L’automotive italiano riparte da un modello di fabbrica che coniuga sicurezza e produttività

La ‘Fase 2’ dell’automotive italiano riparte da un modello di fabbrica capace di coniugare la sicurezza dei lavoratori e una tecnologia produttiva di alto livello, nel segno della flessibilità 

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 17 novembre 2020

Coniugare la sicurezza dei lavoratori con una tecnologia produttiva di alto livello: è un paradigma tutto ‘made in Italy’, che dagli uffici di progettazione di CPM, alle porte di Torino, sta conquistando i più grandi produttori di auto del mondo e anche i nuovi ‘big’ dell’elettrico.

Ora più che mai, dopo il rallentamento causato dal Covid-19, il 4 maggio ha segnato simbolicamente la ripresa dei progetti alla base di nuove vetture che verranno lanciate ufficialmente entro il 2021. “In realtà noi non ci siamo mai fermati” sottolinea Massimo Bellezza, presidente e amministratore delegato di CPM. “Bloccare un’azienda è facile, farla poi ripartire lo è molto meno. Abbiamo quindi fatto di tutto per tenere vivi i nostri reparti chiave, in primis la progettazione, e farci trovare pronti alla ripartenza. Fortunatamente, anche se questa crisi sanitaria ha inciso pesantemente sull’auto, non registriamo la cancellazione di nessun progetto strategico, né in Italia né a livello globale”.

Sicurezza e flessibilità grazie all’automazione
Dopo la sperimentazione avviata con successo nello stabilimento Lamborghini di Sant’Agata Bolognese (Bologna), dove viene prodotto il SUV Urus, CPM ha ripreso quindi la produzione del ProFleet: un nuovo modello di AGV (Automated Guided Vehicle) destinato a rivoluzionare il tradizionale concetto di linea di montaggio per l’automotive. Questo veicolo a guida autonoma è infatti il primo progettato per trasformare un impianto di general assembly, introducendo isole di lavoro che facilitano le attività sulla vettura da parte degli operatori, permettendo la massima accessibilità a ogni parte del veicolo.

Una soluzione che risponde anche alle esigenze del distanziamento sociale, fondamentali per la salute in questo periodo, e favorisce ergonomia e sicurezza. 

L’industria italiana dell’auto riparte nel segno della flessibilità: con gli AGV ProFleet è sufficiente riprogrammare il percorso per cambiare velocemente la configurazione di stabilimento

Dalla fabbrica alla smart factory
Gli AGV ProFleet si integrano nel modello Industria 4.0, che utilizza tecnologie sempre più intelligenti per rendere più efficiente la produzione, ma anche per alleggerire i carichi di lavoro e demandare alle macchine le operazioni più ripetitive.

La raccolta e l’elaborazione dei dati generati dagli impianti durante la produzione permettono di intervenire tempestivamente in caso di necessità, evitare fermi produttivi, razionalizzare i consumi e scandire correttamente le attività di manutenzione, evitando sprechi e spese inutili a vantaggio della produttività. La smart factory poi è modulare, quindi più veloce da costruire, da ampliare o spostare, ed è decisamente più flessibile. Diventa più facile aumentare o diminuire il flusso delle auto assemblate ed è possibile anche produrre insieme segmenti di vetture diversi, cosa impensabile fino a poco tempo fa, quando su ogni linea poteva passare un solo tipo di auto. È sufficiente riprogrammare il percorso degli AGV ProFleet per cambiare velocemente la configurazione di stabilimento.

In caso di malfunzionamento, inoltre, l’AGV viene escluso dalla produzione mentre un altro ne prende il posto durante la riparazione. Se il problema dovesse riguardare invece una stazione di lavoro, ProFleet può saltarla e proseguire verso quella successiva, in questo modo i tempi dei fermi produttivi vengono ridotti al minimo. Le navette possono raggiungere in velocità qualunque parte della linea di produzione e trasportare autonomamente componenti singoli, scocche o intere vetture. Inoltre, gli interventi di manutenzione richiesti sono pochi e semplici.

In foto: AGV in prova nello stabilimento CPM di Beinasco (Torino) 

Andrea Toninello



Contenuti correlati

  • Lazer Sport adotta il portafoglio Siemens Xcelerator

    Siemens Digital Industries Software ha annunciato che Lazer Sport NV, uno dei principali produttori di caschi da ciclismo in Europa, ha adottato il portafoglio di software industriali Siemens Xcelerator per contribuire a portare sul mercato KinetiCore, la nuova...

  • Sono ufficialmente aperte le candidature per l’Altair Enlighten Award 2024

    Altair, attivo a livello mondiale nella computational intelligence, ha ufficialmente aperto le candidature per l’Altair Enlighten Award 2024. Presentato ogni anno in collaborazione con il Center for Automotive Research (CAR), il contest premia i più importanti progressi...

  • Digitalizzazione e sostenibilità

    Parliamo di fonderie di alluminio che operano nel settore automobilistico producendo parti per il motore endotermico. La start up innovativa di questo mese è High Performance Die Casting, e sua fondatrice e CEO è Tiziana Tronci, membro...

  • La Doria sceglie la tecnologia di KFI per costruire la smart factory del futuro

    KFI, leader nell’implementazione di soluzioni e tecnologie per l’Industria 5.0, è stata scelta da La Doria, società leader nel settore conserviero, come partner strategico per potenziare la tracciabilità dei propri prodotti e migliorare l’integrazione dei sistemi a supporto dei processi...

  • Reti per il mondo dei trasporti

    Sistemi e dispositivi dotati di tecnologie ‘smart’ hanno di fatto soppiantato l’utilizzo di sistemi e reti tradizionali nel settore dei trasporti. Vediamo il caso dei tre ambiti automotive, ferroviario e aerospace La rapida evoluzione della tecnologia, unitamente...

  • TSN ridefinisce la connettività industriale

    Le soluzioni CC-Link IE RSN, implementate in svariati settori industriali in tutto il mondo, migliorano la produttività e competitività degli impianti Nel panorama dinamico di Industria 4.0 una nuova interconnettività sta investendo e trasformando il mondo produttivo:...

  • Il viaggio sostenibile

    Sensori connessi, robotica, azionamenti adattivi: i concetti avanzati di automazione sono fondamentali per una produzione efficiente dal punto di vista energetico e di risparmio delle risorse La domanda di energia, l’uso di materie prime e, soprattutto nelle...

  • MadeInAdd offre all’automotive competenze e servizi con una marcia in più

    L’automotive è tra i settori più esigenti del manifatturiero, poiché implica grandi lotti, alta qualità e aggiornamento costante dei prodotti, in particolare con l’elettrificazione dei veicoli. In questo contesto l’additive manufacturing si pone come soluzione a molteplici...

  • Landi Renzo lancia il nuovo regolatore di pressione meccatronico per idrogeno

    Landi Renzo, noto a livello globale nel settore della mobilità con natural gas, biometano e idrogeno ha avviato lo sviluppo di regolatori elettronici di pressione per veicoli commerciali medi e pesanti con motori a combustione interna alimentati...

  • Un data space unico e coerente per i costruttori di quadri elettrici

    Come definire il successo nell’industria manifatturiera? Per lungo tempo il successo di un’azienda è stato decretato dalla sua capacità di fornire il prodotto migliore attraverso processi caratterizzati da un alto livello di efficienza economica. Oggi questo non...

Scopri le novità scelte per te x