Un ambiente ibrido integrato basato su Microsoft Azure in Gi Group

Pubblicato il 29 aprile 2016

Centro Computer è stata selezionata da Gi Group per ampliare il proprio data center con la creazione di un ambiente ibrido on premise e cloud, grazie alla piattaforma Microsoft Azure. Gi Group è la prima multinazionale italiana del lavoro, specializzata nei servizi dedicati allo sviluppo di questo mercato, tra i quali: lavoro temporaneo, permanent staffing, ricerca e selezione, executive search, formazione, supporto alla ricollocazione, outsourcing, consulenza HR, field marketing. I servizi offerti sono pensati e focalizzati per rispondere alle esigenze di grandi aziende e multinazionali, grazie a 14 divisioni specializzate per settore, a quelle del mercato retail e alla ramificata copertura territoriale di oltre 200 filiali. Gi Group opera direttamente o con partnership strategiche in oltre 40 paesi in Europa, Asia, Africa e America; alla fine del 2010 ha ottenuto un importante riconoscimento con l’ingresso in CIETT,  la confederazione internazionale delle agenzie per il lavoro, in qualità di Global Corporate Member.

L’azienda aveva l’esigenza di garantire servizi sempre più affidabili ed efficienti in modo costante, per rispondere a tutte le richieste dei propri clienti, mantenendo allo stesso tempo un’infrastruttura informatica agile, flessibile e altamente scalabile. Dopo un’attenta analisi delle soluzioni presenti sul mercato, Gi Group ha scelto di adottare Microsoft Azure, la piattaforma di cloud computing che fornisce capacità di computing, storage, content delivery e networking on-demand. La consulenza e il supporto tecnico sono stati garantiti da Centro Computer, partner tecnologico dell’azienda da alcuni anni.

A partire da Marzo 2015, Centro Computer ha iniziato l’implementazione della soluzione Microsoft per creare un ambiente di cloud computing ibrido, nel quale Gi Group potesse usufruire di significativi benefici, come effettuare l’archiviazione di dati e documenti in totale sicurezza, aumentare la disponibilità e l’affidabilità dei servizi di autenticazione e gestione delle identità, e consentire l’utilizzo della rete di interconnessione internazionale dei data center Azure per l’erogazione dei servizi IT dall’attuale data center di Milano e dei nuovi servizi che saranno forniti direttamente in Azure. Il system integrator ha proceduto con l’iniziale attivazione della sottoscrizione di Azure e con l’individuazione degli indirizzamenti di rete per la creazione dell’ambiente cloud e la realizzazione di una rete VPN di collegamento tra il data center Gi Group localizzato a Milano e l’ambiente Azure in West Europe.

“Adottare un ambiente di cloud ibrido ci permette di incrementare l’agilità aziendale, consentendo alla nostra divisione IT di estendere l’erogazione di alcuni servizi direttamente in Microsoft Azure, garantendoci l’opportunità di investire in nuovi acquisti di computing e storage in modo più strategico e a costi contenuti” sottolinea Daniele Mangiavacca, Responsabile dei Sistemi Informativi di Gi Group. I primi progetti completati finora includono l’installazione di StorSimple, la soluzione di cloud storage ibrido basata su Microsoft Azure, che consente a Gi Group di effettuare l’archiviazione e il backup dei dati in due modalità, on premise o  Azure, permettendo così di massimizzare le capacità di storage a disposizione all’interno del data center e di sfruttare gli spazi nel cloud.

“Grazie a StorSimple abbiamo potuto incrementare l’efficienza e le capacità di archiviazione, senza alcun impatto sull’operatività e sulla User Experience dei nostri collaboratori,” commenta Mangiavacca. “E’ stato possibile attivare il servizio storage da StoreSimple in pochi minuti, utilizzando tale servizio per iniziare ad archiviare i file in modo rapido, nelle ore immediatamente successive. Questa operazione, gestita con accuratezza e professionalità dai consulenti di Centro Computer, ci ha permesso di mettere in completa sicurezza e in modo trasparente, i documenti da noi poco utilizzati, rendendoli comunque sempre disponibili per le eventuali future consultazioni”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con un’organizzazione come Gi Group, azienda che ha creduto in noi e nel nostro supporto, affidandoci un progetto significativo come la creazione di un nuovo ambiente cloud in Azure,” spiega Roberto Vicenzi, Vice Presidente di Centro Computer. “Con la piattaforma Microsoft il cliente ha ottenuto notevoli miglioramenti in termini di prestazioni ed efficienza dei servizi, contando su strumenti di semplice utilizzo, che favoriscono un incremento globale della produttività e delle capacità, grazie all’elevata flessibilità e scalabilità offerte.”

