NSK festeggia 100 anni al vertice nella movimentazione

Nata nel 1916 in Giappone, NSK festeggia i 100 anni con 3.500 dipendenti, 65 siti produttivi nel mondo e producendo circa 2,2 miliardi di cuscinetti l’anno

Pubblicato il 4 febbraio 2016

NSK (Nippon Seiko Kabushiki-gaisha) festeggia nel 2016 i 100 anni come fornitore di tecnologie di movimentazione ottimizzate. Takehiko Yamaguchi fondò infatti NSK nel 1916, con un capitale di 350.000 yen (2.655 euro), azienda che è poi diventata il primo produttore di cuscinetti con sede in Giappone. Oggi, detiene la quota maggiore del mercato dei cuscinetti nel Paese del Sol Levante ed è uno dei più importanti fornitori di cuscinetti a livello mondiale. Si è anche diversificata con successo in mercati come quelli dei prodotti automotive, dei macchinari e parti di precisione e dei prodotti meccatronici, che nel loro complesso hanno contribuito a generare un fatturato netto annuo (nell’anno che si è concluso al 31 marzo 2015) di 974,9 miliardi di yen (7,4 miliardi di euro).

Fin dall’inizio, un secolo fa, NSK cominciò a crescere servendo settori industriali giapponesi come il minerario, ferroviario, tessile e cantieristico, che ancora oggi rimangono tutti mercati importanti. Durante la Prima Guerra Mondiale, la cantieristica e le altre industrie videro un nuovo sviluppo e il Giappone fu pronto a migliorare la propria posizione quale una delle principali nazioni industrializzate del mondo. Gli anni successivi furono testimoni della capacità di NSK di conseguire molti e importanti traguardi. Per esempio, nel 1932 l’azienda produsse il primo cuscinetto a rulli conici del Giappone per gli assali dei veicoli alimentati, utilizzati sulle ferrovie nazionali. Cinque anni dopo NSK creò uno stabilimento di produzione di cuscinetti a Fujisawa, a oggi è la più vecchia fabbrica dell’azienda, ancora operativa, dei 22 siti di produzione in Giappone. Durante la Seconda Guerra Mondiale, l’industria giapponese modificò la sua produzione per soddisfare la domanda militare. Grazie agli ordini provenienti dal governo, NSK iniziò la produzione di cuscinetti per i settori aeronautico e automobilistico. Con il proseguimento della guerra e l’impossibilità per il Giappone di importare cuscinetti, NSK inaugurò una serie di fabbriche e continuò ad aumentare la sua capacità di produzione. Ben presto, l’azienda iniziò la produzione dei primi cuscinetti a sfere e a rulli giapponesi di concezione moderna. Nel 1945 NSK raggiunse un altro primato in Giappone, producendo i cuscinetti destinati all’albero principale del Ne20 della Marina Giapponese, il primo motore a turbogetto del Paese.

NSK ha sempre accettato la sfida di entrare in nuovi settori. Negli anni, l’azienda ha supportato lo sviluppo dell’industria portando contributi significativi alla produzione di aerei a reazione, centrali termoelettriche, treni ad alta velocità Shinkansen, videoregistratori, satelliti e dischi rigidi ad alta densità per PC, per citare solo alcune delle numerose rivoluzioni tecnologiche. La società fu anche quotata in borsa nel 1949, nei listini congiunti di Tokyo, Osaka e Nagoya, una mossa che precedette un periodo di rapida crescita economica nel Giappone post-bellico. Alla fine degli anni ‘50 l’azienda iniziò a guardare a una serie di mercati target emergenti, ai quali fornì cuscinetti per elettrodomestici come aspirapolveri, lavatrici e frigoriferi. Nello stesso periodo sviluppò viti a ricircolazione di sfere di precisione per i sistemi sterzanti di automobili e camion.

NSK_produzioneNel decennio successivo, dopo l’apertura della sua prima sede commerciale oltreoceano ad Ann Arbor, Michigan, negli Stati Uniti, NSK continuò a creare uffici commerciali all’estero. Gli anni ‘60 videro anche l’arrivo dei cuscinetti a sfere in miniatura di NSK per trapani dentistici ad alta velocità, che ruotano a circa 450.000 giri/min per ridurre il dolore durante il trattamento. Nello stesso periodo, NSK cominciò la produzione di componenti per trasmissioni automatiche. Gli anni ‘70 videro NSK aprire una società di produzione controllata nei pressi di San Paolo in Brasile, seguita da altri stabilimenti produttivi nel Nord America, nel Regno Unito e in Asia. Nel 1982, NSK aprì il centro di tecnologia elettronica e si espanse nell’area dell’elettronica applicata, una mossa che ha portato alle attuali tecnologie meccatroniche, come gli EPS (Electric Power Steering) e i robot di assistenza all’uomo. Durante gli anni ‘90, NSK acquisì UPI, il maggiore produttore di cuscinetti nel Regno Unito, noto per il suo marchio RHP. Lo stesso decennio ha visto NSK espandere rapidamente le sue attività nei mercati asiatici, soprattutto in Cina. Negli anni 2000, oltre a potenziare le esportazioni dal Giappone, NSK ha espanso la sua produzione all’estero e ha continuato a promuovere lo sviluppo di nuovi prodotti. Con l’introduzione dell’euro come valuta unica europea, sono giunte rinnovate ambizioni economiche e di crescita in tutta Europa. NSK Europe, con sede a Maidenhead, nel Regno Unito, si sta attualmente avvicinando alla fine di una fase di ristrutturazione che aiuterà l’azienda a servire i suoi clienti in modo ancora più puntuale e individuale grazie a servizi ottimizzati.

