Quando non c’è altra soluzione possibile, go for gamma!

Misure radiometriche nella produzione di gomma sintetica

Pubblicato il 15 gennaio 2020

La tecnologia di misura a principio radiometrico a raggi gamma viene impiegata in quelle applicazioni dove la misura di livello è fondamentale per la conduzione dell’impianto e non c’è altra tecnologia che possa riuscire nel compito di misura.
Tipicamente i sistemi di misura radiometrici sono installati esternamente al serbatoio e non hanno limiti di processo: pressione, temperatura, strutture complicate interne al vessel, estrema turbolenza del fluido da misurare, corrosione, viscosità, tossicità…
Tutto ciò può essere superato con la tecnologia a raggi gamma.

Un esempio tipico della necessità di utilizzare questa tecnologia è comune nei reattori di polimerizzazione nella produzione di materiali plastici (fonte Endress+Hauser Italia).
Questi reattori lavorano spesso a temperature e pressioni importanti, hanno all’interno agitatori e raschiatori che occupano tutto il diametro ed il polimero è molto viscoso e quindi tendente a creare depositi sulle superfici interne. Tutte condizioni critiche per le tecnologie più tradizionali di misura di livello.

Un’importante azienda petrolchimica del nord Italia ha avviato quest’anno una nuova linea di produzione di gomma sintetica EPDM. I vessel principali del treno di produzione sono il reattore di polimerizzazione e a seguire tre stripper in alta, media e bassa pressione.
Il reattore ha un range di misura di livello di circa 800 millimetri sulla quota di regolazione e 2 controlli di alto e basso livello con idoneità SIL2. Inoltre, essendo presente in cupola una fase gassosa etliene/propilene a pressioni importanti e variabili, era necessario misurare anche la densità della fase gassosa per compensarne gli effetti sulla misura di livello.

Il reattore è stato quindi equipaggiato con un detector lungo 1200 mm. posto in verticale per la misura di livello continua, due detector lunghezza 200 millimetri posti in orizzontale sopra il 100%: uno per il controllo HL SIL2 e uno per la misura di densità della fase gas.
Due detector da 200 millimetri di linghezza sotto lo 0% per il controllo LL SIL2 in configurazione 1oo2.

Una sorgente radioattiva (isotopo Cesio137 oppure Cobalto60) viene posizionata da un lato del serbatoio.
La sorgente è inserita in un contenitore piombato che consente l’emissione delle radiazioni soltanto in direzione del vessel.
Le radiazioni attraversano il serbatoio e raggiungono un detector a scintillazione posto sul lato opposto dopo essere state attenuate da tutti i materiali attraversati.
Il serbatoio e tutte le sue strutture interne costituiscono una costante, mentre la quantità di prodotto investita dalle radiazioni costituisce la variabile da misurare.

Luca Romani, Product Manager Level Measurement in Endress+Hauser Italia



Contenuti correlati

  • Macchine ceramica, plastica e packaging: giro d’affari da 16 miliardi nel 2023

    Supera quota 16 miliardi il fatturato complessivo generato dai costruttori italiani di macchine e attrezzature per la ceramica, la plastica e gomma e l’imballaggio. Nel dettaglio, il giro d’affari dei tre settori rappresentati da Acimac (Associazione Costruttori...

  • Plastica vegetale per posate monouso e non solo

    La plastica derivata dal petrolio è oggi ritenuta un rifiuto pericoloso a livello internazionale. La microplastica ha infatti invaso ogni parte del nostro ecosistema, e anche i nostri corpi. La ricerca di soluzioni alternative, realizzate con materiali compostabili ma il cui...

  • Asta per ‘collezionisti’

    L’industria della plastica è un settore dinamico e diversificato che svolge un ruolo importante in una vasta tipologia di comparti, dalla tecnologia medicale all’ingegneria automobilistica. In un momento in cui l’efficienza e il rapporto costi-benefici sono fondamentali,...

  • 3D_Systems_stampante_3D_estrusione_pellet
    La stampante a estrusione di pellet di 3D Systems accelera i processi di termoformatura

    A causa delle interruzioni delle forniture, i produttori si rivolgono alla produzione additiva (PA) per creare prodotti di alta qualità più rapidamente e a costi contenuti. Molte aziende specializzate nella termoformatura di materie plastiche, stanno facendo leva...

  • ACF 650 Amut Comi Bosch Rexroth
    Termoformatrice multistazione con automazione Bosch Rexroth

    Grazie all’utilizzo della piattaforma software ideata da Bosch Rexroth, Amut Comi lancia sul mercato una nuova generazione di termoformatrici. “Ci occupiamo della costruzione di macchine termoformatrici, principalmente per ciò che riguarda la produzione di imballaggi per alimenti,...

  • Moog e Maicopresse realizzano una macchina per l’iniezione della plastica full-electric

    La collaborazione vincente tra Moog, fornitore di soluzioni ad alte prestazioni per l’automazione industriale, e Maicopresse, attivo sul mercato italiano e internazionale nella produzione di macchine e accessori per l’iniezione di materie plastiche e per la pressofusione, ha condotto...

  • Control Techniques parteciperà con Elsa Solutions a Plast 2023

    Control Techniques, azienda parte del gruppo Nidec, punto di riferimento globale in ambito di sviluppo, produzione e commercializzazione di azionamenti elettrici ad alte prestazioni ed efficienza, a settembre sarà tra i protagonisti della nuova edizione di Plast...

  • La plastica, regina degli imballaggi: l’analisi di Bonfiglioli Consulting

    Plastica rigida, metallo rigido e carta e cartone sono i materiali più usati per imballaggi dalla produzione industriale. Fra questi, spicca ancora la plastica, che occupa oggi da sola il 36,4% del mercato e continuerà a dominare...

  • Come dare una seconda vita alla plastica

    In un’ottica di economia circolare sostenibile e riduzione dei rifiuti, le macchine per il riciclaggio di Erema restituiscono i prodotti in plastica usati nel ciclo di produzione. Questo grazie a un sistema di controllo completo e funzioni...

  • KePlast e EasyNet MES di KEBA per l’automazione e il controllo delle macchine

    I processi dell’industria moderna sono caratterizzati da flessibilità, rapidità ed efficienza, dove i cicli di innovazione sono sempre più brevi. Il mercato odierno richiede pertanto soluzioni che possano essere integrate in modo semplice e veloce e che...

Scopri le novità scelte per te x