La termografia per rompere la catena dell’infezione

La pandemia del Coronavirus ha chiaramente dimostrato al mondo intero cosa può fare un virus altamente contagioso. Turisti e viaggiatori hanno involontariamente contribuito a diffondere la malattia. Individuare le persone infette all'arrivo negli aeroporti è fondamentale per interrompere una potenziale catena di infezioni. Qui le termocamere possono dare un contributo decisivo. Grazie ai motori Faulhaber, queste telecamere sono in grado di fornire immagini e valori di misura precisi in una frazione di secondo

Pubblicato il 28 aprile 2021

L’idea del monitoraggio della temperatura di massa non è una novità. La sua introduzione e il suo maggiore utilizzo è stato richiesto a causa delle epidemie localizzate causate dai virus SARS, MERS ed Ebola. In considerazione degli elevati rischi per la salute che questi virus comportano, alcuni paesi hanno già iniziato alcuni anni fa ad utilizzare scanner termici negli aeroporti e in altri punti di arrivo, al fine di ostacolare almeno la diffusione delle malattie. In seguito al Covid-19, questo metodo è al momento sempre più utilizzato in tutto il mondo.

La febbre è solitamente un sintomo di una malattia infettiva. Anche se l’aumento della temperatura non è necessariamente causato dal Coronavirus, è comunque un’indicazione che è necessario un esame più approfondito. Se tale sintomo viene riscontrato in un viaggiatore, è possibile eseguire test mirati e adottare ulteriori misure immediate.

Veloce e senza contatto
Uno dei principali vantaggi della misurazione della temperatura mediante termocamere è l’idoneità al monitoraggio di massa. Oltre ad essere senza contatto, la procedura richiede solo pochi secondi e può essere automatizzata. Ciò significa che può essere impiegata negli aeroporti, ai controlli di frontiera o in altre situazioni “chiuse” senza che la libertà di movimento ne venga significativamente limitata o che un gran numero di persone debba sottoporsi a procedure complicate. Anche la Corea del Sud, ad esempio, ha adottato questo metodo durante le elezioni parlamentari del 15 aprile 2020: la temperatura corporea di ogni elettore è stata misurata prima che entrasse nel seggio elettorale. Questo potrebbe essere il motivo per cui il Paese è riuscito a controllare il Coronavirus particolarmente bene rispetto al resto del mondo.

L’angolo interno della palpebra è il punto più adatto sul viso di una persona per una misurazione della temperatura rapida e relativamente affidabile. A differenza della fronte, ad esempio, che può raffreddarsi notevolmente a causa del sudore, la temperatura nell’angolo dell’occhio è estremamente costante. Essa può essere determinata utilizzando la radiazione a infrarossi emessa dalla superficie del corpo. La maggior parte delle termocamere cattura questa radiazione in modo simile alle normali fotocamere digitali utilizzando un sensore di immagine fino ad un milione di pixel.

Ogni pixel è un minuscolo bolometro, un ricevitore termico che misura pochi micrometri quadrati. Con uno spessore di solo 150 nanometri, esso viene riscaldato dalla radiazione termica in meno di 10 millisecondi di circa un quinto della differenza di temperatura tra quella dell’oggetto e la sua stessa temperatura. La somma di questi valori viene utilizzata per calcolare il profilo di temperatura sulla superficie catturata. In una rappresentazione visuale, questo produce un’immagine termica con le note sfumatura di colore: più luminoso è il colore, maggiore è la temperatura.

Pixel termici e misurazioni
Oltre al bolometro, ci sono altri metodi per la misura ottica e senza contatto della temperatura. Alcuni tipi di sensori rilevano ad esempio la lunghezza d’onda della radiazione e ne ricavano la temperatura. I bolometri e il rilevamento della lunghezza d’onda non vengono utilizzati solo per la misurazione clinica della temperatura negli esseri umani. Un’altra applicazione comune è la ricerca di perdite di temperatura nell’isolamento degli edifici. L’immagine termica colorata indica immediatamente dove si perde il calore – o il freddo nel caso dell’aria condizionata.

Un’applicazione molto meno conosciuta ma diffusa per la termografia è il controllo di qualità. Che si tratti di metallo, plastica o vetro – una temperatura impostata con precisione durante le fasi di trattamento termico è spesso un fattore decisivo per la qualità di un prodotto. Questo è il motivo per cui processi come la laminazione a caldo o la tempra del vetro sono spesso monitorati mediante termocamere. Nel caso delle celle solari, la termografia rivela danni alla struttura identificando “punti caldi” ad alto consumo di energia. La termografia gioca anche un ruolo chiave nella tecnologia di sicurezza. Una scansione termica può, ad esempio, rendere visibili componenti surriscaldati molto prima che questi raggiungano una condizione critica.

Nella ricerca atmosferica e spaziale, viene utilizzato un metodo completamente diverso: il fotorilevatore a infrarossi a pozzo quantico (QWIP – quantum well infrared photodetector). Esso è costituito da strati alternati semiconduttori estremamente sottili ed utilizza un effetto quantico. Gli strati limitano gli stati quantomeccanici che una particella può assumere. Le onde infrarosse in arrivo influenzano lo stato e da questo è possibile ottenere immagini significative. Queste immagini sono caratterizzate da “colori” ad altissima risoluzione.

Esistono anche dispositivi che non utilizzano la radiazione termica disponibile, ma fanno invece uso di un’illuminazione attiva. Una sorgente di luce a infrarossi illumina la scena osservata allo stesso modo di una normale lampada fotografica: la termocamera diventa un dispositivo di visione notturna. Questo metodo viene utilizzato, ad esempio, nelle operazioni antiterrorismo in stanze buie. La luce a infrarossi rimane invisibile agli individui mirati.

