Transizione 4.0 e piani di sviluppo industriale, il punto sugli incentivi all’innovazione

Conviene di più fare investimenti in beni strumentali 4.0 già nel 2021 piuttosto che rimandare all’anno prossimo. Allo studio 45 progetti di sviluppo per le filiere produttive

Pubblicato il 9 giugno 2021

Transizione 4.0 è il nome che ha sostituito nel 2020 quello di Industria 4.0, ma non è solo un cambio di etichetta. Sono cambiate infatti le modalità che permettono di usufruire del beneficio fiscale per le imprese che effettuano investimenti in beni 4.0 e che oggi passano sostanzialmente attraverso la formula del credito d’imposta da portare in compensazione.

E proprio alla Transizione 4.0 sono destinate la maggior parte delle risorse messa a disposizione con la prima missione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, ovvero 13,5 miliardi di euro sui circa 50 miliardi complessivi per investimenti che permettano di compiere progressi reali nel percorso di digitalizzazione del paese.

Il governo, nel presentare il piano, ha fornito anche le stime del numero di aziende che potrebbero beneficiare dei crediti d’imposta finanziati con il piano: almeno 91 mila imprese fino al 2022 e di queste 68.400 effettueranno investimenti agevolati in beni strumentali 4.0 (1/3 circa in hardware e 2/3 in software), 20.600 finanzieranno investimenti in ricerca, innovazione e design e una parte residuale di 2.000 imprese in attività di formazione 4.0.

Lo schema delle aliquote è piuttosto articolato e tende a favorire chi effettua investimenti già nel 2021 piuttosto che nel 2022. Per esempio il credito di imposta per beni strumentali materiali è del 50% nel 2021 ma scende al 40% nel 2022. Anche per i beni strumentali tradizionali (quelli finanziati a deficit e non con le risorse del Pnrr perché hanno impatti potenzialmente negativi sull’ambiente) l’aliquota nel 2021 è del 10% e si abbassa al 6% nel 2022.

È stata bloccata in extremis la proposta di cessione dei crediti 4.0, che a parere della Ragioneria di Stato non avrebbe avuto sufficiente copertura finanziaria. La misura avrebbe dato un ulteriore impulso agli investimenti dal momento che il credito d’imposta sarebbe stato subito esigibile per esempio cedendo il credito a una banca, piuttosto che procedere con la compensazione in un anno o in tre anni, a seconda dell’ammontare dell’investimento. A tal proposito è stato però alzato il tetto degli investimenti, da 5 a 10 milioni di euro, entro cui il credito di imposta può essere portato in compensazione in un’unica quota annuale, ma anche questo vale solo per il 2021. Motivo in più per investire nell’anno in corso.

Contratti di sviluppo per filiere produttive
Il Pnrr destina inoltre 750 milioni di euro per le filiere produttive che dovrebbero attivare 1,5 miliardi di investimenti privati. Stando alle prime indicazioni dovrebbero essere finanziati 45 progetti di sviluppo, ognuno dei quali dovrebbe contare su 15-16 milioni di risorse pubbliche e più del doppio per investimenti da parte di privati. La platea di imprese coinvolte in questo caso sarebbe più ampia: circa 390 mila per 12 filiere strategiche, dall’automotive al turismo, dalla biofarmaceutica all’economia green della transizione energetica.

Per esempio tra i piani Ipcei (important projects of europen common interest) che ha riscosso molto interesse da parte dei privati c’è quello sulle batterie. In cantiere anche progetti su cloud, microelettronica, idrogeno, salute, materie prime e cybersecurity. Una parte dei contratti di sviluppo sarà gestita da Invitalia, in particolare quelli che mirano a favorire l’industrializzazione dei risultati di ricerca. I progetti legati al recovery plan andranno ultimati dopo tre anni dalla concessione delle agevolazioni ed entro il 2026: questo significa che per definire le procedure dei contratti di sviluppo ci sono poco più di due anni a disposizione.

 

Fonte foto: Industria: immagini, foto stock e grafica vettoriale | Shutterstock

Franco Metta



Contenuti correlati

  • Il mondo dell’automazione si scopre resiliente

    Di necessità, virtù: i diversi avvenimenti che hanno messo alla prova la tenuta del sistema industriale italiano hanno lasciato un’eredità positiva nelle imprese, tra investimenti lungimiranti e un rinnovato interesse per l’automazione. Dalla Ripresa alla Resilienza: il...

  • Houston, we have a problem!

    Avevamo appena pensato di poter tirare il fiato. La pandemia sembrava aver imboccato la strada della conclusione ed ecco la guerra. Una catastrofe dietro l’altra… Leggi l’articolo

  • A SPS Italia 2022 il convegno Transizione 4.0: l’opportunità diventa un pericolo se…

    Transizione 4.0 rappresenta anche un pericolo? A quasi cinque anni dall’introduzione delle agevolazioni di Industria 4.0, gli Ingegneri dell’Informazione tracciano un bilancio sull’esperienza reale tra soluzioni di successo e gravi errori, che comportano sanzioni per le aziende che non...

  • A Milano si parla di trasformazione digitale e innovazione

    Lo sviluppo delle tecnologie digitali e delle relative implementazioni richiedono di modificare l’ambiente organizzativo delle aziende. Questi cambiamenti, in parte indotti dall’uso di nuove tecnologie, vengono spesso descritti come un processo chiamato “Digital Transformation”. La Digital Transformation...

  • SPS Italia, i dettagli dell’edizione 2022

    Si svolgerà a Parma la prossima edizione di SPS Italia, dal 24-26 maggio. ‘Persone, Tecnologie, Prospettive’ è il claim di quest’anno, che darà spazio a temi quali la sostenibilità in ambito industriale, l’inclusione, le competenze e le...

  • Pnrr, dall’11 aprile le domande per i nuovi Contratti di sviluppo

    Destinati 3,1 miliardi per investimenti nelle filiere industriali strategiche e innovative tra cui rinnovabili e batterie Leggi l’articolo

  • PNRR, incentivi per l’elettronica innovativa entro il 16 maggio

    Fino al 16 maggio le imprese italiane possono presentare domanda per richiedere incentivi a sostegno della ricerca, progettazione e produzione di elettronica innovativa, come stabilito dal Ministero dello sviluppo economico. Per favorire gli investimenti nel settore e...

  • IIoT: Siemens innova ogni giorno, conquistando importanti riconoscimenti in Europa e nel mondo

    Siemens è nella Top 5 della classifica dei brevetti presentati in Europa: con 1.720 domande di brevetto presentate all’European Patent Office (Ufficio Europeo Brevetti) Siemens conferma il suo ruolo di leader in ambito tech e innovazione. In...

  • Si apre domani A&T, con gli Ambassador dell’Innovazione, novità dell’edizione 2022

    Il 2022 deve essere, nonostante gli effetti della pandemia e le tensioni geopolitiche internazionali, l’anno della ripartenza. Nessuna economia mondiale può permettersi di perdere ulteriore tempo: servono interventi di sviluppo straordinario e strutturale, che investano gli assetti...

  • PNRR, incentivi imprenditoria femminile: domande da maggio

    Prende il via il Fondo del Ministero dello sviluppo economico che incentiva le donne ad avviare e rafforzare nuove attività imprenditoriali per realizzare progetti innovativi. Si tratta di un intervento cardine dell’azione di governo, inserito tra le...

Scopri le novità scelte per te x