World Manufacturing Forum, le potenze si ritrovano a Milano il 1 luglio

Pubblicato il 24 giugno 2014

World Manufacturing Forum (www.worldmanufacturingforum.org), il tavolo di confronto tra le grandi potenze sui principali temi macroeconomici legati al mondo industriale, manifatturiero e dell’innovazione, sbarca a Milano per la sua terza edizione il prossimo 1 luglio a Palazzo Mezzanotte.

L’evento, voluto e supportato dalla Commissione Europea e organizzato da Politecnico di Milano e IMS (Intelligent Manufacturing Systems), riunirà gli esponenti mondiali del mondo politico, industriale, accademico e di business per discutere e delineare in maniera cooperativa le linee guida e direttive per la crescita di quello che è il cuore pulsante dell’economia europea: il settore manifatturiero.

Protagonisti del confronto sono i top manager di alcune società quali, per esempio, ABB, Boeing, COMAU, Dassault Systèmes, KUKA, McKinsey, Samsung, Siemens e Whirlpool e i rappresentanti della Commissione Europea. L’Italia prende la parola per tornare a recuperare centralità in un settore vitale per l’economia globale come quello della produzione industriale. Dopo anni caratterizzati da una forte instabilità finanziaria, si ritorna a guardare all’economia reale, in cui l’innovazione tecnologica gioca un ruolo primario in termini di competitività e affermazione e solo un’integrazione tra le parti politiche, industriali e accademiche può innescare un proficuo processo di cooperazione che guarda all’innovazione volta a migliorare uno dei comparti chiave delle più importanti dell’economia e traino per una consistente ripresa economica.

Tra i temi in agenda ci saranno le politiche globali in atto nei vari Paesi per sostenere il reparto manifatturiero, le opportunità e sfide che questo settore offre, il ruolo del capitale umano in azienda e l’importanza della formazione e dei venture capital. Senza dimenticare un approfondimento sui vantaggi della robotica per il mondo industriale – con particolare riferimento alle PMI – e i temi legati alla standardizzazione dei processi e della gestione e protezione della proprietà intellettuale.

“Siamo estremamente orgogliosi che Milano sia stata scelta per ospitare un evento di tale portata. Il settore manifatturiero è la colonna portante delle principali economie globali e poter essere protagonisti attivi nel disegnare le linee guida dell’innovazione futura ci riempie di entusiasmo.” dichiara Marco Taisch, Scientific Chairman del World Manufacturing Forum e Professore di Operations Management e Advanced and Sustainable Manufacturing presso il Politecnico di Milano. “Solo una politica di sistema che unisca le istituzioni, il mondo industriale e il comparto accademico e della ricerca può innescare un processo di reale evoluzione e innovazione. Il supporto della Commissione Europea, di IMS, del Politecnico di Milano e di primari nomi del business internazionale sono la conferma che qualcosa si sta muovendo in maniera strutturata e concreta.” conclude.



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x

  • Nuova vita ai rifiuti elettronici

    Gioielli personalizzati in stampa 3D nati dai nostri vecchi cellulari. Un esempio virtuoso di economia circolare esito...

  • City o smart city?

    Grazie alla pandemia i progetti di smart city sono diventati interessanti. Molti i comuni che li stanno...