Record di produzione ed export per la meccanica varia

Balzo del 15,1% a 52 miliardi, del valore della produzione. Stesso discorso per l’export. Secondo Marco Nocivelli, presidente Anima, il settore ha beneficiato nel 2021 degli incentivi fiscali. Ora si punta dritti verso la sostenibilità

Pubblicato il 27 ottobre 2021

Il 2021 sarà probabilmente ricordato dagli operatori del settore della meccanica varia come l’anno dei record. Secondo le previsioni diffuse dall’Ufficio Studi di Anima, la Federazione che raggruppa il settore, sarà record per quanto riguarda la produzione che dovrebbe balzare a 52 miliardi con un incremento del 15,1% rispetto al 2020. Record anche per quel che concerne le esportazioni, che arriverebbero a oltre 29,6 miliardi, con una crescita del 15% sull’anno precedente e che quindi corrispondono al 57% del giro d’affari.

Certo il 2020 è stato l’anno pandemico, mentre il 2021 quello che ha segnato la ripresa del Paese. Ma i dati delle stime battono di gran lunga anche quelli registrati nel 2019. L’unico dato che non sembra subire grossi contraccolpi è quello dell’occupazione. Nel 2020 si è registrato un lieve decremento dello 0,1% con 223.855 occupati, mentre quest’anno si stima una popolazione attiva di 223.959, in sostanza in linea. Il mantenimento dei livelli occupazioni va però letto come un ulteriore segnale che il settore ha retto il colpo.

È lo stesso Marco Nocivelli, presidente di Anima, sulle pagine del Sole24Ore, a mostrarsi sorpreso: “nessuno poteva immaginare una velocità di recupero così elevata. Che quasi sembra relegare il 2020 ad un incidente di percorso, un’interruzione solo transitoria del trend precedente”.

A fare da traino alle imprese rappresentate da Anima è il mondo dell’edilizia e degli incentivi fiscali che sono stati messi in atto nel nostro Paese: “i numeri dicono che stanno funzionando e che spingono le aziende a investire e ad ammodernarsi, nel 2021 c’è una crescita di investimenti del 3,4%, a quota 1,24 miliardi”.

È la replica di quanto avvento con la spinta degli incentivi Industria 4.0. I progressi rispetto al 2019 sono visibili un po’ ovunque: nella logistica, nei macchinari industriali, nell’impiantistica legata a chimica ed energia, nella movimentazione delle merci, nel settore industriale e in quello della sicurezza. Solo il settore alimentare non ha superato i livelli del 2019: secondo Nocivelli è “frenato dal lungo periodo di difficoltà vissuto dal canale Ho-Re-Ca in Italia e non solo, con una domanda da parte di alberghi, ristoranti, bar e ristorazione collettiva che è rimasta debole per il primo semestre e che inizia e riprendersi solo ora”. Nonostante questo il progresso sul 2020 è stato pari al 18%.

Nell’immediato futuro non mancano le preoccupazioni: su tutti l’aumento delle materie prima, dei noli, dell’energia. Un’impennata dei prezzi che secondo Nocivelli richiede controllo e interventi da parte delle istituzioni. Questo per non vanificare lo sforzi di innovazione del Pnrr in chiave di trasformazione digitale e transizione ecologica.

Anima Confindustria ha realizzato, a questo proposito, il Manifesto della Meccanica per il 2022, che contiene spunti e proposte per sviluppare un efficace piano industriale utilizzando al meglio i fondi del PNRR. Il Manifesto verrà presentato alle istituzioni durante l’assemblea pubblica di Anima del 22 ottobre “La meccanica italiana verso sfide sostenibili”.

Franco Metta



Contenuti correlati

  • open mind hypermill mecspe 2021
    Lavorazioni CAM 5 assi complesse semplici grazie ad Open Mind

    Open Mind partecipa a Mecspe per dare la possibilità ai visitatori di aggiornarsi sulle ultime novità dedicate a chi esegue lavorazioni di fresatura, tornitura e tornio fresatura anche a 5 assi. In particolare nelle tre postazioni dimostrative...

  • Software industriale: una tavola rotonda ha fatto il punto sul mercato

    Il software industriale ha un ruolo primario nella transizione digitale e rappresenta l’elemento essenziale nel processo innovativo dell’industria. E proprio di software si è voluto parlare durante la recente tavola rotonda, intitolata “PNRR, digitalizzazione, sostenibilità. Pronti, partenza, via!”,...

  • bosch rexroth smart mechatronix
    Smart MechatroniX, la piattaforma Bosch Rexroth per la Fabbrica del Futuro

    La fabbrica del futuro sarà più intelligente, flessibile, connessa e software-based rispetto ai plant produttivi attuali. E anche più sostenibile. Con la nuova piattaforma di soluzioni meccatroniche Smart MechatroniX, Bosch Rexroth risponde alle nuove esigenze del mercato...

  • Come ottenere una transizione efficace verso l’Industria 4.0?

    Il primo passo per un’azienda che desidera approcciarsi all’Industria 4.0 è identificare quali aspetti è necessario affrontare per sfruttare il pieno potenziale di questa transizione. Per raggiungere questo scopo e agevolare le aziende in questa trasformazione, TÜV...

  • 33.BI-MU e Xylexpo pronte per l'edizione in presenza nel 2022
    33.BI-MU e Xylexpo pronte per l’edizione in presenza nel 2022

    Saranno i temi della digitalizzazione e della sostenibilità a caratterizzare la prossima edizione di BI-MU e Xylexpo, le manifestazioni organizzate da Ucimu-Sistemi per produrre e da Acimall, che si terranno dal 12 al 15 ottobre 2022 nel...

  • La trasformazione 4.0 nel food&beverage, partendo dalla registrazione e reporting digitali

    La registrazione e il reporting dei dati sono fondamentali per tenere sotto controllo i parametri di sicurezza critici dei processi di produzione dell’industria alimentare, inoltre possono rappresentare un vantaggio anche in termini di efficienza. Sono tutti benefici connessi alla...

  • Il modello di business di MindSphere World per il rilancio del sistema industriale in Italia: l’importanza dell’ecosistema

    Il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) presentato dal Governo prevede lo stanziamento di 23,89 miliardi di euro per l’innovazione tecnologica del sistema produttivo italiano, con l’intento primario di velocizzare la digitalizzazione dell’intero sistema Paese, condizione indispensabile per...

  • Lunga vita al PLC

    All’alba del nuovo millennio, la componente fisica del sistema di controllo continua a essere un elemento centrale di ogni tipo di sistema automatico, con i tradizionali PLC e DCS che stanno evolvendosi in forme nuove. Anche dal...

  • Dalla simulazione al virtual commissioning

    La continua crescita di applicazioni concrete ha aumentato i benefici dell’adozione delle tecnologie di gemello digitale (digital twin). Lenze ha voluto superare il concetto di management shell, estendendo il suo supporto agli ambiti della simulazione, della diagnostica...

  • IA e AR cambiano il mondo della manutenzione predittiva

    Nella manutenzione industriale il passaggio dall’approccio reattivo a quello proattivo è in pieno svolgimento e mostra tutti i suoi vantaggi grazie anche al crescente utilizzo delle tecnologie digitali, in particolare dell’Intelligenza Artificiale e della Realtà Aumentata. Processi...

Scopri le novità scelte per te x