L’innovazione è andata in scena a SPS Italia 2022

Pubblicato il 31 maggio 2022

La seconda giornata di SPS Italia 2022, svoltasi a Parma dal 24 al 26 maggio, ha ospitato la tavola rotonda, incentrata sul tema dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, organizzata da MADE Competence Center Industria 4.0. Il Centro di Competenza, guidato da Marco Taisch, ha portato la testimonianza di tre aziende che hanno portato a termine progetti d’innovazione sviluppati in collaborazione con la struttura.

Moderata da Filippo Astone, direttore di Industria Italiana, la tavola rotonda è stata aperta da Filippo Boschi, responsabile dei progetti di MADE, che ha così esordito: “Oggi portiamo tre progetti a testimonianza di come MADE Competence Center sia in grado di sostenere l’innovazione, interfacciandosi con aziende tra loro diverse per dimensioni e tipologia di settore. Non a caso sono qui presenti realtà che rappresentano uno spaccato dell’industria nazionale composta da piccole, medie e grandi imprese, per le quali abbiamo strutturato percorsi differenti disegnati sulle singole esigenze”.

Francesca Capodagli, Responsabile Pianificazione Strategica presso Valmex SpA, Riccardo Gregotti, Production Engineering Manager presso TDK Foil Italy e Mauro Viscardi, Responsabile Special Projects and Innovation presso Cosberg SpA, hanno quindi condiviso con i partecipanti le loro esperienze.

“TDK è una azienda giapponese presente anche in Italia con uno stabilimento produttivo fin dal 1955. Siamo una industria di processo, un ambito dove le macchine rappresentano asset strategici”esordisce Riccardo Gregotti. “Per mantenere l’efficienza dei processi sempre al massimo è necessario estrarre e analizzare i dati prodotti dalle macchine e per fare ciò abbiamo individuato una soluzione che ci permette di monitorare oltre 22mila tag, ovvero variabili di processo. Il supporto di MADE è stato fondamentale non solo per l’impostazione del progetto, ma anche per comprendere come riuscire a trasformare tutti questi dati in vere informazioni di valore”. Prosegue Gregotti: “Abbiamo deciso di rivolgerci a MADE e non a una società di consulenza perché eravamo certi di trovare un supporto a 360 gradi, anche con la possibilità di toccare con mano le applicazioni messe a disposizione dai partner, leader nelle tecnologie più innovative. Il MADE, con il suo network di aziende e competenze, è in grado di individuare le aree di miglioramento, di costruire i progetti in funzione degli obiettivi e di seguire la loro implementazione”.

“Siamo una PMI bergamasca, che realizza soluzioni personalizzate”, afferma Mauro Viscardi, che descrive una realtà diversa. “Non siamo in grado concretizzare tutte le nostre idee perché ci mancano le competenze per sviluppare i processi di innovazione complessi. In MADE abbiamo trovato un partner che ci ha messo a disposizione le tecnologie necessarie e che ha giocato per noi un ruolo strategico nel progetto di innovazione. Il nostro obiettivo era quello di ridurre i down-time delle macchine e, grazie al supporto di MADE, lo abbiamo centrato. Attraverso il Competence Center – conclude Viscardi – siamo entrati in un ecosistema che ci ha permesso di fruire di una serie di competenze specifiche e di stabilire relazioni con partner industriali che da soli non avremmo potuto trovare altrove: una consulenza industriale a tutto tondo”.

Come ultimo intervento, la testimonianza di Francesca Capodagli di Valmex SpA che, ubicata in provincia di Pesaro Urbino, è tra i maggiori produttori mondiali di scambiatori per caldaie domestiche murali a gas e per l’industria della refrigerazione. “Siamo quella che si può definire una Mid Cap – afferma Capodagli – con 350 dipendenti e 100 milioni di euro di fatturato. Siamo orgogliosamente i fornitori di tutti i più grandi produttori di caldaie. La necessità di innovare è sempre stata motivata dal bisogno e non abbiamo mai considerato l’innovazione da un punto di vista strategico. Questa è la rivoluzione che MADE ha portato, aprendoci la strada verso questo nuovo tipo di approccio. Nella fase di assesment sono stati individuati sei progetti, che sono stati successivamente identificati ciascuno con una priorità differente. Al momento abbiamo concluso due progetti e da poche settimane abbiamo avviato il terzo, il tutto con grande soddisfazione”.

