L’Internet del Futuro nella visione di Cisco

Pubblicato il 16 dicembre 2019
Cisco Internet of the Future

Cisco ha svelato i dettagli della propria strategia volta alla creazione di una nuova internet – in grado di spingere l’innovazione digitale oltre i limiti economici, prestazionali e di consumo energetico dell’infrastruttura attuale. Un approccio a lungo termine che definisce l’Internet del futuro. La strategia di Cisco da subito offre innovazioni tecnologiche per aprire la strada agli sviluppatori di tutto il mondo che potranno creare applicazioni e servizi fino ad oggi solo immaginati.

Cisco presenta le sue più recenti innovazioni, tra cui Cisco Silicon One, un’architettura di componenti in silicio unica nel suo genere, la nuova serie Cisco 8000, la più potente gamma di router “carrier class” creata con il nuovo chip, e nuove opzioni di acquisto che consentono ai clienti di usufruire della tecnologia Cisco attraverso modelli di business e di consumo diversificati.

“L’innovazione richiede investimenti mirati, il team giusto e una cultura che valorizza l’immaginazione”, ha dichiarato Chuck Robbins, Presidente e CEO di Cisco. “Ci stiamo dedicando alla trasformazione del settore per costruire una nuova Internet per l’era 5G. Le nostre ultime soluzioni in silicio, in componenti ottici e software rappresentano l’innovazione costante che forniamo ai nostri clienti per stare al passo con i tempi e per creare nuove esperienze innovative per i loro clienti e utenti finali per i decenni a venire”.

Nel corso del prossimo decennio, verranno create esperienze digitali con tecnologie avanzate – realtà virtuale e aumentata, streaming 16K, AI, 5G, 10G, quantum computing, cybersecurity adattiva e predittiva, IOT intelligente e altre non ancora inventate. Queste future generazioni di applicazioni porteranno complessità al di là delle capacità che l’attuale infrastruttura internet può supportare.

Negli ultimi cinque anni, Cisco ha perseguito una strategia di sviluppo tecnologico volta alla creazione dell’internet di cui i clienti avranno bisogno per il futuro e per il successo della loro attività in un mondo digitale avanzato. Concepita con l’obiettivo di risolvere i problemi che emergeranno quando la trasformazione digitale sarà tale da rendere inadeguata l’infrastruttura attuale, questa strategia condurrà alla prossima generazione di infrastrutture internet che combina la nuova architettura in silicio di Cisco con le sue soluzioni ottiche di prossima generazione. La strategia Cisco cambierà il modo in cui internet sarà realizzata per supportare le esigenze delle future applicazioni digitali e permetterà ai clienti di operare con reti più semplici, automatizzate ed economiche.

La strategia Cisco si basa sullo sviluppo e investimenti in tre aree tecnologiche: componenti in silicio, componenti ottici e software.

“Spingere i confini dell’innovazione al livello successivo – ben oltre quello che sperimentiamo oggi – è fondamentale per il futuro e crediamo che il silicio, l’ottica e il software siano le leve tecnologiche che ci consentiranno di raggiungere questo risultato”, ha dichiarato David Goeckeler, Executive Vice President e General Manager del Networking and Security Business di Cisco. “La strategia tecnologica di Cisco non riguarda la prossima generazione di una singola area di prodotto. Abbiamo trascorso gli ultimi anni investendo in intere categorie tecnologiche indipendenti che crediamo convergeranno in futuro – e che ci permetteranno di risolvere i problemi più difficili, quelli che rischiano di intaccare il progresso dell’innovazione digitale. Questa strategia sta concretizzando il progetto di sviluppo più ambizioso che Cisco abbia mai realizzato”

Cisco Silicon One sarà la base del portafoglio di routing di Cisco, con prestazioni a breve termine fino a 25 Terabit al secondo (Tbps). Si tratta del primo chip di rete del settore progettato per essere universalmente adattabile a tutti i Service Providers ed ai Web Scalers. Progettato sia per piattaforme fisse che modulari, è in grado di gestire i requisiti più impegnativi in una modalità del tutto nuova. Il primo modello è Cisco Silicon One ‘Q100’, che supera la soglia del routing a 10 Tbps in termini di larghezza di banda senza sacrificare la programmabilità, il buffering, l’efficienza energetica, la scalabilità o la flessibilità delle funzioni.

