Sostenibilità e competitività: due aspetti della stessa medaglia

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 8 aprile 2024

Per le aziende la sostenibilità è un impegno vero, necessario per garantire un futuro prospero, responsabile e competitivo

Aumentare il profitto, la redditività, la produttività sono tutti obiettivi a cui ogni azienda aspira ma senza mettere in secondo piano ambiente e società. Le aziende devono essere sostenibili bilanciando necessità economiche, sociali e ambientali, e garantendo che le decisioni e le azioni prese oggi non compromettano le necessità delle future generazioni. Visione a lungo termine, dunque, sia pensando alla reddittività finanziaria, e quindi inevitabilmente a un vantaggio competitivo, sia pensando all’impatto ambientale e sociale di tutte le operazioni e quindi a un aspetto più etico. Abbiamo parlato di sostenibilità e competitività con Stefania Iandolo, direttore Sustainability, Environment, Real Estate director di Schneider Electric (www.se.com/it), Paola Casiraghi, marketing manager di Rittal & Eplan (www.rittal.com – www.eplan.it), Chiara Rovetta, field communication coordinator di Omron (https://omron.it), Pasquale Lambardi, CEO e presidente di gruppo Relatech (https://relatech.com), Alessio Nava, MD & country sales leader Italy di Eaton (www.eaton.com/it), Elio Bolsi, general manager di wenglor sensoric italiana (www.wenglor.com/it), Gabriele Di Bella, responsabile Sustainability/ESG e responsabile di impatto di Termo (https://termo.com/), Alessandro Redavide, responsabile marketing e communication Robotics, Drives Motion & Controls di Yaskawa (www.yaskawa.it), Raffaella Ghizzoni, Sustainability manager di Siemens Italia (www.siemens.com/it/it).

Quali sono i fattori chiave che definiscono un’azienda sostenibile?

