Industria 4.0: inaugurata da Bi-Rex a Bologna la prima Linea Pilota d’Italia

Primo competence center italiano con una propria Linea Pilota funzionante e operativa, Bi-Rex candida il polo bolognese a diventare un futuro European Digital Innovation Hub: 4 le aree della smart factory, dedicate a Big Data, additive manufacturing, robotica, metrologia e finitura

Dalla rivista:
Automazione Oggi

 
Pubblicato il 2 novembre 2020

Un esempio di fabbrica digitale del futuro, dotata di una linea di produzione all’avanguardia accessibile a PMI, grandi aziende, ricercatori, con gli strumenti necessari per sviluppare innovazione nel tessuto industriale nazionale: è la Linea Pilota inaugurata da Bi-Rex, il competence center di Bologna, progettata per imprese e centri di ricerca che potranno conoscere da vicino le tecnologie abilitanti l’Industria 4.0 nelle aree di sviluppo Big Data, additive manufacturing, robotica, finitura e metrologia.

Sono questi i settori di specializzazione di Bi-Rex, il primo degli otto centri di competenza nazionali istituiti nel 2018 con il Piano Nazionale Industria 4.0, a essere dotato di una propria Linea Pilota funzionante e operativa. La nuova struttura, una smart factory capace di integrare tecnologie moderne e tradizionali per supportare la trasformazione digitale e aumentare il valore aggiunto della produzione aziendale, sarà il nodo centrale di una rete interconnessa di centri di innovazione e laboratori, costituita da diversi partner di Bi-Rex, consorzio pubblico-privato che riunisce in totale 12 università, centri di ricerca e 45 imprese d’eccellenza.

L’inaugurazione, trasmessa in streaming, è avvenuta alla presenza di Domenico Bambi, presidente Bi-Rex, Gian Paolo Manzella, sottosegretario al ministero dello Sviluppo Economico e degli assessori della Regione Emilia-Romagna, Paola Salomoni (Ricerca e agenda digitale) e Vincenzo Colla (Sviluppo economico). Le quattro aree della Linea Pilota, riconfigurabili e flessibili per progetti di ricerca e sviluppo industriale, verifica e test delle soluzioni innovative implementate, senza i vincoli della produzione aziendale, sono state illustrate dal responsabile Francesco Meoni.

“L’evento di inaugurazione della Linea Pilota rappresenta una tappa cruciale per Bi-Rex: fin dalla creazione del nostro Competence Center ci siamo posti l’obiettivo di supportare i processi di innovazione tecnologica e di digitalizzazione delle PMI” ha detto il direttore, Stefano Cattorini. “La realizzazione della Linea Pilota si configura come uno dei tasselli fondamentali del nostro percorso e ci consente di soddisfare le esigenze di innovazione delle aziende italiane: mettiamo infatti a loro disposizione una vera e propria smart factory, un sistema produttivo sul quale potranno testare tecnologie, implementare soluzioni e creare prototipi”.

La Linea Pilota è stata allestita fra aprile e settembre 2020, accelerando i lavori nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, con l’obiettivo di mettere al più presto le tecnologie di Industria 4.0 dell’impianto a disposizione delle aziende: il traguardo raggiunto permetterà di integrare la formazione “hands-on” e il trasferimento di tecnologie e competenze tra le attività chiave di Bi-Rex. Queste ultime comprendono anche i bandi co-finanziati con il Ministero dello Sviluppo Economico (due dei tre sono stati già assegnati), che mettono a disposizione 5,4 milioni di euro, la maggiore somma stanziata fra tutti i competence center, per la realizzazione di circa 27 progetti innovativi in 8 aree tematiche.

“In un momento delicato come questo le PMI necessitano urgentemente di tecnologia e di competenze per rimanere competitive ed affrontare le sfide a cui andranno incontro nei prossimi anni” osserva Cattorini: “Il nostro Competence Center, il cui ruolo è proprio quello di mettere a sistema risorse e competenze tecnologiche contribuendo alla crescita economica del tessuto produttivo nazionale, offre non solo l’opportunità concreta di far conoscere da vicino le tecnologie abilitanti 4.0 ma è anche in grado di fornire alle PMI degli ambienti, come quelli della nostra Linea Pilota, in cui fare attività di “Test before Invest” (ovvero provare le tecnologie integrate ed interconnesse prima di investire)”.