Solitamente, in una rete o anche all’interno di un unico apparato vengono utilizzati più tipi di chip con capacità diverse. Lo sviluppo di nuove funzionalità e i test possono essere lunghi e costosi. Un chip unificato e programmabile consentirà agli operatori di rete di ridurre notevolmente i costi operativi e il time-to-market per i nuovi servizi.

“Non vediamo l’ora di lavorare con Cisco nell’ambito dei chip per il routing high-end, collaborando con l’obiettivo di soddisfare la prossima generazione di rete in termini di velocità più elevate e maggiore capacità,” ha commentato Amin Vahdat, Fellow e vicepresidente di Systems Infrastructure, Google Cloud.

“Facebook è stato un grande sostenitore della disaggregazione della rete e degli ecosistemi aperti, lanciando importanti iniziative come l’Open Compute Project e il Telecom Infrastructure Project per trasformare il settore del networking”, ha dichiarato Najam Ahmad, Vice Presidente, Network Engineering di Facebook. “La nuova architettura Silicon One di Cisco è in linea con questa visione, e siamo convinti che tale modello offra agli operatori di rete diverse opzioni flessibili attraverso un approccio disaggregato”.

“Cisco sta rivoluzionando le economie di scala di Internet, innovando attraverso hardware, software, ottica e silicio per aiutare i clienti a gestire al meglio i costi operativi per operare su larga scala nella prossima fase di Internet”, ha dichiarato Ray Mota, CEO e Principal Analyst di ACG Research. “Siamo ormai prossimi al 2020 e la tempestività nel realizzare efficienza operativa sarà di vitale importanza”.

La serie Cisco 8000 è la prima piattaforma creata con Cisco Silicon One Q100 e progettata per aiutare i fornitori di servizi e le aziende web-scale a ridurre i costi di realizzazione e gestione di reti di ampia portata per l’era del 5G, dell’AI e dell’IOT. È ottimizzato per interfacce a 400 Gbps e superiori, con capacità a partire da 10,8 Tbps in una sola Rack Unit. Potenziato dal nuovo sistema operativo di rete Cisco IOS XR7 cloud-enabled, progettato per semplificare le operations e ridurre i costi operativi. Offre una maggiore cybersecurity con tecnologia “Trustworthy” altamente affidabile ed integrata per una visibilità in tempo reale dei livelli di affidabilità nell’infrastruttura critica. I service provider ottengono una maggiore scalabilità e programmabilità della larghezza di banda per fornire Tbps anche nelle aree di rete coi maggiori vincoli di potenza elettrica ed ingombri

Cisco sta collaborando con un gruppo di clienti su trial della Serie Cisco 8000. Saudi Telecom (STC), il principale fornitore di servizi di telecomunicazione in Medio Oriente e Nord Africa, è il primo cliente ad aver adottato questa nuova tecnologia. Sono inoltre in corso delle trial con Comcast e NTTCom.

La creazione di una nuova internet in grado di supportare la futura innovazione digitale, dipenderà dai continui progressi nelle tecnologie ottiche e del silicio. Cisco è unica nel settore con proprietà intellettuali all’avanguardia in entrambe le aree.

Con l’aumento delle velocità per porta da 100G a 400G e oltre, la tecnologia ottica diventa una parte sempre più consistente dei costi di realizzazione e gestione dell’infrastruttura internet. Cisco sta investendo in modo organico per garantire ai clienti che – a fronte dell’incremento delle velocità per porta di router e switch – vengano progettate tecnologie ottiche che soddisfino i rigorosi standard di affidabilità e qualità.

Attraverso il proprio programma di qualificazione, Cisco renderà le sue ottiche pienamente conformi agli standard del settore e operative in host Cisco e non-Cisco. Con questo programma, i clienti possono utilizzare le soluzioni ottiche Cisco host non-Cisco con la certezza che tali soluzioni soddisfino gli standard di affidabilità e qualità che ci si aspetta da Cisco.

Inoltre, con il progredire del silicio e della fotonica integrata nel silicio, le funzionalità che solitamente venivano distribuite in soluzioni separate basate su chassis saranno presto disponibili in modalità “pluggable”. Questa transizione presenta potenziali vantaggi per gli operatori di rete in termini di semplicità operativa.  Cisco sta investendo in tecnologie fotoniche integrate nel silicio per effettuare transizioni architetturali nelle reti di data center e di service provider, per ridurre i costi, i consumi energetici e lo spazio e semplificare le attività di rete.

