L’innovazione è andata in scena a SPS Italia 2022

Pubblicato il 31 maggio 2022

La seconda giornata di SPS Italia 2022, svoltasi a Parma dal 24 al 26 maggio, ha ospitato la tavola rotonda, incentrata sul tema dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, organizzata da MADE Competence Center Industria 4.0. Il Centro di Competenza, guidato da Marco Taisch, ha portato la testimonianza di tre aziende che hanno portato a termine progetti d’innovazione sviluppati in collaborazione con la struttura.

Moderata da Filippo Astone, direttore di Industria Italiana, la tavola rotonda è stata aperta da Filippo Boschi, responsabile dei progetti di MADE, che ha così esordito: “Oggi portiamo tre progetti a testimonianza di come MADE Competence Center sia in grado di sostenere l’innovazione, interfacciandosi con aziende tra loro diverse per dimensioni e tipologia di settore. Non a caso sono qui presenti realtà che rappresentano uno spaccato dell’industria nazionale composta da piccole, medie e grandi imprese, per le quali abbiamo strutturato percorsi differenti disegnati sulle singole esigenze”.

Francesca Capodagli, Responsabile Pianificazione Strategica presso Valmex SpA, Riccardo Gregotti, Production Engineering Manager presso TDK Foil Italy e Mauro Viscardi, Responsabile Special Projects and Innovation presso Cosberg SpA, hanno quindi condiviso con i partecipanti le loro esperienze.

“TDK è una azienda giapponese presente anche in Italia con uno stabilimento produttivo fin dal 1955. Siamo una industria di processo, un ambito dove le macchine rappresentano asset strategici”esordisce Riccardo Gregotti. “Per mantenere l’efficienza dei processi sempre al massimo è necessario estrarre e analizzare i dati prodotti dalle macchine e per fare ciò abbiamo individuato una soluzione che ci permette di monitorare oltre 22mila tag, ovvero variabili di processo. Il supporto di MADE è stato fondamentale non solo per l’impostazione del progetto, ma anche per comprendere come riuscire a trasformare tutti questi dati in vere informazioni di valore”. Prosegue Gregotti: “Abbiamo deciso di rivolgerci a MADE e non a una società di consulenza perché eravamo certi di trovare un supporto a 360 gradi, anche con la possibilità di toccare con mano le applicazioni messe a disposizione dai partner, leader nelle tecnologie più innovative. Il MADE, con il suo network di aziende e competenze, è in grado di individuare le aree di miglioramento, di costruire i progetti in funzione degli obiettivi e di seguire la loro implementazione”.

“Siamo una PMI bergamasca, che realizza soluzioni personalizzate”, afferma Mauro Viscardi, che descrive una realtà diversa. “Non siamo in grado concretizzare tutte le nostre idee perché ci mancano le competenze per sviluppare i processi di innovazione complessi. In MADE abbiamo trovato un partner che ci ha messo a disposizione le tecnologie necessarie e che ha giocato per noi un ruolo strategico nel progetto di innovazione. Il nostro obiettivo era quello di ridurre i down-time delle macchine e, grazie al supporto di MADE, lo abbiamo centrato. Attraverso il Competence Center – conclude Viscardi – siamo entrati in un ecosistema che ci ha permesso di fruire di una serie di competenze specifiche e di stabilire relazioni con partner industriali che da soli non avremmo potuto trovare altrove: una consulenza industriale a tutto tondo”.

Come ultimo intervento, la testimonianza di Francesca Capodagli di Valmex SpA che, ubicata in provincia di Pesaro Urbino, è tra i maggiori produttori mondiali di scambiatori per caldaie domestiche murali a gas e per l’industria della refrigerazione. “Siamo quella che si può definire una Mid Cap – afferma Capodagli – con 350 dipendenti e 100 milioni di euro di fatturato. Siamo orgogliosamente i fornitori di tutti i più grandi produttori di caldaie. La necessità di innovare è sempre stata motivata dal bisogno e non abbiamo mai considerato l’innovazione da un punto di vista strategico. Questa è la rivoluzione che MADE ha portato, aprendoci la strada verso questo nuovo tipo di approccio. Nella fase di assesment sono stati individuati sei progetti, che sono stati successivamente identificati ciascuno con una priorità differente. Al momento abbiamo concluso due progetti e da poche settimane abbiamo avviato il terzo, il tutto con grande soddisfazione”.

