Nuove funzionalità semplificano la configurazione e l’installazione degli azionamenti Unidrive M

Control Techniques ha potenziato la propria gamma di azionamenti universali a velocità variabile Unidrive M.

Pubblicato il 12 giugno 2017

A partire dalla metà di giugno 2017 le due gamme d’inverter Unidrive M200 e M300 firmate Control Techiniques, azienda di Nidec Industrial Automation, saranno equipaggiate di serie con un micro PLC onboard. Questo permetterà di espandere notevolmente le possibilità applicative di queste due serie di drive per motori asincroni, mantenendo invariati i prezzi di tutta la gamma da 0,25 a 110 kW (132kW per pompe e ventilatori).

Unidrive M200

La serie vanta funzionalità avanzate di networking a bus di campo, I/O aggiuntivi e un eccellente controllo del motore per applicazioni in anello aperto. Applicazioni tipiche sono trasportatori, ventilatori, pompe volumetriche e miscelatori, dove sovente le azioni sono controllate in remoto tramite comunicazione Ethernet o Fieldbus. Per soddisfare anche le macchine semplici e stand alone, è comunque disponibile una versione dell’Unidrive M200 con potenziometro rotativo sul frontale dell’inverter detta Unidrive M201.

Unidrive M300

La serie integra quanto già visto per l’Unidrive M200 con interessanti funzioni di sicurezza. È ideale per il controllo della velocità di sistemi di trasporto e taglio di materiali, lavorazione del legno e macchine utensili, compattatori e mescolatori, ossia dove è richiesta la protezione di persone o beni materiali in conformità a SIL3. Usando l’Unidrive M300 si può fare a meno di organi di sezionamento elettromeccanici esterni al drive.

PLC Onboard e Machine Control Studio

Gli inverter avranno la possibilità di eseguire un programma da 12 kB realmente fruibili per le istruzioni, senza l’ausilio di logiche esterne.

Il PLC onboard permette due task:

  • Clock: una real time task il cui intervallo d’esecuzione può essere tra 16 ms a 262 s a multipli di 16 ms. Si possono definire 10 parametri ad accesso rapido per velocizzare il tempo di lettura/scrittura del programma sviluppato.

  • Freewheeling: una background task che può essere eseguita ogni 256 ms. Il momento dell’esecuzione di questa task può variare in funzione del carico del microprocessore.

Questo piccolo PLC supporta l’uso di variabili Booleane, integer (8 bit, 16 bit e 32 bit, con e senza segno), floating point (solo 64 bit).

Per la creazione del programma è disponibile la suite di sviluppo Machine Control Studio, ambiente di sviluppo software, progettato per la gamma di azionamenti Unidrive M e basato su linguaggio di programmazione standard IEC 61131-3 e supporta:

• ST (Structured text),

• LD (Ladder diagram),

• FBD (Function block diagram),

• IL (Instruction list),

• SFC (Sequential function chart),

• CFC (Continuous Function Chart).

Machine Control Studio permette all’utente di sviluppare in semplicità il proprio programma ed ottenere comportamenti personalizzati e automazioni specifiche ad un Unidrive M200 o M300. Il programma si carica sul drive dalla porta seriale disponibile sull’inverter. Gode della varietà di librerie di funzioni già disponibili come:

  • blocchi aritmetici,
  • blocchi comparativi,
  • timer,
  • contatori,
  • multiplexer,
  • latche (autoritenuta),
  • forzatura di bit.

Con queste possibilità si intuisce che i campi applicativi possono spaziare notevolmente e sono più limitati dalla nostra conoscenza e fantasia, che dai limiti dell’inverter stesso:

  • sistemi multimotore (pompe ausiliarie, ventilatori e sistemi di riempimento o irrigazione),
  • controllo di processo con gestione autonoma anche di valvole e serrande,
  • logiche di interblocco sia funzionali che di sicurezza,
  • regolazioni master/slave,
  • posizionamenti blandi,
  • cicli di operazioni autonome al presentarsi di condizioni specifiche (es. cicli di pulizia o sblocco su

    Ciclo di pulizia standard

    pompe per acque reflue, coclee d’alimentazione o mulini di macinazione),

  • monitoraggio di sensori per controlli predittivi e programmazione manutenzioni (es. vibrazioni, intasamento filtri o limiti mini/massimi raggiunti),
  • eliminazione di schede elettroniche dedicate esterne soggette a costi di aggiornamento e certificazione.

