Al S&PI, Energy Harvesting e l’esperienza di Saipem al centro del dibattito

 
Pubblicato il 17 giugno 2013

È disponibile il programma definitivo della sessione plenaria di S&PI – Sensors & Process Instrumentation, la mostra convegno organizzata da Fiera Milano Media che si terrà il 26 giugno a Cinisello Balsamo.

Oltre ai già annunciati interventi da parte di esponenti di GISI, CIS e AIS ISA Italy Section, sono adesso disponibili i titoli degli interventi che animeranno la tacola rotonda organizzata dalla rivista Automazione e Strumentazione.

Il primo intervento della tavola rotonda si intitolerà “Energy Harvesting per Sensori: Soluzioni e Prospettive” a cura del Prof. Vittorio Ferrari, Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII), Facoltà di Ingegneria – Università di Brescia. In alcune applicazioni di monitoraggio, la strumentazione da campo deve garantire una trasmissione di (pochi) dati con una frequenza non elevatissima ma per molti anni e da località remote che non consentono il collegamento alla rete elettrica e rendono complesse operazioni di sostituzione delle batterie. Per queste applicazioni si rendono indispensabili soluzioni di alimentazione autonoma dei dispositivi di campo. L’intervento del Prof. Ferrari analizzerà le diverse tecnologie per l’energy harvesting identificando le caratteristiche di quelle più adatte all’impiego nella sensoristica e nella strumentazione da campo.

Il secondo intervento sarà a cura di Stefano Fallarini, Instrumentation, Automation & Telecommunication Dept., Business Unit Engineering & Construction, Snamprogetti Centre Of Excellence, Saipem e si intitolerà “Hart e Foundation Fieldbus: due approcci alla strumentazione di campo“. Dopo una breve introduzione al protocollo Hart (bastato su tecnologia 4-20 mA) e a Foundation Fieldbus, si proseguirà con una comparazione tra le due tecnologie secondo i seguenti aspetti: affidabilità, interoperabilità/intercambiabilità, integrazione di sistema, attività di pre commissioning e commissioning, manutenzione e gestione, formazione e costi. Si passerà poi alla descrizione del caso reale dell’impianto per la liquefazione di gas naturale di Arznew in Algeria. Si presenteranno le prospettive per la tecnologia Hart e si trarranno le conclusioni, lasciando spazio per un dibattito aperto con il pubblico.

Ecco nel dettaglio l’agenda completa della sessione plenaria mattutina. Ricordiamo che nel pomeriggio ci saranno i workshop a cura delle aziende espositrici. L’elenco completo è disponibile sul sito della manifestazione S&PI – Sensors & Process Instrumentation.

9.00 – Registrazione visitatori e Welcome Coffe

10.00 – Inizio sessione plenaria

10:00/10.30 – “Il mercato italiano della strumentazione e automazione: i dati consolidati e tendenziali”, Sebastian F. Agnello, Presidente GISI

10:30/11.00 – “La potenzialità della Cina: dati di mercato, opportunità e tendenze tecnologiche”, Relatore: Mr. Wu Youhua, Vicepresidente e Segratario Generale di CIS – China Instruments & Control Society

11:00/11.30 – “Soluzioni wireless per l’automazione degli impianti: tecnologie e potenzialità applicative”Massimo Spica, AIS-ISA

11:30/12.15 – Tavola rotonda: tecnologie emergenti e applicazioni innovative a cura della rivista Automazione e Strumentazione

  • “Energy Harvesting per Sensori: Soluzioni e Prospettive”, Relatore: Prof. Vittorio Ferrari, Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII), Facoltà di Ingegneria – Università di Brescia
  • “Hart e Foundation Fieldbus: due approcci alla strumentazione di campo”, Relatore: Stefano Fallarini, Instrumentation, Automation & Telecommunication Dept., Business Unit Engineering & Construction, Snamprogetti Centre Of Excellence, Saipem 

12:15 – Domande e risposte



Contenuti correlati

Scopri le novità scelte per te x