Industry 4.0: un’opportunità da cogliere

La Commissione Europea ha recentemente invitato gli Stati membri a non perdere il treno della quarta rivoluzione industriale. L’auspicio è che la nostra classe dirigente accolga questo invito, mettendo a fuoco le priorità su cui la nostra industria si deve concentrare

Pubblicato il 7 ottobre 2015

Il contributo della manifattura all’intero PIL europeo è pari al 15%, tre punti percentuali in più rispetto a quanto lo stesso comparto pesi sul PIL statunitense (12%). Risulta dunque chiaro come l’industria rappresenti per il Vecchio Continente un asset strategico sul quale sia opportuno puntare per lo sviluppo dei prossimi anni.

A sancire l’importanza di questa considerazione, si consideri che dal manifatturiero nella UE vengono a dipendere l’80% delle innovazioni e il 75% delle esportazioni, per non contare gli effetti indotti generati sull’economia dei servizi. Eppure, negli ultimi dieci anni il manifatturiero europeo ha – in generale – perso opportunità a discapito della forte concorrenza dei Paesi emergenti.

Per averne conferma, basta fare un salto indietro ai primi anni ’90, quando oltre il 60% del PIL manifatturiero mondiale era appannaggio delle sei maggiori economie: USA, Giappone, Germania, Italia, UK e Francia. Il peso degli allora paesi emergenti non si attestava che al 21%.  Oggi, a vent’anni di distanza, questi stessi paesi sono saliti a quota 40% sul totale del PIL manifatturiero mondiale che, nel frattempo, è quasi raddoppiato da 3,5 a 6,5 trilioni di euro.

Per le economie occidentali è tutto irrimediabilmente compromesso, allora? Come non ha mancato di sottolineare anche la Commissione Europea, la grande occasione che l’Europa – e ovviamente l’Italia – non può perdere sarà la sfida giocata sul campo dell’innovazione tecnologica e della produzione a elevato valore, materia sulla quale, grazie a Industry 4.0, le economie tradizionali potranno fare la differenza con quelle emergenti. Ma non tutto è così semplice.

Un recente studio condotto da Roland Berger, società di consulenza strategica industriale, fotografa la sintomatica eterogeneità di approccio con cui i vari Paesi europei guardano ai nuovi paradigmi dell’industria 4.0. L’analisi restituisce i paesi suddivisi in quattro categorie: fuggitivi (Germania, Irlanda, Svezia), tradizionalisti (Rep. Ceca, Ungheria, Slovacchia, Slovenia), indecisi (Bulgaria, Croazia, Polonia, Spagna) e potenziali (Belgio Danimarca, Olanda, Francia, UK).

È interessante notare come l’Italia, collocata nell’insieme dei paesi “Indecisi” si ponga in realtà quasi a cavallo di tutti e quattro i quadranti. Abbiamo certamente una buona base industriale, composta da molte eccellenze, però disomogenea in termini di investimenti e valore aggiunto della produzione. Se siamo esitanti è probabilmente segno di un difetto strutturale legato alla mancanza di un chiaro piano di politica industriale. Un fatto sul quale la nostra classe politica deve iniziare a riflettere attentamente anche, come detto in apertura, a seguito delle raccomandazioni che la Commissione UE non ha esitato a fare.

 

Grafici tratti da “INDUSTRY 4.0 – The new industrial revolution. How Europe will succeed”, Roland Berger

 

Federica Ronchi



Contenuti correlati

  • Riccardo Rossi, Consulting Manager di HiSolution
    Digital Supply Chain: risolvere la crisi (anche) con la digitalizzazione

    Di Riccardo Rossi, Consulting Manager di HiSolution La pandemia ha sferrato un duro colpo all’economia globale e il conflitto in Ucraina ha peggiorato la situazione generando in più momenti gravi interruzioni della Supply e della Digital Supply...

  • La manifattura italiana torna a incontrarsi alla 20ᵃ edizione di MECSPE

    Tutto pronto per la 20ᵃ edizione di MECSPE, la fiera più importante in Italia dedicata alla manifattura organizzata da Senaf, in programma dal 9 all’11 giugno a BolognaFiere. Anche quest’anno grande partecipazione di imprese: ad oggi sono...

  • Microsoft Italia a SPS per supportare le aziende del settore Manufacturing

    Microsoft Italia conferma l’impegno per la trasformazione digitale del mondo Manufacturing e annuncia la presenza alla fiera SPS nell’ambito del District 4.0, un percorso espositivo dedicato a quattro aree fondamentali del settore industriale con demo funzionanti e casi applicativi...

  • Dalla control room alla servitizzazione il futuro degli OEM secondo Schneider Electric

    Tecnologie IIoT e piattaforme cloud, unite a software e servizi dedicati, consentono oggi agli OEM di innovare l’offerta verso i loro clienti arricchendola di funzionalità innovative abilitate dal digitale che consentono loro di ottenere ancora maggiore efficienza...

  • A Milano si parla di trasformazione digitale e innovazione

    Lo sviluppo delle tecnologie digitali e delle relative implementazioni richiedono di modificare l’ambiente organizzativo delle aziende. Questi cambiamenti, in parte indotti dall’uso di nuove tecnologie, vengono spesso descritti come un processo chiamato “Digital Transformation”. La Digital Transformation...

  • Snowflake healthcare
    Healthcare, life science e retail con il data cloud Snowflake

    Snowflake ha arricchito la sua piattaforma annunciando la disponibilità di Healthcare & Life Sciences Data Cloud, e Retail Data Cloud, soluzioni pensate per rispondere alle necessità specifiche di questi settori verticali. Con il Data Cloud di Snowflake,...

  • Girls in ICT gender gap
    ll digitale in Italia non è (ancora) un lavoro per donne: siamo tra gli ultimi in Europa

    Il 28 aprile si celebra il Girls in ICT Day, giornata mondiale promossa delle Nazioni Unite per sensibilizzare sul tema del gender gap lavorativo tra uomini e donne nei settori tecnologici. Un divario tutt’oggi considerevole che non...

  • Se la supply chain diventa smart…

    Si parla sempre più di Digital Supply Chain, cioè di sistemi integrati dove la digitalizzazione dell’intera catena logistica diventa oggettivo fattore di vantaggio per fornitori, produttori, clienti. Tra gli strumenti tecnologici che possono aiutare imprese grandi e...

  • SPS Italia, i dettagli dell’edizione 2022

    Si svolgerà a Parma la prossima edizione di SPS Italia, dal 24-26 maggio. ‘Persone, Tecnologie, Prospettive’ è il claim di quest’anno, che darà spazio a temi quali la sostenibilità in ambito industriale, l’inclusione, le competenze e le...

  • Una rete per il porto

    Allied Telesis ha firmato l’automazione di rete del porto di Bari, ottenendo migliori prestazioni e una gestione semplificata a supporto del sistema di controllo accessi e tracciamento di mezzi e merci in transito nel porto Leggi l’articolo

Scopri le novità scelte per te x