Resilienza, ancora poca consapevolezza e conoscenza

Pubblicato il 8 marzo 2016

Il report commissionato da BSI recentemente rilasciato dall’EIU (Economist Intelligence Unit) rivela che solo un terzo degli intervistati (29%) è certo che la propria organizzazione abbia pratiche di resilienza completamente integrate nel proprio business e meno di metà (44%) prevede di metterle in atto nell’arco di tre anni. Questi sono i numeri, nonostante l’88% dei manager intervistati veda la capacità di resilienza come una priorità per la propria organizzazione e la ritenga indispensabile per una crescita nel lungo periodo (80%).

Lo studio “Organizational resilience: Building an enduring enterprise” evidenzia come le maggiori difficoltà nel raggiungere un’adeguata capacità di resilienza siano legate alla mancanza di consapevolezza e di conoscenza, allo scarso coinvolgimento della leadership e alla tendenza delle aziende a considerare gli eventi solo nel breve periodo. Resistenza culturale e visione “a silos” sono altri due fattori che creano punti di debolezza e colli di bottiglia all’interno dell’organizzazione. Il 39% dei dirigenti d’azienda sostiene di fare il possibile per assicurare le misure essenziali di resilienza: sicurezza delle informazioni, efficienza della supply chain e corporate governance.

Solo un’organizzazione europea su cinque (19%) è riuscita ad integrare pienamente processi di resilienza, mentre in Nord America la percentuale è del 37% e nella regione Asia Pacific del 34%. A livello mondiale un terzo (33%) delle organizzazioni ha processi di resilienza integrati nelle attività di business, di cui un quarto (26%) con ricavi inferiori a 500 milioni di dollari. Sono infatti le aziende più piccole quelle che fanno più fatica ad implementare processi di resilienza, a causa della mancanza di tale cultura, mentre le aziende di vaste dimensioni denunciano problemi di ordine economico e difficoltà ad investire in attività di disaster recovering.

Significativo è il fatto che organizzazioni “storiche”, sul mercato da diverse decine di anni, vedono una stretta connessione tra resilienza e crescita a lungo termine. Il report definisce la resilienza come il motore del successo aziendale, perché evitare guasti operativi rappresenta un importante fattore strategico. Il 61% degli intervistati ritiene che la capacità di resilienza sia un vantaggio competitivo e vede un legame molto forte tra gli investimenti in questo campo e le performance finanziarie a lungo termine. Le imprese intervistate, tra cui Fiskars, la storica società (366 anni) di beni di consumo finlandese, ha spiegato che il raggiungimento di resilienza organizzativa è di vitale importanza per il successo finanziario a lungo termine. La vera resilienza viene dalla capacità di adattamento della strategia aziendale in tutti gli aspetti del business.

Howard Kerr, Chief Executive di BSI commenta: “Trovarsi oggi in un mondo in continua evoluzione e in rapido movimento richiede alle aziende di essere agili, robuste e adattabili per superare la prova del tempo. Il fatto che due intervistati su tre ritengano che le proprie organizzazioni possano fallire questa prova, dimostra quanto queste strutture aziendali siano fragili e vulnerabili. Ciò è ulteriormente rafforzato da esempi di alto profilo che appaiono regolarmente in tutto il mondo”.

Il report identifica sei caratteristiche chiave delle organizzazioni resilienti: Approccio proattivo –  adattarsi prima di essere costretti a farlo; Leadership – il supporto di tutta l’organizzazione, a partire dal CEO nell’implementazione dei processi di resilienza; Risposta ai cambiamenti – capacità di interpretare le richieste del mercato; Forte cultura aziendale – inclusività e riconoscimento delle responsabilità e del contributo di ognuno al business; Focus – una visione chiara di obiettivi e identità; Visione a lungo termine – non limitarsi a soddisfare soltanto obiettivi finanziari di breve periodo

Victoria Tuomisto, autrice del report dell’EIU conclude: “L’apparente divario tra l’intenzione e l’azione di approccio delle aziende verso la resilienza suggerisce che le imprese si trovano ad affrontare una serie di sfide nell’integrazione di tali processi in un mercato mutevole e vario. Ma un’organizzazione resiliente per definizione – conclude –  è quella che è sempre in movimento e che si adatta: non c’è mai un ‘traguardo’ quando si tratta di attuare una politica di resilienza”.