Stefania Iandolo: In generale, possiamo dire che le aziende sostenibili si distinguono per vari fattori chiave, tra cui: riduzione dell’impatto ambientale, adottando pratiche a basse emissioni di carbonio e riducendo gli sprechi di risorse; responsabilità sociale, coinvolgendo attivamente le comunità locali, promuovendo la diversità e garantendo condizioni di lavoro etiche; efficienza operativa, ottimizzando i processi per ridurre i costi e l’impatto ambientale; trasparenza e governance etica, adottando politiche trasparenti e pratiche di business etiche; non ultima, per importanza, un’innovazione sostenibile, sviluppando prodotti e soluzioni che riducono l’impatto ambientale e contribuiscono a uno sviluppo sostenibile. Questi concetti sono chiaramente espressi nella nostra strategia di sostenibilità e trasformati in sei impegni a lungo termine comunicati ai nostri stakeholder e sui quali veniamo misurati. Paola Casiraghi: La sostenibilità è per Rittal una responsabilità aziendale e sociale nei confronti dell’ambiente, della popolazione, ma anche una responsabilità nello sviluppare, produrre e commercializzare prodotti, soluzioni e processi sostenibili. È un tema molto sentito, tanto che già nel 1989 è stato inserito tra i nostri principi aziendali. Uno di essi infatti recita: “Siamo consapevoli della nostra responsabilità nei confronti dell’ambiente che ci circonda ed è per questo che vogliamo contribuire alla sua salvaguardia e al suo miglioramento”. Chiara Rovetta: La sostenibilità è molto più di una semplice pratica. È una vera e propria filosofia che guida l’azienda nelle proprie pratiche di governance, di gestione della forza lavoro, di impatto sociale e ambientale. La visione congiunta e strategica di queste tre dimensioni è il vero fattore abilitante della sostenibilità, intesa come capacità di proiettarsi nel futuro arricchendo ciò che si ha intorno. Pasquale Lambardi: Stiamo vivendo in un’era di rivoluzione tecnologica, dove le potenzialità del digitale sembrano non avere più confini per gestire e, anzi, migliorare il nostro quotidiano, sia personale sia professionale. E ciò anche in relazione alla sostenibilità, un aspetto per il quale è molto importante non scordarsi il ruolo centrale dell’uomo. La digital transformation o, meglio, la digital evolution, e l’utilizzo delle nuove tecnologie non possono prescindere dal fattore umano. Qualsiasi progetto deve essere guidato da persone, tra i cui obiettivi, vi è anche quello di scrivere le pagine di un futuro migliore: per l’azienda in cui lavorano, l’ecosistema in cui essa si inserisce, il contesto a cui si rivolge. Il concetto di sostenibilità, che oggi è indiscutibilmente legato a quello di digitalizzazione, perderebbe il suo senso più profondo se così non fosse. Se da un lato i grandi progetti, come quelli che il gruppo Relatech sta portando avanti, contribuiscono a migliorare la competitività delle imprese attraverso una digitalizzazione sostenibile dei loro modelli di business, dall’altro sono un vero e proprio trampolino orientato verso il futuro che, per assoluta necessità di tutti, deve essere sostenibile, per definizione. Per questo motivo, il primo dei fattori chiave che definisce un’azienda sostenibile è il suo ‘Capitale Umano’: è questo il punto di partenza attorno al quale incardinare un efficace modello di crescita sostenibile, che non può fare a meno di ignorare aspetti di responsabilità legati al sociale, all’ambiente e alla gestione in ottica etica. Relatech, infatti, in linea con il proprio bilancio di sostenibilità ESG, pone al primo posto della propria catena del valore lo human capital, patrimonio indiscusso dell’azienda e sul quale riponiamo molta attenzione in termini di investimenti attraverso percorsi di crescita professionali. Alessio Nava: Per valutare la sostenibilità di un’azienda è necessario considerare molteplici fattori. È sicuramente fondamentale allargare il campo e guardare all’intera filiera: con questa consapevolezza, per esempio, Eaton presta la massima attenzione nella scelta dei fornitori, cui chiede di aderire a un Supplier Code of Conduct, e ha preso parte alla Responsible Business Alliance (RBA). Un altro aspetto da non sottovalutare è legato all’impronta ecologica dei prodotti immessi sul mercato. Qui entra in gioco il concetto di economia circolare: adottare un approccio no-waste cambia radicalmente l’attività di un’azienda, in termini di sviluppo, produzione e manutenzione dei prodotti, allo scopo di massimizzarne la resilienza. A richiederlo è anche l’opinione pubblica: secondo l’ultimo ‘Circularity gap report‘, realizzato da Circle Economy Foundation e Deloitte, i dibattiti e gli approfondimenti sul tema sono infatti triplicati negli ultimi cinque anni. Eppure, sempre secondo l’analisi, il tasso di circolarità non segue lo stesso andamento: nel 2018 era infatti al 9,1%, mentre nel 2023 risulta sceso al 7,2%. Molto quindi ancora resta da fare, anche negli ambiti che ci riguardano da vicino, come i settori dell’edilizia e manufatturiero. Ultimo ma non per importanza: la sostenibilità non deve essere ‘solo’ ambientale, ma anche sociale e di governance. Le aziende devono porre la massima attenzione al contesto in cui si inseriscono e all’impatto che hanno sulla comunità, specialmente nel caso degli impianti produttivi. È necessario coinvolgere i diversi stakeholder, valutarne le aspettative e analizzare nel dettaglio le caratteristiche dell’area, anche in termini di domanda e offerta di lavoro. Oltre che all’esterno, bisogna inoltre lavorare all’interno delle aziende stesse, favorendo lo sviluppo di un clima positivo tra i dipendenti, promuovendo la diversity e l’inclusion, oltre che proponendo formazione continua. Elio Bolsi: Un’azienda sostenibile è caratterizzata da un impegno profondo e tangibile verso i 3 pilastri della sostenibilità: economia, ambiente e sociale, strettamente interconnessi e con un ruolo fondamentale nella creazione di un futuro sostenibile. Questo impegno si riflette in diverse caratteristiche distintive che permeano l’intera organizzazione. Prima di tutto, un’azienda sostenibile adotta pratiche ambientali responsabili per ridurre il suo impatto ambientale attraverso l’uso efficiente delle risorse naturali, la gestione responsabile dei rifiuti, la riduzione