ll digitale in Italia non è (ancora) un lavoro per donne: siamo tra gli ultimi in Europa

Pubblicato il 10 maggio 2022
Girls in ICT gender gap

Il 28 aprile si celebra il Girls in ICT Day, giornata mondiale promossa delle Nazioni Unite per sensibilizzare sul tema del gender gap lavorativo tra uomini e donne nei settori tecnologici.

Un divario tutt’oggi considerevole che non accenna a diminuire nel corso degli anni: secondo gli ultimi dati Eurostat l’Italia è quintultima per percentuale di donne impiegate nei settori ICT con il 16% e solo Polonia (15%), Ungheria (12%), Malta (11%) e Repubblica Ceca (10%) fanno peggio. Al contrario di quanto si possa pensare i paesi più virtuosi in questa speciale classifica sono Bulgaria (28%), Grecia (26%) e Romania (sempre 26%): Francia e Spagna si attestano poco sopra la media europea (19%) con il 20% mentre la Germania non arriva al 18%.

Ma non è tutto perché a questo s’aggiunge un rilevante gender pay gap: secondo il Women in Digital Scoreboard 2021 divulgato dalla Commissione Europea, in Italia, a parità di mansione, un uomo guadagna il 16% in più di una donna. Non sono tanto migliori le percentuali in Europa: come accennato solo il 19% degli specialisti che lavorano nell’ICT sono donne e circa un terzo dei laureati nelle discipline STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) sono ragazze. In Europa il gender pay gap raggiunge addirittura il 19% e, secondo un calcolo effettuato dal network internazionale WomenTech, ci vorrebbero quasi 134 anni per arrivare ad una situazione di parità di trattamento economico.

Numeri che tracciano uno scenario ormai cristallizzato da troppi anni e che coinvolge anche le Big Tech d’oltreoceano anche se con numeri leggermente migliori: secondo una recente indagine della società di ricerca Statista elaborata su dati 2021 provenienti dalle aziende, la percentuale di donne impiegate nei ruoli tecnici all’interno di Facebook, Apple, Google e Microsoft è compresa tra il 23 e il 25%.

Anche in Italia alcune realtà stanno provando ad invertire la rotta del gender gap. Una di queste è Primeur Group, multinazionale italiana che offre servizi di data integration che nel suo piano di crescita aziendale si sforza da tempo di attrarre anche talentuose professioniste: “Dal 2021 abbiamo assunto più di 50 profili e il 40% sono donne – illustra Maria Letizia Manfredi, HR Director di Primeur Group – Attualmente abbiamo impiegate circa 200 persone e l’obiettivo che ci poniamo mentre continuiamo a crescere è quello di ridurre il gender gap diventando un esempio per il settore ICT. Sappiamo che la strada è lunga ma la base di partenza è buona visto che attualmente circa un terzo della forza lavoro è rappresentato da donne: il doppio della media italiana”.

Questa situazione deve essere anche inquadrata in un periodo storico ribattezzato dall’Unione Europea “Decennio Digitale”: entro il 2030, infatti, si dovrebbero raggiungere i 20 milioni di lavoratori all’interno del settore ICT ma attualmente non si è arrivati nemmeno alla metà di quella cifra. Le aziende stanno affrontando due problematiche: da una parte il ritardo nella digitalizzazione dei processi aziendali e, dall’altra, la difficoltà a reperire profili altamente specializzati negli ambiti professionali che stanno emergendo come Data Science, Cloud Computing, Intelligenza Artificiale.

“Essendo Primeur una multinazionale e lavorando anche con clienti esteri per noi è molto importante avere team quanto più possibili multidisciplinari e trasversali dove possiamo valorizzare al meglio donne e uomini con background differenti – spiega sempre Maria Letizia Manfredi – Questi gruppi di lavoro sono in grado di generare idee e soluzioni che possono adattarsi alle diverse esigenze del mercato, presupposto che porta enorme valore aggiunto nel lavoro con i nostri clienti”.

