Quote di mercato delle reti industriali per l’anno 2020 secondo HMS Networks

Ethernet industriale in crescita - ancora in perdita i bus di campo mentre il wireless rimane stabile

Pubblicato il 17 luglio 2020

Connettere i dispositivi e le macchine alle reti industriali è la chiave per realizzare fabbriche sempre più connesse e intelligenti. Lo studio annuale sul mercato delle reti industriali, condotto da HMS Networks, mostra come l’Industrial Ethernet rappresenti il 64% dei nuovi nodi installati (l’anno scorso era il 59%), mentre i bus di campo scendono al 30% (dal 35%). Ethernet/IP e Profinet sono le reti più installate con il 17% ciascuna; le tecnologie wireless rimangono stabili al 6% del mercato.

HMS Networks presenta la propria analisi annuale sul mercato delle reti industriali, concentrandosi sui nuovi nodi installati a livello globale nel mondo dell’automazione industriale. In veste di fornitore indipendente di tecnologie di connettività di rete per la comunicazione industriale e l’Industrial Internet of Things, HMS assume una visione approfondita del mercato delle reti industriali. Lo studio del 2020 include le quote di mercato stimate per bus di campo, Ethernet industriale e wireless. Quest’anno non sono stati stimati i tassi di crescita, date le condizioni particolari del mercato in generale, dovute alla situazione del Coronavirus.

Continua la crescita per Ethernet industriale, mentre i bus di campo continuano a calare
Dall’analisi di HMS, si evince che Industrial Ethernet continua a sottrarre quote di mercato ai bus di campo. Le reti Ethernet industriali rappresentano ora il 64% del mercato globale dei nuovi nodi installati nella factory automation (rispetto al 59% dell’anno scorso). Ethernet/IP e Profinet condividono il primo posto con il 17% del mercato. Ethercat continua a ricoprire il 7% del mercato a livello globale, Modbus-TCP detiene il 5%, superando di poco Ethernet Powerlink al 4%.

Il calo dei bus di campo
HMS stima un calo dei bus di campo al 30% dei nuovi nodi installati (rispetto al 35% dell’anno scorso). Profibus è ancora al primo posto (8%), ma per la prima volta rappresenta meno del 10% del mercato totale delle reti industriali. A seguire le reti Modbus-RTU al 5% e le reti CC-Link al 4%.

“Prevediamo una crescita costante del mercato delle reti industriali nei prossimi anni, ma a causa della situazione particolare creatasi con il Coronavirus, che sta avendo ripercussioni sulle condizioni generali di business a livello globale, abbiamo deciso di non inserire nella nostra analisi del 2020 le cifre di crescita, ma soltanto le quote di mercato” afferma Anders Hansson, Chief Marketing Officer di HMS Networks. “Quindi, concentrandoci soltanto sulle quote di mercato quest’anno, vediamo che l’Industrial Ethernet continua a trainare la connettività industriale nelle fabbriche, con Ethernet/IP, Profinet ed Ethercat al terzo posto”. Hansson continua affermando: “Profibus è ancora il bus di campo dominante ma ha perso quote di mercato; mentre continua il calo dei fieldbus in generale. Inoltre risulta interessante notare come Modbus registri un buon andamento, sia che si tratti di Modbus RTU che di Ethernet basato su Modbus-TCP, mostrando come le fabbriche continuino a utilizzare tecnologie ben funzionanti nei loro nuovi impianti, anche se vengono utilizzate da un po’ di tempo”.

Il wireless rimane stabile, promettendo bene per il futuro
Le tecnologie wireless rappresentano il 6% del mercato totale, con la tecnologia Wlan che si conferma essere la più popolare, seguita dal Bluetooth. “Il wireless mantiene la sua quota di mercato, in un settore in continua crescita, un risultato per niente male, visto che prevediamo un’ulteriore crescita dei wireless prossimamente” afferma Hansson. “Con tutte le attività in corso a livello mondiale relative alle tecnologie cellulari (ad esempio reti private LTE/5G) come fattori abilitanti per la produzione intelligente nelle fabbriche, la domanda di dispositivi e macchine connessi in modalità wireless aumenterà sempre più, in modo tale da integrarli nelle architetture d’automazione del domani, ovvero meno cablate e maggiormente flessibili”.

