Veeam insieme a Cisco per offrire soluzioni ad alta disponibilità per le aziende

Pubblicato il 6 settembre 2018

Veeam Software, l’innovativo fornitore di soluzioni di Intelligent Data Management per la Hyper-Available Enterprise, annuncia di aver ampliato la propria collaborazione con Cisco per fornire al mercato Veeam High Availability on Cisco HyperFlex – una nuova piattaforma di data management altamente resiliente che assicura grande scalabilità, semplicità di gestione e supporto per ambienti multi-cloud attraverso i servizi di supporto Cisco.

Per aggiornare le attuale e complesse soluzioni legacy per la protezione dei dati con soluzioni multi-cloud, le aziende necessitano di moderne soluzioni di data protection, che siano affidabili, scalabili, semplici da gestire e che supportino ambienti muti-site e multi-cloud. Da oggi è possibile effettuare questo importante aggiornamento affidandosi ad un’unica soluzione e riducendo le complessità legate alle attività di acquisto, implementazione e supporto.

“La nostra partnership con Cisco continua a rafforzarsi e ad ampliarsi”, ha commentato Peter McKay, Co-CEO and President di Veeam. “Siamo ISV Partner of the Year di Cisco e, insieme, abbiamo ottenuto un grande successo sul mercato. Collaboriamo ora ad una nuova soluzione che risponde ad una delle esigenze più sentite dei nostri clienti: modernizzare i data center in modo innovativo. Veeam Availability on Cisco HyperFlex tiene conto dei feedback di grandi aziende e service provider, che ci hanno chiesto di poter usufruire di ulteriori soluzioni integrate con Cisco. I clienti avranno la possibilità di rivolgersi ad un unico vendor, dal momento che questa soluzione sarà commercializzata direttamente da Cisco. Siamo lieti di poter collaborare con il team di Cisco per servire grandi ambienti IT a cui garantiamo la piena resilienza dei loro sistemi”.

La nuova soluzione associa la Veeam Hyper-Availability Platform con la proposizione Cisco Hyperconverged Infrastructure (HCI), HyperFlex, per risolvere i problemi causati da tecnologie legacy inaffidabili e poco scalabili che non sono in grado di garantire la hyper-availability di cui le aziende moderne hanno bisogno.

“L’evoluzione del mercato della data protection genera la necessità di una piattaforma aziendale scalabile e ricca di funzionalità software”, ha commentato Siva Sivakumar, Sr. Director of Data Center Solutions di Cisco. “Le funzionalità di intelligent data management di Veeam combinate con le alte prestazioni, flessibilità e facilità di implementazione di Cisco HyperFlex rappresentano la soluzione perfetta per rispondere a questa esigenza. Il nostro obiettivo comune è di continuare ad ampliare la soluzione con nuove funzionalità che rispondano agli attuali requisiti di IT recovery, retention e resilienza.”

Questa piattaforma di data availability fornisce alle aziende una soluzione scalabile che non soltanto può essere utilizzata come repository Veeam, ma può anche supportare l’intera Veeam Availability Platform. Tra i principali benefici: Hyper-Availability per tutti i carichi di lavoro — virtuali, fisici e cloud; scalabilità senza compromessi e ridotti costi operativi; diminuzione dei rischi e time to value accelerato; deployment semplificato ed ottimizzato: singola SKU Cisco che include tutto il software installato e l’hardware necessario; Cisco come unico interlocutore per acquisto e supporto.

La nuova soluzione Veeam Availability on Cisco HyperFlex sarà commercializzata e supportata da Cisco, che fornirà il supporto per l’intera soluzione.

“Effettuando la ricerca Voice of Enterprise: Storage, Budgets and Outlook alla fine del 2017, abbiamo constatato che la maggior parte dei clienti HCI vuole che all’interno della loro infrastruttura del futuro siano integrate funzionalità di DR/BC e Data Backup. La crescente adozione di soluzioni di software defined storage offre l’opportunità di ridefinire e semplificare l’approccio alla data protection e dà vita a nuove partnership, come ad esempio quella tra Cisco e Veeam”. – Steven Hill, Senior Analyst of Storage Technologies di 451 Research

