Microsoft supporta l’uso dell’AI e dell’high-performance computing per la ricerca scientifica

Pubblicato il 11 gennaio 2024
Microsoft Azure Quantum ElementsMicrosoft Azure Quantum Elements

Microsoft ha raggiunto un importante traguardo nell’ambito della ricerca scientifica, sfruttando la potenza computazionale del Cloud e i modelli di Intelligenza Artificiale avanzata. Grazie a queste tecnologie, il team Microsoft Quantum e gli scienziati del Pacific Northwest National Laboratory (PNNL) – laboratorio di progettazione di esperimenti globale situato a Richland (WA) negli Stati Uniti – hanno vagliato digitalmente oltre 32 milioni di potenziali materiali, tra cui hanno scoperto e sintetizzato un nuovo potenziale materiale per la produzione di batterie efficaci, utilizzando il 70% in meno di litio rispetto alle attuali batterie agli ioni di litio.

Attraverso l’utilizzo di Azure Quantum Elements, una piattaforma costruita appositamente per accelerare la ricerca scientifica attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, del cloud computing e dei computer quantistici su larga scala, gli scienziati del PNNL hanno potuto individuare e testare il nuovo materiale in poche settimane, riducendo drasticamente i tempi rispetto ai tradizionali processi scientifici di ricerca, analisi e verifica.

Grazie a questo progetto, avviato a inizio 2023, la collaborazione di Microsoft con il PNNL si rafforza e si pone come primo obiettivo un focus principale nel campo della chimica e della scienza dei materiali, due ambiti scientifici fondamentali e alla base delle soluzioni alle sfide energetiche globali.

La collaborazione con il PNNL è l’inizio di un nuovo percorso, che punta a sfruttare la potenza dell’AI in molti campi della ricerca scientifica. Microsoft sta inoltre abilitando la potenza computazionale del cloud e dei modelli di AI per tutti i clienti attraverso la piattaforma Azure Quantum Elements: la combinazione di competenze scientifiche e AI consentirà di accelerare drasticamente l’innovazione, anticipando nei prossimi 25 anni le innovazioni che senza queste tecnologie avrebbero richiesto 250 anni, trasformando ogni settore e inaugurando una nuova era per la scoperta scientifica.

Inoltre, questo progetto dimostra quanto l’applicazione di piattaforme Cloud e di strumenti AI possano accelerare l’individuazione di soluzioni per le attuali sfide globali, tra cui la sostenibilità, l’innovazione del settore farmaceutico e di altri settori, anticipando i progressi che saranno possibili con l’informatica quantistica.

“Siamo all’inizio di una nuova era di scoperte scientifiche che possono trasformare il nostro mondo. Grazie alle novità introdotte dall’intelligenza artificiale e alle capacità hyperscale, possiamo accelerare la ricerca e abilitare la scoperta di nuove molecole che possono affrontare alcune delle questioni più urgenti del nostro tempo, dall’energia pulita all’eliminazione delle sostanze chimiche tossiche, e molto altro ancora. Siamo orgogliosi di lavorare con istituzioni scientifiche di livello mondiale come il Pacific Northwest National Laboratory. La nostra scoperta nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale per trovare nuovi materiali per le batterie è solo uno dei tanti esempi di come il nostro approccio innovativo alla ricerca sui materiali possa migliorare la nostra vita quotidiana.” Jason Zander, Executive Vice President of Strategic Missions and Technologies di Microsoft.

“L’intersezione di AI, cloud e high-performance computing, insieme al lavoro degli scienziati crediamo sia fondamentale per accelerare il percorso verso risultati scientifici significativi”, ha dichiarato Tony Peurrung, PNNL Deputy Director for Science and Technology. “La nostra collaborazione con Microsoft mira a rendere l’AI accessibile agli scienziati. Vediamo il potenziale dell’AI nel far emergere un materiale o un approccio inaspettato o non convenzionale, ma che vale la pena indagare. Questo è il primo passo di quello che si preannuncia come un viaggio interessante per accelerare il ritmo della scoperta scientifica”.