Ottiche nel movimento motorizzato
Indipendentemente dal metodo utilizzato, le onde elettromagnetiche devono sempre essere “raccolte”, raggruppate e dirette per essere misurate e trasformate in immagini. Questo avviene essenzialmente nello stesso modo della fotografia convenzionale in luce visibile. Vengono utilizzati gli stessi elementi ottici: gli obiettivi vengono spostati per la messa a fuoco e lo zoom, i diaframmi vengono impostati, i filtri vengono posizionati e gli otturatori azionati. Nel caso del bolometro ampiamente utilizzato, i pixel termici devono inoltre essere ricalibrati a brevi intervalli in modo che i punti con la stessa temperatura abbiano nell’immagine la stessa luminosità. A tale scopo, la maggior parte dei dispositivi dispone di un otturatore nero che viene spostato automaticamente davanti al sensore al fine di regolare tutti i pixel allo stesso valore. Più velocemente si muove l’otturatore, più breve sarà il tempo durante il quale non sarà possibile eseguire la misura.

Per consentire la messa a fuoco e lo zoom, i dispositivi ottici sono spesso dotati di micromotori DC a spazzole con commutazione a metalli preziosi della serie 1524 … SR. Questi raggiungono valori prestazionali estremamente elevati con requisiti di spazio minimi. I motori che misurano 8-10 mm di diametro vengono utilizzati nei casi in cui gli azionamenti devono adattarsi a microlenti minuscole. Ad esempio, i motori passo-passo del tipo DM0620, in combinazione con una vite conduttrice integrata, sono ideali per spostare filtri e otturatori. Faulhaber offre anche una vasta gamma di motori, nonché riduttori, encoder e altri accessori abbinati. Essi forniscono la soluzione ottimale per quasi tutte le applicazioni. I componenti di azionamento possono essere trovati in molti dispositivi ottici convenzionali dove sono stati testati e comprovati con successo per molti anni. Ciò vale anche per l’allineamento automatico e motorizzato delle telecamere su supporti pan-tilt. I motori passo passo Faulhaber compatti e a bassa vibrazione sono concepiti in particolare per questo tipo di applicazioni.



Contenuti correlati

  • Il futuro intelligente dell’agricoltura

    Che si tratti di computer quantistici, di turismo spaziale o di tecnologie basate sull’idrogeno, l’avanguardia tecnologica si concentra su argomenti in continua evoluzione. Stranamente, quello spesso trascurato è proprio il settore più importante: l’agricoltura. Questo nonostante sia stata in...

  • Catene del freddo per trasporto di medicinali

    Molti biomateriali, ad esempio per le terapie cellulari e genetiche (CGT) e per i vaccini mRNA altamente efficaci contro il Covid-19 e l’Ebola, richiedono temperature estremamente basse in tutte le fasi della catena di distribuzione, sia per...

  • Flir Txxx with DFOV
    Obiettivo per termocamere Flir con doppio campo visivo

    Teledyne Flir ha reso disponibile il nuovo obiettivo FlexView dual field-of-view Dfov (campo visivo doppio) per termocamere della serie Axxx e Txxx, progettato per migliorare efficienza operativa, sicurezza e precisione dai centri di distribuzione elettrica fino agli...

  • Una macchina per colata automatica ottimizzata con il supporto di Mondial

    Il Gruppo Mondial si qualifica come partner di riferimento per le aziende nei campi della meccanica avanzata e della meccatronica applicata, in una prospettiva di servizio all’avanguardia, con prodotti di prim’ordine e soluzioni integrate su misura. Grazie...

  • termocamere Flir rilevazione ottica gas
    Come sfruttare al meglio le termocamere per la rilevazione ottica di gas

    Grazie alla tecnologia OGI, l’industria petrolifera può attuare un programma di rilevamento e riparazione delle fughe ‘Smart LDAR’ (Leak Detection and Repair) più sicuro ed efficiente, che consente agli ispettori di rilevare più rapidamente emissioni fuggitive e...

  • Fluke MediClinic telecamera acustica
    Termocamera acustica Fluke per rilevare le perdite di gas medicali

    Un utilizzo innovativo della telecamera acustica industriale ii900 di Fluke ha consentito a un gruppo che opera nella cura di pazienti di migliorare i livelli di sicurezza in più strutture ospedaliere, nonché di conseguire gli ambiziosi obiettivi...

  • Si rafforza la partnership fra KEB Automation e Promotech

    KEB Automation, multinazionale che sviluppa soluzioni meccaniche ed elettroniche per l’automazione industriale e Promotech, noto player nella distribuzione di materiale elettrico ed elettronico, rinnovano l’accordo di collaborazione e rafforzano la partnership con l’obiettivo di una reciproca estensione...

  • Tech boys and girls: Federica Bondioli

    La ricercatrice di questo mese è Federica Bondioli. Anche con lei, come da tempo siamo abituati a fare, iniziamo a dialogare per riuscire, anche solo in parte, a divulgare gli enormi progressi che sta compiendo la ricerca...

  • Gli sviluppi tecnologici del diritto societario

    Nella pubblicazione viene affrontato il tema dell‘introduzione delle tecnologie digitali negli assetti organizzativi e nei meccanismi di corporate governance interrogandosi anche sul corretto equilibrio tra benefici attesi e rischi potenziali Leggi l’articolo

  • A SPS Italia 2022, il successo delle soluzioni presentate da Panasonic Industry

    L’edizione 2022 di SPS Italia si conferma un successo per Panasonic Industry: più visite da parte dei costruttori di macchine e system integrator, mentre la fiera è cresciuta rispetto all’ultima edizione in presenza del 2019. Al centro dello...

Scopri le novità scelte per te x