Motion control: lo studio e l’esperienza diretta possono migliorarlo

Pubblicato il 28 maggio 2008

I contributi, parte di matrice universitaria, parte di matrice ‘empirica’, poiché legati alle esperienze dirette di aziende del settore, hanno messo in luce una situazione in cui la tecnologia di controllo del movimento deve fare i conti, innanzitutto, con il problema delle vibrazioni.

Gianantonio Magnani del dipartimento di Elettronica e Informazione del Politecnico di Milano ha affrontato la tematica con l’occhio dello studioso, approfondendo le cause scientifiche delle vibrazioni riscontrate nei sistemi motion, presentando gli strumenti di rilevazione di tali oscillazioni e proponendo un ventaglio di soluzioni incentrate sull’attenzione alla taratura dei regolatori, sulla compensazione del ripple nei motori brushless e sulle cedevolezze meccaniche.

Con gli interventi successivi, si è passati dalla teoria alla pratica, poiché, indipendentemente dall’approccio scelto per la propria esposizione, i relatori erano tutti provenienti dal mondo industriale. Ruediger Neumann di Festo, che ha analizzato le differenze tra motori elettrici e motori pneumatici, e Dario Rovelli di B&R Automazione, che si è soffermato su due tematiche molto attuali, ovvero la scelta del bus di campo e quella del sistema motion in base alla riduzione dei consumi energetici, hanno scelto un taglio comunque piuttosto teorico per il loro intervento. Hanno invece proposto argomenti più concreti Luca Lo Conte di B&B Automation, che ha raccontato il revamping effettuato su un impianto di inscatolamento ottimizzato con l’utilizzo di componenti di Rockwell Automation, Franco Bellome di Eutro Log, che ha riportato riguardo all’implementazione di una macchina ‘case maker’ per cartone ondulato effettuata con componenti di Siemens, e Marco Crudeli di SM System, che ha ripercorso le tappe di produzione di un centro di lavoro per texturizzazione realizzato con componentistica e motion di Omron Yaskawa.

Al termine dei lavori, una cosa è risultata chiara: indipendentemente dalla ricorrenza o meno del termine negli interventi proposti, operare sul motion control significa parlare di meccatronica, ovvero di un mondo in cui dalla meccanica pura si passa all’unione di meccanica ed elettronica.



Contenuti correlati

  • Digital Twin: un valido alleato della manutenzione predittiva

    La creazione di modelli virtuali in grado di replicare il funzionamento delle fasi produttive può portare una serie di vantaggi sostanziali nell’automazione della gestione dei processi industriali. Il gemello digitale permette di analizzare e ottimizzare le prestazioni...

  • OT e IoT Security: adottare una mentalità post-breach oggi

    Non passa un giorno senza che si legga di violazioni alla cybersecurity e di attacchi informatici alle infrastrutture critiche di tutto il mondo. Quella che solo 10 anni fa era un’evenienza rinvenibile una o due volte all’anno...

  • I tre maggiori trend tecnologici del futuro nel report ‘Tech in 2021’

    Forrester prevede fino al 20% delle aziende Fortune 500 non arriverà ‘sana’ alla fine del 2021... Il rapporto Tech in 2021 approfondisce le tendenze tecnologiche e lavorative che il Covid-19 ha accelerato e fornisce indicazioni su come i leader...

  • Innodisk accorpa le filiali garantendo un servizio a tutto tondo

    Innodisk, fornitore globale di memorie industriali embedded flash e DRAM, combina le complesse tecnologie di base hardware e software per creare una soluzione AIoT cloud-to-edge all-in-one che semplifica la compatibilità e riduce i tempi di realizzazione delle...

  • Federmeccanica, 50 anni e tanta voglia di competere

    Il 15 settembre 1971 nasceva Federmeccanica e da quel momento il settore, spina dorsale dell’economia italiana, ha avuto una sua rappresentanza, e una sola “voce”. Oggi rappresenta più di 12 mila imprese dalle più piccole alle più...

  • LinSelect, il nuovo tool di selezione e posa di Bosch Rexroth

    Con LinSelect la progettazione diventa davvero smart, perché consente di selezionare la combinazione di meccanica, motore e azionamento con risultati affidabili. L’utente ha la possibilità di selezionare, configurare e ordinare senza interruzioni con risultati in meno di...

  • Piattaforme cloud industriali per ridisegnare la gestione degli asset

    Nel mondo dell’automazione, le piattaforme industrial IoT (IIoT) aiutano a migliorare i processi decisionali nell’amministrazione delle risorse, e a controllare con maggior efficienza impianti e infrastrutture. La pandemia da Covid-19 ha inoltre contribuito ad accrescere il divario...

  • People for Process Automation

    Fondata in Germania nel 1953, Endress+Hauser è un fornitore di riferimento su scala mondiale di strumentazione, soluzioni e servizi per l’automazione industriale, grazie alla sua ampia gamma di strumenti per misure di processo e alla sua forte...

  • Contatori e relè Hengstler al servizio della tecnologia medica
    Contatori e relè Hengstler al servizio della tecnologia medica

    Contatori e relè Hengstler al servizio della tecnologia medica. Li possiamo trovare nei prodotti per defibrillazione, dialisi e pipettaggio. I defibrillatori devono essere facili e sicuri da utilizzare, dal momento che in caso di emergenza ogni secondo...

  • Intervista a Max Mauri, CEO di Seco

    Seco è un’azienda italiana che opera nel mercato dell’alta tecnologia, progettando, sviluppando e producendo soluzioni per il medicale, l’automazione, l’aerospace e la difesa, il vending, il wellness fino ad arrivare all’Intelligenza Artificiale, e alla creazione di soluzioni...

Scopri le novità scelte per te x