La filiera dell’auto elettrica e la tecnologia laser in Europa

Pubblicato il 24 marzo 2022
bi-rex auto elettriche laser

La ricerca industriale chiama a raccolta la filiera automobilistica per unire le forze di accademici e aziende di livello internazionale, davanti alla sfida globale della mobilità elettrica: a Bologna BI-REX, il Centro di competenza nazionale specializzato sul tema dei Big Data per l’Industria 4.0, ha organizzato “LaserEMobility Workshop 2022“, insieme ad Aitem – Associazione italiana delle Tecnologie Manifatturiere.

L’appuntamento in modalità “phygital” è stato dedicato alle opportunità delle applicazioni del laser in questo settore manifatturiero, come soluzione elettiva in un contesto di smart factory, per lavorazioni di precisione crescente e in quantità su scala industriale.

Con “LaserEMobility Workshop 2022” BI-REX ha messo in comunicazione la ricerca accademica con l’innovazione sul campo in ottica internazionale, favorendo il trasferimento tecnologico, con la collaborazione dei partner accademici e industriali di LaserEMobility (sezione Aitem): Università di Bologna (membro del consorzio BI-REX), Politecnico di Milano, Università Tecnica di Monaco, IMA Automation Atop, Manz Italia e Raylase.

Tra i relatori del seminario anche i rappresentanti dei più famosi brand della motor valley emiliano-romagnola (Ducati, Ferrari, Lamborghini e Dallara), nonché la partecipazione di Vincenzo Colla, assessore regionale allo Sviluppo economico e Green economy, e di Stefano Cattorini, Direttore Generale BI-REX.

Il mercato delle automobili elettriche in Europa è cresciuto di oltre dieci volte negli ultimi cinque anni, arrivando quasi a una macchina su cinque vendute nel 2021 (18%), a confronto con appena l’1,5% nel 2017 e secondo le previsioni, le vetture elettriche e ibride plug-in compiranno il sorpasso su quelle a gasolio nel 2022. Non solo. Il pacchetto di proposte “Fit-for-55” adottato dalla Commissione Europea, prevede che dal 2035 in Europa non si vendano più automobili a benzina o diesel, ma solo veicoli a emissioni zero.

Ciò significa un prevedibile aumento nel numero e nella varietà dei veicoli elettrici utilizzati, nel prossimo decennio. La transizione green avrà il potenziale di favorire l’adozione progressiva di processi sempre più raffinati, competitivi e diversificati di manifattura digitalizzata. Il laser è pronto per diventare uno strumento chiave nella filiera, come tecnologia matura e sempre più accessibile.

Alle soglie di questa rivoluzione, “LaserEMobility Workshop 2022” ha favorito l’incontro, lo scambio di conoscenze e la nascita di opportunità per creare sinergie tra produttori di componenti laser, integratori di sistemi e utenti finali, ossia le case automobilistiche.

Lo scenario globale attuale vede primeggiare l’industria asiatica, Cina in testa. Il Dragone concentra il 60% della produzione mondiale di automobili elettriche, ed è un produttore cinese a detenere oltre il 32% delle quote di produzione delle batterie per e-car (in Gigawattora), mentre la top ten è tutta appannaggio di operatori asiatici.

Per fare in modo che l’industria italiana ed europea non ceda ad altri attori lo sviluppo del settore, lasciando fuoriuscire capitali, investimenti, incentivi all’acquisto (700 milioni di euro per il 2022, nel Decreto Energia), competenze e quote di mercato è necessario puntare su un’innovazione che renda sostenibile il processo produttivo. La posta in gioco è di un comparto che rappresenta il 5,6% (93 miliardi di euro) del Prodotto interno lordo nel nostro Paese e vedrebbe 73mila posti di lavoro a rischio entro il 2035, proprio a causa della transizione elettrica, secondo i sindacati.

L’Italia stanzierà un fondo da un miliardo di euro l’anno nel periodo 2023-2030, ma da suddividere tra incentivi all’acquisto delle auto meno inquinanti e sostegno al settore alla riconversione dell’industria. Preoccupazioni simili in Germania, primo partner commerciale per l’export di componentistica automotive italiana, dove il governo ha varato l’estate scorsa un fondo da 1 miliardo di euro per riorientare la produzione dei veicoli termici a quelli elettrici.



Contenuti correlati

  • Quattro pilastri della Smart Factory

    I pilastri della Smart Factory, che determineranno la produzione automotive del futuro, comprendono: digitalizzazione, intralogistica, integrazione IT-OT ed ecosistemi industriali. Che cosa bisogna aspettarsi ora in termini di mobilità ambientale. Leggi l’articolo

  • Texas Instruments Francoforte PDC
    Nuovo centro di distribuzione di Texas Instruments a Francoforte

    Texas Instruments ha reso noti i piani per l’apertura di un nuovo centro di distribuzione dei prodotti (PDC) a Francoforte, in Germania, entro la fine del 2024. Il nuovo PDC permetterà di ampliare la presenza europea dell’azienda...

  • Litio risorsa strategica per l’Unione Europea

    L’impresa mineraria Imerys, con sede a Parigi, ha reso noto che intende sviluppare un progetto di estrazione del litio mirato a soddisfare la domanda europea, garantendo l’approvvigionamento necessario per la produzione di batterie per il mercato emergente...

  • Trattori formato Tesla

    Le promesse di riduzione dei costi energetici, aumento della produttività e miglioramento dell’affidabilità, associate alla pressione derivante dalla regolamentazione delle emissioni, stanno alimentando una rapida innovazione in molte tipologie di Nrmm, le ‘macchine mobili non stradali’ Leggi l’articolo

  • Se l’automotive cambia volto…

    Una ricerca condotta dall’Analysis Centre di Matchplat aiuta le aziende produttrici di componenti in gomma e plastica nel settore automotive a contrastare il caro energia e i blocchi delle supply chain dovute alla carenza di materie prime...

  • IFAB e BI-REX: al via la collaborazione

    Nel cuore della Data Valley d’Europa, a Bologna, uniscono le forze due protagonisti dell’innovazione tecnologica fondata sui Big Data: IFAB, la Fondazione per lo sviluppo dei Big Data e l’Intelligenza Artificiale promossa dalla Regione Emilia Romagna e...

  • Wibu-Systems e Daimler Buses lanciano un negozio di ricambi stampabili in 3D

    Wibu-Systems, i pionieri della protezione della proprietà intellettuale e della gestione licenze, hanno fatto fronte comune con il fornitore mondiale di autobus Daimler Truck e gli specialisti della produzione additiva Farsoon Technologies, per ridisegnare l’approccio al mondo...

  • Teledyne Flir: monitoraggio della produzione con stampaggio a caldo di AP&T

    Dalla sua sede in Svezia, AP&T fornisce soluzioni per la produzione a produttori in tutto il mondo, inclusi automazione, presse, sistemi di forni e attrezzature, per la produzione di parti di veicoli stampate a caldo per il...

  • L’automotive cambia volto e con lui il comparto gomma-plastica

    Il comparto automotive è destinato a ‘cambiare pelle’ in un futuro non troppo lontano. Il Fit for 55, il pacchetto di misure che punta ad azzerare le emissioni di CO2 nell’Unione Europea, pone nuove sfide dal punto di...

  • Sensori intelligenti e dispositivi IIoT

    Strumenti di misura, sensori di fabbrica e dispositivi basati sulle tecnologie digitali e sulla connettività avanzata sono indispensabili per prendere decisioni ottimali e tempestive. Analizziamo standard e innovazioni che definiscono gli ecosistemi IIoT più avanzati. Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x