Mascherina naso-bocca lavabile ESD

Pubblicato il 4 maggio 2020

Con il dilagare della pandemia di Covid-19 ci è stato consigliato e poi imposto l’utilizzo delle mascherine protettive, per proteggere i nostri cari e anche noi stessi dai possibili contagi con il virus. Ci siamo abituati a utilizzarle ogni volta quando usciamo a fare la spesa, quando facciamo due passi e in tantissime altre occasioni, sino al punto che a breve diventeranno per tutti come un comune “capo di biancheria intima” che utilizzeremo per lungo tempo.

Con la ripresa delle attività lavorative le mascherine dovranno venire utilizzate anche sui posti di lavoro generando una enorme esigenza della disponibilità di tali sistemi di protezione DPI. Le comuni mascherine, non i dispositivi medici, sono la soluzione più economica disponibile sul mercato che avrà come obiettivo un costo di 0,50 euro, ma tali mascherine sono del tipo usa e getta ed hanno pertanto una durata molto limitata. Dovendo indossare le mascherine anche durante il nostro orario di lavoro, il tessuto con il quale sono fatte assorbirà il nostro alito e le pericolose micro gocce che, parlando, normalmente emettiamo dalla bocca e dal naso.

La domanda d’obbligo è quindi la seguente: quanto mi dura una mascherina? Quante mascherine mi serviranno durante la giornata? Che costi dovrò sostenere nei prossimi mesi? La risposta è abbastanza semplice, almeno una o due mascherine al giorno diventeranno necessarie, il resto è matematica. Per tale motivo nelle ultime settimane sono apparse sul mercato varie soluzioni di mascherine lavabili che sono quindi facilmente riutilizzabili.

Tralasciando i materiali utilizzati nella realizzazione di tali mascherine, stoffe di cotone o tessuti non tessuti, stampaggio della mascherina o cucitura, abbiamo ritenuto che servisse una soluzione innovativa mirata alla soluzione di un aspetto importante legato alla produzione nel mondo dell’elettronica. Fatte queste considerazioni abbiamo quindi pensato a un prodotto specifico dedicato al modo dell’elettronica, un prodotto che potesse venire utilizzato a lungo nel tempo, non usa e getta, potendo venire lavato ed igienizzato anche ogni giorno.
Quando un operatore si reca alla sua postazione di lavoro per la produzione di schede elettroniche, deve rispettare le regole fissate dalla normativa EN61340-5-1. L’operatore sarà pertanto dotato di camice, scarpe, bracciali per la messa a terra della postazione e quant’altro consentirà il pieno rispetto della normativa, ma la mascherina? Le mascherine che troviamo in circolazione non sono dissipative, pertanto all’interno della area EPA non essendo adeguate, non ci devono entrare.

Nella scelta del materiale con il quale realizzare le nostre mascherine abbiamo scelto il tessuto Habetex Micronselect che presenta una elevata densità che impedisce la fuoriuscita delle micro gocce, a differenza del cotone non assorbe l’umidità. Dovendo venire indossato a lungo, offre un peso contenuto, ha una elevata permeabilità al vapore e non rilascia particelle nell’ambiente. Si tratta dello stesso tessuto dissipativo che utilizziamo nella produzione dell’abbigliamento protettivo speciale per le camere bianche, ha una composizione al 98% in poliestere e 2% in fibra di carbonio. Si tratta pertanto di un ottimo tessuto che mantiene inalterate le sue caratteristiche dissipative ESD molto a lungo resistendo anche a tanti lavaggi (dai 50 ai 100). Il risparmio economico e anche ambientale, date le modalità particolari di smaltimento del prodotto usato, diventa quindi evidente.

Detto ciò, Technolasa ha optato per due tipologie di mascherine, la prima presenta due coppie di laccetti da annodare dietro la testa, la seconda ha invece i classici elastici da passare dietro le orecchie. Riteniamo che la prima soluzione sia un poco più scomoda, dovendo venire allacciata, ma negli ambienti caldi o in estate, gli elastici che aderiscono dietro le orecchie, a nostro avviso potrebbero dare origine ad arrossamenti o fastidi.

