La soluzione “Singular Control” di Yaskawa

Pubblicato il 10 febbraio 2020

La nuova soluzione “Singular Control” di Yaskawa consente a robot, servoazionamenti, inverter e sistemi I/O di essere controllati da un singolo controllo. Ciò è possibile grazie al nuovo controller macchina compatto MP3300iec RBT.

Le caratteristiche innovative di questa soluzione sviluppata da Yaskawa saranno illustrate, in anteprima in Italia, in occasione del convengo “I robot, digitali da sempre, per le aziende del futuro”, in programma il 13 febbraio 2020 all’Oval Lingotto Fiere di Torino nell’ambito di A&T (Automation & Testing), la fiera annuale dedicata al mondo dell’Industria 4.0. Il nuovo “Singular Control” sarà poi in mostra allo stand di Yaskawa in occasione delle fiere MECSPE (Parma, 26/28 Marzo 2020) e SPS Italia (Parma, 26-28 maggio 2020).

Il nuovo MP3300iec RBT rappresenta una considerevole aggiunta alla gamma di prodotti MP3300iec. La programmazione uniforme delle applicazioni viene eseguita tramite un unico strumento software (MotionWorks IEC) basato sullo standard PLCopen e sui blocchi funzione specifici di Yaskawa, disponibili senza costi aggiuntivi e semplificando notevolmente la programmazione del sistema. Le funzioni integrate includono anche strumenti di visualizzazione, sistemi di visione, sincronizzazioni con nastri trasportatori, funzioni con assi raggruppati e molto altro.

Programmatori e ingegneri possono utilizzare questa soluzione per integrare i robot nelle architetture esistenti senza la necessità di un dispositivo di programmazione (Teachbox) o del linguaggio di programmazione robot. Il controllo del movimento degli assi del robot o di specifici delta con cinematiche personalizzate dal cliente, sono calcolati nel firmware del controller MP3300iec. Il programmatore può concentrarsi sull’applicazione senza preoccuparsi della complessa tecnologia di base.

Inoltre, i robot Motoman con controller serie DX200, YRC1000 e YRC1000 Micro possono essere integrati nella stessa architettura della macchina con un semplice click, consentendo al programmatore di controllarli allo stesso modo attraverso blocchi funzionali PLCopen standard .

Se la macchina dispone anche di un controllo standard del movimento degli assi, inverter o sistemi I/O, l’intero sistema può essere programmato in un unico ambiente software. Questa funzionalità consente di aumentare la flessibilità e le prestazioni della macchina senza dover modificare il programma applicativo o integrare controller aggiuntivi nel sistema.

Con il suo bus Ethernet MECHATROLINK III in tempo reale, il nuovo controller compatto facilita la sincronizzazione di robot, servoazionamenti, inverter e sistemi I/O. Le dimensioni della CPU e dell’unità base possono essere selezionate liberamente: questo significa che, in caso di espansione futura, è possibile aumentare le prestazioni aggiungendo una CPU con maggiore potenza.

I costruttori di macchine con architetture diverse (robot, cinematica Delta o sistemi gantry) ma con funzioni simili, sono ora in grado di scambiare il loro hardware senza nessuno specifico adattamento con i loro programmi. Ciò aumenterà la flessibilità e la produttività della macchina.

Motion controller MP3300iec con sistema servo Sigma-7

In combinazione con i servoazionamenti Sigma-7 ad alte prestazioni, il Motion controller MP3300iec funziona autonomamente. Con la versione standard è possibile controllare contemporaneamente fino a 32 assi reali e fino a 8 Robot. La versione RBT include 62 assi reali e 2 assi virtuali. La combinazione di servoazionamenti Sigma-7 e controller MP3300iec semplifica l’implementazione di complesse applicazioni di controllo del movimento. Oltre all’elaborazione dei dati, i servoazionamenti forniscono anche al controller informazioni sullo stato, come l’analisi delle vibrazioni. Questi dati consentono di trarre conclusioni sullo stato generale del sistema e permettono una pianificazione efficiente della manutenzione della macchina.

 

 

 



Contenuti correlati

  • ‘Automation 4 You’ in… soccorso

    Quattro diverse aziende nel campo dell’automazione hanno unito le forze per realizzare un impianto in grado di stampare scritte personalizzate su mini kit di pronto soccorso Leggi l’articolo

  • La sicurezza non conosce confini

    In ottica Industria 4.0, le moderne apparecchiature di produzione devono essere densamente interconnesse. Dispositivi, macchine, linee e celle devono comunicare tra loro in modo sicuro e affidabile. L’implementazione di un arresto di emergenza a livello di sistema è una...

  • Design italiano e Industria 4.0

    Una definizione accurata del progetto e una piattaforma tecnologica business integrata hanno aiutato il team di fabbrica Fenix di Arpa Industriale a ridurre la complessità, tracciare nuove line di sviluppo per altri stabilimenti e diventare modello di...

  • Un’unica rete per tutte le applicazioni

    Una piattaforma di comunicazione universale si sta affermando come standard a livello globale per tutte le tipologie di comunicazione elettronica dei dati, anche al di fuori delle reti industriali, e questa evoluzione sta concretizzando appieno il concetto...

  • Il cambiamento è possibile

    Oracle durante l’evento Connected Digital Innnovation è al fianco di LEF per aiutare le aziende manifatturiere a diventare agili, competitive e sostenibili Leggi l’articolo

  • Creare dispositivi di automazione con l’innovativo standard TSN

    Lo standard TSN è un importante passo in avanti per le comunicazioni Industrial Ethernet, con potenzialità dirompenti per gli utenti finali, i costruttori OEM e i vendor di dispositivi che desiderino rendere a prova di futuro rispettivamente...

  • Cresce il mercato cybercriminale della vendita di accessi a reti e aziende

    La recente ondata di attacchi ransomware è in gran parte dovuta all’esplosione del fenomeno cybercriminale dell’Access-as-a-Service, che negli ultimi due anni ha preso sempre più piede all’interno dei mercati cybercriminali. A rivelarlo è “Investigating the Emerging Access-as-a-Service...

  • Reti per l’hard realtime

    La necessità di comunicare più velocemente e di connettere un maggior numero di nodi, dettata da Industria 4.0 e IIoT, unita alle esigenze tipiche dell’automazione, ha portato alla nascita di soluzioni di rete a base di Ethernet...

  • TSN: intervista a Prof. Federico Tramarin, Università degli studi di Modena e Reggio Emilia

    Automazione Oggi intervista Federico Tramarin, professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, autore di diverse pubblicazioni sul tema delle reti industriali, Industrial Ethernet, TSN (Time-Sensitive Networking), reti wireless...

  • Come difendersi da un Cyberattacco

    L’Industria 4.0 ha interconnesso tutte le diverse realtà produttive esponendole, al pari delle banche, alle minacce informatiche. Pilz è in grado di supportare le aziende nella riduzione del rischio e nella prevenzione di incidenti. Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x