delle emissioni di gas serra e l’adozione di energie rinnovabili. Un altro aspetto fondamentale è la promozione del benessere sociale nei confronti delle comunità in cui opera. Ciò implica il rispetto dei diritti umani, il supporto alle comunità locali, la promozione della diversità e dell’inclusione, e la gestione attenta della catena di approvvigionamento per garantire condizioni di lavoro dignitose per tutti i dipendenti coinvolti. Un ulteriore fattore chiave è sicuramente l’innovazione sostenibile: questo significa che l’azienda è impegnata in una costante attività di ricerca di modi innovativi per migliorare le proprie pratiche e prodotti, adottando soluzioni che durino nel tempo, che siano sostenibili, che riducano al minimo gli sprechi e che abbiano il minor impatto ambientale possibile. Gabriele Di Bella: È difficile stabilire criteri standard per definire un’azienda sostenibile, sebbene la legislazione europea stia provando a tracciare delle logiche attraverso la tassonomia delle attività ecosostenibili, ovvero un insieme di criteri quantitativi e qualitativi per definire se le attività svolte da un’organizzazione siano ecosostenibili o meno. A mio avviso, penso sia più efficace valutare l’impegno concreto che ogni azienda mette nel percorso verso la sostenibilità. Si può partire dalle cose più semplici, per esempio differenziare i propri rifiuti, porre attenzione ai consumi elettrici, fino ad arrivare a iniziative più articolate, come l’adozione di fonti energetiche rinnovabili. Ciò che conta è che ogni azienda cominci a mettersi nell’ottica che la sostenibilità fa ormai parte delle proprie responsabilità. Alessandro Redavide: Trovare il giusto equilibrio garantendo un business di successo che sia allo stesso tempo sostenibile. Questa è una delle priorità dell’intero Gruppo Yaskawa che, coerentemente con il claim ‘Shaping the future. Sustainably. Together’, ha come scopo principale la creazione di valore sociale e la promozione della sostenibilità attraverso il suo business. In oltre 100 anni di attività, infatti, abbiamo compreso che non servono parole e promesse ma fatti concreti e per questo motivo abbiamo ampiamente lavorato in un’unica direzione: unire la cultura orientale tipica della nostra origine giapponese alle modalità operative occidentali in uso nel cuore dell’Europa. Combinando meccatronica, umatronica e clean power, e mescolando magistralmente macchinari e tecnologia nel pieno rispetto di sostenibilità e ambiente, affrontiamo infatti quotidianamente le sfide del mercato. Inoltre, a livello globale, Yaskawa ha adottato e tradotto in pratica la maggior parte degli obiettivi definiti dalle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs), che vanno di pari passo con le 5 aree dei suoi principi di gestione: miglioramento della qualità del lavoro attraverso l’automazione con la conseguente libertà dal cosiddetto ‘3DLabor’ (dove le 3D stanno per Dirty, Dangerous e Demeaning); risparmio di energia e riduzione dell’impatto ambientale; aumento dell’uso di energia rinnovata; approvvigionamento alimentare stabile; contributo al settore medico e assistenziale. Tutti questi sforzi sono volti a guidare l’evoluzione all’interno di una società in cui l’utilizzo di IoT e AI stanno diventando sempre più fondamentali. Inoltre, va sottolineato come la nostra azienda voglia contribuire attivamente alla realizzazione di una società sostenibile attraverso azioni proattive rispettose dell’ambiente. A tal proposito, mira a ridurre il proprio consumo di carbonio globale del 36% entro il 2030 e a essere carbon ‘zero emission’ in tutto il mondo entro il 2050. Questo impegno diventa concreto, ad esempio, nella nuova sede dell’headquarter europeo inaugurata nel 2023 e progettata nel rispetto dei più elevati standard costruttivi in termini di impatto ecologico, conservazione delle risorse ed efficienza energetica, secondo lo standard ‘Efficiency Building 4.0’ di KfW, incluso il pacchetto supplementare di efficienza energetica. Raffaella Ghizzoni: Cosa significa per un’azienda essere sostenibile? Per sostenibilità aziendale si intende la capacità e l’impegno di un’impresa nel crescere e sviluppare le proprie attività garantendo e favorendo le risorse e gli elementi che consentono alla vita sulla terra di proliferare. Quindi, un’azienda sostenibile è quella che integra i principi ESG nel proprio DNA come guida delle proprie strategie e azioni quotidiane. Ci sono due dimensioni in cui una realtà aziendale può focalizzare i propri sforzi per diventare sostenibile: l’approccio della stessa alle proprie attività e quello rivolto ai propri clienti, al mercato. Partendo dal primo, questo è rappresentato appunto dall’impresa stessa, con i propri siti operativi, cioè gli uffici, le fabbriche, i propri prodotti e processi produttivi, nonché la catena di fornitura. Nel 2021 Siemens ha voluto rivedere e rilanciare il proprio impegno, dando forma a un programma di sostenibilità denominato Degree, che non solo prevede obiettivi concreti e azioni specifiche, ma rappresenta l’approccio di Siemens a 360° verso tutti gli stakeholder, a partire da clienti, fornitori, investitori, persone, società e Pianeta. E rappresenta il vero DNA dell’azienda. Le 6 priorità definite nel programma Degree sono: Decarbonization, a supporto del contenimento dell’innalzamento della temperatura globale; Ethics, per favorire una cultura di fiducia, aderire a standard etici, gestire i dati con attenzione; Governance, basata sull’applicazione di sistemi all’avanguardia per condurre business in modo efficace e responsabile; Resource Efficiency, per raggiungere circolarità e dematerializzazione; Equity, a favore di diversità, inclusione e sviluppo delle comunità per creare senso di appartenenza; Employability, per abilitare le nostre persone ad essere sempre più resilienti e rilevanti in un contesto in continuo cambiamento. L’altro ambito è costituito dall’approccio al proprio mercato, per supportare i clienti nello sviluppo della propria sostenibilità. Il business di Siemens è focalizzato nell’abilitare appunto i propri clienti a raggiungere un impatto sostenibile positivo attraverso tre linee di value proposition: decarbonization & energy efficiency, resource efficiency & circularity, people centricity & societal impact.

