Massimo Raggi, nominato general manager di Wago Italia

Pubblicato il 16 ottobre 2023

Con 31 filiali in tutto il mondo e oltre 9.000 dipendenti, Wago GmbH multinazionale tedesca a conduzione familiare, pioniera nell’ambito delle connessioni elettriche, ha registrato nel 2022 un fatturato pari a 1,34 miliardi di euro. Ma veniamo alle nomine: da settembre 2023 la branch italiana Wago Elettronica è affidata a Massimo Raggi, nuovo general manager.

“La mia mission è quella di andare oltre lo schema economico tradizionale, per intraprendere un percorso profondo di cambiamento consapevole, sostenibile e smart secondo un approccio human-centric. Ho scelto Wago perché condivido la visione di business intelligente e sostenibile, l’orientamento al futuro e la ferma volontà di essere parte attiva di una delle più profonde trasformazioni in essere: l’Industria 5.0. Credo nelle potenzialità dell’automazione avanzata e nella creatività umana, ingredienti essenziali per un’industria sostenibile, innovativa e incentrata sulle persone di oggi e di domani”, dichiara Raggi.

Prima di entrare a far parte della famiglia Wago, Raggi ha sviluppato un’importante esperienza in Bosch Rexroth Italia e Francia, presso cui ha trascorso 25 anni della sua vita professionale, raggiungendo eccellenti risultati. In Bosch Rexroth, Raggi ha ricoperto importanti ruoli manageriali, dall’engineering al sales, coniugando stile di leadership, competenze tecniche e abilità di vendita.

Il valore del team

Leader moderno e lungimirante, capace di stimolare la coesione nei team di lavoro, punto di riferimento all’interno e all’esterno dell’azienda, ha supportato diverse tipologie di clienti, molti dei quali rappresentano oggi un pilastro strategico per Wago.

In qualità di partner affidabile nei settori Industrial, Building ed Energy, i professionisti e i tecnici Wago offrono soluzioni aperte, semplici e versatili in ambito di automazione, interfacce e connessioni elettriche. Che si tratti di componenti hardware o di applicazioni software, Wago prende ogni decisione sulla base di parametri di sostenibilità, tecnologia ed efficienza, lungo tutta la catena di approvvigionamento e di produzione del valore.

“In Wago coinvolgere Massimo Raggi, noto nel settore per la sua leadership dagli elevati standard di innovazione, è stato un passo significativo. Sono certo che la conoscenza, l’esperienza e la competenza di Raggi costituiscano una solida base per conseguire gli obiettivi strategici futuri di Wago Italia”, sottolinea Mehdi Sayar, VP Sales Emea, responsabile delle attività di business del Gruppo Wago in Europa, Medio Oriente ed Africa.

“A un mese dal mio ingresso in Wago, posso affermare di aver trovato un ambiente professionale sfidante, su cui poter intavolare un valido percorso volto all’innovazione, al cambiamento, impostando processi agili e flessibili. In un contesto globale così dinamico, è fondamentale progettare, pianificare e compiere ogni giorno azioni orientate a creare innovazione. Il tempismo  relativo alle singole decisioni strategiche ricopre un ruolo cruciale per creare valore futuro”, conclude Raggi.

Wago in Italia

Mehdi Sayar, VP Sales Emea, responsabile delle attività di Gruppo Wago in Europa, Medio Oriente ed Africa

Wago Italia nasce a Bologna nel 1996. Fondata come filiale commerciale, si specializza sin dall’inizio nella consulenza tecnico-commerciale per servire la più esigente clientela italiana. Soluzioni nate dall’ingegno di tecnici e professionisti della Motor Valley, basate sull’affidabilità del prodotto Wago made in Germany. Dalle connessioni, all’automazione passando per le interfacce, Wago oggi introduce una nuova business unit, che prende proprio il nome di Automation, Solutions and System Integration.

Sostenibilità 

Per l’azienda, un business sostenibile è alla base per un successo a lungo termine ed elemento imprescindibile: dal 2012 Wago ha aderito all’iniziativa per la sostenibilità del Global Compact in seno alle Nazioni Unite, un programma intrapreso da aziende impegnate a rispettare i principi universali di sostenibilità.

