Requisiti Atex per i motoriduttori e trasmissioni utilizzate negli ambienti pericolosi

I requisiti dei motoriduttori certificati Atex

Pubblicato il 4 gennaio 2021

Pochi settori adottano normative e standard altrettanto rigorosi quanto le industrie minerarie, estrattive e petrolifere e del gas. Quando si lavora in ambienti pericolosi, il rispetto delle normative è essenziale; le attrezzature e i componenti utilizzati in questi settori industriali non fanno certo eccezione.
Se si intende utilizzare un motoriduttore in un ambiente pericoloso – ossia un luogo con atmosfere esplosive dovute alla presenza di gas infiammabili, nebbie, vapori o polveri combustibili – è fondamentale che vengano rispettate alla lettera le direttive Atex.

Atex è il nome assegnato a due direttive europee in materia di controllo delle atmosfere esplosive. La Direttiva 99/92/CE, detta anche Atex 137 o Direttiva Atex sui requisiti minimi per i luoghi di lavoro, riguarda la protezione degli operatori. La Direttiva 94/9/CE è stata studiata per migliorare la sicurezza delle attrezzature utilizzate in atmosfere esplosive. È detta anche Direttiva sulle attrezzature Atex. I direttori di stabilimento che operano in atmosfere esplosive sono tenuti a conformarsi costantemente a queste direttive, non solo per quanto riguarda le procedure adottate in loco, ma anche in fase di selezione di macchinari, parti e componenti, quali motoriduttori e motori.

Le atmosfere pericolose sono classificate in diverse zone. Tali zone differenziano i luoghi in cui esiste un’elevata probabilità che si sviluppi un’atmosfera esplosiva da quelli in cui la presenza di un’atmosfera esplosiva si ha solo occasionalmente o in circostanze anomale. Questa classificazione ha effetto sia sulle normative a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori che operano in queste aree, sia sulle tipologie di attrezzature utilizzabili e sulle modalità di montaggio e installazione.

Ad esempio, prendiamo il caso di una trasmissione. Nel rispetto della Direttiva 2014/34/UE, la linea WEG WG20 di motoriduttori certificati Atex è stata progettata appositamente per l’uso in aree a prova di esplosione – Categoria 2 nelle zone 1/21 e Categoria 3 nelle zone 2/22. Tuttavia esistono procedure di installazione differenti, in base alle diverse zone delle atmosfere pericolose.
Per quanto riguarda i motoriduttori, nelle zone 2/22 è possibile effettuare il montaggio diretto, mentre nelle zone 1/ 21 è richiesto l’uso di un adattatore. L’installazione dei motoriduttori può comportare vantaggi tecnici ed è un processo piuttosto semplice. Gli standard di mercato hanno imposto precise dimensioni per i motoriduttori, pertanto è decisamente più vantaggioso scegliere un motoriduttore interamente compatibile con questi standard.

Per quanto riguarda WEG, progettare motori in funzione di questi standard fa sì che i direttori di stabilimento non debbano modificare i sistemi esistenti e consente ai costruttori dei macchinari di ammodernarli senza necessità di modiche sostanziali.
Se si rende necessario l’uso di un adattatore, ad esempio per le applicazioni nelle zone pericolose 1 e 21, i produttori di macchinari possono facilmente installare l’adattatore per combinare il motoriduttore con altre attrezzature. Ad esempio, con questo metodo è possibile combinare l’intera gamma di motoriduttori WG20 con i motori ad alta efficienza WEG IEC.

Il mancato rispetto di questi requisiti può comportare conseguenze tragiche per i produttori di attrezzature che servono le industrie petrolifere, del gas, minerarie ed estrattive. Il rispetto delle normative Atex tutela i costruttori da eventuali casi di non conformità, ma è indubbio che l’uso di attrezzature non idonee in questi settori può comportare dei rischi immani; per questo motivo gli standard in questi settori sono così rigorosi.

