Potenziare l’innovazione con l’Intelligenza Artificiale nel PLM

Pubblicato il 24 novembre 2023

Il potenziale e le prospettive dell’intelligenza artificiale (AI) sembrano illimitati anche negli ambiti dello sviluppo prodotto e della produzione. Tuttavia, è importante considerare che, come consuetudine, le funzionalità aggiuntive dovrebbero essere introdotte solo dopo aver assicurato il soddisfacimento di alcuni requisiti essenziali: una cultura dei dati consolidata e, soprattutto, una gestione dati solida e affidabile.

Secondo un sondaggio condotto da Aras, le aziende che hanno già implementato la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) beneficiano di un evidente vantaggio quando si tratta di AI, a condizione che la soluzione offra un’architettura aperta e particolarmente adattabile.

“L’intelligenza artificiale eccelle in molte attività rispetto agli esseri umani, tuttavia, non può rappresentare una panacea. Da sola, infatti, non può stabilire ordine nel caos. Secondo Luigi Salerno, country manager di Aras Italia, “per sfruttare appieno il suo potenziale in modo efficace, l’AI richiede una struttura adeguata e una solida base di supporto”.

Continua Salerno, “Le aziende sono incoraggiate a seguire un approccio sistematico: date le prospettive di miglioramento nell’efficienza, l’adozione di questa tecnologia nel breve termine sembra inevitabile. Tuttavia, per ottenere risultati significativi dall’AI, è fondamentale garantire una base dati solida. È evidente che la qualità dell’input influisce direttamente sulla qualità dell’output”.

Per quanto riguarda i dati, le aziende con un sistema PLM esistente hanno un chiaro vantaggio, come riporta il sondaggio “L’industria europea in transizione” di Aras. I risultati del sondaggio condotto su oltre 400 manager sono chiari: nell’87% delle aziende con PLM, tutti i dipendenti hanno accesso ai dati di prodotto rilevanti per il loro lavoro, rispetto al 56% delle aziende senza PLM. Inoltre, l’89% delle aziende con PLM raggiunge l’obiettivo di utilizzo interdipartimentale dei propri dati. Per Luigi Salerno di Aras, “l’infrastruttura solida già in atto e la cultura aziendale incentrata sui dati rappresentano le basi fondamentali per l’integrazione delle applicazioni AI nel contesto lavorativo quotidiano”.

L’intelligenza artificiale richiede sistemi con massima capacità di integrazione.

Tuttavia, per questa integrazione è essenziale che il sistema PLM abbia le interfacce necessarie e un’architettura aperta corrispondente. “Già oggi, flessibilità, scalabilità e massima capacità di integrazione sono imprescindibili per i nostri clienti nella scelta di un sistema PLM”, afferma Luigi Salerno. Questa tendenza a collegare un numero arbitrario di sistemi in una catena di processo e dati integrata sarà probabilmente rafforzata dalle applicazioni di AI. Per esempio, attualmente i progettisti di prodotto hanno l’opportunità di accedere a tutte le informazioni disponibili sui singoli componenti in qualsiasi istante e di integrarle nel processo di sviluppo. Tuttavia, a causa della complessità intrinseca del sistema nel suo insieme, un individuo non è in grado di monitorare tutte le interconnessioni. L’intelligenza artificiale, invece, è in grado di identificare tali dipendenze e avvisare preventivamente il progettista su eventuali modifiche future ai componenti o di imminenti cambiamenti legislativi. In questo modo è possibile ridurre al minimo possibili colli di bottiglia o costose regolazioni durante la produzione.

La roadmap per l’introduzione dell’AI

Si consiglia un approccio in quattro fasi per un inserimento fluido delle applicazioni AI:

1.Abbattere i silos di dati nell’azienda e implementare il PLM per raccogliere i benefici di uno scambio completo di dati nei vari dipartimenti.

2.Chiarire il quadro giuridico per l’introduzione dell’AI, poiché le nuove applicazioni utilizzano risorse interne ed esterne per l’analisi dei dati.

3.Avviare progetti pilota di AI in ambienti controllati e monitorati per ottenere risultati iniziali. Nonostante le attuali limitazioni nelle applicazioni, è possibile anticiparne il potenziale, permettendo ai dipendenti di acquisire esperienza con questa tecnologia emergente.

4.Integrare nuove applicazioni di AI che consentono anche il traffico dati esterno e lo scambio di informazioni.

“Più i partecipanti mettono a disposizione i loro dati per l’elaborazione da parte dell’AI, tanto più i risultati saranno significativi e precisi.  Tuttavia, le aziende dovrebbero controllare attentamente i diritti di accesso all’AI in modo che dati interni sensibili non possano fuoriuscire involontariamente.” consiglia il country manager di Aras. Con un’efficace gestione dei diritti all’interno del PLM, le aziende possono assumere il controllo completo del loro universo di dati, acquisendo al contempo una sicurezza tale da non dover esitare nell’adozione di nuove tecnologie per timori legati alla sicurezza.

