Polito Techshare Day: gli inventori incontrano le aziende

Più di 100 imprese partecipanti, circa 300 incontri one to one tra inventori e aziende e più di 30 brevetti presentati: anche per la sua seconda edizione il PoliTo Techshare Day, organizzato da Politecnico di Torino e Intesa Sanpaolo e tenutosi il 14 marzo, si conferma come un momento importante per potenziare la collaborazione università-impresa, in un’ottica di sviluppo del trasferimento dei risultati della ricerca e delle relazioni con le PMI del territorio.

Pubblicato il 16 marzo 2017

Un evento che mette direttamente in contatto l’offerta di brevetti industriali con la domanda di innovazione delle PMI. Il Politecnico e TIM, che entra quest’anno nel progetto, supportati da Intesa Sanpaolo e dal mondo produttivo rappresentato da Confindustria e Unione Industriale di Torino, metteranno a disposizione delle PMI italiane una selezione di 31 brevetti e tecnologie e le loro competenze per accelerarne i processi di innovazione e le capacità di competere a livello internazionale.

Nei giorni precedenti l’evento le imprese hanno potuto analizzare i dettagli dei 21 brevetti dell’ateneo e dei 10 proposti da TIM tra quelli che non si riferiscono direttamente al core business aziendale, resi disponibili online attraverso una piattaforma dedicata, per poi confrontarsi durante il PoliTo Techshare Day direttamente con gli inventori, nel corso di incontri one to one, per discutere vantaggi e applicazioni delle tecnologie.

Nelle prossime settimane le imprese che abbiano un interesse concreto potranno presentare all’ateneo e a TIM proposte progettuali per lo sviluppo e l’industrializzazione delle tecnologie.

Oltre agli incontri one to one, l’evento è stato anche l’occasione per proporre una riflessione sul tema: “Il trasferimento tecnologico in ottica industria 4.0”. Dopo i saluti iniziali di Emilio Paolucci (Vice Rettore per il Trasferimento Tecnologico del Politecnico) e di Fabio Spagnuolo (Network e cultura dell’innovazione, Intesa Sanpaolo),il dibattito è proseguito con Stefano Corgnati (Vice Rettore per la Ricerca  del Politecnico), Dario Gallina (Presidente Unione Industriale Torino), Fabrizio Gea (Delegato all’Agenda Digitale di Confindustria Piemonte), Luca Calò (Direzione Regionale Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta di Intesa Sanpaolo) e Pierpaolo Marchese (responsabile Standard Coordination & Industry Influecing di TIM).

“Le università italiane sono sempre più un punto di riferimento per le imprese per quanto riguarda la capacità di valorizzare i risultati della ricerca” – dichiara Emilio Paolucci, Vice Rettore al Trasferimento Tecnologico del Politecnico di Torino. “Il Techshare Day 2017 ne è una chiara prova, dopo il successo dell’edizione dello scorso anno: è un evento molto apprezzato alle aziende, che sono sempre alla ricerca di innovazione per la propria competitività. La possibilità di incontrare personalmente gli inventori e scambiarsi direttamente ‘conoscenza’ è un plus unico nel panorama nazionale. Il Politecnico di Torino da questo punto di vista dimostra la propria maturità grazie ai continui investimenti fatti nel sistema interno del trasferimento tecnologico. Quotidianamente l’ateneo mette in campo tutte le capacità – e sempre di più lo farà in futuro – per individuare le migliori idee, garantire una corretta gestione delle proprietà intellettuali, aumentare il grado di sviluppo delle tecnologie brevettate, dialogare e stringere accordi con le imprese, creare imprenditorialità dando supporto alla nascita di spin-off e start up. Infine, per generare ricadute sul territorio”.

“Crediamo nelle università come laboratorio di idee, pensatoio, punto di connessione tra banca e imprese – ha commentato Fabio Spagnuolo, responsabile Network e cultura dell’Innovazione di Intesa Sanpaolo. “Uno spazio di concretezza e di sperimentazione unico e soprattutto generatore di risultati di natura sociale, a favore di famiglie, imprese e comunità. Per questo Intesa Sanpaolo, insieme al Politecnico di Torino, ha sviluppato “Knowledge Sharing”: una piattaforma pensata per supportare le Università nei processi di trasferimento tecnologico, capitalizzando l’enorme bacino clienti del gruppo e favorendo l’incontro tra domanda e offerta di innovazione. Soltanto attraverso la condivisione di capitale intellettuale e capacità produttiva possiamo assicurare un futuro solido al nostro sistema imprenditoriale”.

“TIM, attraverso i suoi laboratori di ricerca e sviluppo, ha una consolidata tradizione di produzione brevettuale che la colloca tra gli Operatori Europei leader per qualità e quantità di IPR – evidenzia Pierpaolo Marchese, responsabile Standard Coordination & Industry Influecing di TIM. “In un contesto competitivo caratterizzato negli ultimi anni da una profonda trasformazione, è diventato essenziale non solo promuovere la capacità di brevettazione tra i ricercatori, ma anche valorizzare e diffondere la conoscenza di questo patrimonio aziendale. Per questo motivo,  è con estremo piacere che abbiamo aderito alla nuova edizione del Techshare Day organizzato da Politecnico di Torino e Intesa Sanpaolo, con l’obiettivo di segnalare alle aziende partecipanti alcuni nostri brevetti che potrebbero tradursi in occasioni di business ed innovazione per  il territorio. Un modo diverso, ma riteniamo efficace, di aprire i nostri laboratori, nella consapevolezza che solo il networking tra imprese, università e istituzioni può promuovere efficaci politiche di innovazione”.