Un valore che non sembra essere percepito anche quando si parla di carriera lavorativa. Secondo uno studio di McKinsey dal titolo “Repairing the broken rung on the career ladder for women in technical roles”, solo 52 donne vengono promosse a manager ogni 100 uomini per quanto riguarda i ruoli tecnici, mentre la forbice del gender gap diminuisce se si prendono in considerazione tutti i settori visto che si arriva ad avere 86 donne promosse ogni 100 uomini. Un recente sondaggio della società di ricerca New View Strategies, che ha intervistato oltre 1000 donne impiegate in profili tecnici di aziende ICT, ha mostrato che la principale sfida che devono affrontare le donne è proprio la mancanza di opportunità di fare carriera (52%), seguita dalla mancanza di modelli di ruoli femminili da seguire (48%). Tutte queste difficoltà portano a un’inevitabile conseguenza: il 38% sta pensando di lasciare il lavoro entro i prossimi due anni.

“All’interno di Primeur ci impegniamo a promuovere un ambiente di lavoro inclusivo, rispettoso, equo in grado di garantire le stesse opportunità a tutti e tutte, non solo in fase di selezione ma anche durante tutto il percorso di carriera” – conclude Maria Letizia Manfredi – Sappiamo che la strada è ancora lunga ma vogliamo abbattere le tante barriere lavorative e i molti stereotipi culturali che circondano questo settore”.



Contenuti correlati

  • Italia in ritardo rispetto ad altre nazioni europee in termini di digitalizzazione

    Il 19° posto tra gli Stati dell’Unione Europea  nel rapporto Digital Economy and Society Index (DESI) del 2022 mostra la realtà della posizione digitale dell’Italia rispetto ai suoi omologhi europei: trainata da Finlandia, Danimarca ed Estonia, le...

  • Cerchi lavoro? Prova quest’app!

    Nei suoi 12 anni di lavoro è stato più volte selezionato da vari responsabili del personale e ora che è lui a dover scegliere il suo team ha pensato di realizzare un’app intelligente che mette in contatto...

  • Ricerca Schneider Electric: la digitalizzazione crea nuovi lavori di area tecnologica nell’industria

    Una ricerca di Schneider Electric ha rivelato che quasi la metà delle aziende industriali (il 45%) ritiene che nei prossimi tre anni la digitalizzazione sarà lo stimolo principale per la creazione di nuovi profili professionali nell’ambito delle...

  • Digitalizzazione e sostenibilità

    Parliamo di fonderie di alluminio che operano nel settore automobilistico producendo parti per il motore endotermico. La start up innovativa di questo mese è High Performance Die Casting, e sua fondatrice e CEO è Tiziana Tronci, membro...

  • Il packaging è smart

    Multivac ha deciso di adottare soluzioni per rendere le reti IIoT semplici e flessibili, così da sviluppare servizi orientati al cliente e ottenere una maggiore disponibilità delle macchine affidandosi alla tecnologia netField Multivac Sepp Haggenmüller SE &...

  • Digitalizzare il frantoio

    Manutenzione e gestione del frantoio smart in oleifici Barbera grazie all’impiego di EcoStruxure di Schneider Electric Quando si pensa alle eccellenze agroalimentari italiane, la produzione di olio d’oliva non può mancare. È un settore molto frammentato, che...

  • La convergenza IT/OT

    La convergenza tra Information Technology e Operational Technology è un percorso di trasformazione in continua evoluzione. Esaminiamo qui i driver chiave, le sfide e le prospettive future di tale convergenza nel panorama delle ‘fabbriche intelligenti’ La convergenza...

  • Un data space unico e coerente per i costruttori di quadri elettrici

    Come definire il successo nell’industria manifatturiera? Per lungo tempo il successo di un’azienda è stato decretato dalla sua capacità di fornire il prodotto migliore attraverso processi caratterizzati da un alto livello di efficienza economica. Oggi questo non...

  • Econo-Pak
    Macchine incartonatrici Econo-Pak più efficienti, produttive e sicure con Rockwell

    Econo-Pak è un’importante azienda che produce macchine incartonatrici, con oltre 35 anni di esperienza nel settore. Con sede vicino a Francoforte, in Germania, ha mantenuto le caratteristiche di un’azienda a conduzione familiare ed è in grado di...

  • La pianificazione integrata: arma segreta delle filiere contro la crisi

    Forse oggi, dopo i difficili anni del Covid, la recessione non è più così vicina, ma i margini aziendali continuano a essere sotto pressione. La crisi energetica scaturita dalla guerra in Ucraina ha fatto schizzare i costi di produzione...

Scopri le novità scelte per te x