“Ogni volta che riusciamo a portare l’innovazione nelle aziende italiane riteniamo di aver centrato la missione del MADE”, conclude Filippo Boschi, “che è quella di far crescere le aziende italiane sotto ogni punto di vista: processi, tecnologie, organizzazione, formazione. Il tutto per renderle il più competitive possibile, senza trascurare gli aspetti della sostenibilità. Non dimentichiamo infatti le tematiche di twin transitions, che vedono l’innovazione tecnologica sempre più legata a quella ecologica, un aspetto sul quale oggi è impossibile non fare delle riflessioni”.

 

MADE è uno degli otto competence center distribuiti sul territorio nazionale con competenze specifiche su progetti di innovazione tecnologica in ambito di Industria 4.0. Dispone di un demo-center di 2.500 mq inserito nel campus Bovisa del Politecnico di Milano, che consente di rispondere anche in modo pratico alle esigenze delle aziende, strutturando il percorso di trasformazione digitale su tre fasi: orientamento, formazione e trasferimento tecnologico. Le stesse che hanno caratterizzato i progetti di innovazione presentati durante la tavola rotonda che si è tenuta nel corso di SPS Italia.



Contenuti correlati

  • La serie K7DD-PQ per il monitoraggio delle condizioni del motore di Omron

    La serie K7DD-PQ è un dispositivo avanzato di monitoraggio delle condizioni del motore progettato per automatizzare il rilevamento di anomalie nei siti di produzione. K7DD si adatta perfettamente alla visione di Omron sulla manutenzione intelligente: raccogliendo, monitorando...

  • Cosa aspettarsi dal futuro dell’ingegneria meccanica

    In tutto il settore manifatturiero, la digitalizzazione sta cambiando il modo in cui le aziende operano e il modo in cui tutti noi lavoriamo. L’Industria 4.0 ha rivoluzionato quasi tutti gli aspetti delle attività industriali, dotando le...

  • Robotgames il nuovo concorso di Ucimu Academy per giovani innovatori

    Ucimu-Sistemi per Produrre, l’associazione dei costruttori italiani di macchine utensili, robot e automazione, Fondazione Ucimu e EFIM-Ente Fiere Italiane Macchine organizzatore di 34.BI-MU, presentano, con il sostegno di Fondazione Fiera Milano, Robotgames . Robotgames  è il nuovo...

  • Un osservatorio per una panoramica 4.0

    Lectra ha presentato il suo ‘Osservatorio dell’innovazione e della trasformazione nei settori fashion, arredamento e automotive’. Realizzato in occasione del cinquantesimo anniversario del Gruppo, l’Osservatorio Lectra ha pubblicato il suo primo white paper: “La crescita dell’Industria 4.0...

  • AI, sistemi aperti ed edge

    Come possiamo parlare di America senza menzionare Elon Musk! Nessuno riesce a capirlo fino in fondo; a tratti è straordinariamente brillante, come può dunque essere costato miliardi di dollari a se stesso e ai suoi investitori? Blaterando...

  • Digital twin

    Come funziona il gemello digitale nell’ambito dell’automazione industriale? Il gemello digitale è una tecnologia emergente che sta rapidamente guadagnando popolarità nell’ambito dell’automazione industriale. Si tratta di una replica virtuale di un sistema industriale, che può essere utilizzata...

  • Investire in automazione

    L’IT è una componente fondamentale dell’industria, e quindi anche a livello organizzativo il chief information officer ha un ruolo chiave per la crescita aziendale e l’innovazione Automazione e intelligenza artificiale sono sempre più utilizzati per identificare e...

  • 5 motivi per adottare un cobot

    Qual è il vantaggio rappresentato dai piccoli robot collaborativi (cobot) e perché un numero crescente di grandi imprese sta guardando a questa tecnologia per incrementare la produttività e accelerare l’automazione in fabbrica? Per le grandi aziende, non si...

  • Automazione igienica, flessibile e salvaspazio

    I robot Stäubli, nello stabilimento della tedesca BMI, sono stati utilizzati nella linea di confezionamento per blocchi di formaggio a pasta dura Per produrre 35.000 tonnellate di formaggio a pasta dura all’anno sono necessari circa 350 milioni...

  • Un data space unico e coerente per i costruttori di quadri elettrici

    Come definire il successo nell’industria manifatturiera? Per lungo tempo il successo di un’azienda è stato decretato dalla sua capacità di fornire il prodotto migliore attraverso processi caratterizzati da un alto livello di efficienza economica. Oggi questo non...

Scopri le novità scelte per te x