L’edge computing è una tecnologia chiave per le iniziative di smart manufacturing

Le aziende di produzione stanno implementando soluzioni di edge computing semplici, protette e autonome per accelerare la modernizzazione delle loro infrastrutture IT ed essere competitive e pronte per il futuro

Pubblicato il 21 dicembre 2023

Più il mondo industriale diventa connesso e digitalizzato, più il software acquisisce un peso nel determinare il successo a livello operativo. Indipendentemente dal fatto che si parli di monitoraggio della produzione o di raccolta di dati per analisi approfondite, l’innovazione e l’efficienza dipendono, in larga misura, dalla combinazione di automazione e software. Negli ambienti industriali la potenza di calcolo locale, l’edge computing, sta diventando sempre più determinante, e ciò costringe le aziende ad aggiornare l’infrastruttura per supportare le iniziative di smart manufacturing. I nuovi tipi di infrastrutture edge e la nuova tipologia di edge computing offrono affidabilità, potenza di elaborazione e facilità di gestione in ambito produttivo (OT) oltre alla trasformazione di dati in informazioni fruibili.

L’implementazione del software e la connessione dei dati richiedono la vicinanza di risorse informatiche adeguate all’esecuzione del software e alla raccolta, archiviazione e analisi dei dati. Le moderne piattaforme di edge computing che soddisfano i requisiti OT offrono funzionalità fault tolerance integrate, monitoraggio proattivo dello stato di salute e facilità di manutenzione da parte del personale OT e IT, senza che ciò richieda competenze o strumenti particolari.

Tre modi in cui l’edge computing è fondamentale per la trasformazione

Molte aziende dispongono di un’infrastruttura di calcolo in fase di obsolescenza. Tuttavia, per i team è sempre difficile finanziare un nuovo hardware, dare priorità al supporto IT e programmare downtime pianificati per effettuare gli aggiornamenti. In generale viene adottato l’approccio pragmatico che si risolve nel trovare qualche rimedio al problema, sempre che non ci si trovi in presenza di un guasto.

Arriva, però, un momento in cui i sistemi operativi, le applicazioni e l’hardware obsoleti non vengono più supportati e di conseguenza gli utenti rimangono intrappolati in un insostenibile ciclo alternato di guasti e riparazioni.

La modernizzazione dell’edge computing comporta:

Affidabilità, sicurezza– In qualsiasi ambiente industriale, la disponibilità delle macchine è fondamentale per il successo operativo e vanno considerati anche indicatori importanti come l’OEE, (efficienza complessiva delle apparecchiature). Le piattaforme di edge computing possono offrire funzionalità di fault tolerance integrate per far girare le applicazioni senza rischi di downtime o perdita di dati. Questa affidabilità a livello di operatività è fondamentale per i settori regolamentati al fine di evitare interruzioni o perdite di Così come è essenziale per la conformità e gli audit, dove la perdita di dati o l’introduzione di nuovi hardware possono richiedere nuove procedure di validazione o la necessità di dover produrre una significativa documentazione. La fault tolerance è disponibile, pronta all’uso, trasparente alle applicazioni in esecuzione e non richiede scripting aggiuntivi. Anche la cybersecurity va tenuta in massima considerazione nell’OT, e rappresenta, forse, uno dei motivi di maggior preoccupazione per i team dell’IT quando pensano all’ambiente OT. L’edge computing costituisce per i team IT un punto di approdo nel mondo OT a garanzia della cybersecurity e della piena visibilità delle risorse OT collegate in rete. Modernizzare l’infrastruttura di edge computing significa anche poter disporre delle patch e aggiornamenti più recenti. Un tipico approccio all’edge computing prevede una combinazione di sicurezza integrata, come quella di Microsoft Windows e l’esecuzione di applicazioni di fornitori come Claroty, Dragos, Xage e Palo Alto Networks.