NSK Europe ha oggi 3.500 dipendenti e stabilimenti di produzione in Germania, Polonia e Regno Unito; ha conseguito nell’ultimo decennio importanti riconoscimenti come fornitore, tra cui quelli di OEM globali come Bosch, BSH, Continental, DMG-Mori, Festool, Kessler, PSA, Toyota e Volkswagen. Il sito di produzione più recente è stato aperto a Silao, Guanajuato, Messico, e ha iniziato la sua attività nel 2013. Nei suoi 65 siti di produzione in tutto il mondo, NSK produce oggi circa 2,2 miliardi di cuscinetti all’anno, portando movimento e precisione ai vertici della categoria nel mondo industriale.
NSK è pronta oggi a compiere i primi passi dei prossimi 100 anni, concentrandosi su qualità, sicurezza e conformità. In primo luogo, l’azienda punterà a raggiungere l’eccellenza operativa per migliorare ulteriormente il vantaggio competitivo delle sue attività esistenti e costruire solide basi manageriali. Quindi, perseguirà il prossimo livello di innovazione per spingere una nuova fase di crescita, offrendo nuovo valore alla società grazie alla creazione di nuove tecnologie, nuovi prodotti e nuove attività.



Contenuti correlati

  • A SPS Italia 2022, il successo delle soluzioni presentate da Panasonic Industry

    L’edizione 2022 di SPS Italia si conferma un successo per Panasonic Industry: più visite da parte dei costruttori di macchine e system integrator, mentre la fiera è cresciuta rispetto all’ultima edizione in presenza del 2019. Al centro dello...

  • A SPS Italia 2022, l’anima dello ‘sperimentatore’ di Moog

    Parliamo di ESG, ovvero di aspetti ambientali, sociali e di governance aziendale. Oggi più che mai, infatti, l’attenzione del pubblico è catalizzata dai temi della sostenibilità, dell’inclusione sociale e dell’etica aziendale. L’automazione in questo scenario può fare molto, sia...

  • A SPS Italia 2022 riflettori puntati sulla Total Solution Yaskawa

    In occasione di SPS Italia 2022 (Parma, 24-26 maggio), Yaskawa dà appuntamento ai visitatori al Pad 5 stand E26 con uno stand studiato appositamente per ospitare rappresentanze dell’intero mondo Yaskawa: non solo le divisioni Robotics e Drives, Motion...

  • Gefran a SPS presenta la digitalizzazione pervasiva e sostenibile

    Gefran partecipa alla decima edizione di SPS Italia, appuntamento dedicato alle tecnologie al servizio della trasformazione digitale, che torna in presenza dal 24 al 26 maggio (Padiglione 3, Stand F007). I visitatori saranno accolti in uno stand...

  • Processi ottimizzati per un packaging sostenibile

    Per le macchine e le linee di confezionamento, la piattaforma di automazione B&R, che va dal motore ai sistemi di trasporto più evoluti, consente di creare applicazioni capaci di gestire i prodotti in modo più efficiente e...

  • Con XTS e XPlanar il motion non è più lo stesso

    Con i suoi sistemi di movimentazione a carrelli indipendenti XTS e a piastre flottanti XPlanar, Beckhoff ha di fatto introdotto un vero e proprio punto di discontinuità che ha modificato per sempre i paradigmi del motion. La...

  • Vipa Italia a Ipack-IMA 2022: Gaetano Chiappini

    Automazione Oggi intervista Gaetano Chiappini, Direttore Vendite di Vipa Italia, facente parte del Gruppo Yaskawa, in occasione di Ipack-IMA 2022. L’azienda presenta in fiera le proprie soluzioni di controllo avanzate, un nuovo inverter e soluzioni integrate con i...

  • Bekchoff Automation a Ipack-IMA 2022: Raffaele Balzan

    Automazione Oggi intervista Raffaele Balzan, Packaging Market Manager di Beckhoff Automation, in occasione di Ipack-IMA 2022. L’azienda presenza in fiera nuove soluzioni flessibili per il packaging e il confezionamento.

  • Un nuovo stabilimento di Mitsubishi Electric nascerà nella Prefettura giapponese di Aichi entro il 2025

    In data 28 marzo 2022, Mitsubishi Electric Corporation ha annunciato di aver acquistato 42.000 m2 di terreno a Owariasahi, città della Prefettura giapponese di Aichi, per realizzare un nuovo stabilimento che, a partire da aprile 2025, produrrà...

  • Un mondo in movimento – versione integrale

    Logistica e intralogistica, oltre che significare movimento, sono settori essi stessi in movimento. Verso l’automazione, le nuove tecnologie, l’efficienza, la sostenibilità. Per garantire al mondo della produzione e del retail immediatezza, sicurezza e redditività Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x