Raccomandazioni importanti per chi le indossa:
– Le maschere sono intese solo per uso personale, non devono essere condivise e non sono classificate come
prodotti medicali o PPE.
– Le maschere non sono intese, né certificate come equipaggiamento personale di protezione contro polvere,
pulviscolo atmosferico, infezioni o altri agenti tossici o per l’utilizzo in ambiente sanitario.
– Le maschere non sono concepite per essere indossate per periodi prolungati e dovrebbero essere sostituite
con maschere nuove, in particolar modo quando umide o bagnate.
– Si raccomanda di lavare le maschere usate il più presto possibile ed asciugate scrupolosamente, seguendo le
istruzioni. Le maschere devono essere conservate in un ambiente pulito prima di essere riutilizzate (vedi
istruzioni di lavaggio sull’etichetta).



Contenuti correlati

  • Sul Green Pass, Siemens Italia accelera: richiesta per entrare in sede dal 27 settembre

    “Abbiamo deciso di introdurre il Green Pass, anticipando le decisioni che Governo e parti sociali stanno valutando, coerentemente con tutte le misure anti Covid adottate da febbraio 2020, per continuare a garantire la salute e sicurezza sui...

  • 100 mascherine chirurgiche al minuto grazie a Festo

    È oggi fondamentale integrare le fabbriche con l’ingegneria meccatronica, la robotizzazione, sistemi informatici e sensori intelligenti a ogni livello del ciclo produttivo. L’innovazione è infatti la base su cui viene modellato il nostro ‘mondo’, e le fabbriche sono...

  • Platinum level honoree per il computer SEMIL-1748GC di Neousys Technology

    Una giuria di esperti ha attribuito il riconoscimento Platinum level honoree al computer SEMIL-1748GC di Neousys Technology, dotato di una GPU Nvidia Tesla T4 preinstallata. Il prodotto è stato giudicato tra i migliori in occasione dei Military & Aerospace Electronics...

  • Robotica e sostenibilità

    Fra gli ‘effetti collaterali’ del Covid-19 che hanno avuto un maggiore impatto nell’ambito produttivo vi è senz’altro l’accelerazione che la pandemia ha impresso all’adozione di sistemi di automazione, in particolare robotici. Analizzando infatti le tendenze industriali, tutte...

  • I profili più richiesti in Italia

    Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin Leggi l’articolo 

  • Orizzonte ripresa. PMI all’attacco

    La dorsale dell’economia italiana è costituita da una vivace costellazione di aziende medio piccole, le PMI, come anche da piccolissime e micro imprese, le MPI. Il Covid su questa dorsale ha picchiato duro, ma l’orizzonte svela una...

  • Passaporto vaccinale: un’altra opportunità d’oro per i cybercriminali

    Lo sconvolgimento causato dalla pandemia ha toccato ogni aspetto della nostra vita, con un impatto particolarmente più forte sulla nostra capacità di viaggiare. A oggi, dopo oltre un anno dalla prima ondata, l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo...

  • Come il Covid-19 ha accelerato la trasformazione delle aziende in Italia

    L’impatto della pandemia da Covid-19 ha impresso un’accelerazione sulle priorità delle aziende private (1) italiane che si trovano in un percorso di trasformazione non solo sul fronte della digitalizzazione (53%), ma anche per quanto riguarda valori e mission...

  • Un semplice codice a barre insieme allo smartphone per vivere in sicurezza ai tempi del Covid-19

    a cura di Christian Floerkemeier, CTO and Co-founder di Scandit Permettere agli smartphone che noi tutti portiamo in tasca di leggere i codici a barre si sta rivelando un modo semplice e sicuro per espletare una serie...

  • Carenza di materie prime: ‘l’onda lunga’ della pandemia

    È ormai da parecchio che si sente parlare di ‘shortage’, ovvero la carenza di materie prime che il mercato sta attualmente vivendo. Mancano legno, ferro, rame e molti altri elementi necessari per realizzare svariati beni, dai mobili...

Scopri le novità scelte per te x