Lectra garantisce l’integrità dei dati nel settore moda

Pubblicato il 16 maggio 2017

Lectra favorisce la qualità dello scambio di dati digitali tra brand, retailer e fornitori grazie al suo programma per la supply chain. Le tendenze attuali stanno spingendo il settore del fashion verso la piena digitalizzazione. Tecnologie quali il 3D e la realtà aumentata rispondono al desiderio crescente di personalizzazione e di migliorare l’esperienza del cliente. Questi fenomeni favoriscono lo scambio continuo di grandi quantità di dati digitali lungo la supply chain, aumentando la necessità di garantire la sicurezza dei dati scambiati in tutto il mondo tra i brand, i retailer e i loro fornitori.

Il nuovo programma di Lectra per la supply chain garantisce l’integrità dei dati negli scambi digitali, consentendo di ridurre i tempi di sviluppo, incrementare la produttività, migliorare la qualità e l’idoneità del prodotto e abbreviare il time-to-market, con maggior soddisfazione del cliente. Il programma garantisce la solidità e l’interconnessione della supply chain, due elementi essenziali per consentire agli attori del settore di operare con efficienza agli elevati ritmi del moderno mercato del fashion, rispondendo alle nuove richieste dei clienti e alla loro esigenza di comunicare in modo rapido e regolare attraverso i canali online e in-store.

Gli appaltatori e i loro fornitori non sempre usano le stesse versioni delle applicazioni software, o in alcuni casi utilizzano soluzioni completamente diverse. Di conseguenza, informazioni importanti create a monte spesso risultano compromesse, e anche se vengono trasferite in modo parziale, spesso generano errori onerosi e creano confusione nelle fasi di sviluppo prodotto e produzione, causando perdite di tempo e riducendo l’efficienza e la produttività di entrambe le parti.

Migliorando lo scambio di informazioni tra appaltatori e partner fornitori, il programma di Lectra per la supply chain offre molteplici vantaggi. Oltre a fornire un’analisi approfondita degli attuali processi di co-sviluppo, il programma propone un piano d’azione personalizzato per ridurre i costi di sviluppo prodotto, condividere le best practice del settore del fashion, eliminare attività prive di valore aggiunto e infine migliorare la qualità del prodotto e i tempi di consegna.

“Per gli appaltatori e i fornitori, la necessità di tenere il passo con i ritmi rapidi del settore del fashion ha accelerato l’esigenza reciproca di scambiare dati digitali lungo la supply chain. Tuttavia, la qualità dello scambio dei dati non si è evoluta con la stessa rapidità. Il programma di Lectra colma abilmente questo divario, assistendo i clienti che si trovano a dover competere in questo mercato ad alta velocità,” spiega Céline Choussy Bedouet, Chief Marketing and Communications Officer, Lectra.



Contenuti correlati

  • Moda stampata in 3D: accessibile, alla moda, eco-sostenibile

    La stampa 3D è un processo che crea oggetti solidi da un file digitale, ed è in rapida evoluzione per rivoluzionare vari settori, inclusa la moda. I prodotti di moda stampati in 3D non sono solo prototipi...

  • Italia in ritardo rispetto ad altre nazioni europee in termini di digitalizzazione

    Il 19° posto tra gli Stati dell’Unione Europea  nel rapporto Digital Economy and Society Index (DESI) del 2022 mostra la realtà della posizione digitale dell’Italia rispetto ai suoi omologhi europei: trainata da Finlandia, Danimarca ed Estonia, le...

  • 5 fattori che rallentano i processi di approvvigionamento secondo Iungo

    Con la crisi del Mar Rosso, l’Italia perde 95 milioni di euro al giorno: sono queste le stime di Confartigianato, che ha calcolato l’entità dell’impatto causato dalla riduzione del traffico delle navi mercantili tra l’Oceano Indiano e...

  • Un osservatorio per una panoramica 4.0

    Lectra ha presentato il suo ‘Osservatorio dell’innovazione e della trasformazione nei settori fashion, arredamento e automotive’. Realizzato in occasione del cinquantesimo anniversario del Gruppo, l’Osservatorio Lectra ha pubblicato il suo primo white paper: “La crescita dell’Industria 4.0...

  • Ricerca Schneider Electric: la digitalizzazione crea nuovi lavori di area tecnologica nell’industria

    Una ricerca di Schneider Electric ha rivelato che quasi la metà delle aziende industriali (il 45%) ritiene che nei prossimi tre anni la digitalizzazione sarà lo stimolo principale per la creazione di nuovi profili professionali nell’ambito delle...

  • Digitalizzazione e sostenibilità

    Parliamo di fonderie di alluminio che operano nel settore automobilistico producendo parti per il motore endotermico. La start up innovativa di questo mese è High Performance Die Casting, e sua fondatrice e CEO è Tiziana Tronci, membro...

  • Come sarà la supply chain del futuro?

    Resiliente, sostenibile e tecnologica, ecco le caratteristiche che dovrà avere la supply chain nel 2024 Costruire supply chain resilienti è diventato un compito più arduo del previsto, complice l’attuale situazione economica a cui si aggiunge l’esigenza delle...

  • Il packaging è smart

    Multivac ha deciso di adottare soluzioni per rendere le reti IIoT semplici e flessibili, così da sviluppare servizi orientati al cliente e ottenere una maggiore disponibilità delle macchine affidandosi alla tecnologia netField Multivac Sepp Haggenmüller SE &...

  • Digitalizzare il frantoio

    Manutenzione e gestione del frantoio smart in oleifici Barbera grazie all’impiego di EcoStruxure di Schneider Electric Quando si pensa alle eccellenze agroalimentari italiane, la produzione di olio d’oliva non può mancare. È un settore molto frammentato, che...

  • La convergenza IT/OT

    La convergenza tra Information Technology e Operational Technology è un percorso di trasformazione in continua evoluzione. Esaminiamo qui i driver chiave, le sfide e le prospettive future di tale convergenza nel panorama delle ‘fabbriche intelligenti’ La convergenza...

Scopri le novità scelte per te x