“Ogni volta che riusciamo a portare l’innovazione nelle aziende italiane riteniamo di aver centrato la missione del MADE”, conclude Filippo Boschi, “che è quella di far crescere le aziende italiane sotto ogni punto di vista: processi, tecnologie, organizzazione, formazione. Il tutto per renderle il più competitive possibile, senza trascurare gli aspetti della sostenibilità. Non dimentichiamo infatti le tematiche di twin transitions, che vedono l’innovazione tecnologica sempre più legata a quella ecologica, un aspetto sul quale oggi è impossibile non fare delle riflessioni”.

 

MADE è uno degli otto competence center distribuiti sul territorio nazionale con competenze specifiche su progetti di innovazione tecnologica in ambito di Industria 4.0. Dispone di un demo-center di 2.500 mq inserito nel campus Bovisa del Politecnico di Milano, che consente di rispondere anche in modo pratico alle esigenze delle aziende, strutturando il percorso di trasformazione digitale su tre fasi: orientamento, formazione e trasferimento tecnologico. Le stesse che hanno caratterizzato i progetti di innovazione presentati durante la tavola rotonda che si è tenuta nel corso di SPS Italia.



Contenuti correlati

  • Cybersecurity per l’OT nel 2023: è tempo di passare ai fatti

    Ormai è universalmente noto che le operations che non sono in grado di sostenere tempi prolungati di inattività fisica, come le infrastrutture critiche, l’industria produttiva o le strutture iperconnesse, rappresentano bersagli particolarmente redditizi per i criminali informatici....

  • Le parole chiave per il 2023: Metaverso Industriale, AR/MR, AI e lavoro ibrido sono i trending topic secondo TeamViewer

    Prediction #1: Metaverso Industriale La digitalizzazione del lavoro è stato un tema centrale negli ultimi decenni, ma la digitalizzazione dei processi dei lavoratori cosiddetti frontline (o in prima linea), che si stima costituiscano circa l’80% della forza...

  • L’innovativo gateway AS-Interface 3

    L’interfaccia AS-i si è affermata da tempo come soluzione semplice ed economica per l’integrazione di sensori e attuatori sul campo. Ma da quasi 20 anni non sono state apportate modifiche a uno dei componenti più importanti del...

  • Il nuovo sensore di visione 3D per bracci robotici di Omron

    I sensori FH-SMD di Omron possono essere montati su un robot per riconoscere le parti (sfuse) posizionate in modo casuale in tre dimensioni, offrendo assemblaggio con ingombro ridotto e operazioni di ispezione e pick & place difficili...

  • RFID o bar code?

    Ricordate quasi 20 anni fa? Quando c’era un’atmosfera positiva e la tecnologia RFID stava vivendo un boom? L’RFID (Radio Frequency Identification) non è una tecnologia nuova. La fisica che ne è alla base è stata sviluppata all’inizio...

  • Da Softing una soluzione per l’integrazione dei dati CNC Fanuc nel Siemens Industrial Edge

    I prodotti software basati su Docker della famiglia edgePlug di Softing collegano i controller alle applicazioni del Siemens Industrial Edge, una piattaforma di edge computing aperta e direttamente implementabile. Il nuovo edgePlug Fanuc CNC può essere utilizzato per...

  • La nuova piattaforma Manufacturing Excellence di Honeywell

    Honeywell presenta la piattaforma Manufacturing Excellence, che fornisce una visualizzazione della produzione end-to-end in tempo reale e dashboard per molteplici utenti, dagli operatori al management, linee temporali delle unità di processo, status dettagliati delle apparecchiature e trend...

  • Automazione green sul tetto d’Europa con Planet Farms e Siemens

    Grande attenzione viene ancora oggi riservata a una storia italiana sui generis, una pietra miliare per la nostra industria, un caso applicativo in grado di ottenere una eco anche oltre confine. Occorre però fare un passo indietro,...

  • Zerynth parteciperà al programma sull’Industria 4.0 ospitato da SAP.iO Foundry Munich

    Zerinth che supporta le aziende nella digitalizzazione dei processi produttivi e nello sviluppo di prodotti industriali connessi, è stata selezionata tra le 11 startup che entrano a far parte del programma sull’Industry 4.0 ospitato da SAP.iO Foundry Munich. La selezione...

  • Risultati positivi per la 33a Bi-Mu

    Si è chiusa sabato 15 ottobre la trentatreesima edizione di Bi-Mu, biennale della macchina utensile, robotica, automazione, digital e additive manufacturing, in scena a fieramilano Rho. Promossa da Ucimu-Sistemi per produrre e organizzata da Efim-Ente Fiere Italiane...

Scopri le novità scelte per te x