L’impronta digitale dei cavi

Prysmian Group lancia Pry-ID, una nuova soluzione intelligente che rappresenta l’impronta digitale dei cavi: l’innovazione consente l’accesso in tempo reale alle principali informazioni su cavi e accessori

Pubblicato il 11 settembre 2019

Prysmian Group ha lanciato la tecnologia Pry-ID che rende il cavo intelligente consentendo di fornire in tempo reale e in modo facilmente accessibili tutte le informazioni sul suo stato.
In uno scenario in cui gli oggetti connessi rappresentano presente e futuro per ogni tipologia di business e in un settore, come quello dei cavi, che ha bisogno di tenere costantemente monitorati prodotti e accessori, Pry-ID rappresenta l’impronta digitale dei cavi e consente, attraverso la tecnologia Rfid (Radio-Frequency IDentification), di avere accesso a tutte le informazioni principali sul cavo e i suoi accessori che includono il tipo di cavo, la lunghezza, da dove proviene e a quali componenti è connesso. Il tutto in un unico file facilmente esportabile e disponibile sempre e ovunque tramite app.

Pry-ID porta con sé notevoli vantaggi tra cui la corretta identificazione, un altissimo livello di precisione, risparmio di tempo di installazione che si traduce in risparmio economico e la localizzazione semplice e affidabile dei cavi e dei componenti all’interno degli edifici, che corrisponde a maggiore sicurezza. Non ha bisogno di alimentazione esterna e dura per tutta la vita del cavo, seguendolo anche negli ambienti più difficili.
I chip Rfid sono definiti dallo standard globale GS1, progettato per migliorare l’efficienza, la sicurezza e la visibilità delle supply chain. Il GS1 consente di utilizzare un Serial Global Trade Item Number (SGTIN) su ogni metro di cavo, per poi trasmettere le informazioni attraverso un lettore.

Prysmian Group si è inoltre classificato secondo nella categoria “Migliore utilizzo della tecnologia RFID per ottimizzare un prodotto o servizio” in occasione della 13a edizione degli Annual RFID Journal Awards tenutasi il 4 aprile a Phoenix, in Arizona (USA).

L’utility lettone Sadales Tikls e Prysmian Group hanno raggiunto un accordo per installare il prossimo luglio una serie di cavi intelligenti muniti della tecnologia Pry-ID all’interno della rete elettrica principale del Paese. Il progetto, gestito da Prysmian Group North Europe, prevede l’installazione di circa 7 km di cavi sotterranei da 1 kV prodotti nello stabilimento di Prysmian Group Baltics AS di Keila.
Sadales Tikls è la rete di distribuzione nazionale della Repubblica lettone e appartiene a Latvenergo AS, il principale fornitore di energia elettrica nei Paesi Baltici e garantisce energia a oltre un milione di utenti, attraverso servizi che coprono il 99% del territorio del Paese. Negli ultimi anni sono stati installati sulla rete Sadales Tikls oltre 5.000 chilometri di cavi prodotti da Prysmian Group.

“Introdurremo gradualmente la tecnologia Pry-ID su una gamma di prodotti sempre più ampia” ha commentato Srinivas Siripurapu, EVP e Chief R&D Officer di Prysmian Group. “Si tratta di una soluzione innovativa che contribuisce a rendere sempre più efficaci ed efficienti i prodotti e i servizi forniti dal Gruppo, aumentando al contempo gli standard qualitativi e di sicurezza”.



Contenuti correlati

  • Proteggere cavi e tubi

    Ogni componente delle unità di movimentazione a portale di Cimcorp deve garantire il massimo delle performance, incluse le catene portacavi di Kabelschlepp che proteggono e guidano cavi e tubi in modo affidabile e sicuro anche in presenza...

  • Da Copa-data, zenon: HMI per la gestione semplificata della complessità

    La smart factory è ormai chiamata a una flessibilità produttiva che risponde alle logiche della mass customisation, dove l’IoT – Internet of Things, permette di disegnare strategie in base ai dati raccolti, elaborati e visualizzati. La complessità...

  • Macchine Connesse: a Piacenza si sono incontrati i costruttori

    MindSphere World mette a fattor comune competenze digitali e soluzioni al servizio delle aziende, promuovendo tra queste una rete di collaborazioni commerciali standard per la creazione di sinergie di business vincenti su scala globale. Alla base dell’operatività...

  • Digitalizzazione delle imprese italiane, a che punto siamo?

    Spesso le imprese sono molto ottimiste quando valutano il proprio livello di digitalizzazione, pensano di essere più evolute in ambito di Digital Transformation, di quanto lo siano realmente. Le opportunità sono spesso state identificate come applicazione di un dato sistema o...

  • ElisaCare
    Assistenza intelligente per anziani e persone fragili con ElisaCare

    La start-up italiana Sicura Care introduce in Italia ElisaCare, un’assistente familiare digitale dotata di tecnologie di intelligenza artificiale che, nel pieno rispetto della privacy, è in grado di leggere e interpretare le abitudini delle persone anziane, imparare dalle loro routine ed...

  • Chainflex Case S di igus per ottimizzare lo spazio

    Per ottimizzare l’approvvigionamento dei cavi su bobina, sia in termini di trasporto che di deposito, è necessario cercare soluzioni logistiche sempre migliori. Grazie alla versione “S” della chainflex Case di igus, è possibile organizzare al meglio gli spazi...

  • Servitizzazione e IoT industriale al centro di un white paper

    Grazie all’Industria 4.0, nuovi modelli di business saranno realizzati sull’economia del dato, dei processi e della supply chain, in forza di interazioni sempre più frequenti con fattori esterni all’azienda che, attraverso lo sviluppo di ecosistemi, contribuiranno significativamente...

  • RFID e Bluetooth Low Energy a BIMU 2022

    Dal 12 al 15 ottobre 2022, a Fieramilano Rho, andrà in scena la 33° edizione di BI-MU, la principale fiera italiana dedicata all’industria costruttrice di macchine utensili, robot, tecnologie abilitanti, digital manufacturing e automazione. Nell’attuale scenario di...

  • Trend Micro: l’80% delle aziende italiane si sente esposto ad attacchi ransomware, phishing e in ambito IoT

    Il 31% delle aziende italiane afferma che la valutazione del rischio è la principale attività nella gestione della superficie di attacco ma il 54% ritiene che i propri metodi di valutazione del rischio non siano abbastanza sofisticati....

  • Sistemi di identificazione e visione per produzioni infallibili

    Nel mondo della produzione, le tecnologie che conferiscono la capacità di riconoscere oggetti o codici in modo automatico sono sempre più richieste, per migliorare le funzionalità autonome e l’efficienza di macchine e impianti. Oggi, tutto il dominio...

Scopri le novità scelte per te x