10 nuove infrastrutture di ricerca del Politecnico di Torino

Pubblicato il 9 luglio 2019

Coprono gran parte degli ambiti relativi all’Industria 4.0 le 10 nuove infrastrutture di ricerca del Politecnico di Torino, cofinanziate dalla Regione Piemonte sul bando “INFRA-P Sostegno a progetti per la realizzazione, il rafforzamento e l’ampliamento delle Infrastrutture di Ricerca pubbliche”.

Si tratta di attrezzature, risorse e servizi utilizzati dalle comunità scientifica per condurre la ricerca e promuovere l’innovazione. Facilitare l’accesso alle infrastrutture di ricerca e massimizzarne l’utilizzo sono elementi essenziali per consentire il progresso della conoscenza e della tecnologia; le infrastrutture saranno quindi a disposizione delle aziende e, in vista della pubblicazione del prossimo bando regionale per le imprese, volto a supportare l’accesso ai servizi offerti dalle infrastrutture finanziate, l’Ateneo ha voluto presentare oggi le opportunità offerte da queste nuove strutture.

Si tratta di infrastrutture accessibili, secondo modalità trasparenti e definite ad hoc per ciascuna di esse, a utenti esterni come le imprese e i centri di ricerca, che potranno rivolgersi a queste strutture per aspetti che vanno dall’automotive alle emissioni di carbonio, i materiali applicati all’ambito meccanico, la fotonica, l’Intelligenza Artificiale, l’Additive Manufacturing, i materiali innovativi per la salute, le nanotecnologie, le strumentazioni avanzate per sistemi complessi, l’e-drive per auto e aerospazio.
Molte delle infrastrutture si avvalgono della collaborazione di Università di Torino, INRiM e Istituto Italiano di Tecnologia.

Le infrastrutture di ricerca nel dettaglio sono le seguenti.

CARS-HEV@PoliTO – Center for Automotive Research and Sustainable Mobility – Hybrid/Electric powertrain and Vehicle Laboratory: dedicata alla sperimentazione di veicoli e powertrain convenzionali, ibridi ed elettrici. Si tratta di una sala di prova, che consente di studiarli e caratterizzarli in un ambiente controllato, misurandone consumi, emissioni ed efficienze. È inoltre possibile mettere a punto strategie di gestione e controllo di powertrain ibride ed elettriche.

CCL – CO2 Circle Lab: promuove un’articolata varietà di innovative tecnologie per la cattura, l’accumulo e l’utilizzo delle emissioni di diossido di carbonio di origine antropica (Carbon Capture Utilization and Storage – CCUS). CCL si focalizza quindi sullo sviluppo di processi biotecnologici, elettrochimici e termochimici, basati su Fonti di Energia Rinnovabili (FER), per la formazione di prodotti ad elevato valore aggiunto da CO2, con una gestione sostenibile dei processi. Inoltre, CCL sviluppa processi CCUS in forte integrazione con i sistemi di accumulo energetico: hubs dei sistemi integrati FER-accumulo-CCUS (protocolli power-to-chemicals, P2C); hub tra le principali reti energetiche (protocolli power-to-gas (P2G) e gas-to-power (G2P).

DynLab4JMat – Laboratorio per l’Integrità Strutturale di Giunzioni e Materiali Sottoposti a Carichi Dinamici: un laboratorio di supporto al tessuto industriale per lo sviluppo di giunzioni e materiali innovativi per applicazioni strutturali in diversi ambiti della meccanica. Le attività riguardano la progettazione e la realizzazione di prototipi di giunzioni, del controllo non distruttivo di queste e dei materiali e la valutazione della risposta strutturale in presenza di sollecitazioni statiche, a fatica e dinamiche, anche in temperatura.

FIP – Tecnologie Fotoniche per l’Industria 4.0 in Piemonte: in sinergia con il Centro Interdipartimentale PhotoNext, è il riferimento nel campo della fotonica, una delle tecnologie abilitanti per l’“Industria 4.0”. Le principali applicazioni vanno dalle lavorazioni mediante laser (laser material processing), all’utilizzo delle fibre ottiche per la trasmissione dati, lo sviluppo di strutture con sensoristica integrata (smart structures) e il monitoraggio in ambito produttivo, ambientale e biomedicale.

HPC4AI – Centro di Competenza Calcolo ad Alte Prestazioni e Intelligenza Artificiale: il polo mette a disposizione le competenze nell’ambito dell’Intelligenza Artificiale, Big Data Analytics, Machine Learning e High Performance Computing (HPC). L’infrastruttura offre servizi di Cloud Computing, Big Data Analytics e HPC per offrire un servizio a 360 gradi che include la progettazione, lo sviluppo e la prototipazione di applicazioni di intelligenza artificiale per accompagnare l’azienda verso l’utilizzo di queste nuove tecnologie.

IAM@PoliTo – Integrated Additive Manufacturing @ Politecnico di Torino: l’infrastruttura mette a disposizione l’intera filiera dell’Additive Manufacturing (AM) per materiali metallici e polimerici, dalla produzione delle polveri sino alla caratterizzazione dei componenti prodotti. Si avvale di soluzioni all’avanguardia, come la tomografia computerizzata, il “Design for AM”, la produzione dei particolari in metallo e polimero, i trattamenti termici personalizzati (incluso l’HIPping e il quenching) e la finitura dei componenti con metodologie non convenzionali.

