Sensore ottico con doppio rilevatore fotoelettrico di Maxim Integrated

Il sensore MAXM86146, integrando algoritmi avanzati, consente una riduzione dello spazio e dei tempi di sviluppo fino a sei mesi

Pubblicato il 19 luglio 2020

Progettate velocemente e facilmente sensori per posizioni mai usate prima per problemi di dimensioni con il sensore ottico a doppio rilevatore fotoelettrico MAXM86146 di Maxim Integrated, la soluzione più sottile oggi disponibile sul mercato. Il modulo, facilmente integrabile, include algoritmi avanzati per il monitoraggio della frequenza cardiaca e della saturazione di ossigeno (SpO2) nonché la classificazione delle attività. Le ridotte dimensioni e la semplice integrazione del sensore offrono al progettista uno spazio maggiore per aggiungere funzionalità innovative di biorilevamento e per supportare un rapido sviluppo di accurati dispositivi per il monitoraggio dei parametri vitali.

Il MAXM86146 offre ai progettisti di dispositivi indossabili avanzati la possibilità di utilizzare un sensore ottico più sottile del 45% rispetto a una soluzione tradizionale. Inoltre, il modulo include algoritmi di biorilevamento in grado di misurare i parametri vitali in accordo con i più rigorosi standard medici, offrendo una disponibilità di tempo superiore per sviluppare funzionalità di differenziazione del prodotto. Il sensore consente ai progettisti di risparmiare fino a sei mesi nel lancio di nuovi prodotti e offre tempo e spazio extra per espandere le funzionalità.

Il settore dei dispositivi indossabili biomedicali sta ricevendo un impulso significativo, in quanto permette di accedere ai principali parametri vitali del paziente, aiutando il personale medico e gli utenti finali a gestire in modo proattivo le esigenze di cure preventive e le patologie croniche. I progettisti stanno sostenendo questo slancio con soluzioni innovative in grado di fornire una visione più approfondita delle condizioni di salute e migliorare il benessere dell’utente finale.

Vantaggi chiave
• Dimensioni ridotte: è il più sottile sensore ottico con doppio rilevatore fotoelettrico oggi disponibile sul mercato, la soluzione adatta per realizzate dispositivi leggeri, compatti e con assorbimento ridotto. Il sensore combina due fotodiodi, un front-end ottico analogico (AFE) e un microcontrollore con algoritmi integrati (classificazione delle attività, misura del battito cardiaco e SpO2) in un contenitore di 0,88 mm, 45% più sottile rispetto a una soluzione basata su componenti discreti.

• Time to Market ridotto: il modulo, pronto per l’uso, consente una riduzione dei tempi di sviluppo fino a sei mesi.

• Focus sull’innovazione: con algoritmi pronti per l’uso in grado di monitorare i principali parametri vitali, i progettisti si possono focalizzare sull’aggiunta di nuove funzionalità, piuttosto che sullo sviluppo degli algoritmi.

“Riducendo i tempi di sviluppo, l’innovativa soluzione di sensore ottico di Maxim Integrated ci ha permesso di superare la concorrenza, consentendoci di focalizzarci sulle nuove funzionalità introdotte”, ha affermato Satish Movva, fondatore e CEO di CarePredict. “Inoltre, gli operatori sanitari hanno potuto usufruire di un accesso remoto agli indicatori di attività e comportamento degli anziani attraverso il dispositivo indossabile CarePredict, consentendo la gestione da remoto delle loro condizioni di salute.”

“Lo spazio occupato dal dispositivo e il time to market sono due aspetti fondamentali per i progettisti dei dispositivi indossabili biomedicali di prossima generazione”, ha affermato Andrew Baker, amministratore delegato della Business Unit Industrial and Healthcare di Maxim Integrated. “Con la più sottile soluzione al mondo di sensore ottico a doppio rilevatore, offriamo ai progettisti una maggiore possibilità di introdurre in tempi rapidi funzionalità innovative”.

 



Contenuti correlati

  • La sanità che vorremmo

    Tecnologia, dati, medicina personalizzata, automazione dei servizi erogati e dei processi. Nell’ecosistema sanitario è essenziale sviluppare soluzioni digitali per prevenire e curare anche da remoto, in una connessione continua tra clinici e pazienti, riducendo i costi e...

  • Analog Devices completa l’acquisizione di Maxim Integrated

    Analog Devices ha annunciato il completamento dell’acquisizione di Maxim Integrated Products. L’unione delle due aziende rafforza ulteriormente la posizione di ADI come produttore di semiconduttori analogici ad alte prestazioni con un fatturato di oltre 9 miliardi di...

  • Wearable e AI: soluzione per l’industria

    Il protrarsi della pandemia e delle misure restrittive minacciano l’industria manifatturiera in tutti i settori: è allarme per i cali di produzione e la sicurezza dei dipendenti. Business continuity e sicurezza del personale sono possibili grazie a...

  • Comau collabora con l’Università di Heidelberg per studiare nuove applicazioni di robotica indossabile in ambienti industriali

    Con l’obiettivo di consolidare l’utilizzo della robotica indossabile per facilitare la collaborazione uomo-macchina, Comau, società parte di Stellantis, attiva a livello mondiale nello sviluppo di sistemi e prodotti avanzati per l’automazione industriale, e IUVO, spin-off dell’Istituto di BioRobotica della...

  • Il gelo non fa paura

    Nel terminale di GNL del porto di Zeebrugge, il freddo regna sovrano tutto l’anno, con il gas fluido a temperature comprese tra -161 e -164 °C. Un sensore di Vega, adatto ai liquidi criogenici, rileva con precisione...

  • Heaxel: la robotica al servizio della riabilitazione

    Azienda italiana con sede a Roma, Heaxel progetta e sviluppa dispositivi medici innovativi per la riabilitazione mediata da robot. Nata nel 2018 dallo spin-off dell’Università Campus Bio-Medico di Roma ICan Robotics e il fondo Vertis Venture 3...

  • “Tutto diventa un’interfaccia” è il risultato della ricerca “New Interfaces, Zero Interfaces” di Reply

    Secondo la ricerca “New Interfaces, Zero Interfaces”, basata sulla piattaforma proprietaria Trend Sonar di Reply, la pandemia ha accelerato l’adozione di nuove interfacce in ambito consumer e professionale.  Tramite l’analisi di studi di settore, articoli scientifici e brevetti...

  • Il digitale applicato all’oncologia: cure migliori, più precise, più accessibili

    Telemedicina, intelligenza artificiale, fascicolo sanitario elettronico, app. In due parole: salute digitale, quella che si avvale di programmi software di alta qualità per prevenire, gestire, trattare una malattia, alla stessa stregua della medicina tradizionale, ma in più,...

  • Più automazione in laboratorio con sensori miniaturizzati

    L’automazione nei laboratori, specialmente quella preanalitica, si sta diffondendo rapidamente, con l’obiettivo di ridurre i costi e migliorare velocità, prestazioni, efficienza e affidabilità dei test e delle procedure. Naturalmente, i sensori hanno un ruolo importante in questa...

  • Impianti efficienti e sicuri con l’identificazione RFID

    L’autorizzazione e l’accesso degli operatori sul campo sono procedure critiche in tutti gli impianti di processo, specialmente nel biomedicale. R. Stahl è in grado di risolvere questo problema grazie ai suoi terminali HMI per zone Ex, con...

Scopri le novità scelte per te x