25 novembre a Bologna Fiere, con 92mila mq di superficie espositiva, 18 padiglioni, 13 saloni, 46 iniziative speciali e convegni, e...

  • Da Turck Banner nuove barriere fotoelettriche di misura con IO-Link 1.1

    Turck Banner Italia presenta le nuove barriere fotoelettriche di misura della serie EZ-Array, dotate di IO-Link 1.1. I nuovi dispositivi, equipaggiati con ricevitore IO-Link con opzioni dei dati di processo ampliate, offrono esteso accesso ad informazioni aggiuntive. La comunicazione...

  • ligate ricerca farmaceutica
    AI e Machine Learning accelerano la ricerca farmaceutica

    E4 Computer Engineering, realtà italiana per le soluzioni ad alte prestazioni per l’HPC, l’Intelligenza artificiale e la containerizzazione, è partner del consorzio Ligate, co-finanziato da EuroHPC e dal Ministero dello Sviluppo Economico(MISE), e finalizzato allo sviluppo di...

  • Webinar Rollon il 27 ottobre: incrementare la produttività del robot con un settimo asse

    L’integrazione di un settimo asse con un robot antropomorfo permette di acquisire un grado di libertà extra, rispetto ai tradizionali sei del robot stesso. Si tratta di un’opzione utilizzata con successo in diverse applicazioni nell’ambito del packaging,...

  • Indagine BMC sul mainframe: è fondamentale per promuovere l’innovazione

    BMC, attivo a livello mondiale nelle soluzioni software per l’Autonomous Digital Enterprise, ha annunciato i risultati del 16° sondaggio annuale sui mainframe e le nuove e ampliate funzionalità all’interno delle sue offerte BMC AMI (Automated Mainframe Intelligence) e...

  • Nozomi Networks e Stormshield migliorano la sicurezza degli asset nelle reti OT
    Una ricerca scopre cinque vulnerabilità nei PLC di sicurezza Mitsubishi

    Alla fine del 2020, Nozomi Networks Labs ha iniziato un progetto di ricerca su Melsoft, il protocollo di comunicazione utilizzato dai PLC di sicurezza Mitsubishi e GX Works3, il software corrispondente delle workstation di progettazione. L’analisi si...

Scopri le novità scelte per te x