Mantenere il freddo riducendo i costi

I vantaggi dell’ottimizzazione dei processi dell’impianto di refrigerazione

Pubblicato il 5 settembre 2018

Ci sono molti fattori che possono avere un impatto sul sonno. Per fortuna, nel mondo tecnologico moderno c’è un fattore che possiamo controllare: la temperatura. Per gli impianti di refrigerazione è importante mantenere sempre la temperatura giusta e questo non solo per la produzione. Questo però rappresenta una voce di spesa importante in termini di utilizzo dei dispositivi.

Ricerche scientifiche hanno evidenziato che la temperatura può influire sulla qualità del nostro sonno; gli esperti sottolineano che la temperatura della camera da letto deve essere mantenuta tra i 18 e i 22 °C. Lo stesso discorso vale per gli impianti di refrigerazione che devono mantenere una temperatura specifica per la produzione e lo stoccaggio delle merci in modo da garantirne sempre la qualità.

Il mancato mantenimento delle condizioni di temperatura per un alimento ha un impatto diretto sul prodotto che potrebbe diventare tossico per i consumatori. Per esempio, nell’industria della lavorazione della carne, il raffreddamento inadeguato della carne cotta o il mancato mantenimento della catena del freddo può causare la proliferazione microbiologica e quindi rendere il prodotto non più idoneo e sicuro per il consumo.
Per garantire il rispetto dei regolamento in materia di sicurezza alimentare e ridurre gli scarti negli impianti di lavorazione degli alimenti, per i manager responsabili è importante eliminare qualsiasi rischio legato alla contaminazione batterica. Per gli impianti di refrigerazione, la capacità di garantire un raffreddamento efficiente non è solo importante ma è soprattutto un’aspettativa.

Il problema dell’energia nell’industria
Gli impianti di refrigerazione rappresentano i principali consumatori di energia perché devono funzionare tutto l’anno per garantire le condizioni necessarie di immagazzinamento richieste dalla produzione. La mia esperienza in ABB mi permette di affermare che i processi di refrigerazione sono responsabili per il 40-50% dei consumi energetici degli impianti. Attualmente, questo settore industriale consuma il 54% dell’energia totale fornita a livello mondiale. Si tratta di una quantità di energia superiore a qualsiasi altro settore. Possiamo ridurre i costi di produzione anche attraverso il taglio dei consumi energetici degli impianti di refrigerazione. Per questo motivo per molti impianti questa deve essere una priorità assoluta.
Attraverso la riduzione dei consumi energetici e il miglioramento dell’efficienza si prolunga anche la vita di servizio della apparecchiature. In questo modo si riducono i tempi di inattività e le interruzioni non programmate della produzione e i produttori possono garantire il funzionamento continuo dei loro impianti di refrigerazione.
In ABB siamo convinti che per ottimizzare il consumo energetico dell’impianto di refrigerazione bisogna prima eseguire un’analisi completa dello stabilimento. Quest’analisi deve comprende i dettagli relativi alle attuali condizioni di funzionamento dell’impianto e la raccolta dei dati di misurazione e rendimento. Queste informazioni possono essere analizzate per migliorare il rendimento generale e il consumo energetico dell’impianto di refrigerazione. Prima di tutto è importante assicurare che gli impianti raffreddino alla temperatura desiderata e che non superino questi valori. Si stima che per ogni grado centigrado risparmiato, il consumo energetico si riduce del 2%. 

Il sovraccarico dei componenti meccanici, per esempio il compressore, rappresenta una delle cause più comuni per gli inconvenienti ai sistemi di controllo della temperatura. Normalmente il problema è da addebitare al valore troppo basso della temperatura massima del sistema di raffreddamento del processo.
Alla fine dell’analisi energetica cerchiamo di individuare come e dove possiamo risparmiare energia. Grazie agli azionamenti a velocità variabile (VSD), ai motori ad alta efficienza come i motori a riluttanza sincrona, ai pacchetti azionamento sulle pompe di distribuzione e ai compressori di ABB è possibile ridurre il consumo energetico in modo efficiente. Un’altra area sono i sistemi di controllo e i compressori. Anche le torri di raffreddamento rappresentano un settore importante, perché utilizzando i motori ad azionamento diretto e i VSD al posto degli azionamenti con albero&riduttore tradizionale non solo è possibile ridurre il consumo energetico, ma anche gli interventi di manutenzione e le emissioni di rumore.