A completamento dell’offerta troviamo la serie Unidrive M100, con potenze sino a 7,5kW e disponibile anche nella versione M101 ideale per processi d’automazione semplici come nastri trasportatori, ventilatori e pompe, Unidrive M101 assicura una configurazione e un’installazione estremamente rapida con un potenziometro integrato per ulteriori controlli su parametri ed impostazioni.

Messa in servizio sempre più facile

Infine Control Techniques ha anche creato una nuova risorsa per supportare un processo semplificato di configurazione e di installazione, che aiuterà anche gli utenti privi di esperienza a mettere in funzione i propri azionamenti nel giro di pochi minuti.

Visitando il sito www.drive-setup.com è ora possibile accedere ad una quantità di risorse finalizzate ad assistere gli utenti alle prime armi di Unidrive M101, M200 & M300. Queste includono video, guide passo-passo e contatti per il supporto, tutti nello stesso sito.

Le nuove risorse supportano la filosofia di Control Techniques sui propri azionamenti universali Unidrive M. Gli azionamenti sono progettati specificamente per rendere le configurazioni il più possibile semplici e rapide, anche per utenti privi di conoscenze specialistiche.



Contenuti correlati

  • Nuovo palmare RFID: più potente nelle prestazioni, competitivo nel costo

    RFID Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi RFID, NFC e Bluetooth Low Energy, annuncia l’ingresso nel catalogo prodotti del palmare RFID in banda UHF C5: frutto dell’evoluzione del precedente C72, il nuovo handheld potenzia le sue capacità...

  • Moxa presenta una nuova generazione di computer industriali x86 per potenziare la connettività delle soluzioni egde per l’industria

    Moxa Inc., azienda tra i leader nel settore delle comunicazioni e delle reti industriali, ha annunciato ufficialmente il lancio di una nuova famiglia di computer industriali (IPC) x86 caratterizzata da affidabilità, adattabilità e longevità eccezionali, per rispondere...

  • La serie K7DD-PQ per il monitoraggio delle condizioni del motore di Omron

    La serie K7DD-PQ è un dispositivo avanzato di monitoraggio delle condizioni del motore progettato per automatizzare il rilevamento di anomalie nei siti di produzione. K7DD si adatta perfettamente alla visione di Omron sulla manutenzione intelligente: raccogliendo, monitorando...

  • Cosa aspettarsi dal futuro dell’ingegneria meccanica

    In tutto il settore manifatturiero, la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui le aziende operano e il modo in cui tutti noi lavoriamo. L’Industria 4.0 ha rivoluzionato quasi tutti gli aspetti delle attività industriali, dotando le...

  • Robotgames il nuovo concorso di Ucimu Academy per giovani innovatori

    Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, Fondazione Ucimu e EFIM-Ente Fiere Italiane Macchine organizzatore di 34.BI-MU, presentano, con il sostegno di Fondazione Fiera Milano, Robotgames . Robotgames  è il nuovo...

  • AI, sistemi aperti ed edge

    Come possiamo parlare di America senza menzionare Elon Musk! Nessuno riesce a capirlo fino in fondo; a tratti è straordinariamente brillante, come può dunque essere costato miliardi di dollari a se stesso e ai suoi investitori? Blaterando...

  • Digital twin

    Come funziona il gemello digitale nell’ambito dell’automazione industriale? Il gemello digitale è una tecnologia emergente che sta rapidamente guadagnando popolarità nell’ambito dell’automazione industriale. Si tratta di una replica virtuale di un sistema industriale, che può essere utilizzata...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • 5 motivi per adottare un cobot

    Qual è il vantaggio rappresentato dai piccoli robot collaborativi (cobot) e perché un numero crescente di grandi imprese sta guardando a questa tecnologia per incrementare la produttività e accelerare l’automazione in fabbrica? Per le grandi aziende, non si...

  • Automazione igienica, flessibile e salvaspazio

    I robot Stäubli, nello stabilimento della tedesca BMI, sono stati utilizzati nella linea di confezionamento per blocchi di formaggio a pasta dura Per produrre 35.000 tonnellate di formaggio a pasta dura all’anno sono necessari circa 350 milioni...

Scopri le novità scelte per te x