PNRR, Data Protection e GDPR: l’importanza della sicurezza nell’innovazione

Pubblicato il 27 settembre 2021

di Vincenzo Costantino, Senior Director Sales Engineering EMEA Western e Israele di Commvault

Le riforme previste dal PNRR saranno volte ad accelerare la digitalizzazione della pubblica amministrazione e nella spinta alla innovazione digitale nel tessuto delle PMI italiane.

Due aspetti importanti per poter lanciare questo ambizioso progetto sono la fiducia dei cittadini e la sicurezza dei sistemi.
Un adeguato livello di protezione può essere raggiunto solo attraverso l’adozione di opportuni processi e tecnologie di cybersecurity e data protection, due aspetti strettamente legati che si devono poter alimentare vicendevolmente ed evolvere continuamente. Proprio l’elemento evolutivo è fondamentale in questo momento in cui è necessario: innovare la situazione esistente, incrementarne notevolmente la resilienza della protezione dei dati e della infrastruttura, aumentare/accelerare la digitalizzazione – soprattutto della macchina pubblica e delle PMI – e adottare una strategia di tipo “cloud first”.

In questo contesto si ha un elemento propulsivo derivante dalla Next Generation EU e uno regolatore definito dal GDPR, entrambi vincolanti per il PNRR.
Il GDPR enfatizza la necessità della conformità delle aziende ai principi di data protection, che incide in modo significativo sulla reputazione e competitività dell’azienda stessa.

La priorità, quindi, per aziende pubbliche e private, è avere una adeguata strategia per la protezione e gestione del dato che deve essere in linea con le richieste di compliance e comprendere necessariamente il disegno di nuovi processi e l’adozione di tecnologie evolute di data protection.
Una soluzione di backup tradizionale non è più sufficiente a garantire i livelli minimi richiesti dalla compliance, l’evoluzione nel cloud e l’integrazione con una strategia di cyber sicurezza.
Allo stesso tempo è del tutto superato, non conforme, economicamente svantaggioso e non sicuro avere differenti soluzioni puntuali per i diversi ambiti infrastrutturali: on premises, virtuale, in cloud.
Per poter sfruttare al massimo i vantaggi economici e competitivi derivanti dal PNRR occorre avere una unica piattaforma di data management che sia in grado di proteggere i dati on premises (per tutti gli applicativi esistenti su infrastrutture fisiche e virtuali), in cloud (sia in ambiente ibrido che multicloud). Inoltre, è necessario avere una soluzione che sia tecnologicamente pronta per far evolvere le aziende verso l’adozione di un cloud nazionale all’avanguardia come il Polo Strategico Nazionale o verso cloud pubblici internazionali.
È utile adottare una soluzione che permetta di indirizzare tutte queste tematiche con un’unica piattaforma di gestione e protezione del dato, di migrare verso siti alternativi ed evolversi verso l’adozione del cloud, insieme alla definizione di una strategia di exit strategy per la movimentazione dei dati verso altri repository. Tutto questo insieme alla forte focalizzazione sulla protezione delle copie dei dati dagli attacchi ransomware.



Contenuti correlati

  • Competenze digitali e mercato del lavoro nel format web di Aidr e Fondazione Creativi Italiani dedicato al PNRR

    Nuovi scenari del mercato del lavoro, tra competenze digitali e nuove figure professionali da formare per invertire il fenomeno dello skill shortage, al centro della prima puntata del format web firmato da Aidr e Fondazione Creativi Italiani,...

  • Smart factory: 80% in meno di effort di implementazione per la digitalizzazione

    In un periodo in cui la trasformazione digitale è un obiettivo fondamentale per la crescita del Paese e in cui esistono molteplici opportunità di agevolazione, prime fra tutte le misure previste dal PNRR, è fondamentale comprendere quali...

  • Security: come affrontare correttamente la sicurezza in azienda

    La trasformazione digitale in atto e le opportunità ad essa connesse rendono oramai attuali scenari di business e tecnologici, correlati ad esempio all’Internet Of Things (IOT), alla Block Chain e all’Intelligenza Artificiale (AI), che sino a qualche...

  • Transizione 4.0, per le PMI lombarde sarà potenzialmente a costo zero

    La transizione digitale, in particolar modo quella legata alle tecnologie di Industria 4.0, potrebbe essere nei prossimi 7 anni a costo zero per molte PMI lombarde. È quanto emerge dalla stima effettuata dal Centro Studi CNA Lombardia,...

  • Sarà ripresa anche grazie al 5G

    Abbiamo posto qualche domanda sul 5G per comprendere se questa tecnologia sia in grado di contribuire all’accelerazione tanto desiderata del mercato, cambiando definitivamente il panorama della connettività industriale del nostro Paese Leggi l’articolo

  • 5G e PNRR: le risorse per un’infrastruttura adeguata

    Il 5G è una tecnologia di nuova generazione per la comunicazione mobile utile sia alle aziende che ai cittadini. Di tratta di una soluzione rivoluzionaria a livello di connettività, tanto che se ne occupa anche il recente Pnrr – Piano Nazionale...

  • PIL, livelli pre-crisi già a metà 2022

    Migliorano secondo l’istituto di ricerca Prometeia le stime di crescita del PIL italiano nel 2021. Dovrebbe crescere infatti del 5,3% rispetto 4,7% delle previsioni di marzo, e più del tasso di crescita medio previsto per l’Eurozona stimato...

  • Il Decreto reclutamento: terzo pilastro del PNRR

    Sulle persone si gioca il successo del PNRR poiché il miglioramento dei percorsi di selezione e reclutamento è un passo obbligato per acquisire le migliori competenze ed è determinante ai fini della formazione, della crescita e della...

  • PNRR, poche le risorse per la cybersicurezza

    La Commissione Europea ha incaricato l’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (Enisa), istituita nel 2004 con l’obiettivo generale di garantire un livello elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi in ambito...

  • PNRR: monitoraggio e valutazione dell’impatto macroeconomico delle azioni intraprese

    Nel documento ufficiale che descrive il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, la quarta e ultima parte è dedicata alla valutazione dell’impatto macroeconomico delle misure e delle componenti cui verrà dato il via con l’accesso ai fondi...

Scopri le novità scelte per te x