Soluzioni basate sui sensori Sick per il riconoscimento di persone su navi

Dal monitoraggio di processi ed emissioni, riconoscimento di pericoli e automazione durante il caricamento alla cancellazione e check-in: la gamma di prodotti People Flow integra la vasta offerta di soluzioni SICK per l’industria marittima

Pubblicato il 17 settembre 2020

La protezione di aree di accesso, il riconoscimento “uomo in mare”, il supporto di collegamento elettronico, il rilevamento di percorsi o il controllo di accesso autorizzato caratterizzano il portfolio di prodotti People Flow di SICK per l’impiego nel settore marittimo. Le soluzioni di sensori e sistemi si basano su tecnologie innovative come 2D e 3D-LiDAR (Light Detection And Ranging) o dispositivi di scrittura e lettura RFID (Radio Frequency IDentification) adattate in modo specifico al riconoscimento di persone sulle navi e all’impiego in porti, canali o chiuse. SICK, oltre a offrire tutte queste soluzioni, mette a disposizione la sua consulenza, collabora alla progettazione e integrazione delle soluzioni e garantisce la sua assistenza.

Riconoscimento “uomo in mare” e supporto al collegamento elettronico in un sensore
Una delle soluzioni più innovative di questo genere è MRS6000. Questo sensore 3D LiDAR viene impiegato per il controllo permanente delle zone esterne delle navi. Offre massima affidabilità con qualsiasi moto ondoso, situazione climatica e ora del giorno, in quanto brezza marina, pioggia o nebbia vengono riconosciute come elementi di disturbo e oscurate. Tutto ciò è reso possibile da High Speed Sampling, un procedimento di misurazione sviluppato da SICK, in grado di eseguire a velocità di scansione fino a 10 Hz un’analisi di max. tre impulsi di ritorno di ciascun impulso laser trasmesso e garantisce massima disponibilità anche in condizioni atmosferiche e ambientali avverse. La valutazione elettronica intelligente consente, inoltre, di distinguere oggetti nel campo visivo del sensore: un uccello marino viene ignorato mentre una persona è riconosciuta come tale e viene emesso direttamente un allarme, per esempio “uomo in mare”.

Quando la nave attracca in porto, il sensore può essere impiegato nella stessa situazione d’installazione come supporto elettronico al collegamento. La tecnologia multi echo consente un rilevamento di posizione o distanza quanto più preciso possibile in relazione al molo, anche in caso di pioggia, nebbia e oscurità. Il sensore misura in modo continuo la distanza decrescente tra nave e strutture di rinforzo della costa e riconosce sia dissuasori portuali che oggetti con cui la nave potrebbe entrare in collisione durante l’approdo.

Riconoscimento di percorsi di singole persone e gruppi
Con il sensore 2D LiDAR LMS1xx, SICK offre una soluzione per il rilevamento dei percorsi delle persone sulle navi: persone, le loro direzioni di movimento e le loro velocità possono essere rilevate singolarmente o nella loro totalità. In questo modo è ad esempio, possibile riconoscere e valutare statisticamente su navi da crociera- quando e quali aree ricreative, bar o ponte siano molto frequentati e da quante persone e, se è possibile, ottimizzarne il flusso. Nei casi gravi, il sistema di misurazione che opera senza contatto fornisce informazioni importanti per misure di sicurezza e di soccorso: vie di fuga sovraffollate possono essere subito individuate con l’LMS1xx e le persone dirottate dall’equipaggio. Anche persone, che durante l’approdo si spostano in senso opposto alla direzione degli altri passeggeri, vengono riconosciute dal sensore 2D LiDAR e contrariamente alla semplice sorveglianza tramite video, anche segnalate automaticamente.

