Previsioni IDC: l’unico percorso di crescita nell’economia digitale è con i dati

IDC prevede che entro il 2025 le organizzazioni europee con una maggiore intelligenza aziendale avranno tempi di reazione superiori a 4 volte, con conseguente vantaggio persistente nel capitalizzare le nuove opportunità. Se ne parla il 17 ottobre a Milano all’edizione 2023 dell’IDC Future of Data Forum

Pubblicato il 21 settembre 2023

Le ultime ricerche di IDC evidenziano che oggi i due terzi del PIL di un Paese altamente sviluppato sono generati da prodotti e servizi ad alta densità di informazioni.

Si tratta di beni di nuova generazione che vengono immessi sul mercato da aziende con i livelli più elevati di “enterprise intelligence” (intelligenza aziendale), una misura della capacità di un’organizzazione di sintetizzare le informazioni di cui ha bisogno, generare insight, apprendere collettivamente e promuovere una cultura aziendale dei dati.

Le analisi IDC di benchmarking mostrano che l’enterprise intelligence influenza direttamente i risultati di business: i performer dell’EI nel massimo quartile hanno 2,7 volte in più la probabilità di aver registrato una forte crescita dei ricavi nel periodo 2020-2022 e 3,6 volte in più la probabilità di aver accelerato il time-to-market per nuovi prodotti, servizi, esperienze e altre iniziative. Sulla base di queste analisi, IDC prevede che entro il 2025 le organizzazioni europee con una maggiore intelligenza aziendale avranno tempi di reazione superiori a 4 volte, con conseguente vantaggio persistente nel capitalizzare le nuove opportunità.

Reazioni e tempi di risposta

In effetti, uno dei principali elementi di differenziazione delle aziende con i più alti livelli di enterprise intelligence è la loro capacità di reagire più rapidamente ai cambiamenti interni ed esterni.

La ricerca di IDC dimostra che questo tempo di reazione non è solo marginalmente, ma significativamente migliore, il che porta alla capacità di prendere decisioni strategiche e operative più rapide e a un persistente vantaggio del primo arrivato (una situazione in cui le organizzazioni che non investono nell’enterprise intelligence trovano difficile, se non impossibile, recuperare il ritardo).

Come si migliora l’intelligenza aziendale

Il miglioramento delle prestazioni dell’intelligenza aziendale richiede spesso investimenti e azioni concertate a più livelli: dalle piattaforme di dati (per consentire una maggiore apertura, flessibilità, scalabilità e connettività) ai processi (per consentire un’elaborazione più efficace e coerente dei dati e per renderli “insight ready”), agli strumenti (per costruire e fornire analisi e insight), fino alla cultura. E tra gli strumenti non può passare inosservata l’IA generativa.

La GenAI ha un immenso potenziale per migliorare l’enterprise intelligence se i dati e i processi sottostanti sono ben governati, sottolinea IDC. Il 45% delle organizzazioni digitalmente mature prevede oggi di investire nell’IA generativa, con la gestione della conoscenza come principale caso d’uso. Il knowledge management è in effetti un fattore critico per l’apprendimento collettivo e contribuisce ad ampliare le iniziative aziendali sulla cultura dei dati.

Oggi, insomma, l’unico percorso di crescita nell’economia digitale è quello basato sull’utilizzo e sull’elaborazione di dati sempre più complessi, con investimenti in un portafoglio di tecnologie di enterprise intelligence e intelligenza artificiale, dipendenti con una buona conoscenza dei dati e processi chiaramente definiti e governati.

Un evento per parlarne

“Dati, informazioni e conoscenza: il sistema immunitario dell’impresa intelligente” è il titolo dell’edizione 2023 dell’IDC Future of Data Forum, in programma il 17 ottobre all’Hotel NH Collection Milano City Life.

Fonte foto Pixabay_geralt



Contenuti correlati

  • Migliorare la produzione tramite la soluzione di connettività standardizzata di Kepware

    Nell’odierno panorama industriale, i produttori devono affrontare innumerevoli sfide. Alla base di tutto ci sono i dati, cuore pulsante di ogni operazione industriale moderna. Questi dati, se raccolti e analizzati, possono fornire informazioni utili a individuare problemi...

  • L’AI per professionisti e aziende spiegato bene

    Un recente workshop, organizzato da Wolters Kluwer Tax & Accounting Italia in collaborazione con SDA Bocconi, ha affrontato gli sviluppi che l’AI e la GEN AI potranno avere per il pubblico dei professionisti della contabilità, del fiscale...

  • HPE Università di Bologna ricerca
    Università di Bologna e Hewlett Packard Enterprise Italia insieme per la didattica e la ricerca

    Il Rettore Giovanni Molari dell’Università di Bologna e Claudio Bassoli, Presidente e Amministratore Delegato Hewlett Packard Enterprise Italia (HPE), multinazionale statunitense che opera nel settore informatico, hanno siglato un protocollo di intesa che vedrà le due realtà...

  • GenAI_Dell
    GenAI: hype o tecnologia pronta a rivoluzionare i settori industriali?

    L’AI generativa (GenAI) e l’AI trasformeranno in modo significativo interi settori industriali nel prossimo futuro. Questo quanto dichiarato dall’81% degli intervistati della ricerca Dell Technologies Innovation Catalyst. Una percentuale che sale al 91% per le aziende che...

  • Nuovi File system per gestire i workload AI aziendali

    Secondo uno studio della società di ricerca e consulenza IDC, la gestione della AI è tra i workload in più veloce espansione che stanno indirizzando la spesa delle organizzazioni in infrastrutture di elaborazione e storage. Leggi l’articolo

  • IA generativa per esaminare le attività manuali

    Mitsubishi Electric ha sviluppato un’intelligenza artificiale (IA) per l’analisi comportamentale in grado di esaminare le attività manuali senza ricorrere a dati di addestramento. La soluzione IA riduce fino al 99% i tempi di analisi del lavoro manuale...

  • Seco Axelera AI
    Seco e Axelera AI, progetti condivisi per la computer vision e la GenAI

    Seco intensifica la propria collaborazione con Axelera AI nel campo della Computer Vision e dell’AI Generativa sull’Edge. Axelera AI rappresenta una pietra angolare nella strategia a lungo termine di Seco sull’Intelligenza Artificiale. Fornendo un ecosistema ottimizzato per...

  • Con Omron verso la digitalizzazione, seguendo un approccio Kaizen

    Kaizen, ovvero ‘cambiare in meglio’, mettersi alla prova per ottenere risultati migliorativi concreti: di questo e di digitalizzazione si è parlato in occasione della giornata di studio promossa da Omron, in collaborazione con i partner FasThink e Kaizen Institute,...

  • Monitoraggio e analytics per un cambio di passo nella manifattura

    La digitalizzazione ha rivoluzionato il modo in cui le aziende operano sul mercato, generando crescenti opportunità per identificare, creare e sfruttare nuovi tipi di business model, soluzioni e servizi, anche nel contesto di settori tradizionali e consolidati...

  • Applicazioni SaaS, perché è importante prevedere un piano di backup

    Un rapporto IDC chiarisce che i fornitori di applicazioni SaaS, cioè ‘Software as a Service’, sono responsabili per il mantenimento della disponibilità della piattaforma software, ma non per eventi che causano perdita, inaccessibilità, corruzione o altri tipi...

Scopri le novità scelte per te x