Progetto HD3FLab, la piattaforma collaborativa sul tema dell’Industria 4.0 co-finanziato dalla Regione Marche

Ai è tenuto all'UNIVPM l'evento conclusivo del Progetto HD3FLab, la piattaforma collaborativa sul tema dell’Industria 4.0 co-finanziato dalla Regione Marche, che ha coinvolto il mondo delle imprese e quello della ricerca sulle tecnologie per la produzione flessibile e personalizzata

Pubblicato il 17 aprile 2022

Presso l’Aula Mario Giordano dell’Università Politecnica delle Marche a Montedago si è tenuto l’evento finale della Piattaforma collaborativa Industria 4.0. Questa è stata l’occasione per condividere i risultati di questo importante progetto che ha coinvolto Gian Luca Gregori, Rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Graziano Leoni, Prorettore vicario dell’Università degli Studi di Camerino, Massimo Callegari, Univpm, Coordinatore Scientifico del progetto, Emiliano Anceschi, Gruppo Filippetti Capofila del progetto e Anna Torelli, P.F. Innovazione, Ricerca Internazionalizzazione Regione Marche.

Il Progetto HD3FLab è nato a seguito dell’iniziativa della Regione Marche che, utilizzando il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, ha deciso di promuovere lo sviluppo di quattro piattaforme tecnologiche di ricerca collaborativa, sviluppo ed innovazione negli ambiti della specializzazione intelligente. Il Bando del 2017, riferito all’area tematica “progettazione integrata e user-centered”, poneva come obiettivo lo studio e lo sviluppo di sistemi ed approcci innovativi per la produzione flessibile, in accordo con i paradigmi della quarta rivoluzione industriale.

Nella primavera del 2018 una compagine di 23 aziende private ed enti pubblici, con capofila Filippetti SpA e il coordinamento scientifico dell’Università Politecnica delle Marche, ha presentato il progetto HD3FLab, rivolto alle applicazioni caratterizzanti il tessuto industriale ed artigianale marchigiano quali ad esempio il mobile, la calzatura, l’abbigliamento e la meccanica.
L’idea di fondo del progetto, poi sviluppato negli anni 2018-2022, era studiare soluzioni attraverso le quali il sistema di produzione possa garantire la necessaria efficienza nella realizzazione di piccoli lotti e prodotti personalizzati e dove l’uomo e la tecnologia convivano in modo efficace.

L’obiettivo generale della Piattaforma era strutturare e rendere stabile nel tempo una collaborazione sinergica ed efficace tra mondo delle imprese e mondo della ricerca, all’interno della Regione Marche, sul tema Industria 4.0 ed in particolare sulle tecnologie abilitanti per la produzione flessibile e personalizzata. Questo obiettivo è particolarmente rilevante per la realtà industriale nazionale, caratterizzata dalla prevalenza di piccole e medie imprese, ed ancor più per la realtà marchigiana.

In questo contesto, il progetto HD3FLab si è posto, e ha poi raggiunto, i seguenti obiettivi specifici:

  • Permettere lo studio di nuovi sistemi/approcci per supportare la produzione flessibile e i metodi per lo human-centered manufacturing
  • Aumentare la conoscenza delle aziende partner sulle tecnologie abilitanti del paradigma Industria 4.0 e legate allo sviluppo di sistemi flessibili di produzione e della fabbrica human-centered
  • Permettere lo studio di soluzioni innovative per le quali la tecnologia acquisita durante lo sviluppo del progetto venga modificata e personalizzata per rispondere alle esigenze produttive di specifiche tipologie di prodotto o servizio delle aziende partner
  • Aumentare la collaborazione tra ricercatori universitari ed aziende, in particolare PMI, attraverso uno spazio comune dove affrontare e risolvere insieme casi specifici
  • Diffondere la cultura dell’Industria 4.0 coinvolgendo studenti delle scuole secondarie, degli ITS e delle Università.

Il progetto HD3FLab ha coinvolto 19 imprese private, l’Università Politecnica delle Marche e l’Università di Camerino, Meccano e la Fondazione Cluster Marche e si è sviluppato su 5 diverse linee di intervento.

Due progetti di ricerca hanno permesso di sviluppare nuova conoscenza e di sperimentarla attraverso casi d’uso industriali. Il primo progetto di ricerca era focalizzato sull’automazione di fabbrica, ed in particolare sulla Robotica Collaborativa, ed è stato guidato da Loccioni, impresa con competenze già importanti sulla tematica di riferimento.
Il secondo progetto riguardava tematiche di ICT, in particolare Edge computing, Data Mining e Cyber Security, ed è stato guidato da Filippetti SpA, azienda operante da anni nel settore e coordinatrice del programma di investimento.

Meccano ha coordinato il progetto di trasferimento tecnologico, che ha consentito di implementare in 5 diversi contesti applicativi alcune importanti tecnologie di Industria 4.0, quali la realtà virtuale, la tracciabilità, la robotica collaborativa, il data mining.