Riduzione dell’ingombro: le aziende hanno la necessità di implementare software industriale e piattaforme di calcolo con la potenza e le prestazioni necessarie per gestire grandi volumi di dati in tempo reale. Le piattaforme di edge computing soddisfano i requisiti dell’ambiente OT: sono fisicamente e potenzialmente protette e validate per eseguire software HMI SCADA e DCS di AVEVA, Inductive Automation, Rockwell Automation e Le moderne piattaforme di edge computing soddisfano questi requisiti e fungono da collegamento tra i PLC e gli SCADA, così come con i sistemi di livello superiore come quelli di esecuzione della produzione (MES) e gli strumenti di asset performance management (APM) per il condition monitoring e la manutenzione predittiva. I team OT possono implementare piattaforme di edge computing, con funzionalità di fault tolerance integrate, per virtualizzare applicazioni e consolidare più server e IPC in un’unica piattaforma e, contemporaneamente, far girare applicazioni software. In tal modo si riducono notevolmente la complessità e la gestione oltre che l’ingombro e i costi. Per semplificarne la gestibilità le piattaforme di edge computing possono essere monitorate da remoto e aggiornate.

Convergenza OT/IT – I team OT e IT che lavorano a stretto contatto con i system integrator segnalano, soprattutto negli ultimi cinque anni, un aumento di questa interazione. Tuttavia, la scarsa presenza del personale IT e il loro accesso limitato alle sedi OT continuano a creare pressione al personale OT che si trova a dover svolgere mansioni IT per supportare e manutenere la propria infrastruttura informatica.

È importante notare che l’implementazione di nuove piattaforme di edge computing finalizzata all’aggiornamento dell’infrastruttura può mettere sia l’OT che l’IT su una strada che porta a obiettivi condivisi per ciò che concerne disponibilità e sicurezza della tecnologia. Inoltre, le piattaforme di edge computing consentono ai team OT di eseguire il software industriale di cui hanno bisogno, fornendo ai team IT un luogo familiare in cui operare in ambiente OT.

Sebbene lo scenario generale sia quello della digital transformation, nella pratica questo percorso avviene in modo incrementale e le iniziative di modernizzazione con l’edge computing offrono l’opportunità di costruire solide basi per la crescita.. E’ possibile trasformare rapidamente l’infrastruttura con implementazioni che richiedono poche ore anziché giorni, utilizzando architetture edge hardware e software pre-validate per garantire prestazioni affidabili e ripetibilità.

Passare al cloud – assecondando il proprio ritmo

Lo spostamento dei dati operativi nel cloud offre efficienze e casi d’uso che non sarebbero possibili se i dati fossero gestiti localmente. Le proposte cloud diventano particolarmente attraenti laddove ci siano limiti di presenza del personale IT e vincoli di competenza. Il problema risiede nel come collegare i sistemi e i dati on- premise all’azienda e al cloud.

Dato il volume di dati generati, alcuni dei quali richiedono un’azione in tempo reale, gli approcci full cloud non sono sempre fattibili. Un’architettura di edge computing ben strutturata crea l’infrastruttura necessaria per supportare le operazioni locali e creare un ponte di dati per l’uso del cloud. Queste architetture ibride cloud/edge dimostrano che le tecnologie sono complementari piuttosto che opposte.

L’informatica on-premise rimane essenziale per i processi in tempo reale come HMI SCADA. Anche la maggior parte dei sistemi MES e historian risiede ancora in locale. Allo stesso tempo, la connessione di questi sistemi al cloud ha un valore enorme per un processo decisionale più ampio e per la standardizzazione di implementazioni multi-sito.

Cosa cercare/Requisiti chiave per il successo dei team OT –  Tre aggettivi chiave per il successo dei team OT:

  • Semplice: Facilità di implementazione, installazione, gestione e scalabilità nel tempo, e progettazione con approccio zero-touch.
  • Protetto: Ridondanza totale incorporata del sistema per proteggere dalla perdita di dati e dai downtime e in grado di supportare il livello di sicurezza dell’organizzazione.
  • Autonomo: capacità di fornire una disponibilità continua delle applicazioni, di identificare e risolvere in modo proattivo i potenziali guasti e di fornire una gestione remota.