“L’idea di dedicare questa edizione del TechShare Day all’industria 4.0 è una scelta assolutamente condivisibile perché ripropone il tema sotto una prospettiva più strategica e orientata alla competitività, in un contesto dove purtroppo tendono ad affermarsi, da una parte, una divulgazione generalista dai contenuti poveri ovvero, dall’altra parte, una visione riduttiva di semplice investimento in beni strumentali moderni legato ai benefici fiscali introdotti dall’ultima legge di bilancio. I rischi legati a questa miopia di approccio sono noti e rappresentano una specifica sfida per i digital innovation hub che Confindustria sta istituendo sul territorio nazionale, in un progetto di  prospettiva davvero strategica del quale ho assunto la responsabilità. La missione sarà, essenzialmente, proprio quella di assistere e indirizzare le aziende nello sviluppo di un approccio programmatico verso il modello industria 4.0. Ed il TechShare Day rappresenta uno schema vincente nelle dinamiche di trasferimento tecnologico che i digital innovation hub dovranno garantire: sarà mia cura inserire questo aspetto nei modelli operativi  cui dovranno adeguarsi i progetti di hub che si svilupperanno sul territorio nazionale, a partire dal Piemonte”, ha commentato Fabrizio Gea, delegato all’Agenda Digitale di Confindustria Piemonte.

“Quella che si prospetta è una grande sfida sulla capacità di competere del nostro sistema produttivo nello scenario internazionale, prima a livello tecnologico e poi sui mercati – sostiene il Presidente degli industriali torinesi Dario Gallina. “I tradizionali punti di forza delle nostre aziende – competenze tecniche, flessibilità, capacità di interpretare le esigenze dei clienti – devono essere integrati da adeguati livelli di tecnologie digitali, in grado di fornire impulso un decisivo alla nostra competitività. Abbiamo, nei mesi scorsi, dato vita al nostro digital innovation hub proponendoci come intermediari per il trasferimento dei risultati di ricerca fra i produttori, i competence center – università e centri di ricerca, pubblici e privati – e gli utenti, vale a dire le imprese. Il DIH è nato con il preciso intento di prendere per mano le imprese piemontesi e torinesi ed accompagnarle in questo cambio di paradigma tecnologico, fondamentale ed urgente, per recuperare il tempo perso e colmare il gap di efficienza che purtroppo affligge il nostro paese.  E questa sfida le imprese la possono giocare e vincere solo insieme a tutti gli altri attori del sistema dell’innovazione locale. Non c’è altra via: la soluzione risiede proprio qui, nella capacità di dialogo e nella volontà di integrare nuove tecnologie e competenze nelle imprese”.



Contenuti correlati

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Industrial smart working

    Bisogna senz’altro distinguere tra smart working e lavoro da remoto. In ambito industriale si preferisce parlare di lavoro agile, di una diversa organizzazione dei tempi, degli spazi e delle modalità di esecuzione del lavoro. Col pieno utilizzo...

  • Transizione 4.0, per le PMI lombarde sarà potenzialmente a costo zero

    La transizione digitale, in particolar modo quella legata alle tecnologie di Industria 4.0, potrebbe essere nei prossimi 7 anni a costo zero per molte PMI lombarde. È quanto emerge dalla stima effettuata dal Centro Studi CNA Lombardia,...

  • Quando la robotica diventa amica

    Da un anno a questa parte, gli ambienti produttivi e intralogistici stanno subendo numerose mutazioni e aggiornamenti di layout, dettati anche dalle esigenze di distanziamento fisico. Ad oggi non è più possibile utilizzare schemi tradizionali per i...

  • Connettività al servizio del formaggio

    Wi-Fi e industria alimentare: le infrastrutture di Cambium Networks sono utilizzate nei magazzini di stagionatura di Autodop per la produzione di formaggi di alta qualità Leggi l’articolo 

  • Il futuro delle comunicazioni industriali

    La tecnologia TSN offre una soluzione ideale per integrare il livello informatico (IT) con quello produttivo (OT), grazie alla convergenza e alla trasparenza dei dati tra fabbriche e aziende, due fattori chiave nell’era di Industry 4.0. Mitsubishi...

  • Da “meccanica” a “meccatronica”, e il fatturato ‘vola’

    Investimenti in trasformazione e crescita aziendale, risorse umane e macchinari. È questa la chiave del successo di P.P. Inox, storica azienda meccatronica specializzata nella lavorazione dell’inox. Chiara Cormanni e il padre Claudio, fondatore dell’azienda che nel 2020...

  • Canon entra in Afil: eccellenza tecnologica al servizio dell’Industria 4.0

    Canon è lieta di annunciare l’ingresso nell’Associazione Fabbrica Intelligente Lombardia (AFIL). Si tratta del Cluster Tecnologico Lombardo per il manifatturiero avanzato, frutto di un processo guidato da Regione Lombardia, volto alla creazione di soggetti che favoriscono l’aggregazione...

  • Soluzioni di connettività per l’automazione, IAS4.0, da Molex

    Molex ha annunciato un ulteriore sviluppo per favorire importanti progressi nell’Industria 4.0 e iniziative di digital manufacturing. Questi progressi e l’introduzione dei moduli di automazione flessibile (Flexible Automation Modules, FAM) ampliano ulteriormente le soluzioni di automazione industriale...

  • Softing gateway IIoT SmartLink
    Gateway IIoT di Softing per impianti di processo

    Il gateway smartLink HW-DP di Softing Industrial Automation offre un accesso alle reti Profibus DP indipendente dal controllore. I dati per l’ottimizzazione dei processi sono ora disponibili anche tramite un’interfaccia OPC UA, oltre che tramite Hart IP...

Scopri le novità scelte per te x

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni...

  • Industrial smart working

    Bisogna senz’altro distinguere tra smart working e lavoro da remoto. In ambito industriale si preferisce parlare di...