“Da anni utilizziamo il software Veeam su diverse piattaforme hardware di Cisco”, ha dichiarato Raphael Meyerowitz,  Vice President, Office of the CTO di Presidio, Inc. (NASDAQ: PSDO), Veeam ProPartner Platinum e Veeam Cloud & Service Provider (VCSP). “Vedere le due aziende lavorare insieme alla fornitura di un’unica soluzione che combina l’hardware Cisco con il software Veeam è un’eccellente notizia. Il software Veeam è facile da implementare per le PMI, ma le grandi organizzazioni hanno bisogno di architettura e servizi di distribuzione aggiuntivi, nonché di una attenta pianificazione della scalabilità a seguito dell’implementazione iniziale. L’ulteriore semplificazione dei processi di acquisizione e di implementazione ci permetterà di concentrare la nostra expertise sulle funzionalità strategiche rese possibili dal software Veeam che girerà sull’hardware Cisco”.



Contenuti correlati

  • Exelab: finalizzata l’acquisizione di The Client Group

    Exelab, il primo System Integrator Enterprise di HubSpot, colosso americano specializzato in ambito CRM e Marketing Automation, consolida il suo percorso di crescita attraverso l’acquisizione del 100% della partecipazione di The Client Group, società specializzata in data...

  • 5 fattori che rallentano i processi di approvvigionamento secondo Iungo

    Con la crisi del Mar Rosso, l’Italia perde 95 milioni di euro al giorno: sono queste le stime di Confartigianato, che ha calcolato l’entità dell’impatto causato dalla riduzione del traffico delle navi mercantili tra l’Oceano Indiano e...

  • I magnifici dieci dell’innovazione tecnologica

    Le tecnologie che tradurranno in pratica le scelte strategiche delle aziende, sospinte e guidate dall’Intelligenza Artificiale e orientate a favorire una crescita sostenibile, contribuiranno a massimizzare il valore dei dati, a raggiungere gli obiettivi Esg, ad attrarre...

  • Il viaggio sostenibile

    Sensori connessi, robotica, azionamenti adattivi: i concetti avanzati di automazione sono fondamentali per una produzione efficiente dal punto di vista energetico e di risparmio delle risorse La domanda di energia, l’uso di materie prime e, soprattutto nelle...

  • Cybersecurity in cloud, servono gli strumenti giusti

    La natura degli ambienti cloud richiede ai team tecnici e di sicurezza di adottare un mindset diverso per gestire la nuova superficie di attacco Le industrie manifatturiere sono un obiettivo primario per i criminali informatici. In un...

  • Una verniciatura in ‘green’

    Le cabine di verniciatura smart repair di Carheal impiegano TwinCAT IoT per ottimizzare le riparazioni dei veicoli e, con l’acquisizione dati dal cloud, monitorare emissioni e consumi energetici Con TwinCAT IoT, Beckhoff ha sviluppato il complemento perfetto...

  • Analisi dei dati grazie al cloud IoT: ecco come Storm Reply supporta il Gruppo Eurogate

    Storm Reply, società specializzata in servizi di cloud computing, ha realizzato una soluzione cloud IoT per Eurogate, rinomata azienda di terminal container, per raccogliere e analizzare in cloud i dati operativi provenienti da macchinari e sistemi. Eurogate,...

  • Microsoft Azure Quantum ElementsMicrosoft Azure Quantum Elements
    Microsoft supporta l’uso dell’AI e dell’high-performance computing per la ricerca scientifica

    Microsoft ha raggiunto un importante traguardo nell’ambito della ricerca scientifica, sfruttando la potenza computazionale del Cloud e i modelli di Intelligenza Artificiale avanzata. Grazie a queste tecnologie, il team Microsoft Quantum e gli scienziati del Pacific Northwest...

  • HPE acquisirà Juniper Networks per accelerare l’innovazione nel networking

    Hewlett Packard Enterprise (HPE) e Juniper Networks, noti nelle reti native basate sull’intelligenza artificiale, hanno annunciato di aver stipulato un accordo definitivo in base al quale HPE acquisirà Juniper in una transazione interamente in contanti per 40,00...

  • Ricerca_Intelligenza_Artificiale_Cisco_2023
    Intelligenza Artificiale, le aziende italiane non sono ancora pronte

    In Italia solo una piccolissima percentuale (8%) delle aziende è del tutto pronta a implementare e sfruttare le tecnologie basate sull’Intelligenza Artificiale, mentre il 3% è del tutto impreparata. Il 63% rientra invece nella categoria delle aziende...

Scopri le novità scelte per te x