Il percorso verso la sostenibilità richiede impegno, innovazione, visione a lungo termine… Quali sono stati i passaggi che la sua azienda ha dovuto attraversare per essere sostenibile?

Iandolo: È stato un viaggio, da quando abbiamo iniziato 15 anni fa, misurare e monitorare i nostri progressi attraverso la nostra dashboard Schneider Sustainability Impact (SSI), articolato su 21 obiettivi raggruppati sotto le tematiche clima, economia circolare, salute ed equità, etica e sviluppo. Nel corso degli anni, abbiamo orientato le nostre azioni attraverso obiettivi a breve termine (rinnovati ogni 3-5 anni), in modo da poter ruotare secondo necessità, per soddisfare le esigenze dell’ambiente, della società e della nostra economia. Per ogni passo in avanti c’è sempre stato un obiettivo comune condiviso da tutte le parti coinvolte: combattere il cambiamento climatico, aiutare il mondo a ridurre le emissioni di anidride carbonica, in modo da poter mantenere l’aumento delle temperature medie globali a 1,5 °C o al di sotto dell’epoca preindustriale. Su questo impegno, Schneider Electric ha definito un percorso di decarbonizzazione con step validati da SBTi, che prevede azioni chiare nei tre scopi di decarbonizzazione iniziando dalla decarbonizzazione del nostro perimetro per procedere lungo tutta la catena di valore, supportando i clienti a ridurre fino ad azzerare anche le loro emissioni di CO2. Ma non è tutto, abbiamo anche continuato a spingere per una maggiore diversità e inclusione e per il valore dell’etica e della trasparenza, con uno sguardo fatto di impegni concreti anche nelle scuole e nelle Università per lo sviluppo formativo delle nuove generazioni. Nonostante le sfide della pandemia nel biennio 2020-2021 e, successivamente, della crisi in Ucraina, che hanno causato tanti sconvolgimenti nella nostra vita quotidiana, siamo orgogliosi non solo d’aver mantenuto la nostra concentrazione, ma d’aver superato i nostri obiettivi. Ad oggi lo Schneider Sustainability Index, che è l’indicatore delle nostre performance di sostenibilità, ha superato l’obiettivo fissato per il 2023 ed è proiettato al raggiungimento dell’obiettivo 2025. Casiraghi: Come anticipato, il tema della sostenibilità è radicato da tempo nella cultura sia di Rittal sia dell’intero Friedhelm Loh Group, ed è perseguita attivamente attraverso diversi approcci sinergici. Un elemento chiave dell’impegno sociale dell’azienda è la Fondazione Rittal: un ente senza scopo di lucro, costituito nell’autunno del 2011 dal Professor Friedhelm Loh, proprietario e CEO del nostro gruppo, in occasione del 50° anniversario della società, che si dedica alla promozione e al finanziamento di attività in ambito sociale, educativo e culturale in particolare nella regione dell’Assia. Queste scelte sottolineano sia la connessione con il territorio, sia l’intento di contribuire a plasmare lo sviluppo sociale nel proprio ambiente e rafforzare la cooperazione nella società. Un altro aspetto importante è la gestione e la conservazione delle risorse, che perseguiamo promuovendo il miglioramento continuo dei processi produttivi e la garanzia che i nostri prodotti abbiano la più bassa impronta di carbonio possibile. Ad esempio, Rittal è stata una delle prime aziende ad adottare refrigeranti senza CFC già nel 1992. Ovviamente, oltre a sviluppare soluzioni utili a permettere ai nostri clienti di combinare innovazione e rispetto per l’ambiente, l’azienda adotta alcuni comportamenti mirati ad accrescere la propria sostenibilità, ad esempio la sede italiana Rittal a Pioltello è stata progettata con un principio costruttivo green, mentre lo stabilimento produttivo Rittal di Valeggio sul Mincio è stato recentemente rimodernato per ridurre l’impatto ambientale. Rovetta: Sin dalla fondazione, Omron è cresciuta creando valore sociale e contribuendo allo sviluppo della società. La forza trainante della sua crescita è chiara già nella missione aziendale, migliorare la vita e contribuire a una società migliore, che incarna lo spirito dell’azienda come istituzione pubblica, la sua ambizione di essere pioniera nel creare innovazione a beneficio di tutti. Nell’aprile 2022 abbiamo iniziato a realizzare la nostra visione a lungo termine, Shaping the Future 2030 (SF2030), attraverso la quale abbiamo identificato tre aree in cui possiamo sfruttare al meglio i nostri punti di forza nell’automazione, negli asset dei clienti e negli asset aziendali per avere un impatto significativo sulla società: raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio; realizzare una società digitale; estendere l’aspettativa di vita sana. Allo stesso tempo, abbiamo identificato le principali problematiche materiali sostenibili e le abbiamo inserite per la prima volta nella nostra visione, abbiamo fissato gli obiettivi a lungo termine per l’anno 2030 e abbiamo definito gli obiettivi di sostenibilità nel nostro piano di gestione a medio termine. Tra questi temi materiali, riteniamo che le questioni ambientali, tra cui il cambiamento climatico, e quelle relative ai diritti umani nella catena del valore siano di urgente importanza. Queste saranno le nostre principali priorità da affrontare come gruppo. Lambardi: È vero, non si diventa sostenibili da un giorno all’altro, ma serve un impegno concreto che, con obiettivi chiari e un’adeguata pianificazione, deve necessariamente vedere tutti coinvolti. L’impegno di Relatech in termini di sostenibilità trae ispirazione e fondamento da quanto dettato dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile e trova la sua espressione nei tre pilastri Human Value, Open Innovation ed Ecosistema Strategico. La nostra è una visione orientata al lungo termine, che finora ci ha visto crescere step by step per linee interne ed esterne, queste ultime mediante una serie di acquisizioni, aziende altamente specializzate nelle Digital Enabler Technologies, tra cui, tra le più recenti EFA Automazione, BTO, solo per citarne alcune. L’obiettivo è quello di plasmare una realtà il cui modello globale si basa su valori di crescita sostenibile, come il know-how condiviso, la ricerca, l’innovazione e l’apporto insostituibile del capitale umano. Ancora molta strada è da percorrere, ma siamo certi che, insieme al nostro ecosistema di stakeholder, riusciremo a contribuire fattivamente ai 2030 Goals, apportando un valore aggiunto circolare e sensibilizzando tutti gli attori del nostro network verso un approccio più sostenibile. Nava: La sostenibilità guida da sempre le nostre azioni. A livello globale, Eaton si impegna a costruire un futuro migliore per il pianeta e per i cittadini. Con queste premesse, intendiamo investire a livello globale 3 miliardi di dollari entro il 2030 in ambito Ricerca&Sviluppo sostenibile, proseguendo l’impegno già