Produzione in 3D di stampi industriali per materiali compositi

Novation Tech adotta la prima Massivit 10000 in Europa per la produzione in 3D degli stampi industriali per materiali compositi

Pubblicato il 23 dicembre 2022

Realizzare direttamente gli stampi necessari alla produzione in serie, integrare la catena di fornitura e ridurre i tempi di esecuzione: l’italiana Novation Tech di Montebelluna adotta la prima Massivit 10000, sistema di produzione additiva su larga scala per la realizzazione di stampi industriali. Luca Businaro, A.D. Novation Tech: “L’innovazione tecnologica come chiave per la crescita dell’industria italiana”.

Arriva in Italia, primo modello in tutta Europa, la stampante 3D Massivit 10000: una rivoluzione nel mondo della stampa additiva applicata alla produzione industriale, perché è la prima stampante in grado di realizzare stampi isotropi per la produzione in serie. Ad adottarla è Novation Tech, uno dei leader europei nella lavorazione del carbonio, che già lo scorso anno ha inaugurato uno speciale reparto con le più moderne tecnologie di stampa 3D e oggi ha deciso di affrontare un investimento destinato a cambiare i processi produttivi tradizionali.

Nella creazione di un prodotto, la realizzazione dello stampo è sempre un passaggio imprescindibile e particolarmente costoso, realizzato di norma con tecnologia sottrattiva e macchine CNC. Il successo della stampa 3D in questi anni era dovuto anche alla possibilità di evitare i costi degli stampi industriali, nel caso di piccole produzioni, ma non era una tecnologia sostenibile per la produzione su larga scala.

L’azienda israeliana Massivit 3D ha invece sviluppato una stampante 3D di grandi dimensioni, la Massivit 10000, un sistema di manifattura additiva in grado di produrre stampi dotati della resistenza termica e meccanica necessaria alla produzione in serie, grazie ai suoi nuovi materiali esclusivi e all’innovativa tecnologia “Cast in motion”.
Nella pratica, la Massivit 10000 crea in 3D una sorta di “guscio” vuoto in uno speciale gel water-frangible, al cui interno viene colata una resina epossidica termoindurente. Il risultato viene poi immerso in acqua, dove il guscio si disgrega lasciando uno stampo che non presenta quindi le criticità strutturali di una stampa 3D tradizionale (dovuta alla mancanza di legami molecolari tra gli strati). Il sistema è progettato per superare i colli di bottiglia nella produzione di fibra di carbonio, consentendo la stampa diretta di stampi personalizzati, utensili master, mandrini, maschere e attrezzature. Una tecnologia che riduce dell’80% i tempi di produzione di uno stampo e del 90% il lavoro manuale richiesto.

La macchina sarà utilizzata prima di tutto per la creazione di stampi per i progetti di Novation Tech dedicati alla modellazione del carbonio, con l’obiettivo di arrivare presto a sfruttarne al massimo la potenzialità di due stampi a settimana, e di mettere a disposizione il servizio anche ad aziende esterne.

Come spiega Luca Businaro, A.D. di Novation Tech: “Da sempre crediamo nell’innovazione tecnologica come chiave della crescita; negli ultimi cinque anni abbiamo più che triplicato il nostro giro d’affari proprio puntando su alta tecnologia e manifattura di precisione”. Novation Tech produce oltre 20.000 sedili in carbonio ogni anno e migliaia di componenti per interni ed esterni per le fuoriserie dei grandi marchi internazionali (Ferrari, Lamborghini, Aston Martin, McLaren, Sabelt…) e le richieste sono in costante aumento. L’azienda ha annunciato nei mesi scorsi un investimento ulteriore per l’apertura di due nuove sedi produttive, sempre nel trevigiano. “Massivit 10000 ci consentirà di aumentare ulteriormente la produzione e dare ai nostri clienti un servizio ulteriore, generando al tempo stesso nuove opportunità di lavoro. Si rivelerà in particolare decisiva per i progetti più urgenti, perché ci consente di realizzare uno stampo in pochi giorni. Riducendo i tempi per la realizzazione dello stampo, inoltre, questa tecnologia ci consente di aumentare la sperimentazione e la prototipazione mantenendo quella capacità innovativa e creativa che da sempre contraddistingue Novation Tech, e più in generale la manifattura italiana”.