“I risultati sulle nuove batterie sono solo un proof point di queste tecnologie”, ha dichiarato Brian Abrahamson, Associate Laboratory Director and Chief Digital Officer del PNNL. “Abbiamo capito subito che l’innovazione sta nella velocità di identificazione di materiali promettenti e nella nostra capacità di mettere immediatamente in pratica queste idee in laboratorio. Siamo entusiasti di portare tutto questo a un livello superiore grazie alla partnership tra Microsoft e il PNNL”.



Contenuti correlati

  • Sparq litio e derivati
    Batterie al litio, una guida per orientarsi alla scelta

    Il BESS è una tecnologia oramai collaudata e sono davvero numerose le applicazioni che vedono applicati i sistemi di accumulo, come spiega Roberto Romita – Industrial Key Account Manager – Industrial Division di Sparq. Tuttavia quando si...

  • Data management intelligenza artificiale
    Intelligenza artificiale, come sfruttarla al meglio e 5 ambiti operativi in crescita

    “Se si raccolgono abbastanza dati, qualsiasi cosa può essere dimostrata con metodi statistici”: lo scrittore statunitense Arthur Block aveva un’idea chiara sull’importanza dei numeri e delle statistiche, le quali risultano di difficile gestione in un’epoca in cui...

  • green computing Bitrock
    Green computing, emissioni di CO2 ridotte fino al 50%

    L’uso della tecnologia ha un impatto significativo sull’ambiente e le aziende impegnate nel percorso verso la sostenibilità devono tenerne conto. È per questo che Bitrock, consulting company 100% Made in Italy appartenente al Gruppo Fortitude, ha messo...

  • Comau: batterie zero difetti con il progetto BATTwin di Comau

    Comau ha aderito a un’altra importante iniziativa di trasformazione energetica paneuropea, nel campo dell’e-Mobility, questa volta a sostegno del progetto BATTwin. Nell’ambito della sua partecipazione, Comau lavorerà con i partner del progetto per identificare e definire parametri...

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • Dall’Edge al Cloud

    È in pieno sviluppo un progetto europeo per la messa a punto di un meta sistema operativo per gestire il ‘continuum’ dall’IoT al Cloud. Il suo principio di progettazione fa leva sulle capacità sia del Cloud sia...

  • sicurezza AI Axitea
    AI e sicurezza: come prevenire gli infortuni sul lavoro

    Di Marco Bavazzano, Amministratore Delegato di Axitea Ciclicamente, e con dispiacere, ci troviamo a leggere o ascoltare di storie di infortuni sul lavoro che hanno purtroppo spesso un epilogo tragico, con conseguenti bilanci, commenti e iniziative sulle...

  • AI per le intranet: uno strumento che integra e potenzia le capacità umane, senza sostituirle

    Già da tempo l’intelligenza artificiale fa parte della nostra vita quotidiana ed è usata da moltissime aziende, in Italia e nel mondo. Gli algoritmi intelligenti sono capaci di apprendere ed elaborare le informazioni e suggeriscono alle persone...

  • Osservatorio Internet of Things
    Il mercato dell’Internet of Things cresce e sfiora i 9 miliardi di euro

    Non si arresta la corsa del mercato italiano dell’Internet of Things. Nel 2023 ha raggiunto un valore di 8,9 miliardi di euro, +9% rispetto al 2022. Tra i diversi ambiti, la fetta più grande del mercato è...

  • Controllo qualità con la visione artificiale

    Nel mondo delle batterie, la qualità è essenziale. Tuttavia, i produttori si trovano spesso ad affrontare sfide significative nel garantire standard qualitativi elevati. Fortunatamente, le tecnologie Basler stanno rivoluzionando il settore, offrendo soluzioni innovative per superare le...

Scopri le novità scelte per te x