intrapreso a partire dal 2020 (con 258 milioni di dollari investiti in R&D per lo sviluppo di soluzioni con un impatto positivo). Tra i nostri prodotti pensati per favorire la transizione energetica, possiamo citare ad esempio le soluzioni per l’accumulo d’energia xStorage e la nostra gamma completa di unità e apparecchiature di ricarica per veicoli elettrici, sistemi di gestione dell’energia e software avanzati per l’integrazione, la protezione e la sicurezza delle infrastrutture e delle persone. La nostra tecnologia ed expertise è al servizio della sostenibilità dei clienti ma anche della stessa Eaton: l’approccio ’Buildings as a Grid’, che vede gli edifici come una rete con l’obiettivo di trasformarli in hub energetici, è stato per esempio applicato anche alla nostra sede di Le Mont-sur-Lausanne, in Svizzera, che rappresenta un centro di eccellenza dedicato alla ricarica dei veicoli elettrici. La trasformazione implementata ha permesso un significativo risparmio sulle bollette energetiche e ha ridotto le emissioni di carbonio mediamente di una tonnellata al mese. Più in generale, Eaton sposa gli obiettivi di sviluppo sostenibile condivisi dalle Nazioni Unite con l’Agenda 2030: siamo parte del World Business Council on Sustainable Development (WBCSD) e abbiamo aderito al Global Compact delle Nazioni Unite. All’interno di questo scenario, ci siamo impegnati nel migliorare il tracciamento dell’impronta di carbonio dei nostri prodotti e dei materiali utilizzati. Nel 2021, è stato inoltre lanciato il programma ‘zero-water discharge’, che portiamo avanti con l’obiettivo di ridurre l’impatto idrico dell’azienda. Gli stessi dipendenti sono coinvolti in prima persona: è stato infatti istituito il team ‘Green Guardians’, composto da circa 900 persone che hanno il compito di sviluppare idee e promuovere azioni condivise in ottica di sostenibilità. Anche a livello locale portiamo avanti una serie di iniziative in ottica green, coinvolgendo anche terze parti. Bolsi: wenglor è sempre stata sensibile alle tematiche ambientali, tanto che ambiente e sviluppo sostenibile sono tra i temi portanti che stanno animando da parecchi anni la Ricerca&Sviluppo e dando un’impronta significativa alle attività di wenglor. Il quartier generale di Tettnang, in prossimità del lago di Costanza, in Germania, si avvale ad esempio di una larga quota di energia rinnovabile proveniente da geotermia e impianti fotovoltaici, e produce un risparmio di oltre 416 tonnellate di CO2 all’anno. Ma non solo. wenglor coinvolge da sempre anche i dipendenti proponendo iniziative sostenibili: viene incentivato il carpooling, si prediligono i webmeeting e vengono lanciate gare di biketo-work. Per chi deve necessariamente spostarsi con la macchina, wenglor ha introdotto una car policy, in cui sono stati identificati i modelli di automobili più sostenibili da utilizzare. Per quanto riguarda invece i nostri prodotti, il team di Ricerca&Sviluppo si impegna costantemente nel trovare le migliori soluzioni per produrre i nostri sensori con materiali a basso impatto ambientale e riducendo al minimo gli sprechi. Negli ultimi anni, abbiamo inoltre lanciato sul mercato prodotti che garantiscono il risparmio energetico a tutti i nostri clienti, con specifiche funzionalità low power e stand-by. Di Bella: Il percorso verso la sostenibilità è sempre stato nel DNA di Termo, che si è da sempre rivolta al settore ‘Greentech’, intraprendendo e portando avanti una serie di passi in questa direzione: dalla definizione di una policy ESG, alla misurazione su base annuale della carbon footprint, fino alla trasformazione in società benefit, al lancio di numerose iniziative finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di beneficio comune e alla pubblicazione della ‘Relazione di Impatto’. Un altro elemento fondamentale del nostro percorso è stata la diffusione, anche a livello interno, di una vera e propria cultura della sostenibilità, nell’ambito della quale abbiamo organizzato momenti di formazione e attivato policy e certificazioni rivolte al contesto sociale: per esempio, in questo momento stiamo lavorando al conseguimento di certificazioni per la parità di genere e la responsabilità sociale. Ghizzoni: Da molti anni Siemens è profondamente impegnata nella sempre più ampia implementazione dei principi di sostenibilità. Tra le tappe più rilevanti si possono citare ad esempio l’associazione e il supporto alla Ungc – United Nations Global Compact dal 2003 in avanti, nonché la definizione di un environmental portfolio nel 2008, cioè di un portafoglio prodotti che identificasse l’impatto, ovvero i benefici in termini ambientali dei nostri prodotti, anche attraverso valutazioni di enti indipendenti, al fine di consentire ai clienti di orientarsi verso la sostenibilità. Nel 2015 Siemens è stata la prima multinazionale a dichiarare l’impegno ad abbattere le emissioni di CO2 prodotte dai propri siti operativi. E ancora, nel 2018 ha promosso la costituzione di un Charter of Trust per la Cybersecurity, insieme ad altri grandi player globali. Senza dimenticare poi l’adesione all’iniziativa SBTi nel 2021. Fino ad arrivare alla già citata definizione dell’ampio programma Degree nel 2021 che ha dato un’accelerazione al percorso di sostenibilità di Siemens, con aree tematiche focus e obiettivi specifici misurabili, e con l’assegnazione di chiari ruoli e responsabilità. Nel corso degli anni è stata determinante una profonda convinzione della necessità di un nostro ruolo attivo, per essere davvero protagonisti nel percorso di sviluppo delle tematiche di sostenibilità così da promuovere un cambiamento e dare un contributo sostanziale verso il raggiungimento degli obiettivi del protocollo di Kyoto. Nel corso degli ultimi anni Siemens ha dedicato ingenti investimenti nell’innovazione del proprio portafoglio prodotti, con una particolare attenzione in ottica di sostenibilità. Nell’esercizio 2023 Siemens ha destinato 6,2 miliardi di euro ad attività di ricerca e sviluppo, contro i 5,6 del 2022. Alcuni tra gli ambiti innovativi ridisegnati con un impatto positivo in termini di sostenibilità per i clienti riguardano: intelligenza artificiale, futuro dell’automazione, manifattura avanzata e circolarità, simulazione e gemello digitale, energia e infrastrutture sostenibili. Grazie a queste e altre soluzioni tecnologiche, nate dall’integrazione unica tra reale e virtuale, alle competenze esclusive e al nostro approccio strategico, operiamo quotidianamente per moltiplicare il nostro impatto, mettendo i nostri clienti nelle migliori condizioni per massimizzare il loro contributo a favore del benessere del pianeta Terra. Più del 90% del nostro portafoglio consente ai nostri clienti di avere un impatto positivo in termini di sostenibilità.