In Gi Group è stato creato anche un ambiente di laboratorio, svincolato da quello di produzione, atto a erogare corsi di formazione agli utenti sull’utilizzo di tutte le applicazioni e gli strumenti Azure. Il progetto, ancora in corso, prevede inoltre la creazione di una rete VPN tra Azure China e Azure Brasil, verso Azure West Europe per realizzare una rete privata su Azure da utilizzare per abbattere i tempi di latenza tra Brasile e Cina verso i servizi attualmente ospitati nel data center situato a Milano.

“La perfetta integrazione dei sistemi Microsoft con Azure ci ha consentito di creare un ambiente ibrido integrato molto velocemente, e di poter beneficiare di tutti i vantaggi in termini di scalabilità, affidabilità e contenimento dei costi,” conclude Mangiavacca. “Per questo motivo stiamo valutando l’adozione di ulteriori servizi e applicazioni forniti da questa piattaforma per il prossimo futuro, per continuare a migliorare la qualità e la velocità dei nostri servizi.”



Contenuti correlati

  • Applicazioni SaaS, perché è importante prevedere un piano di backup

    Un rapporto IDC chiarisce che i fornitori di applicazioni SaaS, cioè ‘Software as a Service’, sono responsabili per il mantenimento della disponibilità della piattaforma software, ma non per eventi che causano perdita, inaccessibilità, corruzione o altri tipi...

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • Dall’Edge al Cloud

    È in pieno sviluppo un progetto europeo per la messa a punto di un meta sistema operativo per gestire il ‘continuum’ dall’IoT al Cloud. Il suo principio di progettazione fa leva sulle capacità sia del Cloud sia...

  • natuzzi SAP
    Natuzzi si affida a SAP per la transizione digitale dell’organizzazione

    Natuzzi è uno dei principali player mondiali nella produzione e distribuzione di arredamento di design e di lusso. Le sue capacità nel saper coniugare il design italiano con la manifattura artigianale valorizzano al meglio la tradizione del...

  • Schneider Electric: all’Innovation Summit di Parigi novità su innovazioni tecnologiche e collaborazioni

    Schneider Electric ha dato il via al suo Innovation Summit World Tour e sottolineato l’urgenza di promuovere un’azione immediata e una collaborazione continua per accelerare la transizione energetica e contrastare la crisi climatica. “Sulla scia del caldo...

  • Modernizzare la tecnologia di produzione

    Intelligenza artificiale e soluzioni basate sul cloud per l’aggiornamento di software e sistemi di controllo presso lo stabilimento di produzione più grande d’Europa di un gigante del settore chimico Emerson è stata scelta dalla multinazionale chimica LyondellBasell...

  • Paessler: come ottimizzare la gestione e il controllo degli ambienti cloud

    Negli ultimi anni, i responsabili delle infrastrutture IT si sono trovati ad affrontare questioni complesse legate al cloud e a porsi numerose domande sull’approccio migliore da adottare. Tante domande sul cloud È conveniente spostare i carichi di...

  • Schneider Electric collabora con Nvidia nella progettazione di data center

    Schneider Electric ha annunciato una collaborazione con Nvidia per ottimizzare l’infrastruttura dei data center e rendere possibili rivoluzionari progressi dettati da tecnologie quali l’edge artificial intelligence e i digital twin. Schneider Electric sfrutterà la propria esperienza in tema...

  • Ivan Gento Pariente Synology ransomware
    7 suggerimenti per riprendersi da un attacco ransomware

    Negli ultimi anni, gli attacchi ransomware si sono intensificati ed evoluti fino a diventare un modello di business, causando gravi danni in tutti i settori e provocando perdite significative di dati e beni per le organizzazioni. Il...

  • Schneider Electric Ecostruxure-IT-DCIM
    Report automatizzati di sostenibilità per data center con Schneider Electric

    Schneider Electric introduce nuove funzionalità “model based” e automatizzate di reportistica di sostenibilità nel software di gestione dell’infrastruttura Data Center (DCIM) EcoStruxure IT. Questa innovazione è il frutto di tre anni di investimenti strategici, test rigorosi e...

Scopri le novità scelte per te x