L’efficienza delle aziende dipende dall’efficienza dell’intralogistica

Pubblicato il 30 giugno 2022

Le aziende cercano di fare più efficienza, puntano a ridurre i costi e aumentare la capacità produttiva. Allo stesso tempo, la produzione ‘just in time’ e personalizzata con i magazzini pieni di scorte non è più sostenibile: se non c’è il materiale necessario a disposizione, la produzione si blocca subito.

Ecco perché per centrare tutti questi obiettivi un’intralogistica moderna ed efficiente è ormai fondamentale. L’azienda moderna e al passo con i tempi, la Smart factory, è un ambiente e un sistema dove tutto deve girare alla massima efficienza e velocità. Ogni attività è sincronizzata, ciò che serve deve essere dove serve, al momento giusto. Non ci devono essere intoppi, niente perdite di tempo o blocchi delle operazioni. E a fare funzionare bene l’azienda sono l’intralogistica e le sue tecnologie, che gestiscono ogni cosa che si muove all’interno degli impianti – materie prime, materiali, pezzi e componenti, scorte, semilavorati, prodotti finiti –, da quando arriva dai fornitori a quando esce per i clienti.

L’efficienza della produzione dipende anche, e innanzitutto, dall’efficienza dell’intralogistica. Perché se non funziona, la macchina produttiva rallenta, si inceppa, si blocca. Migliorare l’intralogistica significa quindi migliorare le linee produttive e tutta l’azienda in generale e i suoi risultati.

Produzione e intralogistica devono essere più flessibili

La produzione deve essere sempre più flessibile, e quindi allo stesso modo anche l’intralogistica aziendale: il robot collaborativo diventa il migliore alleato della squadra che segue l’assemblaggio, mentre la tracciabilità delle operazioni è essenziale per far funzionare al meglio l’intera macchina aziendale.

Per montare centinaia di varianti sulla stessa linea servono pezzi e componenti corretti nel momento giusto. Ecco perché l’intralogistica a monte e a valle della produzione deve essere altrettanto efficiente, flessibile e totalmente integrata nell’ambiente produttivo. Deve seguirne il flusso, condividendo in modo smart le informazioni del pezzo che andrà assemblato. Un sistema intralogistico efficiente ed evoluto permette di ottimizzare i tempi, ridurre sprechi, consumi anche energetici, e quindi tagliare i costi.

Le tecnologie e le soluzioni Bosch Rexroth per l’intralogistica aziendale danno risposte concrete ed efficaci in tutti questi ambiti.

Tecnologie per l’intralogistica smart e più efficiente

Ottimizzare il processo di produzione, automatizzare e rendere più efficiente una linea complessa, velocizzando i tempi e riducendo gli spazi necessari. Nello stabilimento Bosch a Hamburg in Germania, questi erano gli obiettivi da centrare e da raggiungere, e sono stati realizzati con l’utilizzo dei cobot APAS di Bosch Rexroth, in grado di garantire flessibilità operativa e produttiva e che hanno portato all’automazione completa del processo.

Nello stabilimento tedesco, Bosch doveva in pratica aumentare la capacità di produzione per tenere il passo con la rapida crescita della domanda di mercato, ad esempio per quanto riguarda i sistemi di iniezione per veicoli commerciali. Con l’assistente APAS il gruppo ha a disposizione una tecnologia robotica altamente flessibile, ha automatizzato i processi di produzione, alcuni dei quali prima venivano eseguiti manualmente. Alleggerendo il carico di lavoro dei dipendenti e aumentando la produttività in condizioni in cui lo spazio è un fattore critico.

I pezzi da testare sono consegnati in blister su carrelli, vengono prelevati da due robot e nell’ultima stazione un cobot equipaggiato da un complesso sistema di telecamere controlla da tutti i lati e cattura varie immagini a scatto singolo.