Variazioni locali
Ethernet/IP e Profinet sono all’avanguardia in Europa e in Medio Oriente, seguiti da Profibus ed Ethercat. Altre reti molto utilizzate sono Modbus (RTU/TCP) e Ethernet Powerlink. Il mercato statunitense è dominato dalle reti Ethernet/IP ed Ethercat, con quest’ultima che continua a guadagnare quote di mercato. Profinet ed Ethernet/IP guidano un mercato asiatico abbastanza frammentato, seguiti da Profibus, Ethercat, Modbus (RTU/TCP) e CC-Link/CC-Link IE Field.

Lo studio presenta l’analisi, secondo le stime di HMS per il 2020, basata sul numero di nuovi nodi installati nel 2019 all’interno della factory automation. Si definisce nodo, la macchina o il dispositivo collegato ad una rete industriale. I dati presentati rappresentano il punto di vista privilegiato di HMS, tenendo conto delle opinioni dei colleghi del settore, delle nostre statistiche di vendita e della percezione generale del mercato.



Contenuti correlati

  • Le reti industriali nell’Era dell’Edge Computing, del 5G e della cybersecurity

    I fattori trainanti delle reti industriali includono Industria 4.0, IIoT, comunicazioni Machine-To-Machine e wireless. Intorno a Edge Computing, 5G e Cybersecurity si stanno giocando le sfide più interessanti. Leggi l’articolo

  • Speciale CLPA 2024: tutti i vantaggi offerti da CC-Link IE TSN

    L’Industria 5.0 punta verso l’interconnessione e una produzione data driven: in questo contesto le reti industriali assumono un ruolo cruciale per garantire una comunicazione dati efficiente, affidabile, sicura. Lo standard CC-Link IE TSN supporta al meglio la...

  • Reti 5G private per l’industria

    Sicurezza, affidabilità, latenza ridotta e capacità di trasmissione garantita sono le caratteristiche più apprezzate delle reti private 5G, che hanno iniziato a dimostrare i loro vantaggi per supportare applicazioni innovative in campo industriale e nella logistica Le...

  • Dal wi-fi 6 e 6E al 7: evoluzione e prospettive

    Il mondo del wireless è in costante mutamento, sospinto anche dall’aumento dei dispositivi, delle connessioni e delle applicazioni sempre più esigenti in termini di larghezza di banda. In questo contesto, wi-fi 6E si pone come il fulcro...

  • Libertà di connessione

    IO-Link wireless permette la connessione dei vari dispositivi presenti nelle applicazioni senza l’utilizzo di cavi di comunicazione, rimuovendo alla base le problematiche connesse all’uso del cavo CoreTigo, azienda hightech Israeliana, ha inventato il nuovo sistema di comunicazione...

  • Extreme Labs: un hub per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione nel settore delle reti

    Extreme Networks annuncia Extreme Labs: un ecosistema dinamico in cui creatività, collaborazione e tecnologie avanzate convergono per sostenere lo sviluppo di nuove soluzioni innovative, e un luogo privilegiato in cui l’azienda può presentare i prodotti più vicini alla...

  • Industrial Ethernet e i suoi ‘fratelli’

    Profinet, Ethernet/IP, Powerlink, CC-Link IE, Ethercat, solo per citarne alcuni, sono gli standard Industrial Ethernet che si ‘contendono’ il primato nel campo della comunicazione industriale. Quale soluzione scegliere? L’evoluzione dell’ambiente industriale è stata significativamente influenzata dall’introduzione dell’Ethernet...

  • Il wireless nell’industria

    Antenne, repeater, adattatori, ricevitori, software e accessori per la comunicazione senza fili in ambito industriale I progressi nella velocità della rete wireless e la riduzione della latenza hanno modificato radicalmente la comunicazione. La tecnologia cellulare wireless è...

  • Soluzioni di azionamento indipendenti per l’automazione

    Profinet è uno standard per la comunicazione industriale concepito come tecnologia “neutra”, il cui scopo è garantire la connettività e l’interoperabilità tra componenti, anche di diversi fornitori, attraverso le certificazioni. Si tratta di una soluzione impiegata anche per...

  • Motori c.a. a bassa tensione

    Il rallentamento del mercato globale dei motori c.a. a bassa tensione nel 2023 dovrebbe portare a una leggera contrazione dei ricavi nel 2024, con un ritorno alla crescita nel 2025 Secondo una ricerca di Interact Analysis, specialista...

Scopri le novità scelte per te x