Un software italiano nel progetto che simula la vita su Marte

Pubblicato il 8 maggio 2017

Hawaii Space Exploration Analog and Simulation (HI-SEAS), un progetto di ricerca finanziato dalla NASA, mirato a determinare i requisiti individuali e di gruppo durante le missioni per l’esplorazione spaziale a lungo termine, usa modeFRONTIER di Esteco, casa produttrice di software con base a Trieste, per sviluppare e migliorare la performance dei modelli sistemici per l’uso efficiente delle risorse.

HI-SEAS V è una missione di simulazione di isolamento della durata di 8 mesi, iniziata 19 gennaio del 2017, mentre la prossima missione inizierà a gennaio 2018. Durante la Missione in corso, sei ricercatori stanno studiando il comportamento umano su ‘Marte’, vivendo in una cupola geodetica nell’ambiente isolato del vulcano Mauna Loa sull’Isola Grande delle Hawaii, comprensivo del ritardo comunicativo di 20 minuti e dell’autosufficienza parziale. Il loro scopo è quello di affrontare e trovare contromisure al rischio del calo di performance del gruppo dovuto alle dinamiche di interazione, cooperazione, comunicazione e adattamento psicologico che a volte si rivelano inadeguate.

“Durante una missione spaziale, il team di astronauti è molto limitato in termini di quel che può portare a bordo. Ogni oggetto portato sul razzo deve essere efficiente in termini di peso e dimensioni – questo riguarda anche il cibo, l’acqua, i materiali per la ricerca e gli effetti personali. Quando si viaggia lontano, naturalmente servono più risorse e bisogna bruciare più carburante – questo rende l’ottimizzazione delle risorse ancora più complesso”, ha detto Ansley Barnard, ingegnere responsabile per monitorare i sistemi di supporto vitale durante la Missione V.

Prima di aderire a HI-SEAS, Barnard ha lavorato nel campo dell’ottimizzazione ingegneristica per la Ford Motor Company, dove ha avuto modo di esplorare i vantaggi delle tecnologie ESTECO sfruttate per ottenere la riduzione del peso del veicolo ma anche dei costi e dei tempi di progettazione.

Gli strumenti per la modellazione parametrica e per l’ottimizzazione come modeFRONTIER possono aiutarci nella Missione nel modellare i sistemi. Quei cambiamenti devono poi essere implementati tramite l’azione umana”, ha aggiunto Barnard. Il suo obiettivo finale è cambiare il modo in cui i suoi colleghi vivono giorno per giorno la missione e di procurare ai team futuri di HI-SEAS procedure e informazioni ingegneristiche aggiornate.

Barnard ha una laurea in aeronautica e astronautica dall’Università di Washington e spera di servire come astronauta americana nel futuro.



Contenuti correlati

  • Dietro le quinte dell’e-commerce

    Oggi è naturale acquistare beni e servizi online e aspettarsi di riceverli in brevissimo tempo. Una volta non era così. Come sarà in futuro? Leggi l’articolo

  • Indagine BMC sul mainframe: è fondamentale per promuovere l’innovazione

    BMC, attivo a livello mondiale nelle soluzioni software per l’Autonomous Digital Enterprise, ha annunciato i risultati del 16° sondaggio annuale sui mainframe e le nuove e ampliate funzionalità all’interno delle sue offerte BMC AMI (Automated Mainframe Intelligence) e...

  • Deep learning per l'analisi delle immagini con software VisionPro Cognex
    Deep learning per l’analisi delle immagini con software VisionPro Cognex

    Cognex porta alla ribalta il software VisionPro Deep Learning, che offre analisi delle immagini basato sul deep learning e progettato per l’automazione industriale. VisionPro Deep Learning di Cognex riduce la barriera d’ingresso per gli utenti grazie a un’interfaccia...

  • Fluke: ecco il nuovo sistema Datapaq Furnace Tracker
    Fluke: ecco il nuovo sistema Datapaq Furnace Tracker

    Fluke Process Instruments presenta il nuovo sistema Datapaq Furnace Tracker, completo di data logger TP6, barriere termiche e un software più intuitivo. Il sistema Datapaq Furnace Tracker è stato progettato per essere utilizzato ripetutamente negli ambienti di...

  • Nuovo logo per SDProget, che evolve al passo con i tempi

    SDProget Industrial Software presenta la nuova generazione di software dedicati all’automazione industriale e, per l’occasione, ha deciso di cambiare aspetto proponendo un nuovo logo aziendale e rinnovando l’immagine dei loghi di prodotto. Se lo storico marchio di...

  • MTConnect, lo standard libero e aperto per i costruttori di macchine utensili

    MTConnect è un protocollo di comunicazione che consente di estrarre dati e informazioni da macchine a controllo numerico e apparecchiature di produzione. Di fatto è uno standard che consente a differenti dispositivi di fornire informazioni in un...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

  • Servitizzazione

    La competizione internazionale che tutte le aziende devono affrontare ogni giorno non si manifesta più solo sul prezzo. Molte aziende manifatturiere hanno spostato la produzione nei Paesi dove il costo del lavoro è inferiore, perché comprendono che...

  • I miei primi 40 anni: storia di una innovazione

    Ampliamento dell’offerta, specializzazione, incremento della capacità produttiva, espansione in nuovi mercati. A distanza di 40 anni, continua la crescita di Beckhoff, che, nel corso degli ultimi mesi, in assenza di eventi fisici, si è affidata alle tecnologie...

  • Soft-Start per stampanti a iniezione ed estrusori da B&R

    Il pacchetto software mapp Temperature di B&R fornisce un nuovo modo pre-programmato per portare in temperatura i sistemi di produzione. Con un semplice click, la funzione Soft-Start riscalda gradualmente i componenti della macchina per ridurre al minimo...

Scopri le novità scelte per te x