Oltre un milione di euro per la formazione e due nuovi corsi di laurea sul digitale

Unindustria Reggio Emilia co-progetta con l’Università UniMoRe due corsi di laurea dedicati al digitale attivi dal 2023. Investimento da oltre un milione di euro

Pubblicato il 17 dicembre 2021

Reggio Emilia fa scuola per l’integrazione auspicata e possibile tra l’Università e il tessuto produttivo del territorio, per un’osmosi sempre più interessante tra l’alta formazione e le necessità del mondo produttivo e del lavoro.

Lo dimostrano i due nuovi corsi che l’Università di Modena e Reggio Emilia attiverà a partire dall’anno accademico 2023-2024 co-progettati insieme a Unindustria, in base alle esigenze delle imprese del territorio per sviluppare le nuove competenze digitali richieste dalle sfide di Industria 4.0. Avranno sede nel Quarto Polo universitario che sarà dedicato alle discipline digitali e collocato nel Parco Innovazione della città: un luogo che sarà pienamente operativo nel 2023 in virtù di un impegno tra Comune, STU Reggiane, Università e Unindustria Reggio Emilia. Quest’ultima è impegnata a promuovere una raccolta fondi tra i suoi associati finalizzata a sostenere l’ampliamento dell’offerta formativa , garantendo comunque un contributo superiore a un milione di euro.

Le nuove proposte formative riguardano il corso di laurea triennale in Data and analytics for business and finance, co-progettato dal Club Digitale di Unindustria insieme al Dipartimento di Comunicazione ed Economia di Reggio Emilia, con il coordinamento della Prof.ssa Giovanna Galli, direttrice del Dipartimento di Comunicazione ed Economia di Reggio Emilia; il corso di laurea magistrale in Digital automation engineering, co-progettato dal Gruppo Meccatronico di Unindustria insieme al Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria di Reggio Emilia grazie ad un team dedicato e coordinato dal Prof. Luigi Grasselli.

“Sono percorsi formativi che intercettano le necessità delle imprese e quindi aprono anche prospettive occupazionali interessanti” sottolinea il presidente di Unindustria Reggio Emilia Fabio Storchi, in un’era in cui “la cultura digitale è caratteristica distintiva delle organizzazioni capaci di competere nella quarta rivoluzione industriale. L’adeguamento e la diffusione delle conoscenze digitali, trasversali ed abilitanti, diventano così un fattore decisivo per la futura competitività delle imprese e del nostro territorio”.

Per realizzare il nuovo Polo universitario dedicato al digitale il Comune investirà 9,9 milioni di euro riqualificando il Capannone 15C all’interno dell’area delle Ex Officine Reggiane: 3.350 metri quadrati per ospitare 1.760 studenti, con 9 aule, 4 fra laboratori e aule informatiche, 2 sale studio e uffici amministrativi.

Fonte Ti Lancio, agenzia di stampa quotidiana

Fonte foto Pixabay_kreatikar



Contenuti correlati

  • Corso di formazione di Innovery ed Experis Academy su “Cyber Security Analyst”

    Il corso ad accesso gratuito Cyber Security Analyst di Innovery ed Experis Academy ha l’obiettivo di formare professionisti nell’ambito della cyber security e dell’analisi delle vulnerabilità dei sistemi informatici e delle reti, uno dei settori in cui...

  • A SPS Italia 2022 il convegno Transizione 4.0: l’opportunità diventa un pericolo se…

    Transizione 4.0 rappresenta anche un pericolo? A quasi cinque anni dall’introduzione delle agevolazioni di Industria 4.0, gli Ingegneri dell’Informazione tracciano un bilancio sull’esperienza reale tra soluzioni di successo e gravi errori, che comportano sanzioni per le aziende che non...

  • skills shortage cornerstone ondemand
    Skills shortage, aziende e dipendenti hanno visioni molto diverse

    Cornerstone OnDemand comunica i risultati dell’edizione 2022 della ricerca globale Thriving in the Global Skills Shortage: Your Path Through the Wilderness, che indaga i trend legati ai nuovi scenari dello sviluppo delle competenze. Si tratta della seconda...

  • Olimpiadi dell’Automazione: la sfida si accende. Al via la fase selettiva

    Prosegue nel mese di maggio la sfida legata alle Olimpiadi dell’Automazione, il concorso ideato da Siemens e riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione all’interno del Programma Nazionale della Valorizzazione delle Eccellenze che permette a tanti giovanissimi di misurarsi con gli...

  • Transizione digitale e fattore umano

    La diffusione delle tecnologie 4.0 nei processi produttivi e i conseguenti cambiamenti nei modelli organizzativi, portano l’accento sul rapporto uomo-macchina e sull’esigenza di passare da un paradigma di sostituzione ad uno di potenziamento. Diversi studi, da ultimo...

  • Manpower Academy
    Manpower Academy, la formazione per colmare lo skill gap

    Manpower Academy è il progetto di upskilling di Manpower per trasmettere competenze specifiche di settore sui profili più difficili da trovare per i distretti produttivi italiani presenti in molte regioni, in settori come pelletteria, calzature, tessile, gioielleria...

  • Direzione… TSN

    TSN-Time-Sensitive Networking è una tecnologia chiave per l’Industria 4.0 e l’implementazione di Soluzioni Industrial IoT. Vediamo perché Leggi l’articolo

  • Progettazione e sviluppo efficiente

    Sostenibilità ed energy saving come approccio alla moderna automazione. Festo presenta due casi di successo Leggi l’articolo

  • Il futuro sarà ‘aperto’?

    Ritengo non ci si sbagli quando si afferma che oggi la totalità delle applicazioni di automazione industriale, dal controllo locale di una singola macchina utensile, fino alla gestione delle linee di produzione di un intero impianto, vedono...

  • Digital learning e connettività: il Wi-Fi 6E nella scuola di oggi e domani

    Tutti ormai siamo consapevoli del ruolo che la tecnologia, e la connettività in particolare, può avere nella costruzione di un sistema didattico che offra agli alunni esperienze di apprendimento efficaci e allo stesso tempo coinvolgenti e il...

Scopri le novità scelte per te x