Sensori di forza o estensimetri?

Pubblicato il 2 novembre 2020

Con il suo portafoglio per la misurazione delle forze, Baumer offre una soluzione adatta a tutte le applicazioni – fornendo sia sensori di forza che di deformazione.

Quando sono adatti gli estensimetri e quando invece i sensori di forza rappresentano la soluzione migliore? Quali sono le differenze e per quali scenari i rispettivi tipi di sensori si adattano in modo ottimale? Di seguito una panoramica dei rispettivi vantaggi delle due famiglie di sensori.

Estensimetri per la misurazione delle forze di processo? Ciò che a prima vista non è idoneo, può essere soprattutto per la misurazione di grandi forze, un’alternativa intelligente ai sensori di forza. Questo vale soprattutto se l’installazione direttamente nel flusso di forza risulta troppo dispendiosa o se un sensore di forza non è in grado di coprire completamente lo spettro delle forze che si verificano nella macchina. Dopo tutto i sensori di forza diventano rapidamente molto ingombranti, se utilizzati per forze elevate, rendendo l’integrazione nella macchina costosa. Gli estensimetri, invece, possono essere montati nella macchina dall’esterno senza adattamenti e senza costi elevati. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal fatto che un unico estensimetro è in grado di coprire molte tipologie di macchine con diversi range di forza.

Rappresentano quindi una soluzione più economica soprattutto con forze di oltre 10.000 Newton e strutture rigide delle macchine. Ad esempio, nelle presse e piegatrici, dove altrimenti sono necessari sensori di forza diversi a seconda del range di forza della pressa. Poiché gli estensimetri non misurano le forze direttamente nel flusso di forza, ma nel flusso bypass della forza, possono essere facilmente posizionati in un punto adatto della struttura della macchina. Nel caso di una piegatrice, ad esempio, l’estensimetro si trova sul corpo della macchina, che si deforma sotto l’influenza della forza. Questo fenomeno è invisibile ad occhio nudo. Un estensimetro, tuttavia, rileva questa minima deformazione della struttura della macchina di pochi μm e ne ricava la forza che prevale durante il processo di piegatura. Un altro vantaggio decisivo degli estensimetri è la semplicità di smontaggio e di montaggio, nonché la possibilità di allestimento a posteriori su macchine esistenti.

I sensori di forza, invece, sono sempre utili quando si devono misurare forze più piccole. A tale scopo vengono installati nel flusso di forza delle macchine e monitorano i processi di pressatura, le forze di tenuta nei dispositivi di bloccaggio o l’usura dei cuscinetti a sfera. Poiché i sensori vengono montati direttamente nel flusso di forza, la forza di processo può essere misurata con estrema precisione. Ciò li rende particolarmente adatti ad applicazioni con elevati requisiti di precisione. Anche con strutture delle macchine morbide o sottili, dove gli estensimetri raggiungono i loro limiti, un sensore di forza fornisce risultati di misurazione affidabili.

In linea di principio, un rilevatore di forza si rivela utile soprattutto laddove le forze in campo da misurare siano di piccola entità. Un estensimetro è invece indicato in particolare in presenza di forze maggiori.



Contenuti correlati

  • Consumo energetico trasparente con i sensori di flusso

    In un impianto alimentare lattiero caseario svedese, si sono utilizzati sensori di portata e temperatura per misurare in modo preciso l’energia termica utilizzata nel processo produttivo. Il sensore FlexFlow di Baumer ha convinto per la facilità di...

  • Estensimetro miniaturizzato misura forze importanti anche in spazi limitati da Baumer

    Gli estensimetri DST20 in formato miniaturizzato completano il portafoglio Baumer con una soluzione compatta ed efficiente in termini di costi, in grado di misurare forze superiori a 10000 N anche dove gli spazi sono limitati. Con i...

  • Baumer presenta gli estensimetri DST20 miniaturizzati
    Baumer presenta gli estensimetri DST20 miniaturizzati

    Gli estensimetri DST20, in formato miniaturizzato, completano il portafoglio Baumer. Si tratta di una soluzione compatta in grado di misurare forze superiori a 10000 N anche dove gli spazi sono limitati. Con i loro 28 x 12 x 10...

  • Arla Foods analizza il consumo energetico con un sensore di flusso Baumer

    Nel sito di Falkenburg Arla Foods produce 20 000 tonnellate di formaggio fresco in fiocchi l’anno, 76,9 tonnellate al giorno. Una quantità impressionante, con la quale tuttavia Arla Foods copre pressoché tutta la domanda del mercato svedese esportando anche...

  • Efficienza energetica nella produzione di formaggio in fiocchi

    Nel sito di Falkenberg la cooperativa di prodotti lattiero-caseari Arla Foods è riuscita per la prima volta a rendere trasparente il consumo energetico nella produzione del formaggio fresco in fiocchi utilizzando il sensore di flusso FlexFlow di...

  • Interruttore di livello PL20 CleverLevel di Baumer

    La famiglia CleverLevel di Baumer offre ancora più possibilità di rilevare il livello minimo e massimo grazie al nuovo interruttore di livello PL20. Indipendentemente dal media, sia esso liquido, pastoso, appiccicoso o solido, CleverLevel lo rileva in...

  • CleverLevel PL20: più semplice, più affidabile e più intelligente

    La famiglia CleverLevel di Baumer offre ora ancora più possibilità di rilevare il livello minimo e massimo grazie al nuovo interruttore di livello PL20. Indipendentemente dal media, sia esso liquido, pastoso, appiccicoso o solido, CleverLevel lo rileva...

  • Encoder HeavyDuty POG10 di Baumer

    Situato a Goteborg, il parco divertimenti Liseberg è il più grande di tutta la Svezia. Qui, le montagne russe Helix fanno vivere ai visitatori emozioni davvero forti. Con un percorso di 1380 metri, si tratta dell’ottovolante con...

  • Quando la precisione conta

    I sensori a ultrasuoni UR18 di Baumer con interfaccia IO-Link per una parametrizzazione flessibile e funzioni avanzate consentono di misurare con sicurezza i livelli all’interno di bottiglie e contenitori con forme irregolari… Leggi l’articolo

  • Robotica collaborativa, le novità OnRobot

    Nata dalla recente fusione di On Robot, OptoForce e Perception Robotics, la nuova OnRobot introduce tre prodotti e un aggiornamento tecnico. “I robot collaborativi hanno il potenziale per diventare lo standard nel settore dell’automazione industriale”, ha dichiarato...

Scopri le novità scelte per te x