PAsTISs – Parco delle Tecnologie Innovative per la Salute: un centro interateneo per lo sviluppo di tecnologie innovative per la salute e per il benessere che vede il coinvolgimento dell’Università degli Studi di Torino. Affronta macrotematiche come l’interfaccia uomo-macchina, i dispositivi diagnostici e terapeutici per oncologia, invecchiamento e fragilità, l’ingegneria rigenerativa e dei tessuti, l’interazione organica/inorganica alla nanoscala, l’imaging avanzato, l’ingegneria ortopedica, cardiovascolare e dentale, le protesi, gli impianti, la sintesi di fratture, le sonde per crioablazione, la biorobotica e la chirurgia assistita dal computer, il drug design computazionale, la produzione di dispositivi medici mediante manifattura additiva.

PiQuET – Piemonte Quantum Enabling Technology: si pone come riferimento infrastrutturale per le micro e nanotecnologie e per le tecnologie quantistiche in Piemonte sia per la ricerca avanzata che per l’innovazione industriale. È orientata all’implementazione di processi micro e nanotecnologici per la realizzazione e prototipazione di dispositivi miniaturizzati e integrati, microsensori, MEMS & NEMS, nanostrutture, dispositivi quantistici e per la sintesi di materiali nanostrutturati e materiali funzionali per la stampa 3D polimerica. È co-gestita insieme all’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica e Università degli Studi di Torino.

SAX – Strumentazioni avanzate per sistemi complessi: costituisce un pool strumentale innovativo a livello regionale e nazionale per lo studio di materiali e sistemi attraverso microscopia elettronica e tecniche a raggi X.

TEST-eDRIVE – Infrastruttura di test di e-DRIVE per applicazioni automobilistiche ed aerospaziali: dedicata al testing di motori e azionamenti elettrici ad alte prestazioni per l’elettrificazione nei settori dell’aerospazio, automobilistico e meccatronico per sistemi avanzati di produzione. Esempi di applicazioni possono essere generatori elettrici, attuatori e inverter di bordo; veicoli elettrici come powertain elettrici, sottosistemi di alimentazione e controllo, caricabatterie wired e wireless; e ancora applicazioni industriali e di produzione con azionamenti e convertitori.

 



Contenuti correlati

  • Antares Vision Group utilizza la tecnologia microwave per individuare corpi estranei nei prodotti confezionati

    Antares Vision Group, partner tecnologico nella digitalizzazione e nella gestione integrata dei dati, provider di soluzioni di tracciabilità, e tra i principali player nei sistemi di ispezione per il controllo qualità, conferma lo sviluppo di un’innovazione strategica che utilizza...

  • Al via il progetto Cerebro del Politecnico di Torino per ‘leggere’ il cervello

    L’imaging funzionale del cervello è di fondamentale importanza per la diagnosi e la cura di molte patologie cerebrali come ad esempio le malattie degenerative. Una tecnica non invasiva molto utilizzata è l’elettroencefalografia (EEG) che misura il potenziale...

  • VEMlive 2022 torna con record di presenze

    Tutto esaurito e record di presenze per VEMLive2022 – Time to Value, l’evento organizzato dal system integrator italiano Vem sistemi nei giorni scorsi presso la Florim Gallery di Fiorano Modenese. L’appuntamento si è riconfermato grande momento di incontro...

  • L’alba di calcolo e comunicazione quantistici

    Dai primi prototipi nel secolo scorso alla competizione attuale tra i grandi gruppi per raggiungere la ‘supremazia quantistica’. I quantum computer non saranno destinati a impieghi generici ma saranno particolarmente vantaggiosi in ambiti specifici e per compiti...

  • Alstom treni
    Master in mobilità ferroviaria, aperte le iscrizioni al master Alstrom

    Sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2022/2023 del Master in apprendistato di alta formazione “Railways Mobility Industry: Train 4 me”, organizzato dalla Scuola di Master e Formazione permanente del Politecnico di Torino insieme ad Alstom e che...

  • ProgettistaPiù 2023: energia dalle onde

    Le onde marine costituiscono una delle fonti di energie rinnovabili più interessanti e distribuite sul globo. L’energia delle onde può essere considerata un derivato dell’energia solare, attraverso l’azione dei venti. Il livello di potenza per unità di lunghezza del...

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • Tech boys and girls: Manuela Galati

    Manuela Galati, 34 anni, ingegnere meccanico e perito industriale, è una ricercatrice del Politecnico di Torino. A lei, come a ogni ‘ragazza tecnologica’ della nostra rubrica, abbiamo chiesto di raccontarci il suo percorso e i suoi progetti…...

  • Tech boys and girls: Flaviana Calignano

    Flaviana Calignano è la ragazza tecnologica di questo mese. L’abbiamo incontrata e le chiediamo, come sempre curiosi e desiderosi di informarci, il suo percorso e i suoi tecnologici progetti… Leggi l’articolo

  • Analizzare i dati di guida con l’intelligenza artificiale

    Quali sono gli algoritmi più promettenti per la rilevazione degli eventi di guida aggressiva? Gli smartphone possono rappresentare una alternativa alle scatole nere per la raccolta dei dati di guida? Come si può agire per prevenire una...

Scopri le novità scelte per te x