Vodafone Italia e Politecnico di Torino insieme per la prima Academy IoT

Pubblicato il 21 agosto 2020

Si è concluso al Politecnico di Torino il percorso di formazione della IoT Academy sostenuto da Vodafone Italia, che ha lo scopo di preparare gli ingegneri al lavoro di domani sia guardando all’innovazione tecnologica sia alle competenze digitali necessarie e ai nuovi modi di lavorare.
Gli studenti selezionati sono stati seguiti dal team coordinato dal professor Massimo Violante del Politecnico e da esperti di Vodafone Italia in qualità di tutor. Il percorso formativo ha previsto l’alternanza di lezioni tradizionali nei primi mesi dell’anno per poi continuare con aule virtuali, seminari e momenti progettuali per la realizzazione delle soluzioni applicative disegnate per ambiti come Smart City, mobilità, sanità e sicurezza delle reti.

“Per i nostri studenti partecipare a questa Academy è stata l’occasione per confrontarsi con le problematiche reali delle aziende e con chi le conosce e le affronta” dichiara Sebastiano Foti, Vice Rettore per la Didattica del Politecnico di Torino. “In linea con le modalità didattiche innovative intraprese ai tempi del Covid anche i ragazzi dell’Academy IoT hanno collaborato e interagito tra loro e con i tutor e gli esperti solo in via digitale con aule virtuali e mediante il cloud. L’apprendimento “learning by doing” ha permesso agli studenti di sviluppare proprie competenze tecniche che hanno trovato perfetta sintesi nei progetti che hanno presentato davanti alla commissione valutatrice, riscontrando unanime apprezzamento”.

Gli studenti si sono adeguati velocemente e senza particolari difficoltà all’emergenza Covid-19 dimostrando in questi mesi senso di responsabilità e resilienza. Ogni settimana sono stati organizzati uno o più incontri di avanzamento dei singoli progetti, per evidenziare i progressi effettuati e le criticità emerse nello sviluppo del progetto stesso. Il tutto con la partecipazione dei tutor per chiarire eventuali dubbi e per dare puntuali indicazioni su come procedere.

I ragazzi divisi in 5 gruppi hanno completato il percorso dell’Academy con la presentazione dei loro progetti durante un collegamento da remoto con una commissione valutatrice formata da docenti del Politecnico, manager di Vodafone e i tutor che hanno seguito le attività dei singoli gruppi. Le aree di valutazione sono state principalmente: l’innovazione tecnologica della soluzione; la customer experience/benefici nell’utilizzo della soluzione e il business case che garantisce la sostenibilità economica del progetto.

“L’Academy IoT che abbiamo sviluppato con il Politecnico di Torino è un momento importante per sostenere la crescita di quelle competenze digitali distintive che i giovani ingegneri saranno chiamati a reinventare continuamente” afferma Giorgio Migliarina, Direttore Vodafone Business di Vodafone Italia. “I progetti che le studentesse e gli studenti hanno presentato dimostrano che gli ambiti di applicazione dell’Internet of Things e delle nuove tecnologie di connettività e convergenza come il 5G sono molto vasti. Grazie al confronto con i colleghi di Vodafone Italia che hanno partecipato a questo percorso abbiamo potuto apprezzare la preparazione, l’entusiasmo e la voglia di disegnare nuovi servizi”.



Contenuti correlati

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • Competenze e tecnologia, un binomio inscindibile

    La difficoltà di reperire personale qualificato e la necessità di trattenere in azienda le migliori  competenze spingono sempre più aziende a investire in formazione e in nuove tecnologie al fine di mantenere la loro competitività. Si tratta di due trend che, in ambito...

  • Trofeo Smart Project Omron torna in presenza per la XV edizione

    È tornata finalmente a svolgersi in presenza, dopo due anni di eventi virtuali, la fase finale del XV Trofeo Smart Project, manifestazione che rientra nel protocollo d’Intesa siglato tra Omron e il Ministero dell’Istruzione. La competizione è...

  • A SPS Italia 2022, tecnologie open source Arduino per l’inclusione sociale

    Parliamo di ESG, ovvero di aspetti ambientali, sociali e di governance aziendale. Oggi più che mai, infatti, l’attenzione del pubblico è catalizzata dai temi della sostenibilità, dell’inclusione sociale e dell’etica aziendale. L’automazione in questo scenario può fare molto, sia...

  • Vodafone Italia nominata Leader della Sostenibilità 2022

    Vodafone Italia si aggiudica il sigillo di “Leader della Sostenibilità 2022” ed entra a far parte del ranking di Statista, azienda leader delle ricerche di mercato che, in collaborazione con Il Sole 24 Ore, raccoglie le 200...

  • A SPS Italia 2022, la visione etica di OnRobot

    Parliamo di ESG, ovvero di aspetti ambientali, sociali e di governance aziendale. Oggi più che mai, infatti, l’attenzione del pubblico è catalizzata dai temi della sostenibilità, dell’inclusione sociale e dell’etica aziendale. L’automazione in questo scenario può fare molto, sia...

  • Ultimo appuntamento con la Carta delle Idee di UR

    Si è concluso oggi il percorso a tappe di comunicazione e valorizzazione della Carta delle Idee della Robotica Collaborativa di Universal Robots. L’appuntamento odierno – il quarto – ha posto al centro del dibattito 2 temi strettamente...

  • Corso di formazione di Innovery ed Experis Academy su “Cyber Security Analyst”

    Il corso ad accesso gratuito Cyber Security Analyst di Innovery ed Experis Academy ha l’obiettivo di formare professionisti nell’ambito della cyber security e dell’analisi delle vulnerabilità dei sistemi informatici e delle reti, uno dei settori in cui...

  • skills shortage cornerstone ondemand
    Skills shortage, aziende e dipendenti hanno visioni molto diverse

    Cornerstone OnDemand comunica i risultati dell’edizione 2022 della ricerca globale Thriving in the Global Skills Shortage: Your Path Through the Wilderness, che indaga i trend legati ai nuovi scenari dello sviluppo delle competenze. Si tratta della seconda...

  • Tech boys and girls: Manuela Galati

    Manuela Galati, 34 anni, ingegnere meccanico e perito industriale, è una ricercatrice del Politecnico di Torino. A lei, come a ogni ‘ragazza tecnologica’ della nostra rubrica, abbiamo chiesto di raccontarci il suo percorso e i suoi progetti…...

Scopri le novità scelte per te x