Cisco ha inoltre annunciato l’intenzione di offrire modelli di consumo flessibili in primis per il portafoglio Cisco Optics, seguito dalla disaggregazione del software Cisco IOS-XR e includendo Cisco Silicon One. Questo nuovo modello è altamente adattabile e offre ai clienti la scelta di componenti, white box o sistemi integrati per la creazione delle loro reti. Questo approccio corrisponde alla natura evolutiva degli operatori che selezionano elementi tecnologici disaggregati o aggregati per il loro buildout e crea nuove economie di Internet per fornire un valore commerciale significativo.



Contenuti correlati

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS, focalizzandoci sull’automazione dei sistemi di monitoraggio e sull’uso dell’intelligenza artificiale Le infrastrutture operative (OT), i sistemi di controllo industriale (ICS)...

  • È importante mettere in sicurezza un sistema embedded?

    Cercheremo di illustrare alcuni potenziali vettori di attacco, i metodi che potrebbero essere impiegati dagli hacker per compromettere un dispositivo IoT/IIoT, i metodi di cifratura asimmetrica e simmetrica e le tecniche di hashing Da quando i primi sistemi...

  • Rfid Global ad A&T 2024: acquisire il dato con l’Rfid per abilitare l’IoT

    Rfid Global, il distributore a valore aggiunto di sistemi Rfid, NFC e Bluetooth Low Energy, sarà presente alla fiera A&T di Torino, l’evento dedicato alle tecnologie per l’industria (produzione e logistica) in scena al Lingotto dal 14 al...

  • RS Italia Ares
    Processi più efficienti e digitali per Ares grazie a RS Italia

    Ares, storica azienda italiana dell’illuminazione architetturale per esterni, ha scelto le soluzioni RS PurchasingManager e RS VendStock di RS Italia per semplificare il processo di acquisto e garantire la disponibilità dei DPI a supporto degli operatori. Fondata...

  • GenAI, servizi digitali e cloud al centro della partnership fra Vodafone e Microsoft

    Vodafone e Microsoft hanno annunciato una partnership strategica decennale per offrire piattaforme digitali su scala a oltre 300 milioni di aziende, organizzazioni del settore pubblico e consumatori in Europa e Africa. La collaborazione punta a trasformare la...

  • Seco rinforza la sua capacità produttiva in Cina con l’inaugurazione di un nuovo stabilimento

    Venerdì 12 gennaio, SECO ha tenuto l’evento ufficiale di inaugurazione della nuova sede della filiale in Cina, che ha coinvolto oltre 350 partecipanti, tra cui membri della dirigenza aziendale, rappresentanti del Governo cinese, clienti chiave e partner...

  • Analisi dei dati grazie al cloud IoT: ecco come Storm Reply supporta il Gruppo Eurogate

    Storm Reply, società specializzata in servizi di cloud computing, ha realizzato una soluzione cloud IoT per Eurogate, rinomata azienda di terminal container, per raccogliere e analizzare in cloud i dati operativi provenienti da macchinari e sistemi. Eurogate,...

  • Ricerca_Intelligenza_Artificiale_Cisco_2023
    Intelligenza Artificiale, le aziende italiane non sono ancora pronte

    In Italia solo una piccolissima percentuale (8%) delle aziende è del tutto pronta a implementare e sfruttare le tecnologie basate sull’Intelligenza Artificiale, mentre il 3% è del tutto impreparata. Il 63% rientra invece nella categoria delle aziende...

  • Machinery Regulation (EU) 2023/1230 e nuove norme per la sicurezza funzionale

    In ambito sicurezza ci sono alcune novità di recente introduzione. Mentre si avvicina l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Macchine, anche le norme armonizzate ISO 13849 e IEC 62061, relative alla sicurezza funzionale nel mondo delle macchine,...

Scopri le novità scelte per te x

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha...

  • Regole per una cybersecurity OT

    Esploriamo le strategie emergenti e le tendenze nel campo della sicurezza delle infrastrutture OT, Scada e ICS,...