Alla SPS la nuova piattaforma di PC industriali di KEB

Pubblicato il 19 novembre 2015

Oltre ai PC industriali da guida DIN serie C6 Smart, che vi abbiamo già presentato, all’edizione 2015 della SPS IPC Drives di Norimberga (padiglione 4, stand 360) KEB presenta anche una nuova generazione di PC industriali disponibili in formato a libro, box o con pannello.

Si tratta di due nuove famiglie, C6 E22 e C6 P30, che si basano entrambe sulla più recente architettura Intel multi-core fan-less. Il valore aggiunto di questa nuova serie di Industrial PC per il mondo dell’automazione è il nuovo concetto di gestione memoria separato a livello di applicazione rispetto il software di sistema. In questo modo, la robustezza, la facilità d’impiego e manutenzione tipica di un PLC, possono essere riscoperti anche su una piattaforma PC dalle straordinarie capacità computazionali e di connettività.

Il setup delle macchine garantirà un elevato grado di sicurezza. Sarà introdotto un nuovo concetto di filesystem, appositamente progettato per i dispositivi Embedded, i quali potrebbero essere soggetti a eventi esterni quali, per esempio, le cadute di tensione. Questa nuova tecnologia software ha l’obiettivo di proteggere i dati di sistema e utente, garantendo il funzionamento in qualsiasi condizione, senza timori di perdita di dati.

Come dicevamo all’inizio i nuovi prodotti sono disponibili in formato Panel, Box e book mount; tutte le varianti sono sviluppate con lo stesso concetto e sistema di alimentazione isolata galvanicamente.
I Touchscreen con tecnologia resistiva e capacitiva sono ideali per la realizzazione d’interfacce uomo macchina all’altezza di qualsiasi aspettativa grazie a Combivis studio HMI. Le nuove dimensioni del display da 12,1″ fino a 24″ (wide screen) aumentano la gamma di LCD TFT LED retro illuminati.
Le periferiche con cui sono state equipaggiate le due nuove famiglie di prodotti sono al passo con i tempi; oltre all’interfaccia standard USB 2.0 è disponibile per l’utente la versione più veloce: USB 3.0.

La possibilità di utilizzare fino a 3 porte Giga Ethernet, consente all’utente la creazione di sistemi di automazione sicuri e ridondati tramite la comunicazione bus di campo EtherCAT. Può essere implementato facilmente un Bus di campo aggiuntivo per la comunicazione con dispositivi di terze parti tramite PCI / PCIe; la quantità dipende dal tipo di CPU.
Il sistema operativo è Windows Embedded 7E standard (7 Pro / Ultimate 32 / 64bit per le versioni con pannelli a tecnologia capacitiva). In abbinamento a questo sistema operativo, saranno disponibili tutte le funzionalità software applicativi di KEB, scalabili su tutto il basket prodotti Control & Automation.
L’utente può scegliere un prodotto KEB su misura, che si adatta alle sue necessità in materia di controllo del movimento e / o d’interfaccia uomo-macchina; tutto separatamente o in un’unica soluzione.

Indipendentemente dalla tipologia di prodotto, non esiste più un confine tra una connessione di tipo locale piuttosto che remota grazie a Combivis connect, un applicativo sicuro e veloce, per mezzo del quale è possibile monitorare, trasferire file, creare VPN.

Gli Industrial PC di KEB sono ingegnerizzati secondo un vero e proprio concetto industriale: non è da sottovalutare infine, l’aspetto di robustezza e longevità del prodotto.



Contenuti correlati

  • Benvenuta AI nel grande mondo dell’automazione

    TwinCAT Chat porta ufficialmente il mondo dell’AI, in particolare quello dei Large Language Models (LLMs), nella sfera dell’automazione industriale: le funzionalità di chat direttamente integrate nell’ambiente di sviluppo agevolano l’interazione uomo-macchina e semplificano l’ingegneria del software. Anche il...

  • Rfid gestisce il magazzino

    A cura del Gruppo Rfid di Anie Automazione Leggi l’articolo

  • HMI e Scada

    Sempre più user friendly e progettati per offrire un’esperienza ottimale all’operatore, HMI, IPC e Scada si stanno evolvendo di pari passo con la trasformazione tecnologica dell’industria Leggi l’articolo

  • Interfacce uomo-macchina: come e perché monitorarle secondo Paessler

    Quando si parla di interfacce uomo-macchina, o HMI (Human-Machine Interface), si intendono sostanzialmente interfacce che permettono alle persone di monitorare e controllare macchine e processi industriali, nonché di interagire con esse. Tipicamente, ma non sempre, queste interfacce...

  • Impacchettare senza difetti

    La nuova astucciatrice orizzontale di Ricciarelli per spaghetti utilizza i sistemi di visione Omron per verificare l’effettiva chiusura della confezione e la perfetta marcatura dal punto di vista OCR/OCV, con la possibilità di controllare tutte le variabili...

  • SPS 2023: Moxa presenta soluzioni per realizzare reti OT sicure e a prova di futuro

    Per la prima volta, Moxa, azienda di primo piano nel settore delle comunicazioni e delle reti industriali, sarà presente a Norimberga alla fiera SPS 2023 (14-16 novembre 2023) in una nuova posizione: nel padiglione 5, allo stand 208, dove presenterà...

  • Hardware per l’automazione: in crescita i PLC di grandi dimensioni

    Il mercato dell’hardware per l’automazione sta attraversando un cambiamento significativo poiché si adatta alla crescente trasformazione digitale nel settore manifatturiero. I produttori stanno ora tentando di identificare le migliori offerte, sfruttando la crescente apertura dei prodotti e integrando...

  • Soluzioni standard per applicazioni speciali

    Area progetta e produce avvolgitrici orizzontali evolute che rispondono alle specifiche necessità degli utenti, soprattutto in funzione delle differenti tipologie di manufatti che essi si trovano a gestire: dai leggeri perlinati e battiscopa fino ai pesanti profili...

  • L’interfaccia giusta per il petrolchimico

    Negli impianti di processo è importante che i sistemi HMI operino in modo affidabile, garantendo la sicurezza dell’operatore e delle risorse produttive, soprattutto in ambienti pericolosi o con stringenti requisiti igienici. R. Stahl ha una lunga esperienza...

  • Motori e drive efficienti

    Motori elettrici e azionamenti a velocità variabile sono due componenti chiave per le applicazioni ad alta efficienza energetica: il risparmio può arrivare fino al 40% Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x