Tutti noi durante la nostra vita abbiamo un momento in cui ci sentiamo esausti. Si tratta di una situazione non positiva per la nostra salute e siamo responsabili per prendere le misure adeguate per migliorare la qualità del nostro sonno. Per l’industria alimentare la qualità degli alimenti prodotta è importante e quindi bisogna stare molto attenti. Prendendo tutte le misure adeguate per ottimizzare i processi degli impianti di refrigerazione, i manager non solo riducono le emissioni di ossido di carbonio e i costi, ma permettono anche di avere una temperatura adeguata in tutto lo stabilimento e quindi di ridurre gli scarti di prodotto.



Contenuti correlati

  • Controlli tradizionali e machine learning per l’efficienza energetica negli edifici

    L’efficienza energetica negli edifici è un argomento di cui, giustamente, si sente parlare da molto tempo, rappresentando un elemento fondamentale per la decarbonizzazione, che necessariamente passa attraverso l’uso più razionale delle risorse energetiche… Leggi l’articolo

  • Piano Transizione 5.0: l’Italia segue la strada indicata dall’Europa

    Piano Transizione 5.0 e il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) sono strettamente collegati, in quanto mirano entrambi a promuovere la transizione verso un’economia sostenibile e digitale in Italia, stimolando l’innovazione e la crescita grazie ai...

  • Emerson e CoreTigo insieme migliorano la sostenibilità

    La collaborazione tra Emerson e CoreTigo ha permesso ad alcuni clienti di affrontare le sfide della gestione dell’aria compressa nei macchinari, riducendo gli sprechi energetici e le emissioni di CO2, e migliorando l’efficienza dei processi operativi e...

  • Acqua ed energia al sicuro

    Un’azienda svedese di servizi pubblici per l’energia e l’acqua ha deciso di migliorare sia la sicurezza sia l’affidabilità attraverso l’integrazione IT/OT e per farlo ha scelto Fortinet Falu Energi & Vatten (Energia & Acqua) è un’azienda municipalizzata...

  • Il rifiuto come risorsa

    Un progetto renderà l’azienda molisana RES la più innovativa d’Italia per recupero rifiuti e produzione di energia Siamo in Molise, nella provincia di Isernia, forse ancora la meno popolosa d’Italia, in un territorio in cui sono predominanti...

  • Refrigeranti A3 ABB
    ABB, conformità con i gas refrigeranti A2L e A3

    Nel mondo della produzione di unità HVACR, la sicurezza è sempre al primo posto, soprattutto quando si tratta di refrigeranti di categoria A2L e A3, dove i rischi sono elevati e di varia natura. Per garantire la...

  • A SPS Italia 2024: soluzioni Panasonic per packaging, alimentare e lavorazione metallo

    Il pacchetto motion di Panasonic viene utilizzato con successo dagli OEM di diversi settori industriali che richiedono profili di movimento complessi. Come ad esempio nel settore alimentare, per la realizzazione di un’affettatrice automatica da 22 assi, migliorandone la precisione di taglio,...

  • C-Energy: ottimizzare l’efficienza energetica in fabbrica

    Marposs presenta C-Energy, un modulo software innovativo che trasforma il monitoraggio energetico in un sistema di gestione completo per qualsiasi stabilimento industriale. Comprendere e ottimizzare i consumi In un contesto di prezzi energetici elevati e di crescente...

  • Migliorare la distribuzione di energia

    Grazie all’applicazione del sistema di automazione Proficy di GE Digital, il distributore di energia Getec Park.Swiss è stato in grado di modernizzare e migliorare la gestione dei suoi parchi serbatoi Getec Park.Swiss gestisce una vasta rete di...

  • Seneca presenta un webinar su Industria 5.0 e Transizione 5.0

    La domanda nasce spontanea: come nasce  e perché se ne parla dal momento che Industria 4.0 non è ancora del tutto implementata? In effetti questa è un’obiezione piuttosto comune. Non dobbiamo guardare a Industria 5.0 come a...

Scopri le novità scelte per te x