 



Contenuti correlati

  • Quattro leve strategiche per la resilienza aziendale

    Il concetto di resilienza aziendale è frutto di una calibrata sintesi di: business continuity, risk management, cyber security & compliance. Diventa strategico attuare misure proattive per garantire efficienza organizzativa, completando il processo di digitalizzazione e automazione in...

  • Più igiene per tutti

    Le sfide che aspettano il mondo del tissue e le opportunità offerte dalla tecnologia digitale: se ne è parlato durante un evento in streaming sulla piattaforma Convergence che riunisce i principali attori del settore Leggi l’articolo  

  • Innovazione e digitalizzazione pilastri della nuova economia globale e sostenibile

    L’innovazione tecnologica e la digitalizzazione sono i pilastri per costruire la nuova economia globale e sostenibile: lo ha affermato Blake Moret, CEO di Rockwell Automation, in apertura dell’evento ‘Scenario, una conversazione globale sul Tissue’. Non è più sufficiente...

  • Stratus e Schneider Electric spostano le operazioni del data center all'edge
    Piani di Servizio EcoStruxure Schneider Electric per la resilienza delle aziende

    Schneider Electric ha reso disponibili i nuovi Piani di Servizio EcoStruxure, una suite di servizi che combina tradizione ed innovazione con potenti soluzioni digitali create su misura per adattarsi agli obiettivi specifici di ogni cliente, migliorando le...

  • Affrontare il rischio: come farlo correttamente

    Gli eventi catastrofici sono tutt’altro che imprevedibili. Eppure, costantemente nel corso della storia, i governi e le aziende non sono riusciti a prendere precauzioni adeguate a mitigare e rispondere ad essi, come sostiene l’ultimo studio elaborato da Arthur D....

  • sace mappa dei rischi export italia
    Sace: il 2021 è l’anno della ripresa per l’export italiano

    A un anno dall’inizio della pandemia che ha portato a una recessione globale senza precedenti, l’incertezza economica permane e il quadro complessivo dei rischi è decisamente più elevato ed eterogeneo. Ma il 2021 sarà un anno di...

  • Esempio di industria 4.0 italiana, EDiM punta su innovazione, sostenibilità e formazione

    EDiM, azienda ‘made in Brianza’ con oltre 60 anni di esperienza, è una realtà dinamica con 360 dipendenti. Esempio di industria 4.0 italiana, per affrontare il periodo storico difficile EDiM sceglie di focalizzare i propri investimenti su...

  • Mark Reisig - VP Product Marketing di Aras Product Lifecycle Management
    Previsioni per il 2021 del Product Lifecycle Management

    Di Mark Reisig – VP Product Marketing di Aras Non sorprende che la maggior parte delle mie previsioni per il 2020 fossero sbagliate, in quanto non ho tenuto conto della pandemia Covid-19. Tuttavia, ero sulla buona strada...

  • allianz risk barometer 21
    Interruzione di attività, pandemia e attacchi informatici: ecco cosa temono le aziende nel 2021

    Un trio di rischi legati al Covid-19 guida il 10° Allianz Risk Barometer 2021, e riflette gli sconvolgimenti  causati dai lockdown, misura adottata in molti nel mondo per arginare l’epidemia di coronavirus. L’interruzione di attività (n°1 con...

  • Software AG trand 2021 trasformazione digitale
    Trasformazione digitale: i trend del 2021

    Il 2020 è stato l’anno di un cambiamento radicale. Su tutti i fronti, da quello sanitario a quello economico, politico e sociale, abbiamo dovuto adattarci in fretta a un mondo in profonda trasformazione e non sapremo quali...

Scopri le novità scelte per te x