Quali sono i vantaggi per un’azienda nell’essere sostenibile? O quale contributo offre un approccio sostenibile in termini di competitività? 

Iandolo: Per Schneider Electric, la sostenibilità offre diversi vantaggi in termini di competitività per un’azienda. Tra questi, la riduzione dei costi operativi a lungo termine, attraverso l’ottimizzazione dell’uso delle risorse e l’efficienza energetica, e l’accesso a nuovi mercati, perché sempre più consumatori preferiscono prodotti e servizi provenienti da aziende impegnate nella sostenibilità, che possono così accedere a nuovi segmenti di mercato. Ancora, la riduzione dei rischi, poiché adottare pratiche sostenibili può aiutare a ridurre i rischi operativi e legali associati a normative ambientali sempre più stringenti per tutte le catene di valore. Si aggiungono ai vantaggi quelli legati al brand e alla reputazione, essere un’azienda sostenibile può migliorarli e generare fiducia tra clienti, dipendenti e investitori, e all’innovazione, in quanto la sostenibilità incoraggia lo sviluppo di nuovi prodotti, servizi e modelli di business che possono conferire un vantaggio competitivo. Casiraghi: La sostenibilità gioca un ruolo importante nel definire la competitività di un’azienda in più termini: ottimizzazione della produzione, acquisizione dei talenti, attrattività verso i clienti, empowerment del territorio. Tuttavia, ad essi possiamo aggiungere un’ulteriore considerazione. Le aziende che intendono seriamente includere la sostenibilità nel proprio modus operandi si trovano necessariamente a dover analizzare, mettere in discussione e perfezionare tutto il proprio sistema operativo. Di conseguenza, acquisiscono maggior consapevolezza dei propri processi e accrescono la capacità di intervento su di essi. Spesso, per perseguire obiettivi di sostenibilità introducono al proprio interno soluzioni in grado di incidere positivamente anche su aspetti più classici della competitività aziendale. Ad esempio, un’azienda che voglia assicurarsi una gestione energetica efficace e puntuale, probabilmente adotterà un sistema di integrazione digitalizzata che si rivelerà potenzialmente utile anche a favorire una migliore pianificazione delle attività, una manutenzione più puntuale ecc. Rovetta: Negli ultimi anni la sostenibilità è salita con sempre maggiore rapidità in cima all’agenda aziendale. Questo perché è diventata una questione gestionale direttamente collegata al ‘valore aziendale’. In altre parole, i temi della sostenibilità, come il cambiamento climatico e i diritti umani, sono diventati fattori che hanno un impatto significativo sulla storia azionaria di un’azienda nel suo futuro, sia in termini di opportunità sia di rischi. Di conseguenza, la sostenibilità ha assunto un ruolo importante nel dialogo tra un’azienda e i suoi stakeholder. Lambardi: Oggigiorno essere sostenibili non è una scelta opzionale, ma la giusta strada da percorrere per accrescere ancor di più la propria competitività sul mercato. Il gruppo Relatech all’interno della sua offerta end-to-end sviluppa servizi e soluzioni che aiutano le imprese a innovare il loro business model in ottica sostenibile. Parliamo di progetti di ricerca innovativi per la riduzione dell’inquinamento marino e dell’aria, soluzioni per una agricoltura sostenibile (Agritech) o per l’efficientamento dei processi, servizi di cybersecurity per la protezione del dato, prevenzione predittiva sui macchinari produttivi per ridurre i fermi macchina e molto altro. Facciamo un esempio di come la sostenibilità possa ridurre i costi. Il gruppo Relatech ha svolto un progetto di ricerca che ha portato allo sviluppo di soluzioni d’avanguardia atte al recupero del calore di scarto prodotto dai sistemi a bordo nave e ridurre fino al 25% il fabbisogno complessivo di energia primaria delle imbarcazioni, il che significa ambire a ‘navi a zero calore di scarto’. L’adozione di tecnologie verdi, si traduce non solo in efficienza energetica e riduzione degli inquinanti per la salvaguardia dell’ambiente, ma anche diminuzione dei costi. I consumatori di oggi sono sempre più consapevoli e preoccupati per le questioni ambientali e sociali, e tendono a preferire prodotti e servizi di aziende che dimostrano un impegno verso la sostenibilità. Questo può portare a un aumento della fedeltà del cliente e all’acquisizione di nuovi segmenti di mercato, oltre che a differenziarsi in modo competitivo. Anche il mondo finanziario è sempre più attento alla sostenibilità, considerandola come un fattore chiave nelle loro decisioni di investimento. Le aziende sostenibili spesso sono viste come meno rischiose e più preparate per il futuro, attirando così maggiori investimenti. In sintesi, un approccio sostenibile non solo contribuisce al benessere ambientale e sociale, ma offre anche vantaggi tangibili in termini di riduzione dei costi, innovazione, conformità normativa, reputazione aziendale e competitività sul mercato. Nava: L’implementazione di processi e procedure, volti a soddisfare i criteri ESG, sono e saranno sempre più importanti per le aziende, al fine di garantire un futuro economicamente e socialmente sostenibile per il ns pianeta. Essi influenzeranno non solo le performance finanziarie di un’azienda, ma anche la capacità di attrarre la fiducia di investitori e talenti, nonché di favorire la reputazione aziendale. Del resto, la sostenibilità è una richiesta che arriva dal mercato: dai clienti, dai consumatori finali e da tutti gli stakeholder, che vogliono sempre più essere informati sull’impatto ambientale delle aziende con cui interagiscono. Saper rispondere a questa esigenza, con un approccio proattivo, aumenta quindi direttamente il vantaggio competitivo di un’impresa, riducendo i rischi e aumentando la resilienza. Nella nostra visione e nel concreto, ad esempio, la tecnologia può giocare un ruolo cruciale in termini di sostenibilità e competitività, contribuendo a migliorare i processi produttivi e di gestione dell’energia degli edifici, degli impianti e delle macchine, dal punto di vista dei consumi come dell’efficienza. Sempre nella nostra visione, transizione energetica e digitalizzazione sono strettamente legate tra loro, e passano (anche) attraverso la gestione intelligente