Schneider Electric: servo azionamento Lexium 32i

Pubblicato il 12 marzo 2013

Il servo azionamento compatto Lexium 32i di Schneider Electric si basa su un design strettamente modulare, che permette di configurare numerose versioni del drive utilizzando pochi componenti. Lo strumento di configurazione online Lexium Sizer aiuta a individuare facilmente la configurazione giusta. L’azionamento è fornito ai clienti scomposto nei diversi componenti, che possono essere assemblati in pochi minuti. Lexium 32i quindi unisce i vantaggi di un servo drive integrato – meno sforzi di progettazione e installazione, meno richiesta di spazio nell’armadio elettrico – ed un grado di flessibilità nella personalizzazione dell’azionamento che non ha pari sul mercato.

Lexium 32i è disponibile con flangia motore da 70 e da 100 millimetri. Il drive è disponibile sia con alimentazione 110 a 230 V~ monofase sia 208 a 480 V ~ trifase; vi sono due versioni di fieldbus e connessioni input/output, con connettori industriali o terminali a vite; i protocolli di comunicazione standard CANopen o EtherCAT permettono la comunicazione fra il drive e il controllore master. Come protocolli di comunicazione per applicazioni sincrone si possono usare CANmotion o EtherCAT. Data la varietà di dimensioni, interfacce fieldbus, alimentazione motore e possibilità di connessione, Lexium 32i rappresenta un sistema drive decentralizzato estremamente flessibile, per potenze fino a 2,2 kW.

La concezione innovativa del connettore nei moduli di connessione permette di posizionare i cavi sul lato superiore o sul retro del motore. In questo modo, non è necessario adattare il sistema al drive, ma è il drive che si adatta alle caratteristiche della macchina. La minore dimensione dell’armadio di cablaggio e la minore complessità del cablaggio e dell’installazione producono risparmi. Il servo motore e il drive costituiscono un’entità unica, che elimina la necessità di usare cavi per l’alimentazione e per l’encoder. Ciò genera ulteriori risparmi, semplifica la fase di ingegnerizzazione e riduce il fattore armonico totale nella fase di funzionamento della macchina, rendendola più affidabile.

Dal momento che il servo azionamento non è installato nell’armadio elettrico ma direttamente sulla macchina, serve meno energia per garantire il condizionamento nell’armadio. Lexium 32i adotta il raffreddamento passivo, e non ha bisogno di ventole. Il “case” del motore irradia all’esterno il calore, così che in condizioni di temperatura normali per raffreddare è sufficiente l’aria esterna.

Schneider Electric: www.schneider-electric.com



Contenuti correlati

  • Smart sensor: quanto ne abbiamo bisogno!

    La sensoristica è presente in ogni aspetto della nostra esistenza. Ci serve per vivere, lavorare, divertirci. Per produrre di più, meglio e a costi più bassi. Però c’è un problema: la crisi dei semiconduttori Leggi l’articolo

  • Skill digitali per l’industria del futuro: quali le competenze più richieste?

    Secondo alcuni studi poco meno di un terzo dei dipendenti oggi possiede le competenze necessarie per rispondere alle sfide aziendali. Nell’era della digital transfomation assumono un peso rilevante le competenze trasversali che vanno dalla capacità di relazionarsi...

  • Partenze motore TeSys Giga di Schneider Electric

    La nuova generazione di partenze motore TeSys Giga di Schneider Electric porta con sé molte innovazioni che offrono un’esperienza più flessibile, semplice e sostenibile a quadristi, OEMs, progettisti, system integrator, facility manager. Con i suoi 56 brevetti la...

  • Piattaforme cloud industriali per ridisegnare la gestione degli asset

    Nel mondo dell’automazione, le piattaforme industrial IoT (IIoT) aiutano a migliorare i processi decisionali nell’amministrazione delle risorse, e a controllare con maggior efficienza impianti e infrastrutture. La pandemia da Covid-19 ha inoltre contribuito ad accrescere il divario...

  • Soluzioni Schneider Electric per Universal Pack

    Nel quadro di una partnership solida e collaudata, Universal Pack, azienda specializzata in progettazione e costruzione di macchine confezionatrici verticali per il confezionamento mondose nei settori farmaceutico e food, sia per polveri sia per liquidi, ha scelto Schneider Electric per...

  • Interconnessione delle macchine: soluzioni pronte al futuro

    L’azienda farmaceutica italiana Alfasigma interconnette le macchine di otto linee produttive nel suo stabilimento di Pomezia con Data Wizard: il quadro stand alone che capta e trasforma segnali elettrici in informazioni chiave per l’OEE. Una soluzione scalabile,...

  • Sistemi aperti vs tradizionali

    EcoStruxure Automation Expert di Schneider Electric è un sistema aperto pensato per massimizzare l’efficienza ingegneristica. Compatibile con i sistemi attuali e predisposto per facilitare aggiornamenti e migrazioni future, la soluzione permette di automatizzare le attività a più...

  • Stratus e Schneider Electric spostano le operazioni del data center all'edge
    Stratus e Schneider Electric spostano le operazioni del data center all’edge

    Stratus Technologies annuncia con Schneider Electric il rilascio delle architetture EcoStruxure Micro Data Center standardizzate sulle piattaforme Edge Computing di Stratus per accelerare il passaggio delle tradizionali capacità del data center all’ambiente di fabbrica. Le nuove architetture...

  • Quali sono i punti di forza e gli svantaggi dell’edge computing?

    Parliamo ora di edge computing. Un’idea non nuova per la fabbrica o per impianti che necessitano, ad esempio, di un sistema di controllo o di un monitoraggio sul posto. E anche un’idea non nuova in ottica di...

  • In equilibrio tra edge e cloud

    I moderni sistemi di automazione evolvono verso soluzioni in equilibrio fluido tra elaborazione on premises, edge e cloud Leggi l’articolo 

Scopri le novità scelte per te x