Nel manifatturiero discreto, di processo e ibrido, l’Edge Computing offre affidabilità, potenza di elaborazione e facilità di manutenzione per le operazioni sostenibili di prossima generazione.

A cura di: DoShik Wood, senior director, product marketing & communications, Stratus Technologies



Contenuti correlati

  • IDC GenAI
    La GenAI primo motore degli investimenti infrastrutturali

    Secondo la più recente Worldwide Future of Digital Infrastructure Sentiment Survey di IDC, quasi otto aziende su dieci hanno dichiarato di ritenere l’infrastruttura digitale “importante” o “mission critical” per il successo delle proprie iniziative di business. La...

  • Dall’Edge al Cloud

    È in pieno sviluppo un progetto europeo per la messa a punto di un meta sistema operativo per gestire il ‘continuum’ dall’IoT al Cloud. Il suo principio di progettazione fa leva sulle capacità sia del Cloud sia...

  • natuzzi SAP
    Natuzzi si affida a SAP per la transizione digitale dell’organizzazione

    Natuzzi è uno dei principali player mondiali nella produzione e distribuzione di arredamento di design e di lusso. Le sue capacità nel saper coniugare il design italiano con la manifattura artigianale valorizzano al meglio la tradizione del...

  • Modernizzare la tecnologia di produzione

    Intelligenza artificiale e soluzioni basate sul cloud per l’aggiornamento di software e sistemi di controllo presso lo stabilimento di produzione più grande d’Europa di un gigante del settore chimico Emerson è stata scelta dalla multinazionale chimica LyondellBasell...

  • Paessler: come ottimizzare la gestione e il controllo degli ambienti cloud

    Negli ultimi anni, i responsabili delle infrastrutture IT si sono trovati ad affrontare questioni complesse legate al cloud e a porsi numerose domande sull’approccio migliore da adottare. Tante domande sul cloud È conveniente spostare i carichi di...

  • La mobilità in un mondo iperconnesso

    Con l’introduzione del concetto di metamobilità, nuove prospettive di innovazione migrano dal settore dei trasporti alle applicazioni industriali Internet delle Cose, Cloud Computing e Big Data hanno amplificato gli effetti della rivoluzione informatica, trasformando il mondo fisico...

  • Soluzione software sicura e affidabile per la comunicazione OPC e la connettività cloud IoT

    Softing Italia presenta dataFEED OPC Suite, una soluzione software per la comunicazione OPC UA e OPC Classic e per la connettività cloud in un unico prodotto. Tramite il server OPC UA integrato comprensivo di Store And Forward, fornisce un...

  • 5 fattori che rallentano i processi di approvvigionamento secondo Iungo

    Con la crisi del Mar Rosso, l’Italia perde 95 milioni di euro al giorno: sono queste le stime di Confartigianato, che ha calcolato l’entità dell’impatto causato dalla riduzione del traffico delle navi mercantili tra l’Oceano Indiano e...

  • I magnifici dieci dell’innovazione tecnologica

    Le tecnologie che tradurranno in pratica le scelte strategiche delle aziende, sospinte e guidate dall’Intelligenza Artificiale e orientate a favorire una crescita sostenibile, contribuiranno a massimizzare il valore dei dati, a raggiungere gli obiettivi Esg, ad attrarre...

  • Il viaggio sostenibile

    Sensori connessi, robotica, azionamenti adattivi: i concetti avanzati di automazione sono fondamentali per una produzione efficiente dal punto di vista energetico e di risparmio delle risorse La domanda di energia, l’uso di materie prime e, soprattutto nelle...

Scopri le novità scelte per te x