dell’energia che, consentendo di ridurre i costi oltre che le emissioni, porta con sé immediati benefici economici. Bolsi: Impegno che wenglor mette in queste attività a tutela dell’ambiente è stato realizzato non per imposizioni o direttive, ma per spirito di imprenditorialità sostenibile, ovvero in base alla convinzione che la competitività futura dell’industria, di qualsiasi tipo essa sia, dovrà necessariamente passare attraverso le politiche di sostenibilità. Questo approccio ci permette di migliorare, oltre che il nostro impatto sul Pianeta, anche la reputazione del brand, di ridurre i costi di produzione sul lungo periodo e di stimolare l’innovazione all’interno dell’azienda, che porta allo sviluppo di nuovi prodotti, servizi e processi con conseguenti benefici in termini di competitività sul mercato. Di Bella: Oggi sembra finalmente essere arrivato il momento di porci questa domanda da un punto di vista diverso: cosa rischia un’azienda che non presta attenzione alla sostenibilità? La risposta è che rischia di non riuscire a beneficiare di numerose opportunità, come ad esempio: l’accesso a prodotti di finanziamento green erogati a condizioni agevolate alle aziende sostenibili; l’attenzione da parte di investitori istituzionali e fondi, che oggi considerano il rating ESG un indicatore imprescindibile nelle scelte di investimento; la possibilità di accedere o di restare all’interno della filiera delle grandi aziende, rispettando i requisiti ESG con cui queste valutano i fornitori; l’engagement di dipendenti e utenti finali, entrambi attenti all’impegno delle aziende in ambito ESG; la possibilità di efficientare i processi, ad esempio adottando pratiche di circolarità capaci di ridurre i costi interni. Redavide: Partendo dal presupposto che l’impegno dell’intero gruppo si riassume nella cosiddetta Vision 2025, le tecnologie devono contribuire allo sviluppo della società migliorando i processi, le prestazioni e la produttività, offrendo così una migliore qualità della vita. Traducendo questo principio in misure concrete, un obiettivo è quello di favorire l’evoluzione della società attraverso l’uso di risorse rinnovabili per garantire un ambiente sano e un pianeta sostenibile per tutti. Un ulteriore target è quello di garantire ai clienti il raggiungimento di un’elevata qualità grazie a un continuo sforzo di ottimizzazione di prestazioni, efficienza e coerenza delle operazioni. Obiettivi non conseguibili senza un accurato monitoraggio del sistema. Raccogliere, collegare, analizzare e utilizzare una grande quantità di dati sta diventando la base dello sviluppo sociale. Per Yaskawa la nuova forma di automazione di fabbrica, che combina meccatronica classica, ICT e soluzioni digitali per abilitare un’efficace raccolta e gestione del dato, prende il nome di i³- Mechatronics, dove il 3 della ‘i’ sta per integrato, intelligente e innovativo. Non da ultimo, l’impegno verso il raggiungimento della sostenibilità e di un bilancio energetico positivo, ottenuto mediante la conservazione delle risorse e l’autoproduzione di energia pulita. Ghizzoni: Siemens ha dichiarato il proprio impegno nel pensare e agire nell’interesse delle generazioni future, raggiungendo un equilibrio tra ‘profit, planet and people’. Quanto più un’azienda è sostenibile, tanto più è in grado di ‘fare’ business sostenibile, cosa sempre più apprezzata e ricercata anche dal mercato. Una componente molto importante del nostro approccio, resa possibile anche dalla nostra ampia presenza sul territorio, è proprio mirata a favorire l’incremento della competitività delle aziende italiane di dimensioni molto diverse. E la sostenibilità, in quest’ottica, gioca un ruolo chiave. Pensiamo a un ambito di grande attualità come l’e-mobility: l’innovativa infrastruttura di ricarica elettrica di Siemens è stata scelta da Sibeg, l’imbottigliatore ufficiale di Coca Cola in Sicilia, per l’elettrificazione completa della propria flotta aziendale. Una scelta che ha portato Sibeg anche al riconoscimento di prima azienda in Europa a convertire completamente la propria flotta aziendale, cioè mezzi non destinati alla sola rappresentanza, in veicoli elettrici a zero emissioni. Moltissimi sono gli ambiti tecnologici che vedono Siemens in prima linea con soluzioni orientate al continuo miglioramento di sostenibilità, performance, efficienza, emissioni e quindi anche competitività delle aziende clienti: dalla mobilità connessa appunto agli smart building, dalla gestione intelligente dell’energia a quella della produzione. E tanto altro naturalmente, sempre all’insegna dell’innovazione e della combinazione tra monde reale e mondo digitale. Per rendere infrastrutture e industria più sostenibili, e vite migliori. In ambito industriale, ad esempio, un’azienda come Orogel aveva una sfida: realizzare un magazzino 4.0 totalmente automatico a -25 °C secondo i più moderni criteri di sostenibilità ambientale e di innovazione tecnologica. La soluzione offerta da Siemens ha fornito la risposta, con un approccio olistico che va dalla simulazione alle tecnologie per l’automazione del magazzino fino alle reti industriali di comunicazione, l’automazione di campo, la modifica degli inverter per la messa in servizio fino alle bassissime temperature necessarie, il collegamento di tutti i dispositivi presenti nell’impianto all’interno di un’unica piattaforma, le tecnologie di comunicazione per l’analisi dei dati, la distribuzione elettrica dalla media alla bassa tensione. La trasversalità dell’intervento di Siemens si è estesa agli impianti di sicurezza, di evacuazione e a quelli di rilevazione incendi. Non da ultimo, nell’aumentare le nostre competenze interne sui temi di sostenibilità, abbiamo la possibilità di collaborare in modo costruttivo e mirato con partner esterni e di essere scelti nell’attivazione di ‘progetti’ in ambito sociale. Come, ad esempio, è accaduto con la Fondazione ITS per la Mobilità Sostenibile Aerospazio/ Meccatronica per il Piemonte: Siemens è diventata un partner strategico nello sviluppo di percorsi formativi innovativi, in un vero e proprio percorso di trasformazione digitale che richiede una metodologia didattica innovativa, applicabile trasversalmente a tutti i percorsi dell’ITS.

