AI e Machine Learning accelerano la ricerca farmaceutica

Pubblicato il 12 ottobre 2021
ligate ricerca farmaceutica

E4 Computer Engineering, realtà italiana per le soluzioni ad alte prestazioni per l’HPC, l’Intelligenza artificiale e la containerizzazione, è partner del consorzio Ligate, co-finanziato da EuroHPC e dal Ministero dello Sviluppo Economico(MISE), e finalizzato allo sviluppo di una piattaforma software HPC, in grado di accelerare in modo significativo le attività di ricerca in campo farmaceutico, con la possibilità di rispondere prontamente a crisi pandemiche mondiali come l’attuale di Covid-19.

Il processo di ricerca e sviluppo in campo farmaceutico è solitamente lungo, complesso e costoso. Non solo, presenta elevati livelli di rischio legato all’incertezza nello sviluppo clinico dei medicinali e alla capacità degli stessi di superare i rigidi processi di autorizzazione e convalida in tema di efficacia e sicurezza.

A fronte degli investimenti temporali ed economici mediamente necessari per introdurre un farmaco sul mercato,  stimati circa 10-15 anni e 500-800 milioni di dollari, sta prendendo rapidamente piede il Computer-Aided Drug Discovery (CADD), ovvero il ricorso a metodi computazionali ad alte prestazioni per l’identificazione e la progettazione delle molecole. Il CADD si è presto configurato come uno dei nuovi processi emergenti dell’industria farmaceutica, rendendo l’HPC un elemento fondamentale tanto per il progresso scientifico quanto per la competitività industriale.

In questo contesto, dove l’implementazione di Intelligenza Artificiale (AI) e Machine Learning (ML), l’analisi di grandi quantità di dati e l’avvicinarsi sempre di più alla scala di calcolo degli Exaflop, permettono di ridurre i rischi di investimento e i tempi in cui medicine personalizzate possono essere disponibili per un singolo paziente, E4 Computer Engineering è membro del consorzio Ligate.

Finanziato dall’European High-Performance Computing Join Undertaking, si configura come un consorzio formato da 11 istituti e aziende di cinque paesi europei, guidati dall’obiettivo comune di sviluppare una piattaforma software adatta per i sistemi (HPC) di tipo Exascale, allo scopo di rispondere prontamente a crisi pandemiche mondiali come l’attuale Covif-19 e validare altrettanto rapidamente soluzioni CADD su possibili nuove direttrici di sviluppo

E4 sarà impegnata nel co-design della soluzione finale, mettendo a disposizione dei partner del progetto, tramite il suo laboratorio, il know-how dello staff E4 e i prototipi, ovvero numerose piattaforme hardware CPU/GPU/Tensor eterogenee su cui sviluppare e testare sin dalle prime fasi i software che verranno prodotti.

Tutto questo in un’ottica di co-progettazione in cui l’esperienza di E4 dovrà fornire indicazioni su quali configurazioni permettano i risultati migliori in termini di “Time to Solution” o di “Energy to Solution”.

“La situazione emergenziale che stiamo ancora vivendo ha messo ulteriormente in luce come sia necessario a livello europeo un coordinamento per la ricerca, anche e soprattutto in campo farmaceutico, che metta a fattor comune le competenze già presenti sul territorio, garantendone al tempo stesso la sovranità digitale,” spiega Daniele Gregori, Scientific Coordinator di E4 Computer Engineering. “Il nostro lungo e consolidato percorso di collaborazione nella ricerca, con realtà importanti come EPI e CERN,  ci ha permesso di sviluppare competenza HPC che vantano pochi uguali sul mercato. Queste stesse competenze che oggi mettiamo a disposizione del progetto Ligate e dell’intera comunità medica e scientifica europea”.



Contenuti correlati

  • Imitare l’apprendimento del cervello umano

    In uno studio la scoperta di un team di ricercatori dei Politecnici di Torino e Milano e dell’INRiM nel campo dell’intelligenza artificiale Leggi l’articolo

  • Ricerca Reply: il lavoro ibrido non è una moda passeggera

    Maggiore produttività e collaborazione evoluta sono solo una parte dei vantaggi derivanti dai nuovi modelli di lavoro ibridi che saranno presto la nuova normalità aziendale. Ciò è quanto emerge dalla nuova ricerca Hybrid Work realizzata da Reply...

  • microai launchpad
    MicroAI Launchpad accelera lo sviluppo di sistemi intelligenti con l’Edge AI

    MicroAI ha rilasciato Launchpad, uno strumento di sviluppo ed implementazione ad avvio rapido. Launchpad aiuta le aziende a semplificare e ad accelerare la progettazione, lo sviluppo, il collaudo e l’implementazione dei sistemi intelligenti di prossima generazione, che utilizzano...

  • gruppo colombini ammagamma
    Processi produttivi ottimizzati grazie ad Ammagamma per il Gruppo Colombini

    Il Gruppo Colombini e Ammagamma, azienda di data science che sviluppa soluzioni di intelligenza artificiale per le aziende, hanno avviato un progetto finalizzato allo studio e all’implementazione di nuove modalità di utilizzo dell’intelligenza artificiale per l’ottimizzazione della...

  • La AI migliora l’efficienza e aumenta la produttività in tutti i settori industriali

    Con il lancio di ABB Ability Genix Asset Performance Management (APM) Suite ABB rafforza la sua offerta digitale. La suite, pensata per le industrie di processo, dei trasporti e per le utility, è dedicata al monitoraggio, alla...

  • Seeq machine learning
    Seeq amplia le attività a supporto del machine learning

    Seeq Corporation amplierà le sue attività volte ad integrare algoritmi di apprendimento automatico (machine learning) nelle applicazioni Seeq. Ciò consentirà alle organizzazioni di sfruttare efficacemente i propri investimenti nella Scienza dei Dati, nel ML open source e...

  • Intelligent Inspection di Sick rende il deep learning accessibile

    L’innovativa soluzione di visione artificiale basata su deep learning, SensorApp Intelligent Inspection di SICK, pensata per l’intera famiglia di camere 2D InspectorP6xx, permette agli utenti di risolvere ancora più facilmente complessi compiti di ispezione, controllo qualità e classificazione per prodotti...

  • IA e AR cambiano il mondo della manutenzione predittiva

    Nella manutenzione industriale il passaggio dall’approccio reattivo a quello proattivo è in pieno svolgimento e mostra tutti i suoi vantaggi grazie anche al crescente utilizzo delle tecnologie digitali, in particolare dell’Intelligenza Artificiale e della Realtà Aumentata. Processi...

  • Machine teaching: un modello per la AI di nuova generazione

    Il machine learning è sempre più diffuso in molti settori aziendali, ma richiede competenze di data science: riuscire a semplificare le tecniche di apprendimento automatico può quindi accelerare la diffusione del ML in un molto più esteso...

  • I vantaggi dell’Intelligenza Artificiale per identificare le merci

    In un’intervista, il Dr. Henning Grönzin, Chief Technology Officer (CTO) di Leuze, spiega i vantaggi dell’intelligenza artificiale (IA) per l’identificazione delle merci tramite codice a barre. In collaborazione con un produttore di automobili, Leuze sta sviluppando una...

Scopri le novità scelte per te x