Fondazione Cluster Marche ha curato la diffusione, disseminazione e valorizzazione dei risultati della ricerca e delle attività di trasferimento tecnologico. Il centro dell’intero progetto HD3FLab è stata la creazione del Laboratorio i-Labs Industry, nato negli spazi messi a disposizione dal Comune di Jesi, con lo scopo di mettere a punto e testare le ricerche sviluppate nel progetto e di permettere alle aziende del progetto di sperimentare le tecnologie di Industria 4.0.

Per realizzare tale scopo il Laboratorio si è dotato non solo di sistemi di ausilio alla produzione quali robot collaborativi e sistemi di automazione human-compliant ma anche di sistemi ICT in grado di gestire in modo smart il processo, analizzando i dati di prodotto e permettendo la riconfigurazione automatica di tutte le fasi, dalle singole lavorazioni all’assemblaggio e al controllo qualità. Non ultime, sono disponibili competenze e tecnologie nell’ambito Cybersecurity e per lo sviluppo di blockchain; è disponibile infatti MCHAIN, ovvero la prima piattaforma di blockchain della regione Marche.

Il progetto HD3FLab è ormai terminato ma i risultati delle ricerche sviluppate sono stati implementati nelle aziende partecipanti e le tecnologie abilitanti di Industria 4.0 sono state sperimentate con successo attraverso le azioni di trasferimento tecnologico. Inoltre il Laboratorio i-Labs Industry, sotto la guida dell’Università Politecnica delle Marche, continuerà a fornire i suoi servizi alle aziende del territorio, erogando corsi di formazione professionale, consentendo attività di test-before-invest e studi di fattibilità industriale e favorendo lo sviluppo di progetti di ricerca collaborativa in cooperazione con le Università socie.

L’Università Politecnica delle Marche e tutti i partecipanti al progetto sono convinti che i risultati ottenuti dal progetto HD3FLab e soprattutto il Laboratorio i-Labs Industry potranno svolgere un ruolo importante per favorire la transizione digitale delle imprese del territorio marchigiano ed aumentarne la competitività, mettendo la persona al centro del cambiamento dei processi produttivi.



Contenuti correlati

  • Houston, we have a problem!

    Avevamo appena pensato di poter tirare il fiato. La pandemia sembrava aver imboccato la strada della conclusione ed ecco la guerra. Una catastrofe dietro l’altra… Leggi l’articolo

  • Consorzio CLPA supera i 4.000 associati

    CLPA (CC-Link Partner Association) ha superato un’importante pietra miliare nel suo percorso mirato alla promozione e lo sviluppo delle tecnologie aperte per le comunicazioni industriali “state-of-the-art”. Il Consorzio conta ormai oltre 4.000 membri in tutto il mondo,...

  • CLPA rafforza il supporto al mercato italiano dell’automazione

    CC-Link Partner Association (CLPA) sta espandendo il supporto offerto in Italia a vendor di prodotti per l’automazione, costruttori di macchine e utenti finali. Con la nomina di Alberto Griffini a Business Developer, l’organizzazione mira a soddisfare la...

  • L’innovazione è andata in scena a SPS Italia 2022

    La seconda giornata di SPS Italia 2022, svoltasi a Parma dal 24 al 26 maggio, ha ospitato la tavola rotonda, incentrata sul tema dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, organizzata da MADE Competence Center Industria 4.0. Il Centro di...

  • Alimentare una nazione intera

    L’Ente uruguaiano che gestisce la filiera dei carburanti, Ancap, ha realizzato la supervisione degli impianti e la storicizzazione dei dati grazie al software di GE Digital. Le soluzioni adottate, che in Italia sono proposte da ServiTecno, hanno...

  • Transizione digitale e fattore umano

    La diffusione delle tecnologie 4.0 nei processi produttivi e i conseguenti cambiamenti nei modelli organizzativi, portano l’accento sul rapporto uomo-macchina e sull’esigenza di passare da un paradigma di sostituzione ad uno di potenziamento. Diversi studi, da ultimo...

  • Il trasferimento tecnologico: chiave per il futuro

    Questi sono anni particolarmente burrascosi. Dalle opportunità di un villaggio globale sempre più connesso e interdipendente, siamo passati a percepirne chiaramente i limiti e i rischi, non solo nell’ambito lavorativo ma anche in quello personale… Leggi l’articolo

  • I tre pilastri della fabbrica intelligente: efficienza, interconnessione e sicurezza

    Dalla raccolta del dato alla sua elaborazione, dall’analisi dei dati alla distribuzione delle informazioni utili a supportare i processi di business: fare digital transformation in un contesto manifatturiero è una sfida che richiede una profonda conoscenza dei...

  • La prima edizione di IPACK-IMA Digital

    IPACK-IMA, fiera internazionale specializzata nel processing e nel packaging, dal 3 al 6 maggio presenta la 25esima edizionedel rinomato appuntamento fieristico con un’importante novità. Grazie alla collaborazione con MindSphere World – Associazione che dal 2018 promuove tecnologie e servizi per l’Industrial...

  • MindSphere World Italia al tavolo con Cecimo per il Data Act

    Il 23 febbraio 2022 è stata presentata ufficialmente la proposta europea per la legge sui dati digitali, che è parte dell’European Data Strategy. Si tratta di una normativa che prevede la valorizzazione strategica delle informazioni e la creazione...

Scopri le novità scelte per te x