Il nuovo morsetto di giunzione Wago Serie 221 Green Range rappresenta il primo passo concreto verso una maggiore sostenibilità. Realizzato con quota parte di plastica bio-circolare e riciclata, Wago Green Range registra un basso impatto ambientale, riducendo l’utilizzo di materie prime fossili.

Anche per la fase di confezionamento Wago ha prestato particolare attenzione al tipo di risorse utilizzate: il packaging del morsetto di giunzione con leva “Wago Green Range” è realizzato in carta d’erba, un’alternativa ancora più sostenibile rispetto alla carta riciclata.



Contenuti correlati

  • Un nuovo country manager alla guida di Universal Robots in Italia

    Cambio della guardia in via Lessolo, a Torino, sede della country italiana di Universal Robots. Alla guida della filiale commerciale UR è arrivato Enrico Rigotti, in carica dall’8 gennaio. Brianzolo, 34 anni, sposato, una formazione da ingegnere...

  • Wago e Comoli Ferrari, Monte Bianco green experience

    Wago, multinazionale tedesca a conduzione familiare e pioniera nell’ambito delle connessioni elettriche, e Comoli Ferrari, azienda novarese di riferimento nel mercato nazionale dell’impiantistica elettrica e idrotermosanitaria, hanno accompagnato un gruppo di clienti selezionati in una due giorni all’insegna della...

  • Giorgio Santandrea approda in TXOne Networks

    TXOne Networks, attivo nel campo della OT cybersecurity, ha nominato l’italiano Giorgio Santandrea nuovo OEM & Machine Builder Director Europe. Chi è Giorgio Santandrea Santandrea è un OT Specialist con molta esperienza; ha lavorato per 21 anni in...

  • Luca Buscherini nominato AD di Seco Nord Europa

    Il gruppo SECO compie il prossimo passo nel proprio sviluppo aziendale, rafforzando la propria posizione fra i maggiori fornitori di edge computing, IoT e intelligenza artificiale. Il nuovo Amministratore Delegato, Luca Buscherini, ha più di 25 anni...

  • Sensori IIoT nella produzione industriale

    Al centro della trasformazione digitale ci sono i sensori IIoT e i dispositivi intelligenti che raccolgono dati, comunicano tra di loro e plasmano il futuro dell’industria manifatturiera. Leggi l’articolo

  • Giorgio Albonetti è il nuovo Presidente di ANES

    Durante il discorso di insediamento Giorgio Albonetti, Presidente del Gruppo LSWR, già Membro di Giunta, ha prima rivolto un ringraziamento al Presidente uscente, Ivo Alfonso Nardella, per il lavoro svolto in un triennio molto complesso, quindi si è detto...

  • Alessio Agnello nominato Technical Director per l’Italia di Trend Micro

    Trend Micro ha nominato Alessio Agnello a nuovo Technical Director. Classe 1983, il neoeletto vanta un’esperienza ventennale nel mondo dell’IT e della cybersecurity. Sin dai primi anni della sua carriera, Agnello matura diverse esperienze nel settore della sicurezza...

  • Markus Nolte nominato CEO di Emco dal 1° luglio 2023

    A partire dal 1° luglio 2023, Markus Nolte ha accettato la posizione di CEO di EMCO GmbH. Un totale di 800 dipendenti, 5 siti produttivi e una rete globale di vendita e assistenza sono sinonimo di macchine utensili di...

  • Keith E. Polidor, presidente di terza generazione e AD di QVI

    Con 23 anni di esperienza in QVI (Quality Vision International), dal 2016 come Chief Operating Officer (COO) e come Corporate Secretary dal 2007, prima di ricoprire il ruolo di COO ha guidato strategie e operazioni in produzione,  le attività...

  • Una mostra di tecnologia e innovazione

    Fornendo un’ampia panoramica sulle tecnologie dell’automazione e sui più moderni sistemi di produzione industriali, nel 2023 la fiera SPS ha saputo attrarre a Parma decine di migliaia di visitatori, in gran parte professionisti e studenti, con un...

Scopri le novità scelte per te x