L’attività di Bi-Rex, aggregatore di know-how dell’Alta Tecnologia in Emilia-Romagna, è finalizzata allo sviluppo di soluzioni ad alto TRL (pronte al mercato) e si inserisce in una road map sia nazionale che internazionale: proprio all’interno di quest’ultimo contesto si colloca la proposta candidatura di Bi-Rex, in qualità di capofila, a diventare un futuro European Digital Innovation Hub. “Il Polo di Innovazione digitale candidato, Bi-Rex ++, con capofila il nostro Consorzio” dichiara Cattorini “intende caratterizzarsi quale riferimento nazionale per la tematica dello ‘High Performance Computing & Big Data processing for Industry’, che, insieme ad AI e CS, sarà declinato con prevalenza nei settori Manufacturing, Life Science e Green Technologies. Bi-Rex ++ potrà contare non solo sui “plus” del nostro competence center (Cineca, INFN, Intesa, ENI per citarne alcuni), ma anche sui “plus” addizionali assicurati da ulteriori partner (sia eccellenze nazionali ed internazionali nell’industria e nella ricerca applicata, sia i Digital Innovation Hub di tutte le associazioni di categoria, ovvero Confindustria, Legacoop e CNA): si tratta quindi di un partenariato di 10 soggetti, ricco ed inclusivo, che può già contare inoltre su 11 endorsement ed impegni a future collaborazioni tramite lettere di intenti”.

“Sono molto contento di sapere che Bi-Rex faccia passi avanti, focalizzato su una vocazione che ormai è di Bologna e dell’Emilia Romagna, quella dei dati” commenta Gian Paolo Manzella, sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico. “È importante che alcuni competence center diventino traino di un’esperienza importante in Italia: abbiamo una serie di punti di eccellenza, ma mancano gli aggregatori e i competence center possono esserlo. Oltre a mettere in contatto domanda e offerta di ricerca o i macchinari 4.0, possono avere la funzione di un magnete per far emergere capacità e bisogni di tecnologia presenti in un territorio. Mi sembra che Bi-Rex stia lavorando in questo senso e che sia aiutato anche dal posto bellissimo in cui si trova, a divenire un luogo in cui si va con piacere. D’altronde, la sfida del futuro è fare in modo che l’industria, la tecnologia e l’innovazione siano viste come cose familiari e belle a cui ci si possa avvicinare. In bocca al lupo”.

“L’Emilia-Romagna è una regione che compete e si relaziona con il mondo, e vuole continuare a farlo puntando sempre di più sull’innovazione tecnologica, la digitalizzazione, la ricerca applicata, le competenze” commenta Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione della Regione Emilia-Romagna. “La linea pilota realizzata da Bi-Rex a Bologna, la prima in Italia, rappresenta da questo punto di vista una eccellenza assoluta e sarà un punto di riferimento per l’intero ecosistema delle nostre imprese, con l’obbiettivo di affiancare e accompagnare le filiere nella transizione verso i paradigmi di Industria 4.0, indispensabili anche per creare lavoro di qualità”.

“La Regione Emilia-Romagna ha da tempo messo al centro delle proprie politiche l’innovazione, la ricerca, il trasferimento di tecnologie, risultati, processi, dai luoghi della produzione del sapere ai luoghi del suo utilizzo, in favore della crescita economica e sociale del nostro territorio e per migliorare la vita dei nostri cittadini” dichiara Paola Salomoni, assessore alla scuola, università, ricerca, agenda digitale della Regione Emilia-Romagna. “Abbiamo costituito un ecosistema dell’innovazione con molti attori, ciascuno con un proprio ruolo, con l’obiettivo di moltiplicare le opportunità e i luoghi, nell’ottica del “non lasciare indietro nessuno”. Con questa premessa inauguriamo un esempio di fabbrica digitale del futuro, dotata di una linea di produzione all’avanguardia accessibile a PMI, grandi aziende, ricercatori, con gli strumenti necessari per sviluppare innovazione nel tessuto industriale nazionale. Per tale motivo la Regione sostiene Bi-Rex, attraverso la presenza della sua in-house ART-ER, considerando Bi-Rex a tutti gli effetti un componente dell’ecosistema regionale dell’innovazione. Ora è tempo, però, di pensare al futuro. Il futuro per la regione sarà caratterizzato da un importante documento strategico condiviso con tutte le parti sociali, il “Patto per il Lavoro e il Clima”, che detta l’agenda degli anni di legislatura, e di cui il digitale è parte integrante e trasversale fondamentale”.

La Linea Pilota Bi-Rex
La nuova struttura (qui la scheda completa) si trova nello stesso edificio che ospita gli uffici e le aule per la formazione e il co-working di Bi-Rex (Big Data Innovation & Research Excellence), ospitato nella sede di 1.500 metri quadrati dell’Opificio Golinelli, in via Nanni Costa 20, a Bologna.
L’ambiente della Linea Pilota è dotato di connettività 5G grazie a un’antenna indoor. Qui le aziende potranno elaborare e acquisire Big Data analytics su datacenter locale e cloud remoto, sviluppare piattaforme IoT, eseguire sistemi di machine learning, Intelligenza artificiale, realtà virtuale e digital twin sfruttando edge computing, software di Bi-Rex e piattaforme per lo sviluppo di applicazioni a bassa latenza, integrate con i macchinari.