L’AI è destinata a fornire valore aggiunto in futuro, soprattutto nello scambio di informazioni con partner esterni o fornitori di servizi dati. Luigi Salerno proietta lo sguardo verso il futuro: “Immagino che il reparto di progettazione prodotto sarà in grado di sfruttare l’AI e il PLM per creare un Digital Twin dei nuovi prodotti, garantendo un modello 3D simultaneamente. È addirittura concepibile creare un modello multi-dimensionale che tenga conto anche della dimensione temporale. Ciò consentirebbe non solo di suddividere il prodotto in singoli componenti durante l’intero ciclo di vita, ma anche di confrontare l’usura e la manutenzione su diversi periodi di utilizzo. Rappresenterebbe un notevole vantaggio per le aziende.”

Ci sarà un’opportunità per approfondire ulteriormente l’argomento durante il webinar dedicato all’AI e al PLM il 12 dicembre, in cui Aras esplorerà alcuni use case insieme all’Istituto Fraunhofer IEM e AI Marketplace.

Oltre a una panoramica dei concetti fondamentali e del potenziale dell’AI nell’ingegneria, una dimostrazione dal vivo illustrerà l’implementazione pratica dell’AI in un sistema PLM.

La registrazione al webinar è gratuita

Iscriversi qui Evoluzione o rivoluzione? Esplorazione dell’intelligenza artificiale generativa applicata e dei LLM per la gestione del ciclo di vita del prodotto

 



Contenuti correlati

  • Grazie all’acquisizione di deevio, wenglor potenzia la machine vision

    Il gruppo tedesco wenglor sensoric group ha recentemente acquisito deevio, start-up berlinese fondata nel 2018, specializzata nello sviluppo di soluzioni hardware e software per applicazioni automatizzate di elaborazione delle immagini basate sull’intelligenza artificiale e sul data science. Grazie alla...

  • L’industria che verrà… – versione integrale

    Il mondo dell’industria sta cambiando e si deve adeguare alle nuove tecnologie: visori, nuovi assistenti virtuali, app, AR, VR, AI… In un mondo che cambia, anche la tecnologia e l’utilizzo della tecnologia cambia. Le tecnologie immersive hanno...

  • Getac arricchisce la gamma Android con il tablet fully rugged ZX80

    Getac ha annunciato il lancio di ZX80 AI-ready, un nuovo tablet fully rugged da 8″, con il versatile sistema operativo Android. Questo annuncio amplia e diversifica l’offerta di dispositivi Android di Getac, proponendo ai clienti che operano...

  • Wenglor acquisisce Deevio e potenzia la machine vision con l’IA

    L’azienda tedesca wenglor sensoric group – che sviluppa, produce e commercializza sensori intelligenti, dispositivi di sicurezza e sistemi avanzati di elaborazione di immagini – ha recentemente acquisito deevio, start-up berlinese fondata nel 2018, specializzata nello sviluppo di...

  • Exelab: finalizzata l’acquisizione di The Client Group

    Exelab, il primo System Integrator Enterprise di HubSpot, colosso americano specializzato in ambito CRM e Marketing Automation, consolida il suo percorso di crescita attraverso l’acquisizione del 100% della partecipazione di The Client Group, società specializzata in data...

  • Intelligenza Artificiale, Quick Algorithm vince la Startup Competition AI 4 Future

    Quick Algorithm, startup deep tech italiana nata per democratizzare l’analisi avanzata dei dati e l’intelligenza artificiale in ambito industriale, vince il premio della giuria alla Startup Competition AI 4 Future 2024. La finale si è svolta a...

  • ServiceNow Intelligenza Artificiale Filippo Giannelli
    L’Intelligenza Artificiale nel mondo del lavoro

    A cura di Filippo Giannelli, area VP e country manager ServiceNow Italia Oggi più che mai vediamo l’Intelligenza Artificiale emergere come protagonista delle discussioni, un cambiamento notevole rispetto a soli dodici mesi fa. In questo stesso periodo,...

  • A&T 2024: 18.000 visitatori in 3 giorni di fiera

    Si è chiusa la 18a edizione della Fiera A&T Automation and Testing di Torino: sono stati 18 mila i visitatori nella tre giorni di manifestazione. A catalizzare l’attenzione la Casa dell’Intelligenza Artificiale, il più grande spazio dimostrativo...

  • A Torino, l’intelligenza artificiale è protagonista: indicazioni e raccomandazioni per una corretta applicazione

    Non lasciamoci ingannare dal fascino dell’ AI (Intelligenza Artificiale) e al tempo stesso creiamo le migliori condizioni per infondere tra le imprese italiane, in particolare nelle PMI, un senso di fiducia e di prospettiva positiva legata all’adozione...

  • Premio Canada-Italia per l’Innovazione, 12ª edizione

    Nell’anno della presidenza italiana del G7, in cui l’innovazione e l’uso etico della tecnologia saranno argomenti dominanti a livello globale, l’Ambasciata del Canada in Italia lancia la dodicesima edizione del Premio Canada-Italia per l’Innovazione. Il Premio si concentra...

Scopri le novità scelte per te x