WEG progetta, produce e fornisce attrezzature per aree pericolose e ambienti esplosivi. Online è possibile reperire ulteriori informazioni sulla linea di trasmissioni WEG WG20 con certificazione Atex. In particolare, l’azienda di recente ha pubblicato una serie di whitepaper per consigliare e informare i direttori di stabilimento riguardo all’acquisto di un motoriduttore.

Marek Lukaszczyk, responsabile marketing per l'Europa e il Medio Oriente presso WEG



Contenuti correlati

  • Aveva Unified Supply Chain Schedule AI Assistant
    Raffinerie 4.0 e più sostenibili grazie all’Intelligenza Artificiale di Aveva

    Aveva, multinazionale inglese operante nel settore dei software industriali che supportano le imprese verso la trasformazione digitale e la sostenibilità, ha rilasciato Unified Supply Chain Schedule AI Assistant, una nuova soluzione per la pianificazione delle attività degli...

  • termocamere Flir rilevazione ottica gas
    Come sfruttare al meglio le termocamere per la rilevazione ottica di gas

    Grazie alla tecnologia OGI, l’industria petrolifera può attuare un programma di rilevamento e riparazione delle fughe ‘Smart LDAR’ (Leak Detection and Repair) più sicuro ed efficiente, che consente agli ispettori di rilevare più rapidamente emissioni fuggitive e...

  • Si consolida l’alleanza tra F2i Holding Portuale e Mammoet per il project cargo a supporto dell’industria italiana

    F2i Holding Portuale (FHP), espressione di F2i Sgr, il più importante fondo infrastrutturale italiano, e Mammoet Italia, branch italiana del noto player mondiale nei sollevamenti e trasporti eccezionali, estendono la propria alleanza come fornitore di soluzioni integrate...

  • I muscoli che muovono le tubature oil&gas

    Per le soluzioni oil & gas, è fondamentale essere in grado di operare in condizioni ostili. Un sistema di attuazione Moog, totalmente elettromeccanico, ha permesso di realizzare una soluzione robotizzata adatta a operare in ambienti difficili. Leggi...

  • Alimentare una nazione intera

    L’Ente uruguaiano che gestisce la filiera dei carburanti, Ancap, ha realizzato la supervisione degli impianti e la storicizzazione dei dati grazie al software di GE Digital. Le soluzioni adottate, che in Italia sono proposte da ServiTecno, hanno...

  • Trasmettitore di livello a barra di torsione

    In ambito oil&gas, tra le applicazioni di strumentazione più necessarie e diffuse c’è certamente la misura di livello di liquidi. Terranova, cui fanno capo tre marchi storici della strumentazione italiana (Valcom, Spriano, MecRela) propone una sua soluzione...

  • Oil&Gas goes digital

    Un sistema messo a punto con i prodotti di Siemens impiega manipolatori completamente automatizzati per gestire l’intero processo di trivellazione senza intervento umano, rivoluzionando l’industria dell’Oil&Gas Leggi l’articolo

  • Il motoriduttore DuoDrive di Nord Drivesystems è stato brevettato

    Ridurre al minimo le interfacce per aumentare al massimo l’efficienza del sistema: con questa filosofia Nord Drivesystems ha lanciato un anno fa un motoriduttore rivoluzionario dall’igienico design washdown, che nella stessa carcassa alloggia il motore sincrono a magneti permanenti...

  • Terranova presenta l’interruttore di livello ASL in una veste completamente digitale

    Grazie al nuovo ASL digitale, certificato ATEX, IECEx, SIL, RINA e con custodie IP66 o IP68, viene aumentato sensibilmente il livello di sicurezza nei più disparati tipi di recipiente, come serbatoi, tubazioni, casse zavorra e prodotto di...

  • Turck Banner_Soluzioni IO decentralizzate per aree EX_2521_LR
    Moduli I/O Turck Banner omologati Ex

    Turck Banner Italia ha omologato i suoi moduli I/O a blocchi IP67 serie Tben-S e Tben-L per l’uso nella Zona 2. L’azienda si distingue quindi quale primo fornitore di soluzioni di automazione decentralizzata senza custodia di protezione...

Scopri le novità scelte per te x