L’area additive manufacturing è equipaggiata con una macchina a letto di polvere a sorgente laser (SLM) per stampare pezzi 3D in metallo; un impianto con cella di deposizione diretta (DED) per riparare componenti ad alto valore aggiunto e realizzare pezzi metallici a geometria complicata; strumenti di supporto per lavorazioni secondarie, come trattamenti termici, tempra laser ed elettroerosione; una stampante 3D di materiali polimerici per produrre prototipi rapidi e componenti del settore biomedicale e aerospaziale.

La robotica avanzata compone la terza area, con robot collaborativi per operazioni di asservimento materie prime, movimentazione semilavorati, interazione con magazzini passivi. All’interno della Linea Pilota si possono vedere anche robot mobili autonomi in movimento, sempre per applicazione logistica, in grado di integrarsi con i macchinari, grazie a laser scanner, camera 3D e sensori di prossimità.

La quarta “regione” è dedicata a finitura e metrologia, con un centro di lavoro a controllo numerico (CNC) per la tornitura e fresatura in lavorazioni di manifattura sottrattiva, finitura e realizzazione ingranaggi. Vi si trova anche un braccio di scansione 3D di componenti arbitrariamente posizionati, confronto errore con modelli CAD e reverse engineering.

Oltre ai dispositivi presenti fisicamente nella Linea Pilota, aziende e ricercatori possono accedere a strumentazioni, macchinari, tecnologie e competenze presenti nel partenariato di Bi-Rex, per attività di sviluppo, condivisione e gestione di dati in aree tematiche trasversali e ottenere servizi al alto valore aggiunto di consulenza e formazione.

Ilaria De Poli @depoli_ilaria



Contenuti correlati

  • Start–up digitali. Due scuole italiane in finale allo school contest di Re-Educo

    L’innovazione comincia dalla scuola. E sono due gli istituti italiani scelti per partecipare alla finale del contest internazionale Re-Educo, che premia le migliori idee imprenditoriali sviluppate dagli studenti di ogni Paese, nell’ambito del percorso di educazione digitale...

  • VEM sistemi inaugura il corso “Laboratorio di Sistemi embedded e IoT”

    È partito il Laboratorio di Sistemi embedded e IoT presso la sede di VEM sistemi: si tratta del primo corso ospitato dal system integrator di Forlì che fa parte del nuovo, e unico in Italia, percorso di...

  • Vedrai acquisisce la divisione Data Intelligence di Altea Federation

    L’accesso alla tecnologia e alle informazioni è diventato essenziale per poter prendere decisioni consapevoli in ambito aziendale, anche per le imprese più piccole, tradizionalmente escluse dai processi di innovazione e spesso prive delle competenze e dei dati...

  • FasThink entra nel partenariato di MADE Compentence Center

    Un nuovo partner entra nell’azionariato di MADE – Competence Center Industria 4.0, la struttura che ha la missione di accompagnare le aziende italiane nel percorso di rivoluzione digitale, apportando soluzioni abilitanti per una fabbrica “intelligente”, connessa e sostenibile....

  • Più efficienti con il 4.0: opportunità e sfide per le imprese

    Monitorare, accompagnare e guidare le PMI di Emilia-Romagna, Marche e non solo nel percorso verso l’Industria 4.0, l’innovazione tecnologica e la trasformazione digitale  attraverso ricerche, momenti di confronto e iniziative volte alla diffusione delle best practice: questa...

  • Oversonic e l’integrazione della tecnologia robotica nella quotidianità

    Il Consiglio di Amministrazione di Oversonic Robotics, azienda italiana specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi di cognitive computing per la robotica, ha approvato un nuovo statuto sociale, contenente le modifiche connesse all’adozione dello status di “società...

  • Digitalizzazione delle imprese italiane, a che punto siamo?

    Spesso le imprese sono molto ottimiste quando valutano il proprio livello di digitalizzazione, pensano di essere più evolute in ambito di Digital Transformation, di quanto lo siano realmente. Le opportunità sono spesso state identificate come applicazione di un dato sistema o...

  • Webinar gratuiti dedicati alla termografia da Teledyne Flir

    Le termocamere non raffreddate o bolometriche sono diventate strumenti indispensabili in ambito edile e manutentivo, ma la termografia è in grado di fornire un importante supporto anche alla scienza e alla ricerca. Le termocamere utilizzate per questo...

  • Forum Meccatronica 2022: robotica, AI e blockchain secondo Mitsubishi

    A Forum Meccatronica 2022, mostra-convegno ideata dal Gruppo Meccatronica di ANIE Automazione, realizzata in collaborazione con Messe Frankfurt Italia, focus su “Integrazione e flessibilità a supporto dell’industria digitale e sostenibile”. Le ultime frontiere della robotica, intelligenza artificiale (AI) e...

  • Alstom treni
    Master in mobilità ferroviaria, aperte le iscrizioni al master Alstrom

    Sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2022/2023 del Master in apprendistato di alta formazione “Railways Mobility Industry: Train 4 me”, organizzato dalla Scuola di Master e Formazione permanente del Politecnico di Torino insieme ad Alstom e che...

Scopri le novità scelte per te x