Protezione e controllo degli accessi sopra e sottocoperta
Rilevamento di persone 24 ore su 24, accesso solo agli autorizzati: queste operazioni importanti per la sicurezza vengono svolte da SICK tutte in una volta. I sensori 2D LiDAR LMS5xx monitorano le zone dei ponti e le diverse aree della nave. Segnalano quando le persone da zone pubblicamente accessibili si spostano in zone chiuse su ponti interni ed esterni. I campi di sorveglianza possono essere concepiti a tal fine in modo flessibile in base alle condizioni strutturali della nave e adattati in qualsiasi momento in relazione alle funzioni. Gli uccelli marini, che volano attraverso il campo di sorveglianza o siedono sul parapetto, non fanno scattare falsi allarmi proprio come la luce solare diretta, i riflessi della superficie dell’acqua o il vento, in caso di mare molto mosso. Sia come sistema autonomo che come supporto di monitoraggio delle aree, il sistema Security RAM consente un controllo di accesso autorizzato a persone e zone gestibili in modo flessibile, ad esempio per la sala macchine o per il ponte di comando. Il sistema si basa sulla tecnologia di radiofrequenza con transponder personalizzati, come chiavi elettroniche. La grande portata del sistema consente di aprire le porte già in fase di avvicinamento, per esempio per la consegna merci o in casi di salvataggio. Qualora un transponder vada perso o venga rubato, il suo codice viene semplicemente cancellato dal database della RAM e impedito qualsiasi ulteriore accesso.



Contenuti correlati

  • Forum Meccatronica 2021

    Per supportare il rilancio del sistema economico-produttivo è indispensabile puntare su modelli sicuri di produzione e consumo improntati alla flessibilità, alla digitalizzazione e alla sostenibilità ambientale in coerenza con il quadro strategico che si va componendo a...

  • W4F: la fotocellula di Sick che rende semplice ciò che è difficile

    Sick lancia sul mercato il sensore fotoelettrico miniaturizzato W4F di ultima generazione, dotato di una nuova piattaforma Asic che apporta numerosi vantaggi prestazionali a questa famiglia di prodotti. Il sensore rileva in modo estremamente affidabile persino oggetti...

  • nuova oleodinamica bonvicini mare
    Riparte l’economia del mare, e con lei Nuova Oleodinamica Bonvicini

    L’economia del mare sta ripartendo. In seguito a 12 mesi di stallo causati dall’incertezza derivante dalla pandemia, la cantieristica navale sta, oggi, riprendendo quota. Nuova Oleodinamica Bonvicini, storicamente e intrinsecamente legata all’economia blu, registra un forte incremento...

  • Energia verde nelle reti gas

    I misuratori di portata a ultrasuoni di Sick operano in modo stabile anche con variazioni nella composizione dei gas e questo è particolarmente utile nelle applicazioni power-to-gas, con l’immissione in rete di idrogeno prodotto da fonti rinnovabili....

  • Il gelo non fa paura

    Nel terminale di GNL del porto di Zeebrugge, il freddo regna sovrano tutto l’anno, con il gas fluido a temperature comprese tra -161 e -164 °C. Un sensore di Vega, adatto ai liquidi criogenici, rileva con precisione...

  • Heaxel: la robotica al servizio della riabilitazione

    Azienda italiana con sede a Roma, Heaxel progetta e sviluppa dispositivi medici innovativi per la riabilitazione mediata da robot. Nata nel 2018 dallo spin-off dell’Università Campus Bio-Medico di Roma ICan Robotics e il fondo Vertis Venture 3...

  • SPS Italia Digital Days 2021 in video: Marco Catizone di SICK

    SPS Italia Digital Days 2021 sarà accessibile gratuitamente e offrirà a tutti i partecipanti la possibilità di fare networking in modo mirato, entrando in contatto con una selezione di aziende che rappresentano l’offerta più innovativa e completa in...

  • Un lidar garantisce sicurezza e produttività

    Sicurezza e produttività sono caratteristiche necessarie nel funzionamento cooperativo dei robot, che devono garantire la protezione della produzione e degli operatori umani. Sick ha realizzato il sistema di sicurezza sBot Speed, che permette ai sistemi automatici in...

  • Sick sensori fotoelettrici IIoT RS Components
    Sensori IIoT e sistemi di sicurezza delle macchine Sick

    RS Components ha ampliato il portafoglio di soluzioni per il controllo industriale con la gamma di tecnologie abilitate per l’IIOT di Sick. RS distribuirà ora i sensori di prossimità induttivi M12 e M18, i sensori IO-Link e...

  • Applicazioni robotiche UR con le soluzioni Sick: webinar l’8 aprile

    La sicurezza è un aspetto fondamentale di ogni applicazione robotica. Anche le celle che implementano robot collaborativi devono rispondere a precisi e stringenti requisiti nel corso del risk assessment. La possibilità di impostare aree di arresto e...

Scopri le novità scelte per te x