Un altro esempio è quello dei robot mobili, intelligenti e interattivi ActiveShuttle, in grado di muoversi e orientarsi in modo autonomo all’interno della fabbrica. ActiveShuttle comunica perfettamente con i sistemi di assemblaggio e gestisce in modo avanzato ogni singola attività della flotta. Con queste soluzioni tecnologiche, Bosch Rexroth soddisfa le esigenze dell’intralogistica moderna che oggi richiede flussi di materiali sempre più complessi con un’ampia varietà di componenti ed elevati numeri di produzione. Grazie al trasporto autonomo, i processi intralogistici sono resi più flessibili senza dover modificare l’infrastruttura dello stabilimento.

 

 

 



Contenuti correlati

  • Sick propone smaRTLog: piena trasparenza nel flusso di materiali

    I cicli di trasporto nei processi di intralogistica non solo diventano sempre più flessibili e modulari, ma sempre più spesso si organizzano autonomamente. Affinché questo funzioni, ad esempio per ottimizzare la gestione dell’inventario o la qualità delle consegne, è necessaria...

  • Nord Drivesystems espande il concetto LogiDrive in nuovi mercati e prodotti

    Nord Drivesystems espande il suo concetto LogiDrive di successo con nuovi mercati e prodotti per offrire a nuove applicazioni l’accesso ai vantaggi di versioni dei motoriduttori standardizzate e ottimizzate per specifici settori. Con la nuova famiglia di prodotti LogiDrive,...

  • Steffen Haack nuovo CEO di Bosch Rexroth AG dal 1° agosto 2022

    Dal 1° agosto 2022, Steffen Haack (56, in foto) è il nuovo CEO di Bosch Rexroth AG, azienda specializzata in azionamenti e controlli. Dal 1° gennaio 2021, è membro del Consiglio di Amministrazione ed è a capo dello...

  • Bosch Rexroth pianifica di acquisire HydraForce, specialista in idraulica

    Bosch Rexroth prevede di espandere la propria attività idraulica acquisendo HydraForce, Inc. con sede a Lincolnshire, Illinois (USA). HydraForce sviluppa e produce valvole e soluzioni per l’idraulica compatta con 2.100 collaboratori in sei siti produttivi negli Stati...

  • Guardare indietro con facilità con la telecamera IP LCAM 308 di Leuze

    I centri logistici che vogliono essere tutelati anche in caso di guasti o reclami sono al sicuro con la nuova telecamera IP LCAM 308 di Leuze. Consente il monitoraggio visivo di trasloelevatori e linee di trasporto. Anche nei...

  • La smart factory integrata e sicura di E80 Group e Gambini

    Realizzare smart factory sempre più integrate, digitalizzate e sostenibili incrementando l’efficienza e la sicurezza lungo tutta la supply chain: con questo obiettivo E80 Group e Gambini hanno sviluppato una nuova linea converting completamente automatica, capace di interconnettere...

  • Il mondo dell’automazione si scopre resiliente

    Di necessità, virtù: i diversi avvenimenti che hanno messo alla prova la tenuta del sistema industriale italiano hanno lasciato un’eredità positiva nelle imprese, tra investimenti lungimiranti e un rinnovato interesse per l’automazione. Dalla Ripresa alla Resilienza: il...

  • Consorzio CLPA supera i 4.000 associati

    CLPA (CC-Link Partner Association) ha superato un’importante pietra miliare nel suo percorso mirato alla promozione e lo sviluppo delle tecnologie aperte per le comunicazioni industriali “state-of-the-art”. Il Consorzio conta ormai oltre 4.000 membri in tutto il mondo,...

  • Pilz festeggia un anno record e guarda con fiducia al 2022

    Che il tema della sicurezza sia questione di DNA in Pilz lo si capisce subito, così come si percepisce quello spirito di famiglia, di comunità, che da sempre la contraddistingue nonostante una presenza ormai globale. Ancora azienda a...

  • Cognex LogiMat
    Visione artificiale Cognex per l’automazione della logistica

    Cognex si prepara a presentare le più innovative soluzioni di visione artificiale per applicazioni nell’intralogistica e nella gestione dei processi alla LogiMat che si terrà a Stoccarda dal prossimo 31 maggio al 2 giugno 2022. LogiMat è...

Scopri le novità scelte per te x