Scarica il pdf



Contenuti correlati

  • RS Italia è in cima alla classifica delle imprese responsabili e sostenibili

    La certificazione Platinum colloca RS Italia nell’1% delle aziende più sostenibili. Il rating è stato elaborato da EcoVadis, la principale piattaforma collaborativa per la valutazione delle performance aziendali nel campo dello sviluppo sostenibile, che ha valutato ogni...

  • Tecnologia e sostenibilità

    Da Industria 4.0 ora traghettiamo verso Transizione 5.0 il cui punto fermo è la sostenibilità ambientale: un passo importante verso un futuro industriale intelligente, collaborativo e a impatto zero. Un futuro che vede digitale e sostenibilità alleate...

  • Premio L’Imprenditore dell’Anno 2024 EY
    Capitale umano, sostenibilità e IA al centro degli investimenti delle imprese italiane

    Persone al centro, impatto sociale e ambientale, innovazione: sono queste le parole d’ordine dell’imprenditoria italiana emerse dall’indagine condotta da EY Private, in collaborazione con SWG, realizzata in occasione del lancio della XXVII edizione del Premio L’Imprenditore dell’Anno...

  • Allianz survey: 8 aziende su 10 fiduciose sulle esportazioni: arriverà il sole dopo la tempesta

    Dalla pandemia all’invasione dell’Ucraina, fino alle riaccese tensioni in Medio Oriente, il susseguirsi di crisi ha creato un ambiente complicato e incerto per gli esportatori. Il 2024 potrebbe portare un po’ di luce e consentire di vedere...

  • Le reti industriali nell’Era dell’Edge Computing, del 5G e della cybersecurity

    I fattori trainanti delle reti industriali includono Industria 4.0, IIoT, comunicazioni Machine-To-Machine e wireless. Intorno a Edge Computing, 5G e Cybersecurity si stanno giocando le sfide più interessanti. Leggi l’articolo

  • Sensori, sempre più intelligenti

    Industria 4.0, digitalizzazione e IIoT stanno facendo rapidamente evolvere il mondo dei sensori, che diventano sempre più ‘intelligenti’ e capaci di rilevare innumerevoli parametri da macchinari e impianti Con l’avvento del paradigma 4.0, la digitalizzazione dei processi...

  • Festo presenta soluzioni per l’industria moderna a SPS Italia 2024

    Nel contesto della fiera SPS Italia 2024, Festo presenterà il suo approccio “Blue World” per ridurre l’impatto ambientale della produzione industriale. L’azienda, inoltre, introdurrà tre nuove soluzioni tecnologiche: l’unità valvole VTUX, il sistema remote IO CPX-AP-A e...

  • Trattamenti galvanici più sostenibili

    Il produttore di impianti galvanici Omig e Schneider Electric hanno firmato una collaborazione che ha come obiettivo quello di rendere il processo di galvanizzazione il meno inquinante possibile Omig è nata nel 1959 nella provincia lombarda di...

  • Nuovo investimento in robotica industriale da Yaskawa in Slovenia

    Yaskawa continua a rafforzare la propria capacità di produzione e distribuzione di robot in Europa con un investimento di 31,5 milioni di euro in Slovenia. Lo scorso 24 aprile, la cerimonia di posa della prima pietra a...

  • Logistica ‘doc’ per il mobile di lusso

    Il mobile di lusso è una icona del Made in Italy e la gestione logistica di simili arredi è un’attività che deve rispondere ai più elevati criteri di eccellenza e professionalità. È questa l’esperienza di De Girolami,...

Scopri le novità scelte per te x