Sensore combinato a forcella GSX di Leuze per etichettatrici

Pubblicato il 29 ottobre 2020
Leuze GSX sensore combinato a forcella

Il sensore combinato a forcella GSX di Leuze combina i vantaggi delle fotocellule e degli ultrasuoni. Il dispositivo è particolarmente adatto per le etichettatrici utilizzate nel settore del packaging.

Leuze ha inventato non solo la prima forcella per etichette con la GS05, ma ha anche sviluppato la prima forcella ad ultrasuoni con la GSU14. Con l’ultima innovazione dell’azienda, la GSX (vari modelli disponibili), Leuze completa la sua gamma di prodotti per sensori a forcella aggiungendo un modello combinato che può fare entrambe le cose: luce e ultrasuoni. In questo modo combina i vantaggi delle varianti ottiche con quelli delle soluzioni ad ultrasuoni, e si adatta al meglio alle etichettatrici utilizzate nel settore del packaging.

L’apposizione di etichette di varie forme, dimensioni e materiali sui prodotti e sugli imballaggi mediante un’etichettatrice è uno dei compiti fondamentali del settore del packaging. Per il suo posizionamento preciso l’etichetta deve essere rilevata in modo sicuro e affidabile – anche ad alte velocità di trasporto. Questo compito viene svolto dai sensori a forcella, che contengono il trasmettitore e il ricevitore in un unico dispositivo e garantiscono un’elevata sicurezza operativa. Questi dispositivi non solo sono molto sensibili, ma sono anche facili da montare e non richiedono alcun allineamento. Fino ad ora, Leuze ha offerto due modelli di sensori a forcella per questo scopo: a luce e a ultrasuoni. Ora è disponibile una nuova versione che combina luce e ultrasuoni. Leuze aggiunge così un’altra novità mondiale alla sua gamma di prodotti e completa il suo assortimento.

Il sensore a forcella GSX è il primo sensore al mondo nel suo genere e combina i due metodi di rilevamento degli ultrasuoni e della luce in un unico alloggiamento. Esso combina i vantaggi di entrambi i principi e può essere utilizzato in modo molto flessibile. Rileva in modo affidabile, rapido e preciso un’ampia gamma di etichette, indipendentemente dal materiale e dalle caratteristiche della superficie. Ciò aumenta la produttività della macchina ed evita i tempi di fermo macchina. Anche le etichette in materiale BOPP cavitato non omogeneo possono essere rilevate in modo affidabile grazie al principio di funzionamento ottico. Il sensore a forcella è particolarmente adatto per applicazioni in cui è necessario rilevare vari tipi di etichette. Finora ciò richiedeva spesso diversi sensori a forcella. L’utente risparmia non solo spazio, ma anche tempo e costi aggiuntivi di installazione. Il nuovo sensore a forcella può essere impostato in modo semplice e veloce tramite il pulsante di autoapprendimento per eseguire l’autoapprendimento della combinazione supporto-etichette. Per tutti gli oggetti è necessaria una sola posizione di montaggio universale.

Il sensore a forcella GSX è dotato di un’interfaccia IO-Link. Questa serve per configurare il sensore in modo semplice, rapido ed economico. L’interfaccia può essere utilizzata, tra le altre cose, per abilitare le funzioni a distanza o per bloccare i pulsanti. Inoltre, la gestione delle combinazioni facilita il cambio formato in fase di sostituzione dei rotoli. Ciò significa che non è necessaria una nuova configurazione quando si sostituiscono i rotoli in un diverso formato di etichetta. Il formato viene cambiato rapidamente selezionando il set di parametri appropriato per il corrispondente formato di etichetta. Questa selezione dei parametri viene effettuata direttamente sull’etichettatrice tramite l’HMI. In questo modo si risparmia non solo tempo di impostazione, ma si aumenta anche il volume di produzione e si rende il sistema più economico.



Contenuti correlati

  • Un piccolo sensore per una grande macchina

    Marchesini Group, azienda bolognese che opera nell’ambito delle macchine e delle linee complete di confezionamento per farmaceutico e cosmetico, ha utilizzato i sensori in tecnologia optoelettronica di Wenglor Sensoric, che ha ritenuto essere delle soluzioni innovative e...

  • Tecnologie abilitanti per il packaging

    Una tavola rotonda promossa da SPS Italia sulla piattaforma Contact Place ha messo a fuoco le prospettive del packaging esaminando le tecnologie che possono abilitare aziende di settori come la cosmetica, il farmaceutico, l’alimentare e molte altre...

  • Integrazione rapida tramite IO-Link grazie al sistema MD7 di Leuze

    Il nuovo sistema MD7 di Leuze consente una potente automazione. È facile da integrare: Gli hub IO-Link sono un modo conveniente per gli utenti di integrare sensori digitali aggiuntivi nel sistema, se necessario, ed estendere il sistema...

  • Protezione compatta per l’imballaggio sostenibile

    Il produttore di imballaggi DS Smith monitora le sue presse per carta nello stabilimento di Erlensee con una soluzione I/O intelligente di Turck Banner. Leggi e scarica l’articolo

  • Tre nuovi soci per il Consorzio PI Italia

    Consorzio PI (Profibus e Profinet) Italia, organizzazione per la comunicazione industriale che riunisce  aziende capaci di fornire prodotti e soluzioni innovativi e integrati con il supporto delle tecnologie  Profibus, Profinet e IO-Link, amplia la propria compagine associativa. Nel...

  • Leuze Sudzucker AG sensori intralogistica
    Intralogistica in tutta sicurezza con i sensori Leuze

    Il gruppo Südzucker AG, che opera nel settore dello zucchero e degli alimenti in Europa e presente in tutto il mondo, utilizza sistemi tecnici moderni e processi affidabili e automatizzati. Questo vale dal processo di produzione ai...

  • Rilevamento affidabile di multipacks

    Leuze amplia la sua gamma di sensori a tasteggio di riferimento dinamico con il sensore per contenitori DRT 25C.R. Questi sensori si basano sull’innovativa tecnologia CAT (Contrast Adaptive Teach), che consente un nuovo principio di funzionamento per...

  • Icona Design Group porta il family feeling nell’industrial machinery

    Portare la bellezza all’interno dei siti industriali, applicando i canoni estetici del design alle macchine utensili, con l’obiettivo di arricchire la funzionalità con la gradevolezza estetica e agevolare la convivenza pacifica tra persone e macchine. Integrare il...

  • RAFI presenta due famiglie di prodotti per l'interfaccia IO-Link
    RAFI presenta due famiglie di prodotti per l’interfaccia IO-Link

    RAFI presenta due famiglie di prodotti per l’interfaccia IO-Link. Si tratta delle nuove varianti delle unità di comando E-Box e delle lampade segnaletiche Tilted Diamond+. L’E-Box IO-Link, la pulsantiera con interfaccia IO-Link, consente di integrare in qualsiasi bus...

  • Nuovi sensori di temperatura plug & play

    Turck Banner Italia, tra i principali fornitori di sensoristica, illuminatori e segnalatori industriali, sistemi bus e sicurezza, amplia l’innovativa gamma di sensori per fluidi con i nuovi sensori con IO-Link per una misurazione delle temperature flessibile e...

Scopri le novità scelte per te x