Secondo il CEO di Massivit 3D, Erez Zimerman: “L’approccio aziendale lungimirante di Novation Tech ha consentito all’azienda di rimanere in prima linea nel settore della produzione della fibra di carbonio in Europa. Siamo davvero entusiasti di fornire loro il nuovo Massivit 10000 per automatizzare e accelerare i tempi di consegna, consentendo all’azienda di aumentare ulteriormente la produttività riducendo significativamente i costi. Il sistema consentirà inoltre a Novation Tech di consolidare e centralizzare la propria produzione internamente creando stampi, maschere e attrezzature in loco. La Massivit 10000 ha già vinto tre premi per l’innovazione del settore, riconoscendo l’assoluta necessità della trasformazione digitale nel settore della produzione composita, sia in Europa che in altre regioni”.



Contenuti correlati

  • Stratasys Origin One
    La stampante 3D Origin One di Stratasys spinge l’innovazione al Bi-Rex

    Origin One, la stampante 3D di Stratasys rivenduta in Italia da Energy Group, società del gruppo SolidWorld Group, ha permesso al Competence Center Bi-Rex di raggiungere significativi traguardi nella produzione di particolari di varia tipologia, utilizzando diversi...

  • 3D e Design: come sta cambiando il settore secondo Weerg

    Design e tecnologia rappresentano da sempre un binomio vincente. Da molti anni si parla della rivoluzione che i diversi tipi di innovazioni tecniche hanno apportato all’interno dei campi del design e dell’architettura, negli ultimi decenni un’attenzione crescente è stata rivolta...

  • Un obiettivo preciso

    DGM Mori Additive si è posta una precisa scadenza: aumentare la propria produttività nella stampa 3D con l’aiuto di Festo “Il nostro obiettivo è raggiungere un elevato livello di maturità delle macchine CNC con le nostre macchine...

  • Alex Bellini fatbike cambiamenti climatici
    In viaggio con la mountain bike sostenibile per raccontare i cambiamenti climatici

    Il progetto Eyes On Ice di Alex Bellini riparte dai ghiacci, dalle regioni polari, quei territori inospitali e ostili, ma affascinanti e immensi da cui dipende la nostra sopravvivenza, elementi indispensabili per regolare i delicati equilibri che...

  • Weerg diventa la prima azienda al mondo per numero di HP Multi Jet Fusion 5600

    Weerg innova ancora una volta i processi produttivi legati alla stampa 3D con un nuovo aggiornamento del parco macchine HP Multi Jet Fusion. A partire da marzo 2024, l’azienda guidata da Matteo Rigamonti può contare sul primato nel numero...

  • Hyper-light Carbon: il nuovo materiale con cui Prosilas migliora la stampa 3D

    Gli sviluppi più interessanti nell’ambito dell’additive manufacturing riguardano i materiali, che sono gli elementi in grado di conferire caratteristiche uniche ai manufatti: robustezza, leggerezza, qualità superficiale… Con oltre 20 anni di esperienza nel settore della stampa 3D,...

  • Additive manufacturing

    Soluzioni per la produzione additiva, o produzione a strati per fabbricare oggetti da modelli 3D computerizzati Tra le tecnologie digitali la produzione additiva, o additive manufacturing (AM) in inglese, o anche meglio conosciuta come stampa 3D, è...

  • SolidWorld MECSPE_2024
    La fabbrica digitale e additiva di SolidWorld a Mecspe 2024

    SolidWorld Group si appresta a partecipare a Mecspe 2024 con un allestimento studiato ad hoc per raccontare a visitatori e addetti ai lavori una storia unica: che cos’è la fabbrica digitale del futuro, come ci si arriva...

  • 3DNextech team
    Manifattura additiva sostenibile, 3DNextech chiude un round da 1,5 milioni di euro

    La startup livornese 3DNextech , specializzata nello sviluppo di soluzioni connesse al mondo della manifattura additiva e della stampa 3D, che grazie alle proprie tecnologie innovative promette di rivoluzionare la filiera produttiva della plastica, ha chiuso un...

  • La stampa 3D di Formlabs insieme a Velettrica per una navigazione più green

    La stampa 3D oggi può disporre di materiali sempre più avanzati che garantiscono soluzioni efficienti ed economiche anche in ambienti estremi, come i cieli, lo spazio e quello subacqueo. Grazie alle stampanti e ai materiali Formlabs, 3DiTALY,...

Scopri le novità scelte per te x